Notizie » Società Civile Le classi seconde della Di Vittorio donano un erbario fatto a mano alla Biblioteca Comunale

Un erbario completamente realizzato a mano dai bambini delle classi seconde della scuola Primaria “Giuseppe Di Vittorio” è stato donato dagli stessi alunni e dalle maestre alla Biblioteca comunale di Umbertide, nello specifico al responsabile Paolo Pistoletti, alla presenza dell’assessore all'Istruzione Alessandro Villarini e della vicaria del dirigente scolastico del II Circolo, Antonella Fortuna. Il lavoro è una raccolta ordinata di piante essiccate classificate allo scopo di conoscerne più da vicino e in modo dettagliato le caratteristiche. Le varie fasi della preparazione dei campioni per l'allestimento dell’erbario sono state eseguite con molta cura e hanno interessato l’intero anno scolastico, a partire dal mese di settembre, infatti, i bambini hanno raccolto con le loro famiglie alcune specie di foglie e di fiori, le hanno portate a scuola in bustine di carta per poi essiccarle e pressarle in grandi libri. Gli esemplari sono stati attaccati con delle fascette su grandi fogli, ognuno con una scheda dettagliata in cui sono state riportate tutte le informazioni sulla raccolta, sul nome scientifico e sulle relative caratteristiche. Si è trattato sicuramente di un lavoro certosino di ricerca per questi piccoli studiosi che rientra però in un percorso molto più ampio di conoscenza della flora del territorio dell’Alta Valle del Tevere.  

31/05/2019 18:58:48 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Nuovi giochi per bambini a Pierantonio

Continua la proficua collaborazione tra Amministrazione Comunale, imprese del territorio e realtà locali per il bene dei cittadini umbertidesi. E’ stata inaugurata nel pomeriggio di mercoledì 29 maggio una nuova casetta con scivolo e altalene per bambini all’interno del giardino della scuola dell’infanzia di Pierantonio. L’acquisto del nuovo gioco è stato possibile grazie alla generosità di Steritalia, azienda protagonista della realtà imprenditoriale della frazione, che ha donato alla comunità pierantoniese anche due porte da calcio e altrettanti giochi a molla. Alla cerimonia di inaugurazione, avvenuta nel corso della festa di fine anno scolastico per i bimbi della scuola dell’infanzia, hanno preso parte il sindaco di Umbertide, Luca Carizia, il vicesindaco Annalisa Mierla, l’assessore comunale all’Istruzione, Alessandro Villarini, la dirigente scolastica del I Circolo, Gabriella Bartocci, il parroco di Pierantonio, don Mauro Lironi, rappresentanti di Steritalia, insegnanti e genitori dei piccoli alunni. “Cerchiamo di rispondere ogni volta alle esigenze delle realtà scolastiche presenti nel nostro territorio – ha affermato il sindaco Carizia – Questa era un’occasione importante alla quale dovevamo assolutamente partecipare, perché per la nostra amministrazione le frazioni hanno un grande valore. Il futuro della nostra comunità parte dalle nostre studentesse e dai nostri studenti e proprio per questo, dal momento del nostro insediamento, abbiamo scelto di prediligere le scuole”. “I giochi, a causa di uno stallo amministrativo – ha detto il vicesindaco Mierla - da quasi due anni non erano utilizzati e l’Amministrazione Comunale di Umbertide, grazie a un grande lavoro di squadra, unitamente alla dirigenza del I Circolo e alla parrocchia di San Paterniano, è riuscita a trovare una soluzione più consona alla fruibilità dei giochi, dislocandoli in tutta la frazione comprendendo la scuola dell'infanzia che da decenni non ne riceveva di nuovi”. L'Amministrazione si è fatta dunque carico della messa a terra dei nuovi giochi e della messa in sicurezza del campo adiacente la parrocchia, trasformandolo in un campetto da calcio nel quale sono state installate le due porte. I due giochi a molla invece hanno potuto sostituire quelli rovinati presenti nel parco del Cva di Pierantonio. Nel corso del pomeriggio è stata anche inaugurata la nuova lavagna interattiva multimediale (Lim) che è stata posizionata all’interno di un’aula della scuola dell’infanzia, acquistata con i fondi di istituto e con una cena organizzata dai genitori lo scorso marzo. La dirigente Bartocci ha voluto esprimere parole di ringraziamento a tutte le realtà che si sono impegnate nelle realizzazioni dei progetti.    

31/05/2019 18:54:37 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Lavori estivi per ragazzi, domande aperte dal 27 maggio

Da lunedì 27 maggio a venerdì 14 giugno presso l'Ufficio Informagiovani sono aperte le iscrizioni al progetto "Lavori estivi per ragazzi e ragazze 2019" rivolto ai ragazzi dai 16 ai 20 anni residenti ad Umbertide. L'iniziativa è promossa dall’Amministrazione comunale di Umbertide in collaborazione con le Cooperative Asad, Il Nido dei Pettirossi e Cassiopea e rappresenta un'importante opportunità per i giovani di avvicinarsi al mondo del lavoro in maniera protetta. Il lavorare in luogo pubblico, patrimonio della collettività, stimola infatti nei ragazzi una maggiore sensibilità e cura nei confronti dei beni comuni, troppo spesso oggetto di atti di vandalismo e vilipendio. Il progetto propone un'esperienza formativa che, oltre a permettere ai giovani di misurarsi con il mondo del lavoro, consente loro di prendersi cura della propria città. I posti disponibili sono 21 e i ragazzi saranno impegnati per circa 30 ore ciascuno per un totale di 3-4 settimane percependo un rimborso spese di 150 euro. Al termine del percorso verrà rilasciata l’attestazione per i crediti formativi scolastici. I giovani che intendono partecipare al progetto potranno consegnare la propria domanda, corredata dalla copia del documento di identità e del codice fiscale, a partire da lunedì 27 maggio dalle 16 e fino alle 12 di venerdì 14 giugno , presso l’Ufficio Informagiovani di Umbertide c/o ex Mattatoio via Magi Spinetti 22 (negli orari di apertura del servizio). L’Informagiovani è aperto nei seguenti giorni ed orari: lunedì (16.00 – 18.00); martedì (16.00 – 18.00); mercoledì (9.00 -12.30 e 15.00 -18.00); giovedì (15.00 – 18.00); venerdì (10.00 -12.00).

24/05/2019 16:02:20 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Premiate le scuole del concorso “Save Energy”: Aimet consegna 4.000 euro destinati all’acquisto di materiale didattico

 E’ stata la Direzione Didattica “Bufalini” di San Giustino ad aggiudicarsi il primo posto della sesta edizione del Concorso per le scuole “Save Energy” promosso da Aimet, azienda leader nella fornitura di gas metano ed energia elettrica ad imprese e privati. Nove gli Istituti scolastici - provenienti da Umbertide, Città di Castello, San Giustino e Montone - che hanno partecipato all’iniziativa, rispondendo al tema del concorso “Come dovrebbe cambiare la nostra scuola per essere energeticamente sostenibile”, e ideando soluzioni originali ed innovative per fare della propria scuola una struttura “green” e a basso impatto ambientale. Alla cerimonia di premiazione sono intervenuti l’amministratore unico di Aimet, ing. Patrizio Nonnato, che ha sottolineato l’impegno dell’azienda nel sensibilizzare le giovani generazioni a riflettere sul tema del risparmio energetico e nel sostenere le scuole dei territori in cui opera, e il coordinatore di Aimet Federico Finocchi che ha ricordato il forte legame di Aimet con il territorio che si concretizza in una fitta rete di sportelli territoriali, tra cui il nuovo ufficio di Città di Castello, recentemente trasferitosi nella centralissima via Piero della Francesca. Presenti in sala anche i rappresentanti dei Comuni in cui Aimet offre i propri servizi, per il Comune di Umbertide (che ha patrocinato l’iniziativa) l’assessore Sara Pierucci, per il Comune di San Giustino il sindaco Paolo Fratini, per il Comune di Città di Castello l’assessore Rossella Cestini e per il Comune di Montone il consigliere comunale Chiara Montagnini; a loro l’ing. Nonnato ha consegnato una pergamena al fine di ringraziare le Amministrazioni comunali della loro presenza e della vicinanza alle iniziative promosse da Aimet. Ma i veri protagonisti della giornata sono stati gli studenti che, visibilmente emozionati, hanno illustrato alla platea i progetti per poi attendere con ansia il verdetto finale. Perché, se come ha tenuto a sottolineare l’amministratore unico ing. Patrizio Nonnato, “tutti sono stati vincitori”, alla fine, come per ogni concorso che si rispetti, anche il Save Energy ha avuto la sua classifica. A salire sul gradino più alto del podio, conquistandosi un assegno del valore di 1.200 euro, ex aequo, i bambini della IA e I B della scuola primaria San Giustino con il progetto “Un fantastico risparmio” e i bambini della IVB e VA della scuola primaria di Lama con “Ti spreco di meno”, entrambi afferenti alla Direzione Didattica “Bufalini” di San Giustino; i primi hanno ideato dei veri e propri “paladini” del risparmio energetico, realizzati con materiali di recupero, per diffondere buone pratiche a scuola mentre i secondi hanno realizzato un cortometraggio per sensibilizzare gli studenti a sprecare di meno le risorse energetiche. Si intitola invece “Energetica-mente scuola” il progetto realizzato dagli studenti della IIIA e IIIB dell’Istituto “Alberto Burri” di Trestina, che si sono classificati al secondo posto, aggiudicandosi un assegno da 1.000 euro; gli alunni hanno ipotizzato una serie di interventi da realizzare per fare della propria scuola una struttura a basso impatto ambientale illustrati attraverso un plastico. Al terzo posto (con un assegno da 900 euro) si sono classificati i bambini delle classi quarte della primaria Di Vittorio del Secondo Circolo Didattico di Umbertide con il progetto “Il futuro inizia dalla scuola”, che li ha visti protagonisti di una serie di iniziative finalizzate a realizzare una scuola “green”. Assegno da 900 euro e quarto posto infine per gli studenti della IIIL della scuola secondaria di I grado Alighieri-Pascoli di Città di Castello che con il progetto “A scuola di risparmio” hanno calcolato l’impronta ecologica della propria scuola e diffuso buone pratiche da mettere in atto per ridurre lo spreco di energia. Aimet ringrazia dunque studenti e docenti che hanno preso parte all’iniziativa e invita tutti a partecipare alla prossima edizione del Concorso Save Energy.  

23/05/2019 09:57:39 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Giovedì 16 maggio premiazione del concorso per le scuole “Save Energy 2016”

Hanno immaginato una scuola ecosostenibile, rispettosa dell’ambiente e ad impatto zero gli studenti che hanno partecipato alla sesta edizione del concorso “Save Energy 2019” che si concluderà giovedì 16 maggio con la cerimonia di consegna dei premi, in programma alle ore 10 presso il Centro socio culturale San Francesco di Umbertide, patrocinata dal Comune di Umbertide. “Come dovrebbe cambiare la nostra scuola per essere energeticamente sostenibile” il tema proposto da Aimet, azienda con sede ad Umbertide che si occupa della fornitura di gas metano ed energia elettrica a privati e imprese, che per il sesto anno consecutivo ha promosso il concorso per le scuole, mettendo sul piatto premi in denaro per l’acquisto di materiale didattico per un valore complessivo di 4.000 euro. Nove gli istituti scolastici dell’Alto Tevere, dalle scuole primarie agli istituti superiori, che hanno accettato la sfida, presentando idee innovative e progetti originali, con la vivacità e la freschezza che contraddistingue i più giovani. Giovedì 16 maggio quindi si scopriranno i nomi dei vincitori della sesta edizione. Alla cerimonia di premiazione parteciperà anche l’amministratore unico di Aimet ing. Patrizio Nonnato; sono stati inoltre invitati a partecipare i sindaci dei Comuni altotiberini in cui Aimet offre i propri servizi. “E’ con orgoglio che Aimet e le società del Gruppo Libera Energia tornano a promuovere il concorso Save Energy, diventato un appuntamento fisso per le tante scuole che partecipano all’iniziativa con entusiasmo ed interesse – ha affermato l’ing. Patrizio Nonnato – Attraverso il concorso, abbiamo la possibilità di reinvestire parte degli utili prodotti nei territori in cui operiamo, contribuendo in maniera concreta a sostenere il mondo della scuola e stimolando nelle giovani generazioni una riflessione sul tema del risparmio energetico e dello sviluppo sostenibile”.

15/05/2019 16:21:51 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Torna “La Magnalunga” organizzata da Pro-Loco Umbertide e Slow-Food Alta Umbria

Dopo gli ottimi risultati raggiunti con i ‘’Ristulzini’’ al Mercato della Terra, continuano i progetti targati Slow-Food Alta Umbria e Pro-Loco Umbertide, che fanno un resoconto degli ultimi eventi e annunciano il ritorno de "La Magnalunga" L’aprile umbertidese è stato arricchito da ben 4 appuntamenti con i prodotti del territorio, una grande partecipazione che ha fatto registrare circa 500 assaggi, diversi nuovi associati nelle nostre due realtà, ma soprattutto tante persone che sono state sensibilizzate al cibo buono, pulito, giusto, ma anche tipico, che hanno avuto un motivo in più per partecipare al ‘’rito’’ del mercato del sabato mattina, un’eccellenza di Umbertide e delle sue realtà locali. Con l’arrivo della bella stagione è giunto quindi il momento di annunciare la XXII edizione de ‘’La Magnalunga’’, passeggiata enogastronomica che vedrà esaltata l’accoppiata vincente bellezze e sapori del territorio coniugati assieme. Siamo arrivati al secondo appuntamento consecutivo della manifestazione ad Umbertide, che vede ancora una volta tra gli organizzatori Pro-Loco Umbertide e Slow Food Alta Umbria, ma anche la collaborazione di altre realtà come il Centro Socio-Culturale San Francesco, Slow Food Valtiberina Toscana, insieme ad altri enti ed associazioni, con il patrocinio del Comune di Umbertide. Quest’anno è stata data ancor più importanza all’aspetto ecologico della kermesse, con il tema prescelto ‘’Acqua, bene prezioso’’. Nell’ottica, in linea con le nostre due realtà associative, di ridurre al minimo gli sprechi e l’impatto ambientale nei nostri eventi, al fine di sensibilizzare anche la popolazione a fare lo stesso nel privato, quest’anno saranno ELIMINATE tutte le bottigliette in plastica usa e getta. I partecipanti saranno forniti di una borraccia, riempibile nelle varie postazioni di ricarica lungo il percorso, appositamente organizzate e predisposte grazie all’apporto di Umbra Acque. A proposito di percorso, quest’anno il tragitto, sempre della lunghezza di circa 10km, è stato interamente rinnovato al fine di valorizzare un’altra zona del nostro territorio. Il punto di partenza (e di arrivo) di questa edizione è fissato al CVA di Pian d’Assino, dove, dopo una veloce colazione per partire subito motivati, si darà il via alla passeggiata dalle ore 8.30. Si arriverà poco dopo alla ex Stazione di Serra Partucci della vecchia ferrovia, messa gentilmente a disposizione dai proprietari, dove vi sarà uno spuntino salato all’insegna dei sapori dei ‘’Presidi dell’Altotevere’’ nell’area antistante. Ripresa la marcia si raggiungerà il vero ‘’pezzo da novanta’’ dell’intera giornata. Grazie alla disponibilità di Ranieri Foundation, quest’anno sarà infatti possibile sostare negli spazi esterni dello splendido castello di Civitella Ranieri. Come se non bastasse, tutto questo avverrà in compagnia dei prodotti del ‘’Mercato della Terra’’ di Umbertide. Visto che non tanto i km, ma soprattutto gli spuntini, inizieranno ad entrare in circolo, arriverà il momento di una pausa più leggera e rinfrescante. Questa si terrà al Parco Ranieri, transitando nei pressi della Pineta, vero polmone verde della città, con un rinfresco di frutta e succhi a cura dei ragazzi di Pro-Loco Umbertide. Pensavate fosse finita? In realtà quest’ultima sarà solo una stazione ‘’preparatoria’’ in vista dello sprint finale, che ricondurrà tutto il gruppo al CVA di Pian d’Assino, dove i partecipanti saranno accolti dal pranzo conviviale finale a sorpresa, preparato dalle sapienti mani della Brigata di Cucina C. Petrini di Slow Food Alta Umbria. Insomma, il programma sulla carta è già da solo un incentivo sufficiente convincervi a partecipare alla giornata. Un paio di consigli prima di passare alle modalità di iscrizione. Come già specificato sopra, la passeggiata prevede un percorso di circa 10 km totali. Ciò non deve assolutamente impensierire, perché vi saranno varie soste e l’andatura non sarà di certo quella di una competizione sportiva. Consigliamo però di indossare scarpe ed indumenti comodi. Il percorso non è per niente tortuoso, ma si tratta comunque per lunghi tratti di una passeggiata nella natura, per questo gli organizzatori si riservano dalle responsabilità di eventuali infortuni.  Un altro consiglio è quello di venire preparati, ma questa volta dal punto di vista dell’appetito, perché ci saranno tanti prodotti gustosi da assaporare! Sarà possibile iscriversi alla manifestazione acquistando il biglietto presso ‘’Busatti’’, Locale Take Away, Tabaccheria Anelis, oppure contattando i responsabili di Slow Food Alta Umbria e Pro-Loco Umbertide, a disposizione anche nel corso delle mattinate al Mercato della Terra. I posti disponibili sono LIMITATI a 150 partecipanti, per cui è fortemente consigliato l’acquisto in anticipo. Non resta altro che invitarvi tutti a questa bellissima giornata all’insegna della bellezza del paesaggio del nostro territorio e del mangiar bene, pulito, giusto e locale, con un occhio di riguardo alla natura e per la salvaguardia di un bene imprescindibile per la vita come l’acqua. Per tutto il resto, informazioni e prenotazioni, vi rimandiamo al manifesto ufficiale dell’evento! Ci vediamo domenica 19 maggio!   Slow Food Alta Umbria                                               Pro-Loco Umbertide    

08/05/2019 17:24:44 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile La scuola di Niccone presente al “Mercato della Terra” con i propri prodotti

Come ogni anno la scuola a tempo pieno di Niccone riconferma la propria presenza al “Mercato della Terra” di sabato 11 maggio con i prodotti del progetto "Serra Orto-biologico", laboratorio di interclasse trasversale che vede coinvolti a rotazione gli alunni di tutte le classi e che, nel 2015, ha ripreso piena attività. Nonostante le difficoltà incontrate iniziali, infatti, la volontà di alunni e insegnanti ha avuto il sopravvento e la ripresa è riuscita splendidamente con la produzione di ortaggi in vasi: aglio, cipolle, fave, insalate, pomodori, piante aromatiche e fragole. Ora più che mai, con i tempi che corrono, c’è bisogno di tornare ad esperienze concrete e la creazione di un orto permette ai bambini di fare esperienze di manipolazione, in sostanza imparano a fare. L’apprendimento, soprattutto per i bambini con difficoltà e non solo, deve necessariamente avere inizio con una fase concreta, di sperimentazione reale, per poi accedere a una dimensione di astrazione e rielaborazione. È proprio ispirandosi a questo principio che la scuola Primaria di Niccone da sempre porta avanti le proprie attività e quella dell’orto biologico ne è un esempio perché zappare, seminare, travasare, toccare la terra, aspettare con pazienza la nascita delle piante ed averne cura offrono la possibilità di vivere esperienze semplici, uniche, ormai da tempo dimenticate. L'acquisto con un piccolo contributo dei prodotti dell'orto biologico permetterà alla scuola di finanziare il progetto ed altre iniziative simili. L'appuntamento dunque é per sabato 11 maggio dalle ore 9 in poi presso piazza Matteotti.  

08/05/2019 10:51:09 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy