Attualità » Primo piano Sicurezza ad Umbertide: intensificati i controlli del territorio

Riceviamo e pubblichiamo Proseguono i controlli delle forze dell'ordine finalizzati a rafforzare la sicurezza sul territorio. Tali controlli erano stati definiti e condivisi anche nel corso dell'incontro che si era tenuto lo scorso 26 aprile con il Prefetto di Perugia e il vertice dell'Arma dei Carabinieri in occasione del quale l'Amministrazione Comunale aveva chiesto una maggiore e più continua presenza delle forze dell'ordine con l'obiettivo di prevenire i reati e controllare in maniera più capillare ed efficace il territorio, azioni che sono già iniziate e che continueranno anche in futuro. Come affermato in più occasioni dal sindaco Marco Locchi e dall'assessore alla Sicurezza Paolo Leonardi, quello della sicurezza rappresenta infatti per l'Amministrazione Comunale uno dei temi prioritari e ne sono una dimostrazione i protocolli firmati negli anni, tra cui quello con gli istituti di vigilanza privata e quello contro le infiltrazioni mafiose, gli incontri del Tavolo provinciale sulla sicurezza richiesti dall'Amministrazione, l'installazione delle telecamere di videosorveglianza su punti strategici di Umbertide, l'acquisto di nuovi dispositivi tecnologici che consentono alla Polizia municipale di individuare veicoli rubati o privi di assicurazione e/o revisione. L'Amministrazione sta inoltre lavorando per reperire risorse finalizzate all'installazione di ulteriori telecamere di videosorveglianza e per trovare una soluzione per la Caserma dei carabinieri per rinnovarla o costruirne una nuova e di tale problematica è già stato messo al corrente anche il Ministro degli Interni. Di fronte a tale situazione, certe iniziative come quella in programma per venerdì, appaiono più occasioni per ottenere maggiore visibilità politica da parte di certe forze di opposizione, piuttosto che tentativi di risolvere le problematiche ad oggi esistenti, soprattutto se si considera che le misure richieste da tali forze politiche e sbandierate sulla stampa sono già state messe in atto o avviate dall'Amministrazione comunale. Di certo far passare Umbertide come una città degradata e pericolosa non porta alcun beneficio alla nostra comunità bensì può causare soltanto un grave danno ad una realtà che da anni punta a fare del turismo un volano dello sviluppo locale. Soprattutto certe iniziative sicuramente non contribuiscono ad aumentare la sicurezza sul territorio, obbiettivo che invece questa Amministrazione si è posta già da tempo come prioritario e che sta perseguendo appieno, mettendo in atto tutte le misure possibili, in stretta collaborazione con Prefettura e forze dell'ordine.

11/05/2017 10:00:51 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Oltre 600 studenti al Museo Santa Croce per il Maggio dei libri

Riceviamo e pubblichiamo Sono oltre 600 i bambini delle scuole primarie del territorio comunale di Umbertide che in questi giorni stanno partecipando al "Maggio dei libri", campagna nazionale di promozione della lettura giunta quest'anno alla settima edizione ed organizzata dal Centro per il libro e la lettura del Mibac in collaborazione con il Miur alla quale ha aderito anche il Comune di Umbertide. Il paesaggio è il tema che è stato scelto dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Umbertide con lo scopo di far scoprire e riscoprire anche ai più piccoli la bellezza della natura, dell'architettura e di tutto ciò che ci circonda. Per tutto il mese di maggio quindi gli studenti organizzati in gruppi partecipano a letture sul tema del paesaggio, a cura della Biblioteca comunale e dell'associazione genitori Insieme per, e a laboratori, promossi da Sistema Museo.  Tutti gli incontri si svolgono presso il Museo Santa Croce e si aprono con alcune riflessioni sul paesaggio, sulle sue forme e colori e sulle immagini che possiamo percepire quando ci si guarda un po' intorno; poi gli studenti ascoltano una serie di letture sempre incentrate sul tema del paesaggio ed appositamente selezionate. Terminata la lettura, i bambini, guidati dagli operatori di Sistema Museo Elisa, Eleonora e Camillo, vengono condotti a passeggiare per il centro di Umbertide, da piazza San Francesco alla Rocca passando per il fiume Tevere e, con i mano un palloncino bianco ciascuno, vengono stimolati a riconoscere le forme e i colori che caratterizzano la città. Poi, dopo la merenda, i bambini tornano al museo per partecipare al laboratorio conclusivo della giornata e disegnare su lunghe strisce la loro città ideale, facendosi guidare da forme, colori e fantasia. L'iniziativa ha riscosso molto successo tra le scuole della città, che hanno aderito tutte con convinzione riconoscendo il valore educativo e formativo dell'esperienza proposta e i bambini hanno partecipato con entusiasmo alle letture e ai laboratori che si sono svolti al Museo Santa Croce.

11/05/2017 09:56:04 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Umbertide: polizia sequestra 2,5 kg di droga, arrestato 40enne

Gli agenti della squadra mobile di Perugia hanno arrestato un albanese di 40 anni, con regolare permesso di soggiorno e con precedenti per reati in materia di stupefacenti. Il 40enne era sospettato dello spaccio di droga nella zona di Umbertide. I poliziotti si sono appostati nei pressi di un’abitazione dove il sospettato veniva visto entrare ed uscire. Gli agenti hanno così identificato l’uomo che è stato trovato in possesso di circa 1,30 grammi di droga. Nel corso del controllo lo straniero ha mostrato un ingiustificato nervosismo ed è stato ispezionato e trovato in possesso di un modesto quantitativo di una sostanza polverosa. Gli operatori hanno quindi esteso la perquisizione all’autovettura ed all’abitazione. Nell’appartamento usato dall’uomo come dimora, sono stati rinvenuti degli involucri contenenti una sostanza analoga per un peso complessivo pari a circa 2500 grammi. Nell’abitazione, oltre ad un bilancino di precisione, sono state rinvenute banconote per un valore di circa 5500 Euro, probabile provento dell’attività di spaccio. La sostanza rinvenuta nelle tasche e nell’abitazione in uso al fermato, all’esito del narcotest effettuato dalla polizia scientifica, è risultata essere cocaina. L’albanese è stato quindi arrestato in flagranza di reato per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi per accertare da dove provenisse lo stupefacente rinvenuto e a chi fosse destinato. L’arrestato ha precedenti in materia di stupefacenti tra Colfiorito e Foligno, avvenuti tra il 2010 ed oggi. Su disposizione del pubblico ministero, è stato associato alla casa circondariale di Capanne, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

10/05/2017 13:34:11 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Gli studenti di Niccone protagonisti al Mercato della Terra, sabato 13 maggio in vendita i prodotti coltivati a scuola

Riceviamo e pubblichiamo Come ogni anno la scuola a tempo pieno di Niccone riconferma la propria presenza al “Mercato della Terra” di sabato 13 maggio con i prodotti del progetto "Serra Orto-biologico", laboratorio di interclasse trasversale che vede coinvolti a rotazione gli alunni di tutte le classi e che, nel 2015, ha ripreso piena attività. Nonostante le difficoltà iniziali incontrate, infatti, la volontà di alunni e insegnanti ha avuto il sopravvento e la ripresa è riuscita splendidamente con la produzione di ortaggi in vasi: aglio, cipolle, fave, insalate, pomodori, piante aromatiche, addirittura peperoncino del Guatemala e, novità di questo 2017, zucchine "magiche". "Ora più che mai, con i tempi che corrono, c’è bisogno di tornare ad esperienze concrete e la creazione di un orto permette ai bambini di fare esperienze di manipolazione, in sostanza imparano a fare - hanno dichiarato le maestre -. L’apprendimento, soprattutto per i bambini con difficoltà e non solo, deve necessariamente avere inizio con una fase concreta, di sperimentazione reale, per poi accedere a una dimensione di astrazione e rielaborazione". Così anche il concetto di tempo, spesso di difficile comprensione per alcuni bambini, viene affrontato da diversi punti di vista. La natura offre un modello in cui non è possibile vedere subito gli effetti delle azioni che si compiono, infatti, per osservare cambiamenti occorrono tempo e pazienza. Inoltre la realizzazione di un orto aiuta a comprendere i cicli stagionali. Inoltre i temi legati all’educazione alimentare e ambientale sono implicati in maniera profonda nel progetto "Serra Orto-biologico" e l'iniziativa potrà fornire stimoli per ulteriori approfondimenti. L'acquisto con un piccolo contributo dei prodotti dell'orto biologico permetterà alla scuola di finanziare il progetto ed altre iniziative simili. L'appuntamento dunque è per sabato 13 maggio dalle ore 9 in poi presso piazza Matteotti.         

09/05/2017 21:31:21 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Il sindaco di Umbertide Marco Locchi in visita alla Cantina Donini

Riceviamo e pubblichiamo Nei giorni scorsi il sindaco di Umbertide Marco Locchi, proseguendo nel suo viaggio conoscitivo tra le attività produttive del territorio, ha fatto visita alla Cantina Donini di Banchetti. E’ stato accolto da Diego ed Alvaro Donini, visitando la cantina con particolare interesse alle varie fasi produttive. La produzione della Donini nasce nel 1921, ma diventa commerciale a tutti gli effetti con Dino Donini negli anni ’50 producendo vino da uve acquistate in loco. Nel 1984, Diego, enologo appena diplomato alla scuola di Enologia di Conegliano, inizia un percorso di produzione, allora impervio e difficoltoso, riscoprendo e vinificando vitigni locali per capirne le potenzialità qualitative e territoriali. Così nel 1999 ha inizio un progetto di produzione che prevede la coltivazione e rivalorizzazione di vitigni di tradizionali, con l’impianto di nuovi vigneti e la ristrutturazione di quelli già esistenti rispettando tradizione e tipicità. Ad oggi seguiamo e coltiviamo direttamente circa 16 ettari di vigneto. “La coltivazione dei vigneti – ha dichiarato Diego Donini - avviene in modo sostenibile e responsabile, non vengono usati diserbanti né insetticidi ed alcuni dei nostri vigneti sono già riconvertiti al metodo Biologico. A seguito di ciò, abbiamo fondato con altri otto vignaioli una piccola associazione dei “Vignaioli resistenti Umbri”. La nostra filosofia di produzione sta piano piano portando i nostri vini persino in Europa ed oltre Oceano a dimostrazione del fatto che il cliente finale apprezza il territorio attraverso il vino pur non conoscendo la piccola area di provenienza come l’Altotevere. Il Tarragoni, in Nero Fratta, il Paliotto, Il Vernino, La Fonte, Elma e Settegrappoli, sono i responsabili diretti della diffusione della nostra storia, del nostro carattere, del nostro gusto. Il vino e le persone di uno stesso territorio, si assomigliano. Da poco compare su tutte le nostre etichette il marchio: “Vignaioli in Altotevere” a conferma del nostro impegno a tutto tondo sul ciclo produttivo. La cantina Donini, inoltre, fa parte di un progetto che ha per fine il riconoscimento di produzione di un prodotto storico come il Vino Santo. Con il patrocinio di Slow Food e dopo il riconoscimento a Presidio, è stato costituito un consorzio di piccoli produttori il quale vedrà impegnate, oltre a noi, altre aziende vitivinicole della zona, attraverso il quale vorremmo fosse valorizzato e riconosciuto un prodotto come il VINO SANTO affumicato dell’Alto Tevere che rappresenta la storia, la tipicità ed il gusto della nostra Vallata”. Alla fine della visita il Sindaco si è complimentato con i titolari dell’attività che stanno svolgendo un ottimo lavoro e ha voluto sottolineare l’importanza di questa iniziativa per la valorizzazione del vinsanto locale in sinergia con altre aziende del territorio. 

09/05/2017 21:23:46 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy