Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: ''IL RENDICONTO 2016 CONFERMA LE DIFFICOLTA’ FINANZIARIE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE''

Riceviamo e pubblichiamo Il voto contrario espresso da Umbertide cambia sul rendiconto 2016 del Comune di Umbertide deriva da una lettura dei documenti contabili non ragionieristica, come quella dell’Amministrazione, ma politica, ed ha tre motivazioni di fondo. Innanzitutto la mancanza di una strategia e di una informazione chiara utile ad affrontare la fondamentale criticità di un “credito” consolidato pari ad oltre 6.000.000 di euro derivante dal mancato pagamento di tributi e tariffe. “La posta – affermano i consiglieri di Umbertide cambia – rappresenta in realtà un debito di cittadini ed aziende nei confronti del Comune del quale vorremmo conoscere la natura sia quantitativa che qualitativa e le ragioni che portano al mancato pagamento, tenendo conto delle oggettive difficoltà, ma evitando che chi fa il furbo la faccia franca”. Quindi il costante ricorso ad una anticipazione di tesoreria che ha prodotto solo nel 2016 un costo pari a 39.245 euro. Terza motivazione, il mancato raggiungimento degli obiettivi posti. “Sono aspetti - aggiungono Faloci, Conti ed Orazi – che pur collocandosi in una gestione tecnicamente corretta e prudenziale rivelano la necessità di applicare scelte utili a garantire una maggiore solidità finanziaria ed a ricostruire una situazione un po’ meno fragile che consenta veramente di effettuare qualche investimento”. Proprio su questo punto Umbertide cambia certifica il fallimento politico dell’Amministrazione. “Ci dicano quali sono gli obiettivi raggiunti nel 2016 visto che nessuno degli interventi previsti nel piano triennale delle opere pubbliche è stato realizzato. Alcuni esempi? La nuova rotatoria prevista a Calzolaro, la scuola d’infanzia e asilo nido di Via Morandi, la ex serra per persone con disabilità”. Proprio su quest’ultima Umbertide cambia puntualizza. “I soldi per la struttura sono stati da tempo incassati con la vendita del terreno dove sorge la nuova Moschea. Perché questo colpevole ritardo?”   Umbertide cambia

26/05/2017 15:54:00 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Da oggi tre giorni di esercitazione di Protezione Civile, Umbertide si prepara ad affrontare l'emergenza terremoto

Evacuazioni, montaggio di tende, sopralluoghi, ricerca di dispersi. E’ quanto accadrà nel territorio comunale di Umbertide da oggi, venerdì 26, a domenica 28 maggio quando si terrà l’esercitazione del Gruppo comunale di Protezione civile. L’iniziativa è stata organizzata per celebrare il ventennale della Protezione civile umbertidese che oggi conta una cinquantina di volontari e che da sempre è impegnata nella gestione delle emergenze, sia sul territorio che in altre zone d’Italia. Ma l’esercitazione servirà soprattutto per testare il piano di emergenza del Comune, coinvolgendo la popolazione ed in particolare le scuole, per non farsi trovare impreparati in caso di reale emergenza. Così da domani scatterà l’allarme in tutto il territorio comunale; subito dopo la simulazione di una scossa sismica, si attiverà il Coc, Centro operativo comunale, allestito presso il Magazzino comunale e da lì partiranno tutte le operazioni che avranno come fulcro il Parco Ranieri dove verrà allestito il campo base con cucina e servizi igienici, e dove si terranno anche iniziative informativo-divulgative rivolte alla popolazione. Sono in programma l’evacuazione delle scuole e della residenza protetta Balducci, l’ installazione di tendopoli ad Umbertide e nelle frazioni, ma anche operazioni più particolari come l’evacuazione di una stalla, la messa in sicurezza di un bene culturale, la ricerca di dispersi lungo il Tevere con l’aiuto dei sommozzatori dei vigili del fuoco. Si testerà anche il triage grazie alla collaborazione di alcune associazioni di volontariato ed è prevista anche una dimostrazione cinofila. All’iniziativa sono state invitate a partecipare anche Istituzioni e forze dell’ordine; è inoltre prevista la presenza del Gruppo comunale di Protezione civile di San Prospero, istituito proprio dopo il sisma che nel 2012 colpì l’Emilia Romagna, sull’esempio della Prociv umbertidese che si recò nel comune emiliano subito dopo il terremoto, portando con sé tutto il suo ricco bagaglio di esperienze nella gestione delle emergenze.   

26/05/2017 08:51:59 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Lega Nord Citta’ di Castello avverte i Carabineri: ‘’Il Tevere ha un colore preoccupante’’

Riceviamo e pubblichiamo Marchetti e Mancini: “Pronta un’interrogazione urgente. Vogliamo chiarezza” “Il Tevere questa mattina presenta un colore insolito e molto preoccupante”. La Lega Nord Città di Castello, con il suo militante Marcello Rigucci, avverte il locale comando dei Carabinieri i quali a loro volta, sollecitano l’intervento degli enti preposti come da protocollo. I consiglieri comunali Riccardo Augusto Marchetti e Valerio Mancini annunciano un’interrogazione urgente per chiedere spiegazioni. “ Non è la prima volta che il Tevere presenta colori strani e allarmanti – precisano i due consiglieri leghisti - anche lo scorso Agosto alcuni cittadini sollevarono la questione alle autorità competenti, le quali rassicurarono sulla situazione. Nel 2014 alcune associazioni di pescatori tifernati proposero delle ronde lungo il fiume, al fine di salvaguardare la flora e la fauna. Anni di inquinamento altalenante, ma mai nessuno che abbia affrontato il problema in maniera concreta. A tal proposito annunciamo un’interrogazione urgente al prossimo consiglio comunale, con il preciso intento di capire quale sia la reale entità del danno, di far luce sulle cause dell’evento inquinante e conoscere quale azioni verranno promosse per la tutela del fiume stesso. Se l’Assessore competente non ci risponderà in maniera esaustiva, chiameremo i vertici Arpa in commissione consiliare, vogliamo andare fino in fondo, non ci accontentiamo più delle solite sterili rassicurazioni, se poi ogni volta il problema si ripresenta”. Per Marchetti e Mancini “Quanto verificatosi questa mattina è un episodio di enorme gravità considerando che le acque del Tevere vengono utilizzate anche per l’irrigazione di appezzamenti agricoli e che, in alcuni tratti, si svolgono pure competizioni di pesca sportiva, senza considerare l’enorme danno alla fauna ittica. Se, dati alla mano, l’inquinamento risulta essere di origine dolosa, frutto di un non curante rispetto delle regole – concludono i due consiglieri – riteniamo che i responsabili debbano necessariamente pagare affinchè eventi del genere non si ripetano”

26/05/2017 08:45:47 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: ''SUI CONTROLLI INTERNI DEL COMUNE LA VERITA’ E’ SCRITTA''

Riceviamo e pubblichiamo Nella sua risposta l’Amministrazione comunale, pur con una sua versione “soft”, di fatto conferma l’esistenza dei rilievi elevati dalla Corte dei Conti in materia di controlli interni, aggiungendo che “si è immediatamente adeguata”. Bene. Tutto serve per migliorare. Resta però un problema di metodo e di merito. Nel metodo. L’Amministrazione comunale si è ben guardata dal notificare l’atto almeno ai capi gruppo, attraverso il Presidente del Consiglio Comunale, come sarebbe stato opportuno, riponendolo nascostamente in “Amministrazione Trasparente”: sfidiamo un normale cittadino a trovarlo. Nel merito, restano i rilievi. Il sistema dei controlli interni riguarda aspetti diversi della attività dell’Ente. Nello specifico la Corte ha “promosso” l’Amministrazione per quelli relativi agli equilibri finanziari, l’ha “rimandata” per le attività inerenti il controllo strategico e quello di regolarità amministrativo-contabile, l’ha “bocciata” sul controllo delle società partecipate, inesistente, sul controllo inerente la qualità dei servizi, non effettuato, sul controllo di gestione. Per i primi due casi la Sezione regionale di controllo ha disposto la segnalazione alla Procura regionale della Corte dei Conti. In merito al controllo di gestione, che riguarda il grado di raggiungimento degli obiettivi nonché il rapporto tra le risorse impiegate ed i risultati ottenuti, la Corte raccomanda l’Ente ad una più corretta e trasparente compilazione della relazione. Alla luce di ciò, affermare che Umbertide cambia “ancora una volta, (quali sono le altre?) riporta notizie non corrette” ci sembra dimostri una strategia difensiva debole e puerile dell’Amministrazione comunale, volutamente diffamatoria. Peccato. Il nostro obiettivo è quello di alzare al massimo il livello del confronto politico e dell’azione amministrativa, guardando agli interessi della Comunità. Lo stiamo facendo in modo costruttivo e collaborativo. Ma se le risposte sono di questo tenore …. sarà dura!!   Umbertide cambia

25/05/2017 12:03:18 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy