Attualità » Primo piano Umbertide: servizi comunali per la prima infanzia, dal 1° giugno al via le domande di iscrizione

L'Ufficio Servizi scolastici del Comune di Umbertide informa che dal 1 al 30 giugno è possibile presentare la domanda di iscrizione al nido d'infanzia comunale e al centro bambini comunale per l'anno educativo 2017/2018. La domanda deve essere presentata presso l'Ufficio Protocollo dell’Ente.   “Quelli della Prima infanzia sono servizi fondamentali verso i quali l’Amministrazione Comunale ha sempre posto la massima attenzione e ciò è dimostrato dal fatto che anche per quest’anno abbiamo deciso di mantenere invariate le tariffe – ha affermato l’assessore all’Istruzione Cinzia Montanucci – Offrire alle famiglie umbertidesi un ampio ventaglio di possibilità per la gestione dei propri figli è senza dubbio un segnale importante di attenzione verso la comunità”. Le famiglie interessate ai Servizi comunali per la prima infanzia possono ritirare l’apposito modello di domanda presso l'Ufficio Istruzione del Comune (2° piano della Residenza comunale) o scaricarlo dal sito istituzionale dell’Ente www.comune.umbertide.pg.it (sezione servizi e uffici/procedimenti e modulistica/servizi scolastici). Le domande di iscrizione pervenute in tempo utile saranno poi collocate in tre distinte graduatorie (piccoli, medi e grandi), strutturate secondo i criteri fissati dal Regolamento comunale che tengono conto delle condizioni economiche delle famiglie, della composizione del nucleo familiare e della condizione lavorativa dei genitori. I posti disponibili verranno assegnati per scorrimento sulla base delle graduatorie formulate. Ulteriori informazioni potranno essere richieste al personale dell'Ufficio Istruzione aperto nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30 e di martedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30 (tel. 075 9419225-224).  

01/06/2017 13:33:06 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: ''REGOLAMENTO DI POLIZIA MINIMALISTA E PER NULLA CORAGGIOSO''

Riceviamo e pubblichiamo Se, per Umbertide cambia, la convenzione per il servizio associato di polizia locale tra i comuni di Umbertide, Montone e Lisciano Niccone va nella giusta direzione, il nuovo regolamento di polizia urbana rappresenta una occasione persa per approcciare in modo adeguato ed efficace il tema della legalità e della sicurezza complessivamente inteso. Questo il motivo del voto contrario espresso in Consiglio Comunale dal movimento civico. “E’un testo tecnicamente ben scritto – hanno affermato Faloci, Orazi e Conti nella discussione consiliare – ma fondamentalmente minimalista e burocratico, per nulla coraggioso ed innovativo rispetto alle concrete risposte che occorre dare in tema di legalità e sicurezza, che non sono appannaggio né della maggioranza né dell’opposizione, ma semplicemente fondamentali per la comunità. Avremmo preferito ragionare di una sistematica revisione dei testi che riguardano la vivibilità sostenibile, il corpo di polizia municipale, la polizia rurale, che concerne l’ambiente ed i beni di uso pubblico. Ciò avrebbe consentito di aprire riflessioni importanti, introducendo principi rigorosi rispetto a questioni che noi abbiamo individuato nelle proposte avanzate e non recepite: accattonaggio, divieto dell’attività del cosiddetto “accompagnatore di carrelli”, consumo di bevande alcoliche in alcuni luoghi pubblici, sale gioco, sicurezza nei cantieri, ed al tempo stesso avrebbe consentito di pensare ad una valorizzazione del ruolo della polizia municipale, anche in un’ottica di collaborazione con le altre forze dell’ordine, quindi all’interno di un vero e proprio piano per la sicurezza urbana, così come da noi delineato in occasione della fiaccolata del 12 maggio scorso”.   Umbertide cambia

31/05/2017 18:08:21 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Galmacci (Lega Nord): ''Umbertidesi cornuti e bastonati''

Riceviamo e pubblichiamo "Umbertidesi, cornuti e bastonati " Questo è quanto afferma Vittorio Galmacci della Lega Nord dopo l'ultima decisione presa da Gesenu, con il tacito consenso del Comune, in merito allo smaltimento degli sfalci d'erba e delle potature. La raccolta della nettezza urbana e lo smaltimento dei rifiuti- continua Galmacci- è un problema che da alcuni anni grava sulle tasche degli Umbertidesi e cioè da quando la giunta Giulietti affidò quasi inspiegabilmente tale servizio a Gesenu anzichè a Sogepu; chi ha buona memoria infatti ricorderà che con Sogepu gli umbertidesi avrebbero pagato una tassa ben minore di quella di Gesenu, non foss'altro che per i minori costi di gestione di Sogepu rispetto al carrozzone Gesenu. E' di poche ore fa la notizia che Gesenu ha deciso di eliminare le vasche di raccolta degli sfalci, obbligando di fatto tutti i cittadini a recarsi presso il Centro di raccolta Madonna del Moro per poter conferire il tutto: in buona sostanza, con questa decisione, Gesenu ci riduce il servizio già di per sè carente, senza nessun vantaggio o agevolazione data in contro parte per i cittadini. Addirittura Gesenu nel suo comunicato intima che gli sfalci, pena la loro non accettazione, siano conferiti sfusi e non nei consueti sacchi di plastica, quasi come se ogni umbertidese possedesse non solo una normale autovettura ma anche un rimorchio o un pick-up per trasportarli: non solo, il Centro di raccolta è sì aperto ma osserva orari a singhiozzo e per un totale di solo 24 ore a settimana ! Va però detto che per gli utenti c'è anche un "contentino" e cioè è possibile prenotare il ritiro domiciliare, ma 1 sola volta l'anno. La beffa è poi il titolo che appare sul sito ufficiale del Comune di Umbertide dove si annuncia "Ad Umbertide arriva la raccolta domiciliare del verde"; insomma, come a farci credere che questa sia una bella notizia. Contenti voi ? non no.

31/05/2017 11:17:02 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: ''COMPLICATA LA MANUTENZIONE DEI GIARDINI PRIVATI''

Riceviamo e pubblichiamo Quando un servizio funziona ….. meglio cambiarlo!! Le vasche per la raccolta del verde dislocate sul territorio sono state rimosse e questo comporta forti disagi per lo smaltimento di potature e sfalci, residui della manutenzione di giardini privati. Motivo della decisione: migliorare la qualità del verde raccolto ed incrementare le quantità da avviare a recupero. Spiegazione “criptica” che introduce soluzioni alternative inefficaci. I cittadini potranno infatti conferire i rifiuti derivanti da potature e sfalci presso il centro di raccolta in Zona industriale Madonna del Moro, con proprio automezzo, in determinati orari, ma in modeste quantità!! Una busta, due buste? E se un cittadino porta 10 buste, una per volta, nello stesso giorno va bene? Oppure richiedere il servizio a domicilio, ma solo una volta all’anno. Ovviamente non basta, la manutenzione di giardini, siepi, alberi comporta interventi più frequenti. La situazione è ancora più complicata per le aziende che operano nel settore della manutenzione del verde, che hanno immense difficoltà nello smaltimento e dovrebbero stare “ai comodi” del gestore anche per l’organizzazione del lavoro. Tre domande: perché un servizio che funziona viene smantellato? Oggettivamente, come può a quelle condizioni un cittadino che intende essere corretto smaltire i residui della manutenzione del proprio giardino? Perché non si tiene conto delle esigenze delle aziende che operano nel settore? Riflessioni che presuppongono la richiesta di ripristinare i contenitori sul territorio, considerare le difficoltà degli operatori e si aggiungono ad altre criticità quotidiane. Da anni chiediamo che venga previsto il servizio di pulizia e igenizzazione dei contenitori condominiali, nulla di fatto. Da segnalazioni ricevute sembra sia impossibile, nonostante la richiesta, sostituire un contenitore rotto. Appare evidente come, almeno nel caso dei condomini, la raccolta quindicinale della carta genera nella seconda settimana problemi per lo smaltimento quotidiano. Dettagli? Forse. Ma che rivelano come alcune scelte siano incentrate sui costi del gestore, da limitare, piuttosto che sulle esigenze dei cittadini.   Umbertide cambia

31/05/2017 09:18:25 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica M5S Umbertide su rimozione contenitori per sfalci di potature

Riceviamo e pubblichiamo Ultimamente ad Umbertide sembra di vivere in una favola dove una strega cattiva fa sparire le cose. E' accaduto recentemente che alcuni cittadini andando a buttare gli sfalci del loro giardino non hanno trovato i cassonetti di Gesenu. Era accaduto poco prima che dei cittadini mettendo fuori i cassonetti della raccolta porta a porta della carta si sono accorti che il servizio era passato da settimanale a quindicinale. Così mentre si decantava lo spazzamento di una via in più, si tagliavano con l’ascia tanti servizi utili per i cittadini. Certo, ora l’Amministrazione comunale di Umbertide ci dirà che non è colpa loro, ma purtroppo la gara per l’affidamento della gestione dei rifiuti dell’Ati 1 non si è ancora conclusa. Ecco questa è un’altra cosa che sembra miracolosamente sparita. Infatti sono ormai quasi due anni che è iniziata una gara sbagliata che il M5S ha contrastato con tutte le sue forze, ma che il Pd ha perorato e voluto fermamente. Ora come la girano la girano male: se è sbagliato il contratto con Gesenu la colpa è dell’Amministrazione che lo ha fatto, se la colpa è della gara la responsabilità è dell’Amministrazione che ha voluto farla. Ma in questo tagliare i servizi, penserete, i cittadini pagheranno di meno la tassa sui rifiuti. Invece NO. E questa è la magia finale, ma che conosciamo molto bene: a rimetterci sono sempre i cittadini. Ci chiediamo cosa dicono i consiglieri comunali del Pd mentre l’amministrazione fa sparire servizi ai cittadini senza che a questo corrisponda uno sgravio delle tasse.

31/05/2017 09:11:39 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Il Cinema Metropolis di Umbertide si prepara per la stagione estiva

Riceviamo e pubblichiamo Il Cinema Metropolis, di ritorno dalla 70° edizione del Festival di Cannes, si appresta a concludere la stagione cinematografica al chiuso con gli ultimi grandi film in programma. Tra questi il quinto capitolo della saga dei “Pirati dei Caraibi” prodotto da Disney e, direttamente dal festival francese, il nuovo film della coppia Sergio Castellitto - Margaret Mazzantini dal titolo "Fortunata", fresco vincitore del premio alla migliore attrice Jasmine Trinca nella sezione "Un certain regard". La programmazione continuerà poi con la consueta rassegna estiva presso la splendida cornice del Chiostro di Piazza San Francesco che da qualche anno a questa parte si trasforma in un tempio del cinema nei mesi di luglio e agosto. La grande novità di quest'anno sarà l'inizio della collaborazione tra i gestori del Metropolis e del Cinema PostModernissimo di Perugia che fanno parte della stessa cooperativa che si è aggiudicata la gestione del cinema umbertidese. Inaugurazione domenica 2 luglio con la copia restaurata dalla Cineteca di Bologna del film "Manhattan" di Woody Allen. I gestori Luca Benni e Matteo Cesarini annunciano poi "ripescaggi”, il giovedì dedicato alle proiezioni in lingua originale sottotitolate e numerosi eventi speciali tra cui la proiezione del documentario 'Binxet - Sotto il confine' in collaborazione con Altotevere Senza Frontiere, la 'Spaghettata antifascista' in collaborazione con ANPI Altotevere e l'omaggio ai due nostri idoli recentemente scomparsi: Tomas Milian e Chris Cornell" In mezzo a tutto ciò anche la grande festa musicale dell'etichetta umbertidese "To Lose La Track" sabato 22 luglio.  

30/05/2017 14:59:53 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy