Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: ''COMPLICATA LA MANUTENZIONE DEI GIARDINI PRIVATI''

Riceviamo e pubblichiamo Quando un servizio funziona ….. meglio cambiarlo!! Le vasche per la raccolta del verde dislocate sul territorio sono state rimosse e questo comporta forti disagi per lo smaltimento di potature e sfalci, residui della manutenzione di giardini privati. Motivo della decisione: migliorare la qualità del verde raccolto ed incrementare le quantità da avviare a recupero. Spiegazione “criptica” che introduce soluzioni alternative inefficaci. I cittadini potranno infatti conferire i rifiuti derivanti da potature e sfalci presso il centro di raccolta in Zona industriale Madonna del Moro, con proprio automezzo, in determinati orari, ma in modeste quantità!! Una busta, due buste? E se un cittadino porta 10 buste, una per volta, nello stesso giorno va bene? Oppure richiedere il servizio a domicilio, ma solo una volta all’anno. Ovviamente non basta, la manutenzione di giardini, siepi, alberi comporta interventi più frequenti. La situazione è ancora più complicata per le aziende che operano nel settore della manutenzione del verde, che hanno immense difficoltà nello smaltimento e dovrebbero stare “ai comodi” del gestore anche per l’organizzazione del lavoro. Tre domande: perché un servizio che funziona viene smantellato? Oggettivamente, come può a quelle condizioni un cittadino che intende essere corretto smaltire i residui della manutenzione del proprio giardino? Perché non si tiene conto delle esigenze delle aziende che operano nel settore? Riflessioni che presuppongono la richiesta di ripristinare i contenitori sul territorio, considerare le difficoltà degli operatori e si aggiungono ad altre criticità quotidiane. Da anni chiediamo che venga previsto il servizio di pulizia e igenizzazione dei contenitori condominiali, nulla di fatto. Da segnalazioni ricevute sembra sia impossibile, nonostante la richiesta, sostituire un contenitore rotto. Appare evidente come, almeno nel caso dei condomini, la raccolta quindicinale della carta genera nella seconda settimana problemi per lo smaltimento quotidiano. Dettagli? Forse. Ma che rivelano come alcune scelte siano incentrate sui costi del gestore, da limitare, piuttosto che sulle esigenze dei cittadini.   Umbertide cambia

31/05/2017 09:18:25 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica M5S Umbertide su rimozione contenitori per sfalci di potature

Riceviamo e pubblichiamo Ultimamente ad Umbertide sembra di vivere in una favola dove una strega cattiva fa sparire le cose. E' accaduto recentemente che alcuni cittadini andando a buttare gli sfalci del loro giardino non hanno trovato i cassonetti di Gesenu. Era accaduto poco prima che dei cittadini mettendo fuori i cassonetti della raccolta porta a porta della carta si sono accorti che il servizio era passato da settimanale a quindicinale. Così mentre si decantava lo spazzamento di una via in più, si tagliavano con l’ascia tanti servizi utili per i cittadini. Certo, ora l’Amministrazione comunale di Umbertide ci dirà che non è colpa loro, ma purtroppo la gara per l’affidamento della gestione dei rifiuti dell’Ati 1 non si è ancora conclusa. Ecco questa è un’altra cosa che sembra miracolosamente sparita. Infatti sono ormai quasi due anni che è iniziata una gara sbagliata che il M5S ha contrastato con tutte le sue forze, ma che il Pd ha perorato e voluto fermamente. Ora come la girano la girano male: se è sbagliato il contratto con Gesenu la colpa è dell’Amministrazione che lo ha fatto, se la colpa è della gara la responsabilità è dell’Amministrazione che ha voluto farla. Ma in questo tagliare i servizi, penserete, i cittadini pagheranno di meno la tassa sui rifiuti. Invece NO. E questa è la magia finale, ma che conosciamo molto bene: a rimetterci sono sempre i cittadini. Ci chiediamo cosa dicono i consiglieri comunali del Pd mentre l’amministrazione fa sparire servizi ai cittadini senza che a questo corrisponda uno sgravio delle tasse.

31/05/2017 09:11:39 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Il Cinema Metropolis di Umbertide si prepara per la stagione estiva

Riceviamo e pubblichiamo Il Cinema Metropolis, di ritorno dalla 70° edizione del Festival di Cannes, si appresta a concludere la stagione cinematografica al chiuso con gli ultimi grandi film in programma. Tra questi il quinto capitolo della saga dei “Pirati dei Caraibi” prodotto da Disney e, direttamente dal festival francese, il nuovo film della coppia Sergio Castellitto - Margaret Mazzantini dal titolo "Fortunata", fresco vincitore del premio alla migliore attrice Jasmine Trinca nella sezione "Un certain regard". La programmazione continuerà poi con la consueta rassegna estiva presso la splendida cornice del Chiostro di Piazza San Francesco che da qualche anno a questa parte si trasforma in un tempio del cinema nei mesi di luglio e agosto. La grande novità di quest'anno sarà l'inizio della collaborazione tra i gestori del Metropolis e del Cinema PostModernissimo di Perugia che fanno parte della stessa cooperativa che si è aggiudicata la gestione del cinema umbertidese. Inaugurazione domenica 2 luglio con la copia restaurata dalla Cineteca di Bologna del film "Manhattan" di Woody Allen. I gestori Luca Benni e Matteo Cesarini annunciano poi "ripescaggi”, il giovedì dedicato alle proiezioni in lingua originale sottotitolate e numerosi eventi speciali tra cui la proiezione del documentario 'Binxet - Sotto il confine' in collaborazione con Altotevere Senza Frontiere, la 'Spaghettata antifascista' in collaborazione con ANPI Altotevere e l'omaggio ai due nostri idoli recentemente scomparsi: Tomas Milian e Chris Cornell" In mezzo a tutto ciò anche la grande festa musicale dell'etichetta umbertidese "To Lose La Track" sabato 22 luglio.  

30/05/2017 14:59:53 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Premiati i vincitori del concorso letterario ''Racconti di coraggio''

Riceviamo e pubblichiamo Si è svolta sabato 20 maggio presso l’Aula Magna “Marcella Monini” del Campus “Leonardo Da Vinci”, la premiazione del concorso letterario e grafico “Racconti di coraggio” promosso dall’istituto umbertidese con il sostegno dell’Amministrazione Comunale, che ha coinvolto, oltre agli studenti del Campus, gli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado di Umbertide e del territorio: San Giustino, Trestina, Città di Castello, Lisciano Niccone, Montone, Pietralunga, Gubbio e Perugia. Giunto alla decima edizione, il concorso è sempre più partecipato e rappresenta un appuntamento ormai atteso da tutte le scuole del territorio. In questa X edizione è stato scelto il tema del coraggio, inteso non come una qualità eccezionale per persone fuori dal comune, ma come una virtù da coltivare e mettere in pratica quotidianamente. I racconti dei ragazzi hanno parlato di persone comuni che hanno saputo fare cose grandi semplicemente seguendo i propri sogni, portando a termine, quotidianamente, il proprio lavoro con dedizione ed impegno, e la prova di coraggio più grande è quella di essere se stessi, rifiutando qualsiasi forma di conformismo. Un premio speciale è stato consegnato, come ogni anno, in memoria di Marcella Monini, la madre coraggio che ha perso la vita per salvare i suoi due figli in mare: i ragazzi, Matteo e Giuseppe, presenti alla manifestazione, hanno consegnato il premio al vincitore: Matteo Biagini, classe I C, Scuola secondaria di I grado “Alighieri-Pascoli - Città di Castello, che è stato premiato con 50 euro, per il racconto AMIR ED IL SUO SOGNO. Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco del Comune di Umbertide Marco Locchi, il Prof. Antonio Allegra dell’Università di Perugia ed il dott. Paolo Ferrera, quest’ultimi in qualità di Presidenti rispettivamente della giuria della scuola superiore di II grado e di I grado; i docenti Cecilia Pallone, Venti Eleonora, Marri Susanna, Fardella Chiara, Perfetti Paola e Gianna Nasi membri di giuria, la componente studentesca interna della giuria e quella esterna che annovera diversi ex studenti del Campus Leonardo da Vinci, i componenti esterni della giuria, tra cui la maestra Marri Susanna ed il dott. Luciano Giombini. Infine, i responsabili del progetto, le prof.sse Antonella Belli, Anna Maria Boldrini e Paola Mattioli, oltre alle Prof.sse Chiara Fardella e Martina Marcucci che con la prof.ssa Lucia Stramaccioni hanno curato la staffetta di scrittura creativa delle classi prime dell'istituto. Le Commissioni esaminatrici del Concorso letterario, al quale è associato anche un concorso grafico-pittorico, dopo accurato esame degli elaborati pervenuti, tutti meritevoli di complimenti, hanno proclamato i vincitori che hanno ricevuto un premio in denaro. Scuola Primaria 1° classificato (€ 200): “ IL CORAGGIO DI VIVERE” Maddalena Bottai e Alice Fiorucci classe VA, scuola primaria “Di Vittorio” Niccone – Umbertide. 2° classificato (€ 100): “SALI UN ALTRO GRADINO” di Emma Foiani, classe VA, della scuola primaria “Garibaldi” - Umbertide 3° classificato (€ 50) : “ UNA VITA NORMALE, FORSE” di Alessio Catroppa, della classe V A, scuola primaria “Di Vittorio” Niccone – Umbertide.   Scuola Secondaria di I grado 1° classificato (€ 200): “IL CORAGGIO DELLE MAMME” di Caterina Panfili , classe I G, Scuola Secondaria di I grado “Mastro Giorgio – Nelli - Gubbio 2° classificato (€ 100) : “LA SINFONIA DEL CORAGGIO” di Anita Monni e Loris Mitri, classe I D, dell’Istituto comprensivo Umbertide – Montone – Pietralunga. 3° classificato (€ 50) : “ IL CORAGGIO DELLE PERSONE SEMPLICI NASCE DAL CUORE” di Lorenzo Facciadio , classe 2 C, dell’Istituto comprensivo Umbertide – Montone - Pietralunga.   Scuola Secondaria di II grado - I.I.S. “Leonardo Da Vinci” 1° classificato (€ 200) : “DEDALO“ di Alessandra Ruggeri, classe IV B , Liceo Scientifico. 2° classificato (€ 100): “QUELLO CHE ERA RIMASTO” di Arianna Sciurpa, classe I B, Liceo Scientifico. 3° classificato (€ 50) : “PER LEI” di Martina Renzini, classe I C , Liceo Scientifico.   Il Concorso grafico-pittorico, premiato con 100 euro, è andato a Cristiano Giuseppe Schiavolini, classe III A LL, Campus “Leonardo da Vinci” – Umbertide, con il disegno “ 3:36 ” ( acquarello e inchiostro di china su cartoncino ), scelto per la copertina della bellissima pubblicazione di tutti i racconti vincitori. La realizzazione grafica della copertina è stata curata dalla Prof.ssa Clarissa Sirci. Per la loro significatività sono stati pubblicati anche i lavori di Domitilla Mezzanotte, IV B LSU , IIS Campus “Leonardo da Vinci”, Umbertide dal titolo “Legàti alle ombre” Davide Benedetti, III C, Scuola secondaria di I grado “ L. da Vinci” , S. Giustino – sede Selci Lama) dal titolo “Notturno” Olimpia Antonietta Rotondano, II B, Primaria I Circolo “ G. Garibaldi ” dal titolo “Mai bullo” Tutti gli altri disegni sono stati esposti nella mostra allestita in Aula Magna, a cura della prof.ssa Conti Federica, e resteranno a disposizione degli ospiti e dei genitori anche per l'evento della “Notte al Campus”. La mattinata è stata infine allietata da intermezzi musicali del Coro del Campus diretto dalla prof.ssa Paola Perfetti e dal prof. Francesco Ragni, accompagnato dal violino dell’alunno Savino Nicola. La manifestazione si è conclusa con la premiazione degli alunni che si sono distinti per altruismo e coraggio in occasione del terremoto.

30/05/2017 14:50:35 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Galmacci, Lega Nord: ''Fumo negli occhi degli Umbertidesi, si millanta una raccolta DOMICILIARE del verde che avviene solo su richiesta e una volta l’anno''

Riceviamo e pubblichiamo “Gli umbertidesi cornuti e mazziati". Questo quanto afferma Vittorio Galmacci referente cittadino ad Umbertide per la Lega Nord, dopo l'ultima decisione presa da Gesenu, con il tacito consenso del Comune, in merito allo smaltimento degli sfalci d'erba e delle potature. “La raccolta della nettezza urbana e lo smaltimento dei rifiuti- afferma Galmacci- è un problema che da alcuni anni grava sulle tasche degli Umbertidesi e cioè da quando la giunta Giulietti affidò quasi inspiegabilmente tale servizio a Gesenu anzichè a Sogepu; chi ha buona memoria infatti ricorderà che con Sogepu gli umbertidesi pagavano una tassa ben minore di quella di Gesenu, non foss'altro che per i minori costi di gestione di Sogepu rispetto al carrozzone Gesenu. E' di poche ore fa la notizia che Gesenu ha deciso di eliminare le vasche di raccolta degli sfalci, obbligando di fatto tutti i cittadini a recarsi presso il Centro di raccolta Madonna del Moro per  poter conferire il tutto: in buona sostanza, con questa decisione, Gesenu ci riduce il servizio già di per sé carente, senza nessun vantaggio o agevolazione data in contro parte ai cittadini. Addirittura Gesenu nel suo comunicato intima che gli sfalci, pena la loro non accettazione, siano conferiti sfusi e non nei consueti sacchi di plastica, quasi come se ogni umbertidese possedesse non solo una normale autovettura ma anche un rimorchio o un pick-up per trasportarli: non solo, il Centro di raccolta è, sì aperto, ma osserva orari a singhiozzo  e per un totale di solo 24 ore a settimana! Ad onor di cronaca va anche detto che per gli utenti c'è la possibilità di prenotare il ritiro domiciliare, ma 1 sola volta l'anno. La beffa – continua Galmacci - è poi il titolo che appare sul sito ufficiale del Comune di Umbertide dove si cita testualmente "Ad Umbertide arriva la raccolta domiciliare del verde"; insomma, come a farci credere che questa sia una cosa di cui vantarsi. Contenti  voi..Noi no”.

30/05/2017 14:41:30 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy