Attualità » Primo piano Perugia: fermato alla stazione di Fontivegge con 22 ovuli di droga nel corpo

Gli agenti della Squadra Mobile della Polizia di Perugia hanno compiuto un'operazione che ha portato all’arresto in flagranza di reato di un corriere nigeriano dedito all’introduzione, sul territorio perugino, di un consistente quantitativo di droga. Gli agenti stavano controllando i viaggiatori ed i passeggeri delle principali vie di accesso alla città, con particolare riferimento alla stazione ferroviaria di Fontivegge e agli arrivi delle autolinee provenienti da altri grandi centri. Sono stati controllati i soggetti provenienti da Roma e tra essi gli agenti hanno notato uno straniero di origine africana in atteggiamento sospetto. Quest'ultimo cercava, avendo compreso di trovarsi nel corso di un normale controllo di polizia, di eluderlo passando inosservato e dileguandosi. Fermato dai poliziotti, è stato identificato in un quarantenne nigeriano, in regola con il permesso di soggiorno, ma senza un indirizzo né a Perugia né nella città di provenienza del convoglio. Lo straniero è stato quindi accompagnato in Questura per essere sottoposto ad un'accurata perquisizione e lì, non potendo fare diversamente, ha ammesso di essere un trasportatore di droga e di aver ingerito diversi ovuli contenenti eroina. Le dichiarazioni del fermato hanno trovato immediato riscontro in quanto lo stesso ha evacuato i primi ovuli, trattenuti per un lungo viaggio. I successivi accertamenti ospedalieri hanno consentito di individuare ulteriori corpi estranei nel tratto intestinale, che sono stati poi espulsi nel corso del suo ricovero. All’esito del narcotest effettuato sulla sostanza confezionata e trasportata, il nigeriano è stato arrestato e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato successivamente tradotto nel carcere di Capanne. La droga sequestrata ha un peso complessivo di circa 240 grammi, suddivisa in ben 22 ovuli termosaldati. Sono stati avviati gli approfondimenti investigativi volti ad accertare la provenienza della droga ed i destinatari.

09/07/2017 12:07:59 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Parco La Fornace: Finint Investments SGR dà il via all'intervento di housing sociale a Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo Saranno disponibili 85 alloggi nell’ambito del programma di housing sociale del Fondo Uni HS AbitaRE da destinarsi a giovani coppie, anziani e nuclei monoparentali Il Fondo Uni HS AbitaRE gestito da Finint Investments SGR ha sottoscritto un Protocollo di Intesa con il Comune di Umbertide per la realizzazione di alloggi di social housing presso il complesso La Fornace, nella zona a nord-ovest del Comune . Il Fondo Uni HS AbitaRE ha acquisito il Complesso La Fornace lo scorso 9 giugno e le attività di messa in sicurezza dell’immobile, per molto tempo rimasto in stato di abbandono, sono state avviate il 12 giugno. Il progetto prevede la realizzazione di 85 alloggi sociali, attraverso il riutilizzo degli immobili esistenti, da destinarsi prevalentemente alla locazione a canone calmierato e alla vendita convenzionata previa definizione di specifici criteri per l’assegnazione che tengano conto della capacità economica e della situazione soggettiva dei richiedenti (giovani coppie, single, lavoratori, anziani, nuclei monoparentali etc.) Sulla base delle esigenze che saranno espresse da potenziali operatori locali, parte delle unità abitative potranno essere destinate a residenza temporanea e affitti brevi. E’ previsto inoltre uno spazio commerciale di media superficie e spazi da destinarsi ad uffici o co-working, mentre le villette a schiera indipendenti verranno destinate alla vendita sul mercato libero. Oltre agli alloggi saranno realizzati degli spazi comuni destinati all’integrazione e alla socializzazione, alla cura della persona e al tempo libero. Uno spazio sarà messo gratuitamente a disposizione degli inquilini, mentre le altre superfici saranno destinate ad accogliere servizi locali urbani a supporto della comunità. Nella parte destinata al verde potranno essere previsti orti condominiali a disposizione degli inquilini a titolo gratuito. Per la gestione degli spazi, il Fondo individuerà un Gestore socio-immobiliare che, oltre a coordinare le attività di ordinaria gestione amministrativa e condominiale, dovrà curare i rapporti con gli inquilini e coordinare le attività comuni, anche con l’obiettivo di rafforzare l’identità e il senso di appartenenza della comunità con un occhio di riguardo alle esigenze del territorio, alle tematiche della sostenibilità e cercando di mettere in rete anche i servizi già presenti nella zona. Il Fondo, dedicato ad investimenti immobiliari di social housing, costituisce una piattaforma di investimento nell’ambito del Sistema Integrato dei Fondi ed è riservato ad investitori istituzionali rappresentati dal FIA - Fondo Investimenti per l’Abitare (gestito da CDP Investimenti SGR e investito da Cassa Depositi e Prestiti) con una partecipazione al 60%. Umbertide, 6 luglio 2017 “E’ un’altra giornata di soddisfazione per i nostri progetti di Housing sociale –- con la sottoscrizione di questo protocollo di intesa si aggiunge un altro tassello al nostro portafoglio di iniziative di housing sociale che in primis sono volte a soddisfare il bisogno abitativo del territorio con progetti di elevato standard qualitativo. Finint Investments SGR ha infatti maturato da diversi anni una consolidata esperienza nel settore del social housing avendo in gestione, altri due Fondi immobiliari dedicati, uno in Friuli Venezia Giulia e uno nella Provincia di Trento, che complessivamente contano oltre 300 alloggi in gestione e altri 300 alloggi in corso di costruzione. “L'Amministrazione Comunale di Umbertide non può che esprimere soddisfazione per l'avvio di un progetto che darà un nuovo volto ad una parte importante della nostra città – ha dichiarato il Sindaco Marco Locchi – Grazie al protocollo sottoscritto con il Fondo Uni HS AbitaRE, il Complesso ex Fornace sarà in grado di rispondere alle esigenze abitative di tante giovani coppie, famiglie monoparentali, anziani e non solo, riqualificando un'area oggi in stato di abbandono. Il protocollo prevede inoltre un ruolo importantissimo del Comune anche nella nuova fase che si apre ora, in particolare rispetto al recupero edilizio ed urbanistico del Complesso Ex Fornace; all'attuazione di un intervento edilizio di elevata qualità architettonica ed efficienza energetica che consegua il simultaneo obiettivo di benessere abitativo e accessibilità all’alloggio; alla promozione di una nuova forma di integrazione sociale attraverso la creazione di spazi per la socialità e la condivisione. Il percorso che ci ha portato oggi alla firma del protocollo è stato lungo e complesso ma grazie all'impegno dell'Amministrazione che ha sempre mantenuto alta l'attenzione sul Complesso ex Fornace e la disponibilità del Fondo Uni HS AbitaRE, siamo riusciti a voltare pagina dando vita ad un progetto di primaria importanza per la città di Umbertide”.

06/07/2017 17:06:42 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Mola Casanova approda in Sicilia

Riceviamo e pubblichiamo Si è appena conclusa l’avventura di Mola Casanova nell’entroterra siciliano. La società Ambienssrl, di Piazza Armerina, infatti, ha invitato i gestori del Parco Mola per intervenire al convegno “La tutela dell’ambiente tra valore etico e mission aziendale”. L’obiettivo era quello diillustrare alla platea la realtàdi Mola Casanovaper creare anche in Sicilia un parco sulla sostenibilità ispirato al nostro. Tutto è nato grazie al web, quando l’Ingegnere Guido Sciuto si è imbattuto nel sito di Mola. Ci ha contattato, è venuto a trovarci, ed ha deciso di prendere Mola Casanova Green Energy Park come punto di riferimento per il suo progetto siciliano. La società Ambiens, infatti, ha intenzione di intraprendere un percorso di sviluppo finalizzato alla promozione della sostenibilità. L’evento del 25 giugno a Piazza Armerina è stato il primo passo di questo percorso, e si è tenuto in occasione della settimana europea della sostenibilità “Sustainable Energy Week – cleanenergy for alleuropeans”. L’Ingegnere Sciuto ha rapporti di lavoro internazionali nell’ambito delle energie rinnovabili e la dimensione Europea non può che fare da sfondo alle attività di promozione e sviluppo legate al progetto. La giornata è iniziata con la cerimonia di inaugurazione della stazione meteorologica di Ambienssrl, essa costituisce il primo step dell’Energy Park Siciliano. A seguire, si è tenuto il convegno che ha visto la partecipazione di illustri relatori fra cui il Professor Rossi dell’Università di Catania che è intervenuto esponendo l’evoluzione del concetto di sostenibilità verso una dimensione che si fonde con un’ecologia di tipo integrale. Fra gli altri interventi, è da ricordare il contributo di Mauro Marani responsabile Enea, che ha promosso la costituzione di una rete di formazione ambientale per la diffusione dell’energia sostenibile e di comportamenti consapevoli. La Dott.ssa Tatiana Roscini e l’Architetto Giuliano Ciocchetti, gestori di Mola Casanova, hanno chiuso l’evento relazionando sulla mission di Mola Casanova, sulle dinamiche di gestione, sulle criticità e sui punti di forza. I partecipanti, con domande e richieste di chiarimenti, hanno dimostrato un vivointeresse verso lanostra realtà umbertidese. A settembre è già fissato un nuovo incontro per continuare il percorso avviato che vede la costituzione di una rete sinergica per lo sviluppo e la diffusione della sostenibilità ambientale ed energetica nel territorio italiano ed europeo.

06/07/2017 12:47:01 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy