Attualità » Primo piano Occupazione e imprese: gli impegni dell'Amministrazione comunale di Umbertide

Il Comune come motore attivo e volano di sviluppo per la ripresa economica di Umbertide. E’ l’impegno assunto dall’Amministrazione Comunale ed inserito nelle linee programmatiche della legislatura 2014-2019 illustrate dal sindaco Marco Locchi nel corso dell’ultima seduta di consiglio comunale. Obbiettivo primario l’individuazione di nuovi strumenti di finanziamento per le imprese; da anni infatti l’Amministrazione interviene con uno specifico capitolo di bilancio ma è necessario fare di più, puntando su nuove fonti di finanziamento e su collaborazioni con soggetti quali Regione, Sviluppumbria ed istituti di credito. In merito alle banche, l’Amministrazione è intenzionata a chiedere interventi concreti quali ad esempio il taglio sui costi dei servizi, ma sarà fondamentale anche promuovere sinergie con i vari livelli istituzionali al fine di promuovere momenti di incontro e dibattito tra istituzioni, banche e mondo delle imprese. Nei piani dell’Amministrazione Comunale c’è poi anche lo sviluppo di forme innovative di imprese, attraverso la realizzazione di un incubatore, che possa agevolare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro;  si tratta nello specifico di un centro di sviluppo di idee imprenditoriali che agirà in stretto collegamento con le scuole, ed in particolare con l’istituto superiore “Leonardo Da Vinci” dove già da tempo opera con successo lo Sportello per l’imprenditoria giovanile, e le imprese del territorio, favorendo la ricostruzione del tessuto imprenditoriale locale e contribuendo a creare nuove realtà che sappiano legare tradizione ed innovazione. Sempre per favorire le imprese, nel programma di mandato è prevista l’attivazione in tempi rapidi della banda larga al fine di favorire l’accesso ad internet, e verrà approfondita la possibilità di poter usufruire delle varie forme di finanziamento previste dal bandi europei. Sul fronte del commercio inoltre per l’Amministrazione si vince se si fa sistema, quindi sarà necessario promuovere un percorso di forte innovazione della qualità del prodotto e delle tecniche di marketing, introdurre voucher tra varie attività, promuovere iniziative periodiche che sappiano attirare potenziali acquirenti e favorire la nascita di siti internet cooperanti e continuamente aggiornati.

02/09/2014 19:33:10

Attualità » Primo piano Umbertide: stage in corso per gli studenti del liceo Da Vinci

Sono in corso gli stage formativi dei ragazzi risultati vincitori del concorso “Lavoro sì, ma come?” organizzato dal Tavolo per l’imprenditoria giovanile, iniziativa promossa dal Comune di Umbertide, in collaborazione con Sviluppumbria, CIA, CNA, Confartigianato, Confesercenti, Confcommercio e Confindustria. L’iniziativa era rivolta agli studenti delle classi quarte dell’istituto “Leonardo da Vinci” di Umbertide  che, divisi in quattro gruppi, sotto il coordinamento di Aldo Manuali in rappresentanza del Tavolo per l’imprenditoria giovanile, sono stati chiamati ad elaborare un business plan in cui sviluppare la propria idea imprenditoriale.  Le idee vincitrici sono risultate essere “Il foro”, che si è classificata al primo posto, e “Di tutto di più”, che si è classificata seconda. La prima riguarda la ristrutturazione e il rinnovamento dei locali della Piattaforma, la seconda la realizzazione di un mercatino dell’usato che sfrutta le incredibili potenzialità delle più moderne piattaforme multimediali. I sette ragazzi vincitori del concorso – Giulio Ciocchetti, Niccolò Beccatini, Edoardo Torrioli, Michele Lucaccioni, Dario Pannacci, Nicola Ruiu, Alexander Piccioni - hanno quindi avuto la possibilità di partecipare a stage formativi retribuiti, in corso di svolgimento. Quattro ragazzi stanno effettuando lo stage presso l’Informagiovani, uno presso l’ufficio stampa del Comune di Umbertide, uno presso il centro per le energie rinnovabili “Mola Casanova” e uno presso lo Iat.I ragazzi si dicono soddisfatti dell’iniziativa e soprattutto dell’importante ponte che si è venuto a creare tra scuola e mondo del lavoro.

02/09/2014 19:29:17

Attualità » Primo piano La cavallina albina alla Mostra del Cavallo di Città di Castello

La cavallina “albina” sarà ospite della 48^ Mostra Nazionale del Cavallo di Città di Castello, che si terrà dal 12 al 14 settembre alla Fattoria Autonoma Tabacchi di Cerbara. Dopo il mini-tour nei principali ippodromi del trotter estivo, la cavallina “bianca”, unica in Europa pronta a scendere in pista, farà passerella, sabato 13 settembre, anche alla manifestazione tifernate. Ad accompagnarla saranno il proprietario, il noto allevatore di cavalli da trotto di Assisi, Sergio Carfagna, padre Danilo Reverberi, frate francescano, vero e proprio “team manager” della scuderia. La cavallina “albina”, che sta facendo letteralmente impazzire il “web” e sta mobilitando la scienza a livello internazionale, guadagnandosi prime pagine su quotidiani nazionali e Tg, sarà protagonista, assieme a “mamma” Melodiass (il papà è Gruccione Jet, come la madre trottatore di lungo corso), di una giornata in Mostra accanto ai mille splendidi esemplari di tutte le razze che sono iscritti quest’anno alla rassegna. Ora anche la scienza si occupa della cavallina “albina”, nata fra lo stupore generale lo scorso 4 aprile nell’allevamento di Sergio Carfagna ad Assisi, in uno scenario mozzafiato ai piedi della Basilica di San Francesco. Rincorsa dai media di tutta Europa (anche siti web americani specializzati si stanno facendo avanti), corteggiata come una star dagli ippodromi che la vogliono in pista per una passerella, omaggiata da continue visite di famiglie e bambini in scuderia, la cavallina “bianca” è seguita con scrupolo e attenzione, da mesi, dallo staff del professor Maurizio Silvestrelli, ordinario per la “Zootecnia generale e miglioramento genetico”, presso la facoltà di Medicina e Veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia e direttore del Centro Studi del Cavallo Sportivo, riferimento nazionale per tutto il settore allevatoriale e per il mondo delle corse. “La puledra bianca nata ad Assisi è un caso raro ed unico nella razza del Trottatore Italiano”, spiega Silvestrelli, che evidenzia come “i cavalli bianchi nascono, raramente, in tutte le razze, ma, per i Trottatori a livello internazionale, sono riportati solo due casi nello Standardbred: una femmina nata nel 1998 in Ontario (Canada) e un maschio nato il 6 maggio 2012 nel New Jersey (USA)”. “La definizione di bianco nel cavallo – prosegue il professor Silvestrelli - è molto spesso utilizzata in maniera errata in quanto, nella stragrande maggioranza dei casi, viene comunemente definito bianco un cavallo che in realtà è grigio”. “La confusione nasce dal fatto che spesso si focalizza l’attenzione solo sulla presenza di peli bianchi diffusamente distribuiti sull’animale: ciò è fortemente limitativo e fuorviante”. “Nel caso della cavallina di proprietà dell’allevamento di Sergio Carfagna – puntualizza l’esperto - il gene candidato ad essere il responsabile del colore del mantello è il KIT”. “I ricercatori del Centro di Studio del Cavallo Sportivo del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia stanno testando le diverse mutazioni, utilizzando le innovative tecniche molecolari che richiedono la massima precisione ed attenzione e comportano quindi tempi piuttosto lunghi di analisi”, conclude Silvestrelli. “Ho accettato subito il cordiale invito del Presidente della Mostra nazionale del cavallo, Fausto Bizzirri – ha precisato Carfagna – essere in questa prestigiosa manifestazione con la cavallina bianca, che sta diventando il simbolo della rinascita dell’ippica e dell’allevamento, è motivo di orgoglio e soddisfazione”. “L’allevamento umbro non teme confronti, siamo pronti a fare la nostra parte con l’aiuto delle istituzioni e delle associazioni di categoria”, sottolinea Carfagna. Particolare curioso: la cavallina “bianca” avrà lo stesso paddock e la medesima sistemazione logistica che furono riservati due anni al mitico “Varenne”, il “Capitano”, che alla Mostra di Città di Castello registrò un vero e proprio bagno di folla.

31/08/2014 20:30:57

Attualità » Primo piano Furto al CVA di Calzolaro

Nella notte tra domenica 24 e lunedì 25 settembre si è verificato un furto ai danni del Cva di Calzolaro. Ignoti sono entrati all’interno della struttura gestita dalla Pro Loco, centro di aggregazione e socializzazione e punto di riferimento per gli abitanti della frazione umbertidese nonché cuore della Sagra del Pesce che si svolge ogni anno nel mese di giugno, ed hanno trafugato un’ingente quantità di materiale da cucina, compresi friggitrice, affettatrice, fornelli, impianto stereo, oltre a padelle, coltelli e molto altro ancora, causando danni economici ingenti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Umbertide per i rilievi del caso. “Siamo amareggiati per quanto accaduto – hanno spiegato il presidente della Pro Loco Francesco Cenciarini e la popolazione di Calzolaro – si tratta del secondo furto a danno del Cva; sono sette anni che i volontari della Pro Loco e gli abitanti di Calzolaro si danno da fare per attrezzare al meglio la cucina del cva, dove ogni anni si svolge la Sagra del pesce, ma il furto della scorsa notte ha vanificato tutti i nostri sforzi. Oggi ci ritroviamo senza più nulla, a dover far fronte alle tante prenotazioni per i prossimi mesi del Cva, punto di riferimento non solo per l’organizzazione della Sagra del pesce ma anche per feste e cerimonie private e soprattutto per lo svolgimento di recite scolastiche da parte degli istituti di tutto il comprensorio e per iniziative di beneficenza visto che la struttura viene messa a disposizione gratuitamente per l’organizzazione di tali eventi. E’ un grande dolore vedere gettato al vento l’impegno di tante persone che lavorano per il bene della comunità”.

26/08/2014 19:46:35

Attualità » Primo piano Umbertide: 34enne in stato confusionale rintracciato dai Carabinieri e sottoposto a TSO

Un cittadino italiano di 34 anni, originario e residente in Piemonte, è stato rintracciato ad Umbertide dai Carabinieri della locale Stazione e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio. Erano circa le 15 quando un cittadino ha segnalato una persona sospetta a bordo di un’autovettura di colore scuro. La pattuglia di Carabinieri in un primo momento non è riuscita a rintracciare il veicolo. Dopo un paio d’ore i militari hanno notato l’auto segnalata in località Olivello ed hanno intimato al conducente di fermarsi. Questi, per tutta risposta, si è dato alla fuga venendo però dopo poco raggiunto e bloccato. Non appena i Carabinieri si sono avvicinati al veicolo, convinti magari di trovarsi davanti un malvivente, hanno invece subito compreso che il conducente era un soggetto con evidenti difficolta psichiche il quale, tra l’altro, si rifiutava di scendere dall’auto minacciando di gettarsi in un dirupo poco distante. Soltanto dopo un bel po’ di tempo i Carabinieri sono riusciti a distrarlo ed a calmarlo, parlando con lui di calcio e di altri argomenti. Alla fine il 34enne ha assecondato i militari. Subito prima di affidarlo alle cure di personale sanitario del 118, nel frattempo intervenuto sul posto insieme ad altre pattuglie dell’Arma, l’uomo ha però avuto un altro momento di follia mettendosi a correre in direzione del dirupo. Fortunatamente i Carabinieri sono stati più veloci e lo hanno definitivamente bloccato. Nel corso della perquisizione i militari hanno rinvenuto e sequestrato circa 5 grammi di hascisc, motivo per il quale il 34enne sarà anche segnalato alla Prefettura della provincia di residenza. Non si conoscono i motivi per i quali l’uomo si trovava in Umbria. I suoi familiari, contattati dai Carabinieri, lo credevano a Milano, dove sembra lavorare come consulente informatico.

25/08/2014 14:18:35

Attualità » Primo piano Umbertide: giovane cade da muro mentre scappa dai Carabinieri

Un giovane albanese di 22 anni è ricoverato presso l’ospedale di Città di Castello con 25 giorni di prognosi in seguito alla frattura scomposta di tibia e perone, procuratasi nel tentativo di sfuggire ai Carabinieri che lo stavano inseguendo. Il fatto è accaduto un paio di notti fa ad Umbertide. Una pattuglia di militari della locale Stazione, nel corso dei consueti servizi perlustrativi, verso le 03.00, transitando in una strada del centro, hanno notato una persona nascosta tra due autovetture parcheggiate. I militari hanno immediatamente fermato la marcia ed il capoequipaggio è sceso per bloccare la persona. Costui, oramai scoperto, alla vista dei Carabinieri si è dato alla fuga a piedi, inseguito a poca distanza dai militari. Dopo alcune centinaia di metri il giovane, vistosi quasi raggiunto, nel tentativo disperato di sottrarsi alla cattura non ha esitato a lanciarsi da un muro alto circa tre metri. La caduta è stata però disastrosa ed il fuggitivo è rimasto a terra. Soccorso dagli stessi Carabinieri, e successivamente dal 118, è stato trasportato presso il pronto soccorso di Umbertide ove, come detto, gli è stata riscontrata la frattura scomposta di tibia e perone venendo successivamente trasferito e ricoverato a Città di Castello. Le indagini dei militari hanno consentito di appurare che il 22enne, da poco in Italia, è senza fissa dimora. Quando è stato sorpreso dai Carabinieri, con tutta probabilità era in procinto di commettere un furto in danno di un’autovettura in sosta o presso uno dei numerosi negozi presenti nel centro di Umbertide. Dovrà rispondere di resistenza a pubblico ufficiale.

13/08/2014 13:26:46

Attualità » Primo piano San Giustino: donna aggredisce carabinieri, arrestata

Una donna di 35 anni, straniera residente in provincia di Arezzo, ma titolare di un’attività commerciale a San Giustino, è stata arrestata sabato pomeriggio dai Carabinieri della locale Stazione. I militari stavano effettuando un normale controllo all’esercizio pubblico e, in tale contesto, hanno identificato le persone che si trovavano all’interno. Tra questi vi era anche il fratello della proprietaria, un 40enne. Da un veloce controllo è emerso che l’uomo aveva una pendenza di natura amministrativa, relativa al suo permesso di soggiorno. Per tale motivo i Carabinieri lo hanno invitato a seguirlo in caserma per notificargli l’atto. La commerciante probabilmente ha pensato che i militari lo stessero arrestando, nonostante le spiegazioni e le rassicurazioni degli operanti. In un crescendo di agitazione e di urla la donna ha iniziato a spintonare i Carabinieri fino a quando l’uomo, approfittando del fatto che i Carabinieri erano alle prese con la sorella, ha pensato bene di darsi alla fuga. La 35enne a questo punto è stata definitivamente bloccata ed arrestata con l’accusa di resistenza e violenza a Pubblici Ufficiali e condotta prima in caserma e successivamente presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari. I successivi e più approfonditi accertamenti sul conto dell’uomo fuggito, incensurato, hanno confermato che l’unica pendenza a suo carico era la notifica dell’atto amministrativo, che avrebbe soltanto comportato pochi minuti di permanenza negli uffici dell’Arma. Questa mattina la commerciante è stata tradotta presso il Tribunale di Perugia. Al termine del processo il Giudice ha convalidato l’arresto condannandola a sei mesi di reclusione, con pena sospesa.

11/08/2014 14:07:37

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy