Notizie » SLIDER Tavolo per lo sport educativo

Il Tavolo per lo Sport educativo. E’ la richiesta che emerge con decisione dal gruppo consiliare Umbertide cambia, che sollecita l’Amministrazione ad attuare, appunto attraverso il Tavolo, una azione mirata e collaborativa rivolta in particolare alle attività sportive giovanili. “Occorre una nuova politica per lo sport – afferma Stefano Conti – Consigliere Comunale di Umbertide cambia – che parta dalla considerazione e dalla valorizzazione delle attività giovanili di tutte le discipline. Dobbiamo costruire le condizioni attraverso le quali la pratica sportiva giovanile possa essere al tempo stesso formativa e competitiva ed abbia in sé un approccio sociale ed agonistico. L’investimento sui giovani e sulla loro educazione – aggiunge Conti - giustifica anche un impegno economico dell’Amministrazione a sostegno della pratica sportiva. Il tavolo inoltre consentirebbe di mettere in sinergia l’impegno educativo dei vari attori: società sportive, associazioni, scuole, realizzando una rete che potrebbe dare una risposta molto più coerente ed efficace ed essere di supporto alle famiglie. C’è però una condizione di fondo che deve essere rispettata - sottolinea il consigliere di Umbertide cambia: il Tavolo non deve essere strumentalizzato dall’Amministrazione per fini politici o elettorali. L’iniziativa sportiva deve condividere una strategia, che è politica, ma nel pieno della libertà di ogni società e di ogni gruppo”.  “Umbertide – afferma ancora Stefano Conti – ha una grande ricchezza in termini di impiantistica e di tradizione sportiva. Ha anche delle eccellenze vere, che debbono però rappresentare la punta dell’iceberg che sta sotto e che è la vera, solida base del movimento sportivo. Appunto l’attività giovanile. Altrimenti si rischia di buttare impegno, sacrifici sportivi e denari su avventure che dopo pochi anni finiscono, lasciando un vuoto”.   Umbertide cambia

29/01/2015 09:21:25

Notizie » SLIDER Memoria e Ricordo ad Umbertide

Umbertide si appresta a commemorare la Giornata della Memoria, che ricorre il 27 gennaio, e il Giorno del Ricordo, che viene celebrato il 10 febbraio. Il Comune di Umbertide e l'Accademia dei Riuniti hanno infatti promosso due iniziative che si terranno presso il Museo Santa Croce, due momenti per riflettere, attraverso proiezioni e letture, sugli orrori della guerra, sulla violenza e sull'odio per fare in modo che tutti, specie le nuove generazioni, possano imparare dagli errori commessi nel passato e contribuire a costruire un mondo migliore. Si inizia con la Giornata della Memoria, istituita dal Parlamento italiano il 20 luglio 2000 per commemorare le vittime del nazismo, del fascismo e dell'Olocausto; martedì 27 gennaio alle ore 18  andrà in scena lo spettacolo “Per non dimenticare”, a cura dell'attore Claudio Carini. Martedì 10 febbraio invece, in occasione del Giorno del Ricordo istituito il 30 marzo del 2004 in memoria del dramma delle Foibe e dell'esodo giuliano-dalmata, sempre alle ore 18 l'attore Amato Barbagianni presenterà lo spettacolo “Gli orrori della guerra”. “Non si tratta di mere commemorazioni ma di due momenti veri di riflessione su un passato non poi così lontano – hanno affermato il sindaco Marco Locchi e l'assessore alla Cultura Raffaela Violini – Ricordare è un dovere e lo è ancora di più quando ci porta a riflettere sul nostro passato e sugli orrori commessi con l'Olocausto e con le Foibe, perché solo così possiamo comprendere meglio il nostro presente e contribuire a costruire una società basata sui valori della pace e della solidarietà”. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. 

23/01/2015 12:30:18

Notizie » SLIDER Arrestato il grossista della droga in Alto Tevere

I carabinieri della Tenenza di Sansepolcro, al termine di un’operazione antidroga condotta con il supporto dei militari della Compagnia di Città di Castello, hanno tratto in arresto una persona per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e indagato in stato di libertà due suoi pusher. Si tratta di un 38enne tifernate che, nel corso di una perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di un consistente quantitativo di hashish. Da circa quattro mesi i militari biturgensi monitoravano i movimenti del 38enne in quanto ritenuto il grossista dei pusher di “fumo” nell’Alta Valle del Tevere. In particolare da quando, nello scorso mese di settembre, avevano tratto in arresto in San Giustino un 26enne campano  per detenzione ai fini di spaccio di circa centocinquanta grammi di hashish. La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia, convenendo con le risultanze investigative dell’Arma biturgense, aveva emesso a suo carico un decreto di perquisizione locale e personale per la ricerca di sostanze stupefacenti. Alle prime luci dell’alba i carabinieri hanno bussato alla porta del 38enne, sita in Città di Castello, per dare esecuzione al provvedimento ma, poiché l’uomo tardava ad aprire, erano costretti a fare irruzione nell’abitazione, giusto in tempo per evitare che l’uomo si liberasse di due panetti di hashish, del peso di circa duecento grammi , gettandoli dalla finestra. Nel corso della perquisizione i militari operanti rinvenivano, inoltre, un bilancino di precisione, due coltelli con la lama sporca di hashish e circa quattromila euro  in banconote di vario taglio. Ai polsi del 38enne, che in passato aveva già riportato tre condanne definitive per analogo reato, sono quindi scattate le manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In esecuzione del medesimo decreto, sempre nella città tifernate, sono state eseguite perquisizioni presso le abitazioni di due pusher, collegati alla persona arrestata, che sono stati indagati in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di alcuni grammi di hashisc. Nell’odierna mattinata il Tribunale di Perugia ha convalidato l’arresto e, avendo l’avvocato difensore chiesto i termini a difesa, ha rimesso in libertà l’arrestato, imponendogli l’obbligo di presentazione alla P.G. con cadenza bisettimanale.

17/01/2015 14:55:44

Notizie » SLIDER Studenti da tutta Europa al Centro Mola Casanova

Il Centro di educazione ambientale Mola Casanova è stato protagonista del progetto europeo Comenius “Sunny sustainability” che ha visto studenti provenienti da Germania, Turchia, Finlandia, Slovenia ed Italia partecipare ad attività ed esperienze all'insegna della sostenibilità ambientale. Per due giornate il centro ha ospitato il numeroso gruppo internazionale composto da 25 studenti della scuola media e 25 studenti della scuola superiore, accompagnati da 15 tra insegnanti e dirigenti scolastici. Il progetto ha consentito di approfondire il tema dello sviluppo consapevole, dall’efficienza energetica abitativa alle energie rinnovabili (idroelettrico, geotermico, solare ed eolico). La comunicazione avveniva attraverso l'inglese, a dimostrazione di come la progettazione Europea sia importante non solo per approfondire argomenti specifici, ma anche perché stimola gli studenti a comunicare utilizzando la lingua inglese. Nelle due giornate all'insegna della sostenibilità ambientale, gli studenti tedeschi, sloveni, turchi, finlandesi ed italiani hanno potuto fare un tuffo nel passato, riscoprendo l'antica tradizione dei mulini ad acqua per la produzione di farina, oltre a partecipare ad esperimenti, prove e laboratori. Il progetto Comenius “Sunny sustainability” non si concluderà con la visita al Centro Mola Casanova ma proseguirà nella promozione tra gli studenti della consapevolezza del cambiamento climatico, del futuro sostenibile e della responsabilità nei confronti dell’ambiente, non trascurando la collaborazione tra pari e la cittadinanza attiva.

15/01/2015 18:49:10

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy