Attualità » Primo piano Minaccia e picchia i genitori per ottenere i soldi per la droga

Per anni ha minacciato, ingiuriato e aggredito i suoi genitori, ingenerando in loro uno stato continuo di sofferenza psicofisica, con effetti di sconforto, prostrazione e avvilimento, oltre che un perdurante stato di ansia e di paura ed il timore per la loro l’incolumità fisica. E’ finito l’incubo di una famiglia del folignate grazie all’arresto del figlio 37enne, eseguito dai militari della Stazione Carabinieri di Spello, per i reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni personali aggravate. Il provvedimento è stato eseguito in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. di Spoleto su richiesta della Procura a conclusione delle indagini svolte dall’Arma. L’uomo, nullafacente, assuntore di sostanze stupefacenti da oltre quindici anni, per acquistare la droga effettuava continue e sempre più ricorrenti richieste di denaro ai genitori, diventando aggressivo e minaccioso in caso di mancato accoglimento delle sue reiterate pretese. In diversi episodi era arrivato a minacciarli di morte anche con l’uso di coltelli, finanche a cagionare lesioni alla mamma, per le quali la donna aveva fatto ricorso alle cure ospedaliere. Tale condotta sopraffattrice, generatrice di un clima di insano timore e tensione nel contesto familiare, aveva reso la convivenza particolarmente dolorosa ingenerando nei familiari un grave e perdurante stato d’ansia e paura che li aveva portati ad alterare le proprie abitudini di vita e ad adottare, loro malgrado, misure di tutela quale il trasferimento presso l’abitazione dei nonni dell’altro figlio, fratello dell’arrestato. Le denunce dei genitori avevano portato all’emissione delle misure di prevenzione nei confronti del 37enne, ma tali provvedimenti non avevano fatto desistere l’uomo dal continuare a tenere condotte violente nei confronti dei familiari, portando quindi il PM, concorde con le risultanze investigative dei Carabinieri di Spello, a richiedere al G.I.P. di Spoleto la misura cautelare in carcere. Il 37enne è attualmente rinchiuso nella casa di reclusione Spoleto in regime di custodia cautelare e dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni aggravate.

07/04/2017 17:14:43 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Cinque studenti del Campus Da Vinci di Umbertide ambasciatori dell'Onu a New York

Riceviamo e pubblichiamo Sono William Joseph Borruso (5A Liceo delle Scienze Applicate), Veronica Castellani (3A Liceo Economico Sociale), Arianna Tizzi (4B Liceo Linguistico), Ginevra Ciocchetti (4B Liceo Economico Sociale) e Anna Selvi (4B Liceo Linguistico) i cinque alunni, del Campus Leonardo Da Vinci che hanno partecipato all'ambizioso Progetto "Studenti Ambasciatori alle Nazioni Unite" -National High School Model United Nation (NHSMUN) la cui fase finale ha previsto il soggiorno di otto giorni a New York e la partecipazione all'assemblea dell'ONU nella veste di "Ambasciatori". Gli studenti hanno avuto occasione di interagire con i veri delegati ONU al Palazzo di Vetro, proponendo le proprie "risoluzioni" riguardo al paese esaminato, ovviamente in lingua inglese. Per partecipare al Progetto gli alunni hanno sostenuto, all'inizio dell'anno scolastico, un rigoroso test di selezione di Lingua Inglese, livello B2, che ha permesso loro di accedere al percorso di formazione di 30 ore in presenza o in videoconferenza tenute da docenti universitari sulle seguenti discipline: Storia dell'ONU e Relazioni Internazionali, Geopolitica, Inglese Diplomatico, Diritti Umani e Sicurezza Internazionale. Propedeutica all'esperienza newyorkese è stata la simulazione dell'Assemblea ONU che si svolta in un' aula del Parlamento di Roma, dove sono state studiate le problematiche di un paese campione assegnato. Gli alunni, alloggiati all'Hotel Hilton di New York, nella sesta strada del centro di Manhattan, per l'intero periodo dal 13 al 21 marzo, sono stati guidati da personale dell'Italian Diplomatic Academy (IDA) di Verona e dalla Prof.ssa Gianna Nasi, Docente di Inglese del Campus, sia per la preparazione della discussione in assemblea che per le numerose e interessanti visite ai principali siti di interesse della città, compresa la Big Apple. Si può facilmente comprende l'elevato valore formativo del Progetto- inserito tra quelli di eccellenza nel PTOF del Campus- che ha visto impegnati i cinque alunni su più fronti, da quello linguistico (inglese) a quello più specifico delle discipline impartite, a quello della capacità di "public speaking". Al termine dell'esperienza agli studenti è stato rilasciato un importante attestato valido per il credito all'Esame di Stato e sono state riconosciute ore di Alternanza Scuola-Lavoro. Agli alunni vanno i complimenti e le congratulazioni della Preside, dei docenti delle proprie classi e di tutta la comunità scolastica che si è sentita così egregiamente rappresentata in terra americana.

04/04/2017 08:47:06 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy