Cultura » Mostre Da mercoledì 21 a venerdì 23 al Teatro dei Riuniti di Umbertide saggio di fine anno del Centro Studi Danza

Torna come ogni anno l’ormai noto appuntamento con l’Associazione Sportiva Dilettantistica Centro Studi Danza ed il suo Saggio Spettacolo di fine anno scolastico. Mercoledì 21, giovedì 22 e venerdì 23 giugno alle ore 20,30, i tanti allievi della scuola, da anni impegnata nel territorio nella promozione di attività di formazione inerenti la danza con diverse iniziative, si esibiranno sul palcoscenico del Teatro dei Riuniti di Umbertide che riaprirà eccezionalmente per l’occasione. Lo spettacolo, sotto la direzione artistica di Maria Paola Fiorucci - laureata all'Accademia Nazionale di Danza in Roma – , l'organizzazione di Barbara Cagnini e la direzione tecnica di Fabio Galeotti porterà sul palcoscenico un centinaio di bambini e ragazzi dai 3 ai 25 anni. La scaletta sarà molto variegata e vedrà alternarsi coreografie di danza classica curate da Maria Paola Fiorucci e Marta Benvenuti, a coreografie di contemporaneo curate da Roberto Costa Augusto, ad altre coreografie di Modern Dance sempre di Marta Benvenuti  fino a quelle di Hip Hop e Breakdance di Jenny Mattaioli e Mattia Maiotti. Queste le discipline insegnate nella scuola e questi i suoi insegnanti. Non mancheranno gli ospiti neanche quest’anno. Si esibirà assieme agli allievi Iradiel Rodriguez, primo ballerino del Balletto di Camagwey di CUBA che ha tenuto per l’intero anno scolastico lezioni di Repertorio Classico alle allieve della scuola.

20/06/2017 12:45:15 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Luca Bruni ha ricevuto a Firenze il prestigioso Premio ''Le Muse''

Si è svolta a Firenze sabato scorso, nel contesto del magnifico Salone del ‘500 di Palazzo Vecchio, la consegna dei prestigiosi premi LE MUSE da parte dell’Accademia Internazionale le Muse che ha visto il maestro Luca Bruni ricevere il premio nella figura della Musa Tersicore. La solenne cerimonia, aperta dal suono delle clarine d’argento, ha visto premiate 12 eccellenze nel campo dell’arte, della cultura e della scienza: nel corso delle precedenti edizioni - la prima risale al lontano 1965 - i più grandi nomi della musica, del teatro, della danza sono stati elevati al rango di accademici: quest’anno è salito sull’ambito podio Luca Bruni, di Umbertide, direttore della compagnia di danza OPLAS / Centro Regionale della Danza Umbria, un premio che corona 35 anni di attività di danza iniziata proprio qui, in Umbria, e che poi lo ha condotto in giro per tutto il mondo portando ovunque alto il nome della sua terra d’origine. Per comprendere l’indiscutibile ed incomparabile valenza di questo premio, basti citare alcuni di coloro che, per la danza ( musa Tersicore ) lo hanno preceduto negli anni: Jla Ruskaja ( la prima direttrice dell’accademia Nazionale di Danza in Roma ) e Giuliana Pensi, Carla Fracci, Zorko Prebil, Vittoria Ottolenghi, Luciana Savignano, Alberto Testa, Oriella Dorella, Elisabetta Terabust, Marika Bresobrasova, Raffaele Paganini, Frederic Olivieri, Eleonora Abbagnato, Virgilio Sieni. Vanno altresì ricordati altri nomi eccelsi: per la letteratura ( musa Calliope ) grandi personaggi come Salvatore Quasimodo, Eugenio Montale, per la musica ( musa Euterpe ) Maria Callas, Katia Ricciarelli, Renata Tebaldi, per l’arte ( musa Erato ) Henry Moore, Marc Chagall, Giacomo Manzù, per il cinema ( decima musa ) Alberto Sordi, Nino Manfredi, Sofia Loren. Il Premio Internazionale Le Muse, fondato dalla Professoressa Giuliana Plastino Fiumicelli ( Cav. di Gran Croce ) si svolge sotto l’egida della presidenza del Consiglio dei Ministri nonché del Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo: come da consuetudine la cerimonia è stata presieduta dalle più alte cariche del Comune di Firenze e quest’anno anche dal Presidente del Consiglio Regionale della Toscana che ha letto messaggi inviati delle più alte rappresentanze dello Stato. Bruni, nel ricevere l’ambito premio, ha voluto ricordare con affetto coloro i quali, nel corso di una vita interamente dedicata all'arte e alla cultura, sono stati compagni di viaggio e con i quali ha condiviso gioie e sudori; un pensiero particolare alla madre che sabato sarebbe stata ancora più fiera di suo figlio; un grazie ai danzatori e danzatrici che hanno reso questo premio una grande conquista ( in particolare Mario Ferrari, con il quale da 25 anni condivide la direzione della compagnia di danza OPLAS ). Un ringraziamento è stato poi espresso verso tutti coloro che Bruni ha avuto la fortuna di avere come maestri al momento giusto e nel posto giusto, da Floriana Mariotti ( la sua prima insegnante, a Perugia ), a Marina Romani, a Jorge Donn, a Jean Christophe Maillot ( attualmente direttore dei Ballets de Montecarlo ), a Micha van Hoecke… e soprattutto un grazie di cuore alle centinaia di migliaia di spettatori di fronte ai quali Bruni si è esibito ai quattro angoli del mondo. La cerimonia di premiazione si è poi conclusa con una splendida cena di gala nella cornice del salone d’onore di Palazzo Borghese, fiore all’occhiello della vita culturale fiorentina.

20/06/2017 12:39:45 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Umbertide: sabato 24 e domenica 25 in centro storico c'è ''FestinValtiberina''

Si terrà sabato 24 e domenica 25 giugno “FestinValtiberina”, festival dedicato alle arti dello spettacolo dal vivo che torna dopo anni di assenza ad animare il centro storico umbertidese. L'evento è promosso dal Comune di Umbertide nell'ambito del progetto “Expo in centro storico” con il contributo economico della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ed in collaborazione con Regione Umbria e Mibact, mentre l'organizzazione è stata affidata ad Oplas. Il centro storico tornerà quindi a svelare i suoi angli più belli facendo da palcoscenico ad un ricco cartellone di eventi di ogni genere tra musica, teatro e danza: gli spettacoli prenderanno il via alle ore 17,30 per protrarsi fino a tarda notte ed interesseranno non solo piazza Matteotti, piazza XXV Aprile, piazza Fortebraccio, piazza del Mercato e il Parco della Reggia ma anche alcuni esercizi commerciali che ospiteranno le performance all'interno dei loro locali (Tabaccheria Baldi, Bar Centrale, Abbigliamento Fiammetta, Locanda Appennino, Sanitaria Grilli, TiRiLego, Pelletteria Pucci, Alimentari Pedana). Tanta la musica in programma con la street band Mabò Band che presenterà “Colors” (domenica 25 ore 18 in piazza Matteotti), la band Jolebalalla con il suo carico di musica reggae e allegria (sabato 24 ore 22 in piazza del Mercato), la Nuova scuola popolare di musica diretta da Ivano Rondoni (sabato 24 ore 17,30 presso il percorso verde della Reggia) e la Corale della scuola primaria Garibaldi di Umbertide (sabato 24 ore 20 presso la scalinata di piazza del Mercato). Per il teatro, “Voci e progetti” darà vita ad uno spettacolo di improvvisazione teatrale che coinvolgerà il pubblico (domenica 25 ore 19 in piazza Fortebraccio) mentre la comicità della compagnia degli Improvvisati proporrà brevi performance divertenti, accompagnate da coreografie di danza contemporanea ed hip hop dei giovani ballerini della Scuola di danza by Oplas (sabato 24 ore 18 e domenica 25 ore 17,30 in piazza XXV Aprile); in programma anche lo spettacolo del teatro di figura del Politheater “Storia di Dodone Re del Carnevale” (sabato 24 ore 18,30 presso la scalinata di piazza del Mercato). Danza, trampoli, fuochi d'artificio e giochi d'acqua sono invece gli ingredienti dello spettacolo “C'era una volta...un lago dei cigni” proposto da Oplas (domenica 25 ore 21,30 in piazza XXV Aprile) che proporrà anche “Italì”, viaggio attraverso il Belpaese fatto di colori, lingue e culture differenti (sabato 24 ore 21 in piazza XXV Aprile). Sabato 24 alle ore 18 e domenica 25 alle ore 17,30 inoltre un rivisitato Charlie Chaplin, in arte Viaggiatore Yari, farà divertire grandi e piccini in piazza Matteotti. Durante la manifestazione sarà inoltre presente un punto promozionale di prodotti equosolidali a cura dell'associazione Colibrì. 

20/06/2017 12:33:51 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Fondazione Ranieri di Sorbello: Presentazione di due volumi di Marcello Catanelli

Riceviamo e pubblichiamo Venerdì 23 giugno 2017 ore 17.30 Fondazione Ranieri di Sorbello - piazza Piccinino 9, Perugia   Presentazione di due volumi di Marcello Catanelli:   “Perugia ormai troppo lontana” e “Luigi Catanelli”     Venerdì 23 giugno 2017 ore 17.30 presso la Fondazione Ranieri di Sorbello in piazza Piccinino 9 a Perugia si terrà per il ciclo “Storie, Ricerche, Interpretazioni”, la presentazione di due volumi di Marcello Catanelli: “Perugia ormai troppo lontana” e“Luigi Catanelli”. “Perugia ormai troppo lontana” si compone di  quattro racconti in cui la Perugia dei tardi anni Sessanta e dei primi Settanta del Novecento fa da sfondo alle passioni, alle ansie, agli amori di un giovane e dei suoi amici e compagni. Le case, le piazze, i caffè, i cinema, i ritrovi cittadini sono gli scenari indispensabili per gli incontri e gli scambi di una generazione inquieta e impegnata. In un altro racconto altre città e altre terre, diverse e lontane. Sono storie di iniziazione all’età adulta, sia dal punto di vista culturale che sociale, nonché sentimentale. Il dopo non è descritto, spetta a chi legge immaginare prosiegui ed esiti finali, per continuare a suo modo dei percorsi di vita, anche se sono ormai troppo lontani. “Luigi Catanelli” è l’opera con cui l’autore mette un punto fermo sulla vicenda storica e biografica di suo padre Luigi, superando però la dimensione personale, per assumere la configurazione e il valore di un’opera scritta come contributo per la città e per la sua storia. Chi scorre queste pagine comprenderà come la persona di cui si parla, forse poco nota ai più, abbia connotato la trama della vicenda cittadina, in misura considerevole, per una parte consistente del secolo breve. Dall’infanzia trascorsa nelle Case Operaie al lavoro in bottega, dall’antifascismo e l’incontro con Aldo Capitini all’attività artigianale e commerciale del dopoguerra, corredato dall’acquisizione di due brevetti, fino a un’intensa produzione letteraria legata in primis alla storia della sua città, da ripercorrere attraverso le tappe esistenziali di un uomo che amava definirsi semplicemente “artigiano”. Interverranno insieme all’autore Claudia Minciotti Tsoukas e Walter Cremonte. Coordina Ruggero Ranieri. Marcello Catanelli è nato nel 1947 a Perugia, dove ha sempre vissuto e lavorato come medico igienista. Ha ereditato dal padre la passione per la storia politica e civile della città. È stato Consigliere (1995-99) e Assessore Comunale alla Mobilità, Vigilanza e Centri storici (1999-2004). È autore, insieme a Fabrizio Ricci, del pamphlet Le città di Perugia (Edizioni Era Nuova, 2005). Ha curato nel 2015 con Guglielmo Benemio il documentario Perugia. Non solo Medioevo. È inoltre autore di numerose pubblicazioni di carattere scientifico in tema di Sanità Pubblica.  

19/06/2017 19:09:07 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Inaugurata alla Rocca di Umbertide la mostra ''Immaginare l'Italia''

Riceviamo e pubblichiamo E' stata inaugurata sabato 17 giugno e sarà visitabile fino al 23 luglio la mostra fotografica “Immaginare l'Italia”, curata da Carmen Lorenzetti, docente di Storia dell'Arte contemporanea e ultime tendenze delle Arti visive presso l'Accademia delle Belle Arti di Bologna. L'esposizione, allestita alla Rocca – Centro per l'arte contemporanea, mette a confronto lo sguardo critico di fotografi italiani e statunitensi, dando vita ad un vero e proprio approfondimento sull’immagine dell’Italia attraverso fotografie e video. Al taglio del nastro erano presenti il sindaco Marco Locchi, l'assessore alla Cultura Raffaela Violini e l'assessore regionale Fernanda Cecchini, oltre alla curatrice della mostra Lorenzetti. “Immaginare l'Italia” è un’indagine sulla maniera in cui viene rappresentata l’identità del nostro Paese nel confronto fra gli sguardi interni degli italiani e quelli esterni degli americani; un confronto dal quale trapela come le opere degli esterni siano maggiormente collegate ai simboli per cui la nostra storia e la nostra cultura sono note nel mondo e delle quali ripercorrono stereotipi e atteggiamenti contemplativi e compulsivi del turista per forza, dai monumenti- simbolo ad una serie di baci immortalati nelle piazze più famose d'Italia; le opere degli italiani invece riguardano anfratti più nascosti, ricerche legate a luoghi storici lasciati in desolante obsolescenza o alle architetture civili delle periferie urbane ma anche momenti di riflessione politica e sociale che contribuiscono a lasciare un ricordo preciso di un’epoca e di un’atmosfera squisitamente italiane. Gli undici artisti protagonisti della mostra sono Davide Bramante, Silvia Camporesi, Gianni Gosdan, Marcantonio Lunardi, Roberto Marchese, Marco Signorini, Roberto Bocci, Tim Davis, Matthew Monteith, Reynold Reynolds e William Wylie, personalità di spicco nel panorama culturale italiano e internazionale, spesso professori universitari, richiesti in mostre in tutto il mondo e vincitori di premi prestigiosi. La mostra sarà visitabile fino al 23 luglio dal martedì alla domenica dalle ore 10:30 alle ore 12:30 e dalle ore 16:30 alle ore 19:30. 

19/06/2017 12:33:33 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Sabato 17 giugno alla Rocca di Umbertide al via la mostra fotografica ''Immaginare l'Italia''

Si intitola "Immaginare l’Italia", la mostra fotografica collettiva in programma dal 17 giugno al 23 luglio prossimi presso il Centro per l’Arte Contemporanea di Umbertide. Dopo "Imaginando Cuba", in cui gli sguardi di fotografi cubani venivano messi a confronto con quelli di fotografi italiani e statunitensi, la stessa prospettiva critica viene impiegata dalla curatrice Carmen Lorenzetti nell’approfondimento dell’immagine dell’Italia attraverso fotografie e video. Specializzata nello studio delle Arti Multimediali e dell’Arte Contemporanea, di cui scrive anche in riviste di settore, Carmen Lorenzetti è docente ordinario all’Accademia di Belle Arti di Bologna, dove insegna Storia dell’Arte Contemporanea e Ultime Tendenze delle Arti Visive. E’ curatrice di diverse mostre in Italia e all’estero. La mostra "Immaginare l'Italia" un’indagine sulla maniera in cui viene rappresentata l’identità del nostro Paese, nel confronto fra gli sguardi interni degli italiani e quelli esterni degli americani rispetto al nostro territorio; un confronto dal quale trapela come le opere degli esterni siano maggiormente collegate ai simboli per cui la nostra storia e la nostra cultura sono note nel mondo e delle quali ripercorrono stereotipi e atteggiamenti contemplativi e compulsivi del turista per forza, le ermeneutiche di uno sguardo prospettico storicizzato, le glorie simboliche dell’arte. Fra gli scatti esposti, alcuni sono caratterizzati da uno sguardo documentario, per quanto ironico e consapevole, nel ritratto del reale nella sua prosaicità e quotidianità. Le opere degli italiani riguardano anfratti più nascosti, ricerche legate a luoghi storici lasciati in desolante obsolescenza od alle architetture civili delle periferie urbane ma anche momenti che riguardano riflessioni politiche e sociali che contribuiscono a lasciare un ricordo preciso di un’epoca e di un’atmosfera squisitamente italiane. Gli artisti sono personalità di spicco nel panorama culturale italiano e internazionale, spesso professori universitari, richiesti in mostre in tutto il mondo, vincitori di premi prestigiosi. Di seguito l’elenco: Davide Bramante, Silvia Camporesi, Gianni Gosdan, Marcantonio Lunardi, Roberto Marchese, Marco Signorini, Roberto Bocci, Tim Davis , Matthew Monteith , Reynold Reynolds,William Wylie.

15/06/2017 16:03:08 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Umbertide: Presentato il progetto ''Expo in centro storico'', tante le iniziative che animeranno il cuore della città

UMBERTIDE - E' stato presentato ieri pomeriggio al Centro socio-culturale San Francesco il progetto “Expo in centro storico”, cofinanziato da Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e Comune di Umbertide e finalizzato a valorizzare e rilanciare il centro storico cittadino. Il progetto è stato fortemente voluto dall'Amministrazione comunale con l'obbiettivo di migliorare la qualità e la vivibilità del centro storico e al contempo favorire la nascita di nuove attività commerciali ed ha incontrato da subito l'interesse della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia che ha stanziato 50.000 euro per l'anno 2017. Ieri il progetto è stato ufficialmente presentato in conferenza stampa, alla presenza del sindaco Marco Locchi, dell'assessore al Commercio Maria Chiara Ferrazzano, dell'assessore alla Cultura Raffaella Violini e di Sergio Pieroni in rappresentanza della Fondazione Carisp. Presenti anche rappresentanti di Confcommercio e una nutrita delegazione di commercianti del centro storico. “Si tratta di un progetto di durata triennale che mira a promuovere e rilanciare il nostro centro cittadino che, come tutti i centri storici, versa oggi in condizioni di difficoltà – ha spiegato il sindaco Locchi – Per il momento abbiamo ottenuto un consistente finanziamento dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, che ringrazio sentitamente per il prezioso supporto, per l'anno 2017 che consentirà di mettere in campo numerose iniziative culturali e ricreative in grado di attirare umbertidesi e turisti. Ci auguriamo che il finanziamento venga riproposto anche nei prossimi anni per consentirci di intervenire anche sull'arredo urbano, migliorando l'aspetto e i servizi offerti in centro. L'Amministrazione comunale ha sempre creduto fortemente nelle potenzialità del centro cittadino e questo progetto lo dimostra, per questo invito tutti i commercianti a collaborare alla sua valorizzazione”. “Expo in centro storico è una dimostrazione di come, attraverso la sinergia pubblico-privato, sia possibile mettere in piedi progetti importanti e reperire risorse economiche ingenti – ha aggiunto l'assessore Ferrazzano – Grazie a questo finanziamento, abbiamo messo in cantiere numerose iniziative che prenderanno il via già da questo mese con la riproposizione di FestinValtiberina, che si terrà il 24 e 25 giugno prossimi. Inoltre abbiamo deciso di coinvolgere anche i giovani, affidando al servizio Informagiovani tutta l'attività di comunicazione”. “Questo finanziamento ci ha permesso di promuovere una serie di eventi culturali che si svolgeranno nel centro storico – ha continuato l'assessore Violini – tra questi un ciclo di conferenze sul cibo e le tradizioni umbertidesi e una tappa della selezione di Miss Italia che si terrà l'11 luglio in piazza del Mercato, ma sarà possibile anche valorizzare ulteriormente le Feste di settembre di fine Ottocento che quest'anno si terranno dal 31 agosto al 3 settembre.  Nel portare il saluto del Presidente Giampiero Bianconi e di tutti i vertici, Sergio Pieroni della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ha sottolineato che la Fondazione ha condiviso e sostenuto un progetto che con “le diverse e variegate iniziative previste all’interno del centro storico - che hanno a che vedere con la riqualificazione urbana e con una politica sociale - tende ad aggregare i cittadini all’interno degli spazi storici delle nostre città e dei nostri borghi, che altrimenti rischiano l’abbandono e la desertificazione, senza infine trascurare le potenzialità anche economiche di queste iniziative che abbracciano un arco temporale di un intero anno volte a creare appuntamenti destinanti anche ai turisti che vengono a trascorrere le loro vacanze in questa zona dell’Umbria”. Pieroni ha parlato di “un progetto è ambizioso, nato da un fruttuoso rapporto di collaborazione tra pubblico privato al quale Fondazione non farà mancare il proprio sostegno anche nel prossimo futuro, compatibilmente con le risorse a disposizione”. “Expo in centro storico” entrerà nel vivo già sabato 24 e domenica 25 giugno con la riproposizione di FestinValtiberina, festival dedicato alle arti dello spettacolo dal vivo nato nel 1998 ma poi interrotto che per due giorni tornerà ad animare la città con eventi di ogni genere, tra musica, teatro e danza. I dettagli della manifestazione sono stati illustrati da Luca Bruni, direttore artistico del Teatro Oplas; gli spettacoli si terranno dalle ore 17.30 fino a tarda notte nelle vie e piazze del centro storico ma anche all'interno di alcune attività commerciali dove avranno luogo mini performance. In programma musica per tutti i gusti, con la street band “Mabò Band”, Jolebalalla, la Nuova scuola popolare di Musica e la giovanissima Corale Il Grillo Cantante; teatro con le improvvisazioni teatrali di “Voci e progetti”, il teatro di figura del Politheater e la comicità degli Improvvisati; danza e teatro di strada con la compagnia Oplas/Crdu e la Scuola di danza by Oplas; giocoleria con Viaggiatore Yari. 

14/06/2017 20:15:08 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Alla ‘’Di Vittorio’’ di Umbertide concluso il progetto ‘’Noi cittadini del mondo’’

Riceviamo e pubblichiamo “Noi cittadini del mondo” è il titolo del progetto di Circolo che anche quest’anno ha riassunto in un’unica giornata i percorsi intrapresi dalle scuole della Direzione Didattica “G. Di Vittorio”. L’evento rappresenta il punto di arrivo di un iter durato l’intero anno scolastico e che è stato rivolto alla sensibilizzazione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza mediante la conoscenza, la diffusione e la valorizzazione della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia, alla promozione dello sviluppo di competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica, alla valorizzazione dell’educazione interculturale e alla pace nel rispetto delle differenze. “Noi cittadini del mondo” comprende e integra le azioni di “Una scuola amica dei bambini e dei ragazzi” – UNICEF che il II Circolo di Umbertide promuove da diversi anni e che le è valsa la prestigiosa certificazione. Così ieri mattina, 6 giugno, nell’aula magna, tutte le classi quinte hanno presentato ai compagni i loro lavori: la scuola Primaria “G: Di Vittorio” ha realizzato un bellissimo libro sull’articolo 3 della nostra Costituzione, il plesso di Niccone ha prodotto un video chiaro e significativo sul ruolo e sull’importanza di uno Stato democratico, infine gli alunni di Verna hanno rivisitato l’articolo 34 con la creazione di un libro zaino. In seguito il dirigente scolastico del II Circolo, Angela Monaldi, ha consegnato ai bambini un attestato in ricordo di questa giornata ma anche del fantastico viaggio che dalla prima li ha condotti alla quinta, alunni consapevoli, responsabili, ma soprattutto cittadini del mondo. “Il nostro – ha ricordato la Monaldi -è un impegno di corresponsabilità che tutta la comunità scolastica si assume per realizzare realmente una scuola inclusiva, un luogo dove si ha cura dei soggetti, che dà importanza all’accoglienza, allo stare bene, dove l’educazione alla cittadinanza e alla Costituzione, alla partecipazione e alla cultura della legalità siano parte integrante dell’apprendimento”. La felice giornata si è conclusa con un picnic in giardino al quale ha preso parte anche il sindaco di Umbertide, Marco Locchi, per un breve saluto e un affettuoso augurio a tutti i bambini.

09/06/2017 18:24:14 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy