Notizie » Società Civile Corso per Assistente familiare all'Istituto Prosperius di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo Irecoop impresa sociale e l'Istituto Prosperius Tiberino, con il patrocinio del Comune di Umbertide, organizzano ad Umbertide il primo corso di formazione propedeutico all'acquisizione delle competenze previste per la qualifica di Assistente Familiare.  Il corso, presentato alla stampa, ha una durata di 60 ore ed è aperto a tutti, per formare persone in grado di supportare una persona non autosufficiente, sia essa anziana, disabile o portatrice di patologie invalidanti. Il corso è propedeutico all'acquisizione dell'attestato di qualifica di Assistente Familiare, una figura ormai indispensabile per l'assistenza all’interno di strutture sanitarie ed assistenziali, ma anche nelle cooperative ed in famiglia.  Il corso si svolgerà presso l'Istituto Prosperius Tiberino, a partire dal mese di ottobre, e terminerà entro l'anno corrente. Le lezioni si svolgeranno il venerdì ed il sabato, per poter essere frequentate non solo da persone di tutte le età ed in cerca di una occupazione, ma anche da chi un lavoro lo ha, per migliorarlo, specializzarsi o cambiare attività avvicinandosi al mondo dell'assistenza. Per il sindaco di Umbertide Marco Locchi, l'avvio del corso può rappresentare l'inizio di una attività formativa, che presto potrebbe portare in città altri corsi di formazione nell'ambito socio-sanitario, con l'obiettivo di far diventare la città un luogo di riferimento per la formazione professionale in ambito socio-sanitario. Per Carlo Di Somma, presidente di Irecoop impresa sociale, la partnership tra Irecoop ed una prestigiosa realtà come l'Istituto Prosperius Tiberino, non può che rappresentare il giusto connubio per realizzare una formazione concreta ed in grado di esercitare con competenza le funzioni assistenziali, in ogni contesto. Il corso si avvarrà della docenza di competenze esperte nel settore sanitario, quali il Dr. Stefano Cencetti, già Direttore Generale di Aziende Sanitarie, ed il Dr. Aviano Rossi, che collabora con diversi atenei del paese, come docente nell'ambito delle professioni sanitarie. Per informazioni sul corso, è possibile contattare Irecoop ai seguenti recapiti: telefono 075-36091, mail irecoop.umbria@confcooperative.it.   

07/07/2017 12:53:34 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Gli studenti della scuola ''Di Vittorio'' di Umbertide alla scoperta del Kenya

Un po' di Africa ha accompagnato tutto il percorso educativo-didattico delle classi III A e III B della scuola Primaria Di Vittorio che quest'anno hanno incentrato i loro laboratori sul tema del viaggio: reale o virtuale che sia, infatti, esso è fautore di cambiamento, capace di mutare la stessa identità del viaggiatore. Il viaggio, si sa, permette di vivere emozioni diverse, avventure, scoperte, cambiamenti. Si parte sempre carichi di emozioni anche contrastanti: attese, paure, desideri, incertezze. Si arriva sempre cambiati, diversi. Viaggiare è occasione di esperienza, ma soprattutto possibilità di arricchimento delle conoscenze, di relazione con gli altri, con culture anche molto distanti dalle nostre. Così, in quest'ottica è stato pensato un itinerario in cui gli alunni hanno potuto intraprendere un bellissimo viaggio in Kenya e, precisamente, nel paese di Barpello, nella regione dei Pokot, ma senza mai uscire dalle proprie aule, guardando questo luogo con gli occhi di Gaia, una ragazza di 19 anni che ha soggiornato in questa bellissima e incontaminata terra. Con lei e con i bambini kenioti infatti gli alunni delle classi III hanno tenuto durante l'intero anno scolastico, un rapporto epistolare, mediante il quale hanno potuto soddisfare tutte le proprie curiosità, conoscerne usi e costumi, individuare somiglianze e differenze culturali. Il percorso si è concluso con la visita a scuola di Gaia che, tornata a casa dopo sei mesi trascorsi in Kenya dove ha insegnato matematica nelle classi quarta, quinta e sesta della Barpello Primary School, ha voluto raccontare la sua esperienza, mostrando agli amici di penna della Di Vittorio, numerose foto e due video particolarmente interessanti, come raccontato da alcuni bambini: "Siamo rimasti molto colpiti dai video che Gaia ha proiettato. Il primo mostrava dei bimbi che scavando nel letto di un fiume asciutto e sabbioso, trovavano l'acqua, pochissima e gialla, del colore della nostra aranciata, ma per loro, che vivono molti periodi di siccità, era fresca e gradevole. Nell'altro video, più allegro, si vedevano tutti gli abitanti di Barpello che, vestiti a festa con colori sgargianti, cantavano e ballavano per celebrare il Natale". L'incontro si è concluso con la realizzazione di maschere, imitando modelli di legno della cultura africana e utilizzando carte colorate e le paillettes.

22/06/2017 12:30:36 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile La Banda musicale di Umbertide porta gioia a Preci

Preci è un comune danneggiato dai recenti eventi sismici, messo in ginocchio, spopolato. I suoi beni più preziosi sono stati trasferiti dalla soprintendenza in posti più sicuri: tra questi anche la statua del suo santo patrono, la Madonna della Pietà. Ma la tenace gente umbra non rinuncia ai propri valori, alle tradizioni della sua terra. Domenica 11 giugno la Banda Città di Umbertide ha spezzato il silenzio tra le macerie, animando la festa patronale e regalando un momento di serenità alla popolazione afflitta. La mattinata è iniziata con una sfilata per le vie del paese, precisamente nella zona bassa ancora agibile, subito seguita dalla santa messa in onore della Madonna della Pietà. All’interno di una chiesa tendone hanno presenziato in fascia tricolore il sindaco di Preci Pietro Bellini e il sindaco di Umbertide Marco Locchi, insieme ai rispettivi gonfaloni comunali: con l’occasione è nato infatti un gemellaggio per dare sostegno e aiuto al territorio preciano. Si è poi saliti verso il borgo storico, il cuore del centro cittadino, luogo divenuto impraticabile e deserto. Dopo lo sguardo a distanza della zona rossa, si è passati al pranzo, momento di convivio a base dei sapori locali. Strangozzi fatti a mano, norcinerie varie, tartufo, cinghiale: tra brindisi e canti si è ristabilito il buon umore. A seguire il concerto, dove il maestro Galliano Cerrini ha messo in campo il miglior repertorio da piazza, con una formazione bandistica che ha saputo intrattenere e coinvolgere il pubblico con professionalità, ma soprattutto con il cuore. Quindi c’è stato uno scambio di doni tra i sindaci, tra la Banda e l’organizzazione della festa. Il presidente locale Messi ha deciso infatti di contattare la Banda di Umbertide a seguito della visione di un servizio televisivo, dove era rimasto colpito dall’energia e dalla vivacità di questo complesso. Missione “festa patronale” portata a termine: grazie alla musica è stato donato un momento di gioia alla gente di Preci.

15/06/2017 16:07:49 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Servizi comunali per la prima infanzia, aperte le iscrizioni

Riceviamo e pubblichiamo L'Ufficio Servizi scolastici del Comune di Umbertide informa che fino al 30 giugno è possibile presentare la domanda di iscrizione al nido d'infanzia comunale e al centro bambini comunale per l'anno educativo 2017/2018. La domanda deve essere presentata presso l'Ufficio Protocollo dell’Ente.  “Quelli della Prima infanzia sono servizi fondamentali verso i quali l’Amministrazione Comunale ha sempre posto la massima attenzione e ciò è dimostrato dal fatto che anche per quest’anno abbiamo deciso di mantenere invariate le tariffe – ha affermato l’assessore all’Istruzione Cinzia Montanucci – Offrire alle famiglie umbertidesi un ampio ventaglio di possibilità per la gestione dei propri figli è senza dubbio un segnale importante di attenzione verso la comunità”. Le famiglie interessate ai Servizi comunali per la prima infanzia possono ritirare l’apposito modello di domanda presso l'Ufficio Istruzione del Comune (2° piano della Residenza comunale) o scaricarlo dal sito istituzionale dell’Ente www.comune.umbertide.pg.it (sezione servizi e uffici/procedimenti e modulistica/servizi scolastici). Le domande di iscrizione pervenute in tempo utile saranno poi collocate in tre distinte graduatorie (piccoli, medi e grandi), strutturate secondo i criteri fissati dal Regolamento comunale che tengono conto delle condizioni economiche delle famiglie, della composizione del nucleo familiare e della condizione lavorativa dei genitori. I posti disponibili verranno assegnati per scorrimento sulla base delle graduatorie formulate. Ulteriori informazioni potranno essere richieste al personale dell'Ufficio Istruzione aperto nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30 e di martedì e giovedì dalle ore 15.30 alle ore 17.30 (tel. 075 9419225-224).  

14/06/2017 20:20:26 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Cittadino parlante: ''Nessun caso di inciviltà, ma un disservizio''

Un nostro concittadino ha contattato la redazione in merito al presunto caso di abbandono di un rifiuto ingombrante (divano). Il proprietario dell'oggetto ci ha contattati per riferirci che il ritiro del rifiuto era stato prenotato, ma poi non era stato eseguito dagli addetti. Il divano è stato poi ritirato con una settimana di ritardo. Questa la lettera alla nostra redazione. Riceviamo e pubblichiamo Salve, comunico alcune precisazioni riguardanti il presunto caso del divano abbandonato! Detta notizia è apparsa sulla pagina Facebook della Vostra rivista! Innanzitutto non siamo di fronte a nessun caso di abbandono ma il divano è stato appoggiato lì per essere normalmente ritirato e smaltito da Gesenu così come indicato sui propri volantini! A prova di ciò pubblicherò evidentemente adesso stesso la mail che ho inviato per quanto riguarda la comunicazione a Gesenu! Così recitava la mia mail datata 29 maggio 2017, ore 09:33! Salve, desidero conoscere la data per lo smaltimento di divano usato a due posti, quindi rifiuto ingombrante! Intestatario utenza: Ronconi Mirco Via Roma, 66 Umbertide. Per tutta risposta ricevo sempre via mail il 29/05/2017 ore 09:52! Buongiorno, è prenotato per martedì 6 Giugno da lasciare fuori la sera prima. Grazie Cordiali Saluti. Ovviamente Io ho provveduto a seguire le indicazioni che mi sono state date ma certamente non posso prevedere se detto ritiro sia stato poi effettuato! Mi sembra di essere stato anche abbastanza esaustivo e preciso in quanto ho saputo indicare anche gli orari delle mail di invio e di risposta, e che a tutt'oggi ancora conservo! Ciò detto ritengo che l'offesa di incivile e maleducato non mi tange minimamente, e che piuttosto dovremmo tutti interrogarci su alcuni servizi offerti alla nostra città di Umbertide, da parte di Gesenu. Grazie distinti saluti!  

14/06/2017 12:23:46 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Società Civile Domenica 18 giugno Passeggiata del donatore alla scoperta del borgo di Montemigiano

Riceviamo e pubblichiamo Torna domenica 18 giugno la tradizionale Passeggiata del Donatore, organizzata dalla sezione Avis di Umbertide. Quest'anno donatori e non potranno andare alla scoperta del borgo medioevale di Montemigiano. Il borgo di Montemigiano rappresenta un altro esempio di borgo medievale ed è collocato in posizione predominante sul versante destro della vallata del Niccone. Anticamente era circondato da una possente cinta muraria e da torrioni di cui oggi rimane visibile solo la parte rivolta verso nord dove è ubicata una delle antiche porte di accesso al borgo. La prima notizia del borgo risale al 1210, per una controversia tra il marchese Guido e i figli del marchese Uguccione. Nel 1226 Uberto di Armanno, podestà di Città di Castello e Bernardino di Bugiomonte sentenziarono che Montemigiano doveva riconoscere ogni anno l’autorità di Città di Castello. Negli anni dal 1332 al 1368 il borgo venne coinvolto nelle lotte tra le fazioni che si combattevano per la supremazia nel territorio. Dopo varie vicende, nel 1482 Montemigiano fu occupato ed incendiato dalle truppe papaline e divenne territorio dello Stato Pontificio. Dal 1960 ha avuto inizio il processo di spopolamento che ha portato il borgo in uno stato di semi abbandono e solo grazie ad un pregevole intervento restaurativo privato oggi è possibile ammirare i suoi resti. Per partecipare è possibile iscriversi presso la sede Avis, aperta tutti i giorni feriali dalle 15 alle 18. Per raggiungere il borgo è previsto il parcheggio delle auto presso il cimitero, per poi percorrere l’ultimo tratta di circa 450 metri a piedi, all’ombra delle piante. Solo le persone impossibilitate a camminare potranno raggiungere il borgo in auto, dietro autorizzazione dell’organizzazione. Al termine della visita, è previsto il tradizionale Pranzo del donatore che quest'anno si svolgerà presso il Chiostro e il parco della Chiesa di Santa Maria, per gentile concessione dei frati francescani (pranzo gratuito per i donatori, 10 euro per i non donatori).  

12/06/2017 18:35:10 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy