Notizie » Società Civile Nuovo laboratorio di prototipazione avanzata al Campus Da Vinci di Umbertide

Giovedì 07 novembre, alle ore 10.30, presso l'Aula Magna dell'Istituto, sarà presentato il nuovo Laboratorio di Prototipazione Avanzata del Campus "L. da Vinci" di Umbertide. Il Laboratorio è stato realizzato grazie al finanziamento di 75.000 euro dal Bando PON "Laboratori Innovativi", ha carattere altamente professionalizzante ed è orientato alla formazione tecnica, in particolare alla Meccanica, Meccatronica ed Energia. E' stato progettato dal gruppo dei Docenti Ingegneri dell'Istituto che hanno spinto molto sull'innovazione sia del setting che della strumentazione molto specialistica, altamente professionalizzante e capace di avvicinare le competenze acquisite dagli studenti a quelle richieste dalle imprese del settore meccatronico ed energetico ed anche di arricchire il know-how delle realtà aziendali o universitarie dove gli studenti opereranno. Il Progetto va ad arricchire l'interessante percorso di Laboratori specialistici del FABLAB dell'Istituto che occupa una vasta area del piano seminterrato dell'edificio e consta di un ampio spazio di coworking e di tre laboratori per la Robotica, la stampa 3D e la Domotica. Il nuovo Laboratorio di Prototipazione Avanzata rappresenta una spinta verso l'alta formazione tecnica degli studenti e, pertanto, si è scelto di acquistare strumentazioni con tecnologie molto avanzate come la stampante 3D a resina, la macchina a taglio laser, il banco prove per il calcolo dell'efficenza energetica degli impianti termici, la macchina per la prova Jominy che studia il comportamento degli acciai sottoposti a trattamenti termici e il durometro motorizzato che permette di poter eseguire, a scuola, prove professionale che trovano immediato riscontro nelle aziende metalmeccaniche nell’ambito del controllo dei materiali e del controllo qualità. La possibilità di utilizzare strumentazioni così avanzate costituisce un arricchimento notevole delle competenze specifiche degli studenti che frequentano il Campus di Umbertide. La numerosa e e innovative dotazione strumentale è stata allestita in uno spazio didattico, dinamico e flessibile, organizzato in due aree modulari di lavoro, la Modellazione e Prototipazione 3D e lo Spazio Test con l' obiettivo di migliorare l’efficacia dell’insegnamento delle discipline di indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia attraverso la metodologia “hand on”, esercitazioni pratiche ed esperimenti di laboratorio che coinvolgano di più gli allievi nel loro processo di formazione, appassionandoli alle discipline, mixando fare e conoscenza esperita anche in attività esterne alla scuola. L'area "Modellazione e Prototipazione 3D" è un percorso laboratoriale  integrato che va dalla progettazione alla realizzazione di componenti attraverso l’uso di tecnologie avanzate: stampante 3D a resine, macchina taglio laser, scanner 3D, workstation, pc performanti, schermi interattivi touch, mentre lo "Spazio Test" sospita varie isole con strumentazioni per testare le caratteristiche tecnologiche e meccaniche dei materiali e lo studio di sistemi energetici. Il Laboratorio è dotato di connettività in fibra ottica ed è arredato con tavoli modulari e seggiole impilabili, in modo da assemblare il tutto in varie composizioni per favorire la realizzazione di setting didattici molteplici e flessibili dove utilizzare anche schermi mobili interattivi touch per la condivisione e l’utilizzo con le varie strumentazioni presenti.  "Il Progetto ha la finalità di integrare e potenziare l’esperienza di apprendimento interattiva e coinvolgente intrapresa da anni nel nostro istituto che consenta di realizzare ambienti di apprendimento adatti ad un utilizzo costante e diffuso delle tecnologie nella quotidianità scolastica. Ciò consente anche  di verificare come e quanto l’impatto possa intervenire nei processi formativi degli studenti rendendoli più coerenti e spendibili nel mondo del lavoro, delle professioni e dell'Università, in un’epoca di trasformazioni dei linguaggi della comunicazione e della diffusione dei saperi", commenta la Preside Franca Burzigotti che ringrazia i numerosi docenti  che hanno progettato, realizzato e allestito il Laboratorio di Prototipazione Avanzata.

05/11/2019 17:07:43 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Il Lions Club Umbertide promuove anche quest'anno il concorso internazionale “Un Poster per la Pace”

Anche quest’anno i ragazzi delle scuole di Umbertide saranno gli autori degli elaborati che parteciperanno al concorso internazionale “Un Poster per la Pace” promosso localmente dal LIONS Club di Umbertide. Il concorso internazionale Un Poster per la Pace è aperto agli studenti che al 15 novembre hanno compiuto 11, 12 o 13 anni. La dirigente Prof.ssa Bartocci Gabriella e il Presidente dei LC di Umbertide Arch. Michele Farabbi hanno proseguito la collaborazione che ormai da anni suggella la cooperazione tra il Lions Club e gli Istituti Scolastici. Il Concorso Un Poster per la Pace è stato creato nel 1988 per dare ai giovani l’opportunità di esprimere il loro ideale di pace e la loro visione del mondo tramite le opere artistiche. Ogni anno, approssimativamente 350.000 giovani di oltre 75 paesi partecipano al concorso. Le idee e le realizzazioni dei ragazzi di Umbertide si sono fatte apprezzare a livello nazionale ed internazionale e anche quest’anno certamente non saranno da meno. Il vincitore sarà designato entro il giorno 15 di novembre a seguito di una selezione da parte di una Giuria di membri del Lions Club e di docenti e sarà sostenuto dal Lions Club di Umbertide a Livello Nazionale. I vincitori delle precedenti edizioni sono disponibili sul sito www.lionsclubs.org. Lions Clubs International è l'organizzazione di club di assistenza più grande al mondo, con 1,35 milioni di soci in oltre 210 paesi e aree geografiche.

04/11/2019 18:20:08 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile La lettura prende forma con LibreriArt, il contest della scuola 'Di Vittorio'

È stato un bellissimo viaggio attraverso luoghi magici, buffi personaggi e storie fantastiche quello che venerdì scorso ha coinvolto gli alunni delle classi seconde della scuola Primaria “G. Di Vittorio”, spettatori e attori del contest “LibreriArt”, reading letterario con estemporanea di pittura. L’iniziativa, alla quale i piccoli hanno aderito, organizzata dal II Circolo in collaborazione con la libreria Alibù di Umbertide, rientra nell’evento “Io leggo perché” che coinvolge tutte le scuole italiane e che ha l’obiettivo di promuovere la lettura e incrementare le donazioni alle biblioteche scolastiche. LibreriArt, è stato pensato proprio a questo scopo ed è stato realizzato in sintonia con il progetto contenuto nel PTOF della Di Vittorio dal titolo “Casa Editrice 2° Circolo”, in cui sono pensati proprio percorsi di lettura (di racconti o di giornali) e di scrittura (di storie inventate o di articoli) finalizzati al potenziamento delle competenze linguistiche, conoscitive, comunicative ed espressive. Il reading letterario è stato guidato da Aldo Manuali, pedagogista, vice presidente dell’ "Associazione genitori insieme per..."; e formatore accreditato “Nati per leggere”. In un secondo momento i bambini, hanno potuto slegare le emozioni suscitate dalla lettura: immagini mentali scaturite dall’ascolto hanno preso forma e colore dando vita a meravigliose opere d’arte in esposizione per tutto il weekend.  

30/10/2019 18:52:34 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Usl Umbria 1, open day dedicato alla menopausa

Il 18 ottobre, in occasione della giornata mondiale della menopausa, negli ospedali con bollino rosa consulti gratuiti sui disturbi di questa fase fisiologica della vita femminile e screening gratuiti della funzionalità del pavimento pelvico Perugia, 16 ottobre 2019 - Il 18 ottobre, in occasione della  giornata mondiale della menopausa, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere Onda ha promosso nelle strutture italiane con bollino rosa  un open day dedicato al benessere della donna in menopausa, cui  hanno aderito anche gli ospedali della Usl Umbria 1 di Città di Castello, Gubbio-Gualdo Tadino e Media Valle del Tevere, che hanno organizzato screening gratuiti per la funzionalità del pavimento pelvico e incontri con gli specialisti in merito ai problemi legati a questa delicata fase fisiologica della vita di una donna.  L’obiettivo delle iniziative, che non richiedono prenotazione, è quello di sensibilizzare la popolazione femminile sui cambiamenti che accompagnano la menopausa nonché informare sui comportamenti e le terapie per migliorare i disturbi sia a breve che a medio lungo termine. Una corretta informazione, un’attenta prevenzione e, laddove necessaria, un’adeguata terapia ormonale sostitutiva sono fondamentali per migliorare la qualità di vita delle donne in menopausa, periodo delicato e sempre più duraturo dato l’allungamento dell’aspettativa media di vita.   In particolare nella giornata del 18 ottobre nell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino e Città di Castello, dalle ore 9 alle 12,30, medici ed ostetriche saranno a disposizione delle pazienti per una valutazione clinico-funzionale del pavimento pelvico e per un inserimento nel percorso di rieducazione funzionale della muscolatura pelvi-perineale per la prevenzione dell’incontinenza urinaria. Dalle 12,30 alle 13,30 sarà inoltre possibile un consulto sulla mammella per le donne già in menopausa.    Nell’ospedale della Media Valle del Tevere dalle ore 10 alle 13, grazie alla collaborazione con lo Spazio Menopausa aziendale, sarà possibile avere informazioni sui percorsi di prevenzione, approfondimento diagnostico e trattamento dei problemi della menopausa e un consulto con un’ostetrica sulla funzionalità del pavimento pelvico.

16/10/2019 15:16:41 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Dal 18 al 20 ottobre a Preggio la 52esima edizione della Festa della Castagna

Da venerdì 18 a domenica 20 ottobre a Preggio torna la Festa della Castagna, manifestazione organizzata dalla locale Pro loco arrivata quest'anno alla sua 52esima edizione. Come ogni anno protagoniste le tradizionali “Brige” che invaderanno il borgo medioevale tra stand, botteghe e taverne dove sarà possibile gustare i prodotti prelibati della tradizione culinaria locale, accompagnati dalla consueta ospitalità della popolazione preggese.   Gli stand apriranno i battenti venerdì alle 18, sabato alle 16 e domenica alle ore 11. Previsto anche un servizio navetta gratuito dal parcheggio al borgo.   Di seguito l'elenco delle taverne e i menu che saranno proposti durante i tre giorni di festa: - Ricci e Pinicci: caldarroste “brige”, castagne crude in sacchi, vernaccia, vino e birra, arrosticini di pecora; - Taverna del Crapulone: bruschette miste, pappardelle al sugo di cinghiale, cinghiale in umido, cinghiale in bianco con tartufo; - Taverna del Borgo: gnocco del bosco, salsicce e pancetta alla brace, torta al testo; - Le Dolci Leccornie: dolci di pasta di castagne, tiramisù di castagne, tronco di castagne, dolci vari; - Dal Contadino: hamburger di manzo, patata fritta, tagliere del contadino, piadina del contadino, seadas con miele di castagne; - Taverna di Arrigo: quadrucci ceciati, la corata dei Goti, la trippa dei Goti; - Taverna di San Feliciano: lasagnette al profumo di tinca, tegamaccio del lago Trasimeno.   Nel corso della sagra sarà inoltre possibile visitare il Museo Mimuso dove sono raccolti oggetti artigianali che non si usano più, un vero e proprio tuffo nel passato tra attrezzi per il lavoro nelle campagne, giocattoli della tradizione popolare, utensili da cucina e degli antichi mestieri.  

16/10/2019 13:03:14 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile “Dirty Factory Production”: il sogno horror di Manuele Martinelli

di Eva Giacchè     Conosco Manuele Martinelli fin da quando eravamo bambini, è sempre stato un tipo estroso e sapevo che nella vita si sarebbe dedicato a qualcosa di originale. La sua smodata passione per il cinema, e l'horror in particolare, lo hanno trasformato in un "tuttofare" del settore: sceneggiatore, video maker, montatore video. Tanti ruoli per dare vita al sogno di realizzare una vera casa di produzione indipendente: la DIRTY FACTORY PRODUCTION. Come è nata quest'idea? E insieme a chi? «La Dirty Factory Production è nata, a fine 2017, in realtà da un'amicizia tra me, Alex Fiorucci, e Camillo Cantagallo. Da sempre appassionati di cinema avevamo in testa l'idea di creare progetti nostri, quindi abbiamo deciso di fondare una casa di produzione indipendente per realizzare cortometraggi e film. Tutto nasce dal piccolo, ma speriamo di arrivare al pubblico con le nostre creazioni e con il tempo di ampliare il nostro team per condividere le nostre passioni e divertirci creando». Un nome un po' particolare, a cosa vi siete ispirati? «Il nome (letterlamente Sporca/Orribile Fabbrica) è un riferimento alla nostra passione per l’horror, soprattutto quello vecchio stile. Ma in realtà, abbiamo intenzione di dedicarci anche ad altri generi. L’idea iniziale era quella di creare un’associazione culturale e poi successivamente una casa di produzione. L’intenzione di creare un’associazione c’è ancora, in cui si possano organizzare eventi, incontri, giornate dedicate, magari a sceneggiature. Siamo aperti ad ogni tipo di collaborazione». Qual è stato il vostro primo lavoro? «Il Primo cortometraggio, dal titolo Il mostro fuori, è stato prodotto a fine 2017. È chiaramente un prodotto amatoriale, per cui comunque ci sono voluti mesi di lavoro e riprese. Si tratta di un horror ispirato agli anni '80, Lucio Fulci (uno dei primi registi italiani a portare nell'horror scene splatter ed estreme). Il cast composto da giovani del territorio: David Trinari, Alex Fiorucci, Camillo Cantagallo, Camilla Becchetti, Alessandro Bottaccioli e Patrick Nolte. Abbiamo fatto tutto "in casa", anche gli effetti speciali. Io mi sono occupato della sceneggiatura, e delle riprese visto che, nonostante la mia professione sia un'altra, mi piace dilettarmi come video maker. Mia moglie si è occupata del trucco e alcuni collaboratori hanno pensato alle luci, microfoni ecc. Tutto, ci tengo a sottolinearlo, con un investimento personale».  Un lavoro impegnativo ma di cui siete soddisfatti? «Per essere la nostra prima produzione siamo più che soddisfatti. Il cortometraggio è stato proiettato al Museo Rometti di Umbertide lo scorso febbraio con un pubblico di circa un centinaio di persone. Ed è stato selezionato in due festival esteri:  uno in Russia (Russian International Horror Film Awards) e uno a Los Angeles, (Hollywood Blood Horror Festival). Quindi direi che ci possiamo ritenere più che soddisaftti».  E ora? Quali sono i nuovi progetti? «Ora stiamo lavorando ad un nuovo cortometraggio, ispirato questa volta al racconto del maestro dell’orrore H.P. Lovecraft. All’inizio l’intenzione era di girarlo durante le taverne dell’ottocento, visto che il racconto originale è ambientato a fine ‘800, ma poi per problemi organizzativi ho deciso di rimodernizzare il racconto e ambientarlo ai nostri giorni. Le riprese inizieranno a breve, nei primi giorni di ottobre. Il trailer è visibile sulla pagina facebook della Dirty Factory Production (https://www.facebook.com/DirtyFactory/videos/667669350423267/). Protagonisti saranno due ragazzi umbertidesi che hanno già partecipato al primo cortometraggio e hanno esperienze teatrali alle spalle: David Trinari e Alessandro Bottaccioli. Le riprese avverranno sempre nel territorio umbertidese. Sono alla ricerca di una grande villa che sarebbe l’ideale per l’ambientazione del racconto ma alcune scene verranno girate anche per le vie di Umbertide». Qual è l'aspetto più difficile in una produzione indipendente come la vostra? «Sicuramente la difficoltà maggiore è legata all’aspetto economico. Trovare dei contributi è molto difficile e l'attrezzatura è davvero costosa. Da poco ho acquistato una macchina da ripresa in 4k ma ci sarebbe bisogno di nuovi microfoni ad esempio. Inoltre sarebbe bello trovare altri appassioanti collaboratori, magari per la parte delle colonne sonore, anche perchè la aprte sonora in un film horror è di fondamentale importanza, perchè in grado di creare la giusta suspence. Chiunque volesse curiosare o avere maggiori informazioni sui nostri progetti può contattarci online sulla nostra pagina facebook».  E' possibile sostenere il progetto attraverdo la piattaforma di crowdfunding www.produzionidalbasso.com, inserendo nello spazio di ricerca "IL CANE"    

08/10/2019 17:09:39 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Salute Mentale, open day a Città di Castello

Città di Castello (Pg), 08 ottobre - Il 10 ottobre, in occasione della Giornata mondiale della Salute Mentale, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere (Onda) organizza l’Open day degli ospedali Bollini Rosa e dei presidi territoriali dedicati alla salute mentale. Tra le 135 strutture italiane che hanno aderito alla giornata ci sono anche alcune strutture della Usl Umbria 1. Ansia, depressione, psicosi, problemi di sonno, sono tra le problematiche di salute mentale che saranno affrontate nelle strutture aderenti a questa iniziativa il 10 ottobre, giornata dedicata alla prevenzione del suicidio, attraverso visite specialistiche, incontri e distribuzione di materiale informativo. A Città di Castello, presso la hall dell'ospedale, dalle 10 alle 17 verrà allestita una mostra di pittura dal titolo “Spostando le ombre. Un percorso da trauma a guarigione?” dell'artista Heidi Von Johnston, progetto artistico-terapeutico volto a sottolineare l'importanza della richiesta d'aiuto e della cura, in un percorso volto al raggiungimento del benessere psichico. Saranno disponibili gli operatori del Csm Città di Castello, del SerT ed Unità di Strada e dell’Associazione "Le fatiche di Ercole"; le ostetriche saranno presenti dalle ore 11,30 alle 13, per counselling ed informazioni sulle attività inerenti al percorso di salute della donna in integrazione con le attività del Servizio Consultoriale. Iniziative analoghe avranno luogo anche a Bastia Umbra, Magione, Marsciano e all’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino. Si tratta di iniziative importanti dal momento che la salute mentale è parte integrante della salute generale, indispensabile per il funzionamento individuale e sociale. I disturbi psichici rappresentano il 30% di tutte le disabilità e hanno un impatto pesante sulla qualità e quantità della vita con gravi ripercussioni sul piano personale, affettivo-familiare, socio-relazionale e lavorativo.

08/10/2019 11:46:38 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy