Attualità » Primo piano Tra sogno e realtà, sabato 27 giugno “Notte Romantica” a Montone

Presente fin dalla prima edizione, Montone non poteva mancare alla “Notte Romantica” nei Borghi più belli d’Italia. E così, sabato 27 giugno, ancora una volta, il Borgo è pronto ad accogliere i visitatori per una serata tra sogno e realtà, interamente dedicata all'amore e alla bellezza in tutte le sue forme. Come sempre Montone offrirà a tutti i partecipanti un programma ricco di atmosfere musicali, con proposte suggestive tra le vie storiche del borgo che si apre nuovamente alla vita. “Con grande cautela e responsabilità, ma soprattutto in sicurezza – dichiara il vice sindaco Roberta Rosini -  l’Amministrazione ha voluto impegnarsi oltremodo per inviare un messaggio positivo di ripartenza e dare il via alla stagione turistica 2020. Il programma di questa quinta edizione coinvolge artisti, professionisti della musica, associazioni storiche, come Proloco e Umbria Film Festival, ma anche i produttori agricoli che, con i loro prodotti, aprono il mercato in una versione serale. Tutte le attività commerciali e i ristoratori hanno aderito all’iniziativa con proposte dedicate alla Notte Romantica, che risulta essere una manifestazione ormai divenuta un punto fermo nella proposta turistica di Montone”. "La Notte Romantica di quest'anno – spiega Antonio Luna, Presidente della sezione umbra dell’associazione - è dedicata, oltre alle nostre combattive amministrazioni comunali e comunità locali, alle tante attività ristorative dei Borghi umbri che hanno deciso di rimettersi in gioco pur avendo dovuto modificare significativamente spazi, servizio, modalità di accoglienza in seguito alla pandemia. La loro capacità di tenere alta la gastronomia umbra ha recentemente ricevuto alti riconoscimenti e sono una componete fondamentale del nostro turismo. Buona cena romantica nei Borghi umbri più belli d'Italia".   Questo il programma di sabato 27 a Montone:   -      Piazza Fortebraccio: dalle 20.00 Note romantiche, musica d’ascolto con Walter Ligi alla tastiera. -      Via Aldo Bologni: dalle 19.30 un’inebriante selezione musicale con Moreno Carlicchi dj set. -      Sala del Consiglio comunale: dalle 21.00 RomantiCorti, corti d’animazione romantici a cura di Umbria Film Festival. -      Via San Francesco: dalle 21.00 Come Romeo e Giulietta, a cura della Pro loco montonese. -      Piazza San Francesco: dalle 19.30 A.M.A. sotto le stelle, mercatino dei produttori A.M.A. con prodotti del territorio, e musica latina con Carlos Ernesto Moscoso Thompson e il suo trio. -      Giardino di San Francesco: dalle 20.00 Atmosfere, musiche scelte da Emanuele Bettucci. -      Chiesa di San Francesco: dalle 21.00 ogni 30 minuti Parole ed immagini che raccontano l’amore, poesie dedicate all’amore all’interno della chiesa trecentesca alternate da racconti su opere d’arte presenti, a cura di Sistema Museo. -      Portico di San Francesco: dalle 19.00 per tutta la serata Lucaffè Shop: Innocenti tentazioni, preziose degustazioni di caffè, tè e rum. -      Corso Garibaldi: dalle 19.30 per tutta la serata I Concertisti, con il trio Sara Bonucci e Matilde Giorgis ai violini e Tommaso Bruschi al violoncello, e Sculture in ferro. -      Terrazza le Fonti: dalle 20.00 per tutta la serata We drink LOVE, apericena con dj set. -      Via Roma: dalle 19.30 per tutta la serata I Concertisti, con il duo Gianfranco Contadini al violino e Moreno Piccioloni alla chitarra. -      Rocca di Bracci e giardini: dalla 19.30 per tutta la serata intrattenimento musicale con Cesarino soft sound e Romantiche stramaganze, lo spettacolo di magia dello Stramagante Mr. Dudi.  

26/06/2020 11:20:14 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Nuovo parroco per Cristo Risorto ad Umbertide: a settembre arriva Don Gaetano Bonomi Boseggia

Continua il percorso di riorganizzazione delle parrocchie e delle zone pastorali della diocesi di Gubbio, iniziato da mons. Luciano Paolucci Bedini circa un anno fa con l’annuncio delle prime nomine e di alcuni spostamenti tra i sacerdoti. Nell’ultima riunione del clero diocesano, il Vescovo ha annunciato altre decisioni, sulle quali stava lavorando da tempo. Don Gaetano Bonomi Boseggia viene trasferito dalla parrocchia di Santa Maria Ausiliatrice di Padule a quella di Cristo Risorto a Umbertide. Il parroco di quest’ultima comunità, don Luca Lepri, torna a Gubbio a disposizione della pastorale diocesana e per dedicarsi all’insegnamento presso l’Istituto teologico di Assisi. Don Cristoforo Przyborowski sarà il nuovo parroco delle comunità di Padule e San Marco a Gubbio, mentre don Francesco Menichetti sarà il nuovo parroco della zona pastorale di Mocaiana (che comprende Loreto, Monteleto, San Benedetto Vecchio e Camporeggiano). Infine, a don Mauro Salciarini sarà affidata la comunità di San Martino in Colle. Tutte le nomine e i trasferimenti saranno operativi dal primo settembre prossimo, per la ripresa a pieno ritmo delle attività pastorali parrocchiali. È invece già operativa dal 19 giugno la nomina di Luca Uccellani come nuovo direttore della Caritas diocesana, al posto di don Roberto Revelant. Uccellani era vicedirettore e in passato era già stato anche direttore.

23/06/2020 10:39:53 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Città di Castello, messa davanti all'Ospedale per ringraziare il personale sanitario

“La messa di stamattina davanti all’ospedale, organizzata da sua eccellenza il vescovo monsignor Domenico Cancian per ringraziare il personale sanitario che tanto ha lavorato contro l’emergenza da Covid-19 e per ricordare le persone che sono scomparse a causa dell’epidemia, è stata un momento molto bello e significativo, perché dovremo sempre ricordarci di non far scendere l’oblio sull’impegno che tutti gli operatori della Sanità hanno messo in questa difficile battaglia”. E’ quanto ha dichiarato oggi il sindaco Luciano Bacchetta nell’abituale comunicazione di aggiornamento sulla fase 3 dell’emergenza da Covid-19, a margine della cerimonia che si è svolta di fronte al nosocomio tifernate. “La battaglia contro il Covid-19 non è ancora finita, ma da molti giorni viene affrontata da tutti in termini più sereni, visiti i dati che abbiamo a disposizione”, ha commentato il primo cittadino, nel ricordare che “sono ancora due le persone attualmente positive a Città di Castello, fra l’altro di lunga durata, che speriamo guariranno presto come tutti gli altri”. “Il ringraziamento nel quale ci siamo uniti oggi deve tenere conto soprattutto del futuro, perché dobbiamo tutti ricordarci quanto la Sanità pubblica abbia ben operato, si sia impegnata, si  sia sacrificata, per stare al fianco delle persone malate, delle famiglie, compiendo un grande lavoro di prevenzione per fare in modo che l’epidemia non si diffondesse”, ha rimarcato Bacchetta, nel dare atto in particolare di come “il lavoro di ricerca epidemiologica che è stato fatto in questi mesi abbia dato grandi frutti, visto che il virus è stato circoscritto, in maniera molto efficace, basti pensare agli eccellenti risultati ottenuti alla Muzi Betti, dove non c’è stato nessun positivo ed era quello un luogo davvero fortemente a rischio, vista la presenza di moltissime persone, anche molto anziane”. “Il fatto che non ci sia stata nessuna criticità è stata una bellissima cosa che ci ha molto rincuorato”, ha puntualizzato il sindaco, che poi ha evidenziato con soddisfazione il buon esito di Isola Sonante, l’iniziativa promossa ieri sera nel centro storico dal Lions Club di Città di Castello, in collaborazione con Sogepu, da un’idea del maestro Fabio Battistelli e del professor Rosario Salvato. “Ieri sera abbiamo avuto modo di apprezzare Città di Castello di notte, uno spettacolo meraviglioso, con tantissime persone in giro per le piazze, per i ristoranti, per i bar, per i luoghi di ritrovo - ha detto Bacchetta - un ritorno alla vita sociale che mi piace sottolineare, perché i cittadini sono stati in grado di far sacrifici al momento opportuno e oggi c’è una grande voglia di tornare a vivere, a confrontarsi, a riacquistare dimensioni e tempi normali”.

20/06/2020 15:20:06 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Umbertide, attive nuove telecamere in Piazza Mazzini e allo svincolo Verna-Calzolaro

Nuove telecamere di videosorveglianza sono entrate in funzione in due snodi cruciali del territorio comunale come piazza Mazzini nel capoluogo e lo svincolo di Verna-Calzolaro. Il Comune di Umbertide ha quindi provveduto all’installazione di telecamere di contesto e di lettura targhe in questi luoghi fondamentali per la sicurezza urbana, nonché per la tutela del locale patrimonio culturale. L’esigenza di monitorare uno snodo fondamentale del centro storico, come quello di piazza Mazzini, ha una grande importanza soprattutto in considerazione dello svolgimento di eventi pubblici e iniziative commerciali. L’area è anche sede di un importante snodo viario della città in quanto posto all’incrocio tra via Vittorio Veneto, piazza Mazzini e via Roma. Inoltre, il posizionamento di telecamere rende sorvegliata anche la Chiesa Collegiata, oggetto in passato del furto di opere d’arte ritrovate anche grazie alle registrazioni operate dalle altre telecamere poste sul territorio. A seguito dell'operato del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dell’Arma dei Carabinieri le opere furono riconsegnate alla parrocchia e alla comunità.  Per quanto riguarda le frazioni di Verna e Calzolaro, all’altezza di via Battiticci/via Nestore, sono presenti tre telecamere di lettura targhe e altre tre di contesto. Le telecamere consentono di visionare i veicoli diretti verso il centro di Umbertide e controllare le auto che, provenienti da Trestina, si dirigerono verso l’abitato di Calzolaro. Ad oggi il Comune di Umbertide conta 52 telecamere di videosorveglianza di cui 41 di tipo ambientale e 11 di lettura targhe. In totale diventano 12 le postazioni postazioni videosorvegliate sul territorio.  Anche le nuove telecamere saranno collegate direttamente con la stazione dei Carabinieri di Umbertide.   "Più occhi elettronici nel territorio comunale significano monitoraggio costante e maggiore tutela per i nostri concittadini e per uno dei luoghi al quale gli umbertidesi sono affezionati, ovvero la Collegiata - dice l'assessore alla Polizia Locale, Francesco Cenciarini - Con l'entrata in funzione dei due nuovi impianti viene potenziato quel fondamentale sistema di sicurezza urbana che consentirà ulteriormente di prevenire e reprimere atti delittuosi, attività illecite ed episodi di microcriminalità commessi sul territorio comunale".  

20/06/2020 15:13:46 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy