Sport Volley Umbertide: netto 3 a 0 nella trasferta contro School Volley Perugia

Le biancorosse lasciano solo le briciole alle scolare, disputando un match senza sbavature, che permette loro di riavvicinarsi alla vetta della classifica Perugia – Nelle partite che avevano visto opposte le due formazioni nel corso della precedente fase del campionato, soprattutto nell’ultima, le perugine avevano dato l’impressione che, potendosela giocare punto a punto, avrebbero potuto impensierire anche compagini più attrezzate, almeno sulla carta. Questa lezione, però, le ragazze guidate da Maddalena Rosi, l’avevano appresa in pieno, sapendo di dover tenere le avversarie a debita distanza. Operazione riuscita in pieno, della quale la cartina al tornasole è data proprio dal punteggio, mai in discussione in nessuno dei tre parziali. Nel primo set Umbertide fa valere la sua legge soprattutto grazie agli attacchi di Giorgi e Bianconi, cui contribuiscono anche Moretti, Palazzetti e Sarnari. Il parziale fila via liscio con un perentorio 14 – 25. La musica non cambia nel corso del secondo parziale, con le stesse giocatrici a segno tre volte ciascuna in attacco e con l’aggiunta di Leveque (3 centri anche per lei), subentrata proprio nel corso della seconda frazione all’ancora convalescente Leonelli. Il set finisce con un divario minore (18 – 25), che tuttavia è il preludio di un altro parziale ancor più netto dal punto di vista del punteggio e del gioco. Al rientro in campo le padrone di casa sbagliano molto e Umbertide, che mantiene sempre alta la concentrazione, fa proprio il set (14 – 25) in un battibaleno. Alla fine ne è venuta fuori una prestazione molto consistente, che fa ben sperare per i futuri impegni. I tre punti conquistati, poi, consentono alle umbertidesi, grazie alla sconfitta di Libertas Perugia maturata sul campo di San Feliciano, di accorciare il gap (oggi di 6 punti) sulla prima. Dunque un campionato ancora molto incerto, dove tutte ancora possono dire la loro e dove sarà vietato concedere o peggio arretrare se si vorranno mantenere le legittime ambizioni della vigilia. SCHOOL VOLLEY PERUGIA – VOLLEY UMBERTIDE    0 – 3 (14 – 25, 18 – 25, 14 – 25) VOLLEY UMBERTIDE: Ubaldi (C), Bianconi, Leonelli, Giorgi, Busti, Moretti, Sarnari, Leveque, Palazzetti, Beacci, Girelli (L1), Giulietti (L2), Allenatore: Maddalena Rosi SCHOOL VOLLEY PERUGIA: Baioletti (C), Orazi B., Borzetta, Rosati, Arcaleni, Morbidelli, Radi, Lelli, Bellanca, Baglioni, Lemmi, Maisto, Orazi B., De Dominicis, Orazi V. (L1), Urbani (L2). Allenatore: Roberto Farinelli, vice allenatore Cucchiarini Arbitro: Renato Baldelli  

25/02/2020 15:18:19 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Coronavirus: confermato test negativo per caso sospetto a Trestina

  Il sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta, comunica di aver appena ricevuto, dalla dottoressa Daniela Felicioni, direttore del distretto sanitario alto tevere umbro Usl 1, la comunicazione della “conferma dalla Usl di Pavia che la signora che ha soggiornato per circa un giorno a Trestina è risultata negativa al test per nuovo coronavirus (SARS – CoV – 2)”. Il sindaco "intende cogliere l’occasione per ringraziare la signora per il senso civico e di responsabilità dimostrato in questa circostanza”. “Per quanto concerne l’evoluzione dei provvedimenti legati alla prevenzione e gestione della situazione complessiva relativa al Coronavirus, ovviamente – ha concluso il sindaco Bacchetta – il comune come tutti gli altri enti locali ed istituzioni interessate si dovrà attenere alle decisioni e disposizioni che verranno prese a livello nazionale e regionale”. Nell’invitare tutti al rispetto delle “norme igienico-sanitarie” impartite dagli organismi competenti, il sindaco  ribadisce che “terrà costantemente informata la comunità locale” ed esprime “profonda gratitudine per il prezioso e indispensabile lavoro che operatori sanitari, forze dell’ordine e protezione civile stanno profondendo fin dal primo momento in cui si e’ reso necessario un corale intervento”.   Il sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta, comunica di aver appena ricevuto, dalla dottoressa Daniela Felicioni, direttore del distretto sanitario alto tevere umbro Usl 1, la comunicazione della “conferma dalla Usl di Pavia che la signora che ha soggiornato per circa un giorno a Trestina è risultata negativa al test per nuovo coronavirus (SARS – CoV – 2)”.   Il sindaco "intende cogliere l’occasione per ringraziare la signora per il senso civico e di responsabilità dimostrato in questa circostanza”. “Per quanto concerne l’evoluzione dei provvedimenti legati alla prevenzione e gestione della situazione complessiva relativa al Coronavirus, ovviamente – ha concluso il sindaco Bacchetta – il comune come tutti gli altri enti locali ed istituzioni interessate si dovrà attenere alle decisioni e disposizioni che verranno prese a livello nazionale e regionale”.           Nell’invitare tutti al rispetto delle “norme igienico-sanitarie” impartite dagli organismi competenti, il sindaco  ribadisce che “terrà costantemente informata la comunità locale” ed esprime “profonda gratitudine per il prezioso e indispensabile lavoro che operatori sanitari, forze dell’ordine e protezione civile stanno profondendo fin dal primo momento in cui si e’ reso necessario un corale intervento”.    

24/02/2020 18:52:33 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Trasporto pubblico locale, l'Amministrazione Comunale fa il punto

Riceviamo e pubblichiamo la risposta dell'Amministrazione comunale al consigliere Giovanni Codovini   Quella sul trasporto pubblico locale è stata l'ennesima inesattezza dal consigliere comunale Giovanni Codovini. Bisogna partire da tre dati di fatto che smontano definitivamente le posizioni del capogruppo di Umbertide Cambia qualche giorno fa. Il trasporto su gomma da diverso tempo versa in condizioni pietose, tanto che l'attuale giunta regionale si è trovata 15 milioni di euro di buco causati dall'arrivo di decreti ingiuntivi dimostrando così, in maniera cristallina, la superficialità con cui la sinistra, che ha governato la Regione fino a ottobre dello scorso anno, ha trattato il tema dei trasporti pubblici.   Lo scenario trovato dall'attuale Giunta regionale non è per niente roseo, anzi, verrebbe da dire che a essere ereditati sono stati solo e unicamente problemi. Pur essendo una situazione difficile, la nuova Giunta regionale si è interfacciata più volte con i vari territori umbri, cercando di coinvolgerli unicamente sul taglio di sprechi legati al trasporto pubblico locale su gomma, invece che usare la mannaia come è accaduto con la passata Giunta regionale.   Ricordiamo che l'estate scorsa, il Comune di Umbertide, quando la Regione governata allora dal centrosinistra ha deciso di usare la scure sul trasporto pubblico locale, si è preso in carico il problema e ha usato risorse provenienti dal proprio bilancio per garantire un servizio di collegamento delle frazioni al capoluogo. Per quanto riguarda la ex-Fcu, una infrastruttura preziosa e importante per tutto il nostro territorio, lasciata al proprio destino, Codovini e Umbertide Cambia, nell'ultimo periodo non hanno mai puntato l'indice contro chi, ovvero il centrosinistra, ha ridotto la ferrovia nello stato che tutti conosciamo. Nelle occasioni sopra citate, il capogruppo di Umbertide Cambia si guardò bene di polemizzare con quelli che, alla fotografia attuale, sembrano i suoi nuovi alleati.

24/02/2020 15:09:52 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Paura Coronavirus a Trestina: la rassicurazione del Sindaco Bacchetta

Nel pomeriggio di oggi si è diffusa molta preoccupazione in Altotevere per la presenza a Trestina di "una signora proveniente da Lodi segnalata dalla Usl di Lodi come contatto di caso infetto da nuovo coronavirus e che ha lasciato volontariamente la località di  Trestina".  Il Sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta, in costante contatto con il Commissario Straordinario della Usl Umbria 1, Dr. Silvio Pasqui, ha trasmesso la comunicazione della Dr.ssa Daniela Felicioni, direttore del distretto sanitario Alto Tevere umbro. “Comunicazione in merito a signora presente a Trestina proveniente da Lodi.  Si informa che la donna segnalata dalla Usl di Lodi come contatto di caso infetto da nuovo coronavirus ha lasciato volontariamente la località di Trestina, ove si era recata negli ultimi giorni, dopo aver informato i colleghi del Dipartimento di Prevenzione, che le hanno raccomandato di mettersi in auto e recarsi direttamente alla propria residenza senza fare soste  sotto la sua diretta responsabilità.  Della cosa i colleghi hanno informato sia la locale stazione di Polizia che la USL di residenza di altra Regione. Si tiene a precisare che la signora è sempre stata asintomatica. I familiari della persona sono in regime di quarantena per ovvi motivi precauzionali”.  Il sindaco, Luciano Bacchetta, comprendendo le preoccupazioni dei cittadini di Trestina comunica che “terrà costantemente informata la comunità locale” invitando tutti al rispetto delle “norme igienico-sanitarie” diramate a livello nazionale e dalla task-force regionale presso la sede della Protezione Civile a Foligno.  

22/02/2020 20:42:22 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: “no al taglio dei trasporti pubblici locali”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa  a firma di Umbertide cambia La Giunta regionale della leghista Tesei taglia 3,5 milioni di euro al trasporto pubblico locale. Il Comune di Umbertide in silenzio accetta il diktat regionale. Umbertide isolato e caduta della qualità dei servizi. Necessario un Consiglio Comunale sul tema, anche per fare il punto sulla ferrovia «Oltre all’immobilismo amministrativo e a tartassare i cittadini con le imposte comunali - visto il nuovo accanimento al massimo dell’addizionale Irpef e dell’Imu - l’Amministrazione del Sindaco Carizia nasconde anche il taglio delle corse degli autobus da tagliare. Infatti la Regione leghista della Tesei ha deciso di  tagliare 3,5 milioni di euro sul trasporto pubblico locale; entro una settimana gli enti locali dovranno stabilire quali corse dovranno essere tagliate come “corse inutili” o accorpate a tratte urbane già esistenti. La Giunta leghista di Umbertide, amica della presidente leghista Tesei, - sostiene Gianni Codovini consigliere di Umbertide cambia - sta zitta, non convoca il Consiglio né le parti e né, ancor peggio, i portatori di interessi come studenti, pendolari e lavoratori. Tutto è nascosto, ma in gioco c’è la vita dei cittadini, di scuole, fabbriche e servizi. Da qui la nostra richiesta di convocare con urgenza un Consiglio Comunale sul tema dei trasporti, anche per fare il punto sulla drammatica situazione della ferrovia, che deve essere assolutamente riportata in una condizione di efficienza». Il direttivo di Umbertide cambia, per tale ragione, afferma che «il silenzio dell’Amministrazione umbertidese è un atto di autoaccusa. Mentre il presidente dell’Anci, il sindaco di Perugia Romizi, il sindaco di Terni, i sindaci dell’eugubino-galdese e Valnerina, insieme all’Unione dei Comuni del Trasimeno protestano e pongono dei limiti ai tagli, difendendo il proprio territorio, ad Umbertide ci si piega ai diktat della Regione. Visto che non è possibile compensare nemmeno con la tratta ferroviaria, in condizioni pietose, l’ulteriore taglio alle corse di Busitalia nel nostro territorio significa il definitivo affossamento e isolamento di Umbertide. Questo il risultato della Giunta regionale e della Giunta locale leghista: noi ci opporremo con una battaglia senza quartiere per la qualità dei servizi, per la tutela dei diritti delle persone e per la centralità di Umbertide».                                           

22/02/2020 18:15:58 Scritto da: Eva Giacchè

Sport Sergio Nanni e la sua passione per l'enduro

Guidare una moto enduro presuppone una passione per un mezzo di trasporto suis generis, su strade sterrate, con qualsiasi condizione meteo, e richiede quindi una notevole resistenza fisica dei piloti. Non a caso il termine enduro deriva dall'inglese "endurance", che significa appunto"resistenza". Ma la resistenza da sola non basta, servono coraggio, prontezza di riflessi e anche una buona dose di incoscienza. Lo sa bene l'umbertidese Sergio Nanni, che cavalca la sua moto enduro da più di 30 anni e ha concluso l'ultima stagione (2019) con due grandi soddisfazioni: la vittoria del campionato regionale Uisp, nella categoria Super Veteran (over 45) e del Trofeo Italia, conclusosi all'Isola d'Elba con il trofeo delle Regioni, dove ha rappresentato l'Umbria nella stessa categoria. Una stagione da incorniciare, che lo motiva a tornare in sella il prima possibile visto che ora è costretto ad uno stop forzato dopo un intervento alla spalla. Quello che ci tiene subito a sottolineare è che per lui non è ancora arrivato il momento di fermarsi, l'amore per l'enduro e per la sua moto sono ancora troppo forti. Sergio, parlaci dell'enduro, cosa ti piace di più di questa disciplina? «Sono appassionato di moto, di tutti i tipi, fin da giovanissimo e uno degli aspetti che mi piace di più dell'enduro è che ti permette di rimanere sempre a contatto con la natura, visto che si corre sempre su terreni accidentati, tutto l'anno e questo permette di godere i vari paesaggi in ogni stagione». Che tipo di allenamento segui per poter affrontare le gare? «Le gare enduro sono molto impegnative e di solito durano circa 5 ore. Io negli anni ho fatto molti sacrifici. Partecipare è relativamente semplice, lo possono fare tutti, ma vincere è un’altra cosa. Ci vuole grande preparazione fisica, continui allenamenti (dalla corsa alla bicicletta), e poi bisogna allenarsi mentalmente. Cercare sempre il proprio limite: le gare di enduro sono una lotta contro il cronometro, devi andare sempre più forte, sei sempre sul filo del rasoio cercando di rimanere in piedi». Parlaci della tua moto e che rapporto hai con il tuo mezzo. «Il legame che si crea con la propria moto è strettissimo. Per andare forte, la moto te la devi cucire addosso…un giorno sistemi lo sterzo, un giorno le sospensioni, c’è un feeling che si costrusice piano piano. Se non hai questa sensibilità è difficile andare forte». A che punto è la disciplina dell'enduro a livello regionale? «In realtà devo dire che nel nostro territorio c'è stato un forte calo. Il boom di partecipazione c'è stato negli anni'80 ma ora noto che ci sono sempre meno giovani ad appassionarsi. Sicuramente anche perchè mancano le strutture, i campi per allenarsi. Si produce molto rumore e quindi trovare persone disposte ad affittare spazi non è facile. Ci sono regioni come l'Emilia Romagna con una fortissima tradizione motoristica e quindi con molte più strutture dedicate. Tra l'altro questa è una disciplina che crea anche un buon indotto, soprattutto durante le gare, quindi riuscire a creare circuiti organizzati sarebbe positivo per tutti». A Città di Castello è nata una proficua collaborazione tra Protezione civile e un gruppo di enduristi locale. Cosa ne pensi? «Gli enduristi possono essere un'ottima risorsa in situazioni di emergenza. Siamo esperti del territorio, se una strada è bloccata un endurista può trovare una mulattiera da percorrere, una via alternativa. Inoltre possiamo essere utile nella ricerca di persone scomparse e anche fare da tagliafuoco, in caso di incendio. Trovare un sentiero marcato in certe situazioni può fare la differenza. Senza considerare che tutti gli enduristi sono esperti conoscitori del territorio e hanno la possibilità di muoversi con estrema velocità. Caratteristiche di fondamentale importanza in situazioni critiche». Grazie mille per la tua disponibilità e in bocca al lupo per le prossime sfide! di Eva Giacchè ©

21/02/2020 15:09:53 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy