Attualità » Primo piano Sicurezza ad Umbertide: intensificati i controlli del territorio

Riceviamo e pubblichiamo Proseguono i controlli delle forze dell'ordine finalizzati a rafforzare la sicurezza sul territorio. Tali controlli erano stati definiti e condivisi anche nel corso dell'incontro che si era tenuto lo scorso 26 aprile con il Prefetto di Perugia e il vertice dell'Arma dei Carabinieri in occasione del quale l'Amministrazione Comunale aveva chiesto una maggiore e più continua presenza delle forze dell'ordine con l'obiettivo di prevenire i reati e controllare in maniera più capillare ed efficace il territorio, azioni che sono già iniziate e che continueranno anche in futuro. Come affermato in più occasioni dal sindaco Marco Locchi e dall'assessore alla Sicurezza Paolo Leonardi, quello della sicurezza rappresenta infatti per l'Amministrazione Comunale uno dei temi prioritari e ne sono una dimostrazione i protocolli firmati negli anni, tra cui quello con gli istituti di vigilanza privata e quello contro le infiltrazioni mafiose, gli incontri del Tavolo provinciale sulla sicurezza richiesti dall'Amministrazione, l'installazione delle telecamere di videosorveglianza su punti strategici di Umbertide, l'acquisto di nuovi dispositivi tecnologici che consentono alla Polizia municipale di individuare veicoli rubati o privi di assicurazione e/o revisione. L'Amministrazione sta inoltre lavorando per reperire risorse finalizzate all'installazione di ulteriori telecamere di videosorveglianza e per trovare una soluzione per la Caserma dei carabinieri per rinnovarla o costruirne una nuova e di tale problematica è già stato messo al corrente anche il Ministro degli Interni. Di fronte a tale situazione, certe iniziative come quella in programma per venerdì, appaiono più occasioni per ottenere maggiore visibilità politica da parte di certe forze di opposizione, piuttosto che tentativi di risolvere le problematiche ad oggi esistenti, soprattutto se si considera che le misure richieste da tali forze politiche e sbandierate sulla stampa sono già state messe in atto o avviate dall'Amministrazione comunale. Di certo far passare Umbertide come una città degradata e pericolosa non porta alcun beneficio alla nostra comunità bensì può causare soltanto un grave danno ad una realtà che da anni punta a fare del turismo un volano dello sviluppo locale. Soprattutto certe iniziative sicuramente non contribuiscono ad aumentare la sicurezza sul territorio, obbiettivo che invece questa Amministrazione si è posta già da tempo come prioritario e che sta perseguendo appieno, mettendo in atto tutte le misure possibili, in stretta collaborazione con Prefettura e forze dell'ordine.

11/05/2017 10:00:51 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Umbertide: polizia sequestra 2,5 kg di droga, arrestato 40enne

Gli agenti della squadra mobile di Perugia hanno arrestato un albanese di 40 anni, con regolare permesso di soggiorno e con precedenti per reati in materia di stupefacenti. Il 40enne era sospettato dello spaccio di droga nella zona di Umbertide. I poliziotti si sono appostati nei pressi di un’abitazione dove il sospettato veniva visto entrare ed uscire. Gli agenti hanno così identificato l’uomo che è stato trovato in possesso di circa 1,30 grammi di droga. Nel corso del controllo lo straniero ha mostrato un ingiustificato nervosismo ed è stato ispezionato e trovato in possesso di un modesto quantitativo di una sostanza polverosa. Gli operatori hanno quindi esteso la perquisizione all’autovettura ed all’abitazione. Nell’appartamento usato dall’uomo come dimora, sono stati rinvenuti degli involucri contenenti una sostanza analoga per un peso complessivo pari a circa 2500 grammi. Nell’abitazione, oltre ad un bilancino di precisione, sono state rinvenute banconote per un valore di circa 5500 Euro, probabile provento dell’attività di spaccio. La sostanza rinvenuta nelle tasche e nell’abitazione in uso al fermato, all’esito del narcotest effettuato dalla polizia scientifica, è risultata essere cocaina. L’albanese è stato quindi arrestato in flagranza di reato per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi per accertare da dove provenisse lo stupefacente rinvenuto e a chi fosse destinato. L’arrestato ha precedenti in materia di stupefacenti tra Colfiorito e Foligno, avvenuti tra il 2010 ed oggi. Su disposizione del pubblico ministero, è stato associato alla casa circondariale di Capanne, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

10/05/2017 13:34:11 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy