Attualità » Primo piano Bilancio di previsione, firmato l'accordo tra Comune di Umbertide e organizzazioni sindacali

Riceviamo e pubblichiamo E’ stato sottoscritto presso la Residenza comunale di Umbertide l’accordo tra l’Amministrazione comunale e le organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL sul bilancio di previsione 2018/2020. Durante l’incontro il Commissario prefettizio Castrese De Rosa ha illustrato le linee guida alla base della predisposizione del bilancio, incentrato sulla razionalizzazione della spesa, il mantenimento della qualità e della quantità dei servizi offerti ai cittadini, la conferma anche per il 2018 delle aliquote e delle tariffe - ad eccezione della Tari per la quale è previsto un lieve aumento per effetto dei maggiori costi di smaltimento dei rifiuti dovuti alla chiusura delle discariche -, l’attivazione e il completamento di opere e lavori pubblici. Le organizzazioni sindacali hanno condiviso le linee programmatiche illustrate dal commissario straordinario, valutando positivamente gli interventi in programma tra cui, in particolare, il piano triennale delle opere pubbliche che per il 2018 e 2019 sarà concentrato prioritariamente su interventi in materia di edilizia scolastica; la conferma per l’anno 2018 dei contributi alle imprese per investimenti in conto capitale e per la stabilizzazione e l’assunzione dei lavoratori, con sistemi incentivanti per l’occupabilità di soggetti deboli prevedendo l’importo di 8.000 euro per ciascun bando  la conferma del piano triennale del fabbisogno di personale, approvato con delibera della Giunta Comunale n. 410 del 6 dicembre 2017. Nel bilancio 2018 sono previsti anche un’azione costante e determinata per la lotta all’evasione fiscale per l’attuazione di una reale equità fiscale prevedendo entrate per 700.000 euro, un fondo di 5.000 euro per l’assegnazione di borse di studio a studenti meritevoli, lo sviluppo del laboratorio per la creatività e l’imprenditorialità giovanile.  

16/02/2018 14:28:47

Attualità » Primo piano Cannara:''Badante'' italiana denunciata per furto

Si faceva assumere come badante per poi commettere furti presso le abitazioni dove lavorava. Proprio la sua attività lavorativa le permetteva di avere visione dei luoghi dove le vittime, per lo più persone anziane, nascondevano i propri gioielli ed il proprio denaro.    I Carabinieri di Cannara, al termine di un’attività investigativa scaturita da alcune denunce di furto, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria di Spoleto una giovane 41enne assisana, già nota alle forze dell’ordine, quale autrice di un furto di monili in oro e banconote in euro ed in dollari americani, per un valore di circa 2.000 euro, avvenuto all’interno di un’abitazione privata dove la stessa svolgeva l’attività di badante.    La giovane già nell’anno 2015 era stata deferita in stato di libertà, sempre dai militari di Cannara, per un analogo furto. L’attività d’indagine ha permesso di ricostruire come l’autrice, alcuni giorni dopo il furto, si è recata presso alcune attività commerciali di compro-oro dei comuni limitrofi, dove consegnava alcuni monili e gioielli, successivamente riconosciuti dalla vittima, ricavandone in cambio una cospicua somma di denaro. Ulteriori accertamenti hanno permesso di appurare come la predetta si sia recata presso un filiale bancaria per il cambio delle monete straniere.    Il movente degli atti delittuosi è da ricondurre, come ammesso dalla stessa autrice, alla sua propensione al gioco d’azzardo con le slot machine, di cui è assidua giocatrice. 

14/02/2018 13:57:38

Attualità » Primo piano Collazzone: rubava gli incassi dell’autolavaggio, arrestato dai Carabinieri per furto aggravato

I Carabinieri di Collazzone e del Nucleo Radiomobile di Todi hanno arrestato in flagranza di reato, un pregiudicato di origine rumena di 31 anni, residente ad Ostia (RM), responsabile di furto aggravato e continuato ai danni dell’autolavaggio “Elefantino Blu” di Collazzone. Il giovane rumeno era oggetto di indagine da parte dei Carabinieri di Collazzone già dal mese di gennaio scorso quando, sempre presso lo stesso autolavaggio automatico, aveva asportato dal distributore automatico di monete la somma di 110 euro in pezzi da 50 centesimi. Analogo episodio si era verificato il successivo 4 febbraio, quando sono state asportate monete per 83 euro. In entrambi i casi le telecamere di sorveglianza riprendevano un soggetto che operava a volto scoperto e che poi si allontanava a bordo di una Opel Corsa. Una volta identificato il proprietario dell’autovettura e constatata la sua somiglianza con l’individuo ripreso dalle telecamere, i Carabinieri iniziavano a controllarne i movimenti. Nel pomeriggio di ieri, verso le 17, è entrato nuovamente in azione presso il medesimo autolavaggio, ma questa volta il proprietario dell’impianto ha osservato tutto in diretta dalla propria abitazione tramite le telecamere di sorveglianza ed ha immediatamente contattato la centrale operativa della Compagnia di Todi. L’operatore del 112 ha coordinato l’intervento della pattuglia di Collazzone e dell’autoradio del Nucleo Radiomobile di Todi, che hanno fermato la Opel Corsa a circa 100 metri dall’autolavaggio rinvenendo, all’interno del mezzo, la somma di 104 euro, sempre in monete da 50 centesimi. L’uomo è stato trovato in possesso di un congegno elettronico artigianale che, collegato al distributore, gli ha consentito la sottrazione delle monete. Il magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Spoleto, informato dell’accaduto, ha disposto l’arresto.

12/02/2018 14:20:03

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy