Attualità » Primo piano La scomparsa di Giuseppe Cozzari

E' scomparso all'età di 96 anni il signor Giuseppe Cozzari, uomo di grande cuore e senso civico, figura di riferimento per Pierantonio e per Umbertide tutta, tanto da essere anche il presidente onorario della Banda cittadina. Ad esprimere le condoglianze all'intera famiglia la Pro Loco di Pierantonio "LA PRO LOCO DI PIERANTONIO PARTECIPA AL DOLORE CHE HA COLPITO LA FAMIGLIA COZZARI PER LA PERDITA DEL LORO CARO GIUSEPPE, UN UOMO CHE HA FATTO LA STORIA DEL NOSTRO PAESELLO........CI MANCHERAI PEPPINO." e l'amministrazione comunale di Umbertide che ricorda Cozzari come "figura di spicco nel mondo del lavoro e importante punto di riferimento dell'associazionismo nel Comune di Umbertide. Il sindaco Luca Carizia e l'Amministrazione Comunale tutta esprimono le più sentite condoglianze alla famiglia". A queste e alle molte altre manifestazioni di affetto che siamo sicuri giungeranno alla famiglia cozzari in queste ore si aggiungono le più sentite condoglianze della redazione di Informazione Locale che ha deciso di ripubblicare una breve intervista rilasciata al nostro giornale nel 2009, in cui il signor Cozzari parlava proprio della "sua" Pierantonio: Pierantonio ha subito una grande trasformazione lungo il corso degli anni. Mi ricordo ancora della prima volta in cui sono arrivato: c’erano solo sei case e intorno solo campi. Non c’era niente di tutto quello che si vede oggi. Piano piano è partito lo sviluppo e la nostra frazione è cresciuta, anche e soprattutto grazie al commercio. La prima vera anima di Pierantonio è stata la fornace. Molte donne lavoravano lì, facevano i mattoni a mano e si diceva che fossero fortunate perché a quei tempi erano quasi tutti contadini. Qui la gente ha sempre avuto voglia di fare, tanto che la prima scuola è stata costruita dagli stessi cittadini che andavano al fiume con il carro e i buoi a raccogliere le pietre da portare ai muratori. Poi le fabbriche e le storiche attività, come la nostra, hanno fatto la loro parte nell’aiutare la frazione a crescere. Il commercio porta gente, soprattutto da fuori e questo è un bene per tutti. Molto movimento è stato portato anche dal nuovo svincolo che collega Pierantonio a Magione. All’inizio si era parlato di realizzarlo nei pressi di Pian d’Assino ma in questo modo i pierantoniesi sarebbero stati penalizzati, ora invece ci troviamo in un punto di snodo molto importante. Non abbiamo mai avuto grandi problemi con l’Amministrazione comunale, nemmeno per quanto riguarda la viabilità che è stata sistemata bene. Da noi si respira ancora un’atmosfera familiare e c’è ancora voglia di tradizione. A giugno la festa di S. Antonio riscuote molto successo, interviene la banda cittadina e c’è una bellissima processione. C’è creatività e passione nel fare soprattutto da quando è stata creata la Pro Loco, che fa molto per la comunità, come la nuova Sagra della Pasta fatta in casa, che si terrà tra pochi giorni. Proprio per l’occasione sono stati installati dei tendoni vicino al Cva, che purtroppo è poco capiente. A Pierantonio non siamo molti, 1400-1500 anime, ma siamo orgogliosi e vogliamo che la nostra frazione non muoia e continui a crescere. Nonostante la crisi, speriamo che le attività più in difficoltà si riprendano e che quelle ancora forti rimangano tali. Molti progetti ci vedono protagonisti per il futuro e noi non possiamo che esserne contenti.     Giuseppe Cozzari

25/03/2019 15:39:16 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Il Campus 'Da Vinci' di Umbertide a 'Codemotion Rome 2019' a fianco dei big della tecnologia

L'istituto superiore di Umbertide sta partecipando a “Codemotion Rome 2019” presso la facoltà di Ingegneria dell’Università Roma Tre. E' la più grande conferenza tecnica in Italia e tra le più importanti in Europa. A questa IX edizione partecipano oltre 80 speaker internazionali, 16 track, 2 laboratori hands on e più di 2.000 partecipanti. Sul palco si alternano speaker di prim’ordine, praticamente il meglio del panorama internazionale nel mondo del coding; nomi come Rasmus Lerdorf, il creatore di Php; Luca Cipriani, Cio di Arduino, Danny Banks di Amazon e molti altri specialisti di aziende leader del settore tecnologico come Microsoft, Google, Dazn, Spotify. Quest’anno a fianco di questi grandissimi big internazionali c'è anche il Campus “Da Vinci” di Umbertide, rappresentato dal docente Stefano Del Furia, che, tra i pochi speaker italiani, terrà l’intervento di chiusura del percorso dedicato ai temi dell’informatica e della disabilità in una sessione, esposta rigorosamente in lingua inglese, dal titolo “Inclusive design: design for one, design for all“. Un approccio alla tecnologia di tipo inclusivo, infatti, è l’unico in grado di creare le migliori soluzioni, per chi deve far fronte alle varie difficoltà della disabilità. E' solo quando si ragiona avendo in mente tali difficoltà che si può rendere possibile, utilizzando anche la tecnologia più avanzata, la partecipazione di tutti con una maggiore possibilità di impatto sullo scambio di positività e sui benefici emotivi che si hanno tra gruppi misti di persone normodotate e con disabilità. L’inclusione e la democratizzazione dell’apprendimento sono da sempre uno dei pilastri della scuola umbertidese, così come l’insegnamento delle discipline in lingua inglese, l’innovazione digitale per la didattica e il sapere parlare e dibattere in pubblico. L’unione di tutte queste competenze permette agli studenti ed ai docenti del Campus di ottenere risultati entusiasmanti ed alla scuola di primeggiare a livello internazionale e di rappresentare il mondo dell’istruzione all’interno di conferenze europee di altissimo livello, come questa a Roma. “Codemotion” è da sempre un evento realizzato dalle community e per le community, focalizzato sugli sviluppatori software e sulle loro esigenze, li supporta nella loro crescita professionale e aiuta le aziende a coinvolgerli in attività di marketing, hiring e open innovation.  Questanno saranno 16 le track trattate: argomenti come Software Architecture, Mobile, Big Data, Cloud, Cybersecurity, Blockchain, IoT, AI/Machine Learning, Diversity in Tech, Front-End, Design/Ux, Ar/Mr/++Vr e Gamedev. Quattro invece i workshop che hanno anticipano la conferenza, dedicati a intelligenza artificiale, tech leadership, angulare, Big data.  

22/03/2019 12:06:48 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Giornate FAI Primavera: ad Umbertide visite a Civitella Ranieri, giardino di Villa Pace e Cantine Blasi

Un originale percorso tra storia, arte, natura, architettura, enogastronomia in Alta Valle del Tevere:  manca meno di una settimana alle “Giornate Fai di Primavera”, l’iniziativa nazionale del Fondo Ambiente Italiano di raccolta fondi e di sensibilizzazione che si terrà su tutto il territorio nazionale, nei giorni  sabato 23 e domenica 24 marzo 2019, con 1100 luoghi aperti in tutta Italia. “Ville, castelli e cantine in Alta Valle del Tevere” è il titolo che accomuna le tre aperture promosse nel territorio di Umbertide dai volontari del Gruppo Fai Città di Castello, sotto il patrocinio di Regione Umbria e Comune di Umbertide. Saranno i giovani “Apprendisti Ciceroni” di quattro istituti superiori a guidare, con passione e preparazione, i visitatori in questo percorso tra arte, storia e paesaggio articolato in tre “tappe”. Le visite saranno condotte dagli studenti dell’istituto di istruzione superiore “Leonardo da Vinci” di Umbertide, dell’istituto d’istruzione superiore “Patrizi – Baldelli – Cavallotti”, dell’istituto di istruzione superiore “Franchetti-Salviani” e del Liceo statale “Plinio il Giovane” di Città di Castello. I luoghi aperti: -        Castello di Civitella Ranieri. Questa maestosa fabbrica di origine medievale ospita oggi un importante centro culturale e artistico. Il castello, a pianta quadrata con torrioni cilindrici, fu ricostruito nella prima metà del Quattrocento dal capitano di ventura Ruggero Ranieri, e arricchito nel corso del tempo con elementi architettonici e arredi rinascimentali. -        Giardino di Villa Pace. In posizione panoramica sulle colline del versante orientale della valle, Villa Pace fu costruita nelle forme attuali nella seconda metà dell’Ottocento sul luogo di una più modesta residenza di campagna per opera dei fratelli Giuseppe e Raffaele Bertanzi. Giardino, limonaia e cappella di famiglia offrono alla visita essenze arboree rare e una serie di manufatti artistici legati alla storia dei proprietari. La villa era al centro di una tenuta agricola, oggi parzialmente trasformata in attività turistico-ricettiva. -        Cantine Blasi. Le vicine cantine, acquisite dalla famiglia Blasi alla fine degli anni novanta del secolo scorso e aperte dopo circa un decennio di lavori di ristrutturazione, risalgono addirittura al 1742. Nei suggestivi locali, a quali si è affiancata la nuova cantina, la secolare tradizione delle antiche tecniche si coniuga con la modernità dei più recenti processi di vinificazione. Tutti i luoghi saranno visitabili con un contributo libero. Gli orari di apertura: •          Castello di Civitella Ranieri: sabato 23 marzo ore 14.30-18; domenica 24 marzo ore 14.30-18 (domenica mattina chiuso) •          Giardino di Villa Pace e Cantine Blasi: sabato 23 marzo ore 14.30-18; domenica 24 marzo ore 10.30-13 e 14.30-18.   Le informazioni dettagliate sono disponibili anche sul sito www.fondoambiente.it. Si ringrazia per il supporto locale: Fondazione Civitella Ranieri, famiglia Bertanzi-Mochi Onori, famiglia Blasi; dirigenti, docenti e studenti degli istituti superiori coinvolti, associazione Ari-re radioamatori di Città di Castello, Simona Bellucci.    

20/03/2019 12:16:04 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Avanzano i lavori alla ex draga: a giugno la consegna dei lavori

Sono stati consegnati nei giorni scorsi alla ditta appaltatrice i lavori di valorizzazione e ampliamento dell’offerta turistica del parco fluviale del Tevere, integrati con il progetto “Orti felici”, che porteranno alla realizzazione della nuova serra nei pressi della ex draga. A renderlo noto sono il sindaco Luca Carizia e l'assessore ai Lavori Pubblici, Alessandro Villarini. L’intervento, dell'importo complessivo di 296mila euro, è finanziato con 160mila euro da parte del Gal Alta Umbria e con 136mila euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Le operazioni sono iniziate con lo smontaggio dei manufatti in lamiera metallica e con la demolizione degli scheletri degli edifici della ex draga. Le lavorazioni andranno avanti con la predisposizione dei piani fondali della nuova serra comunale, proseguiranno con la realizzazione della stessa e con le sistemazioni del parco. I termini contrattuali sono di 150 giorni dalla data di consegna, per cui, al netto di imprevisti, la consegna dei lavori avverrà nel mese di giugno. La realizzazione della nuova struttura è divenuta necessaria dopo la rimozione della precedente che era collocata in via Madonna del Moro, a lato del mattatoio comunale. Il Comune di Umbertide parteciperà al nuovo avviso pubblico promosso dal Gal "Valorizzazione dei borghi e del patrimonio culturale - paesaggistico dell'Alta Umbria” con una proposta progettuale volta al completamento del progetto complessivo della zona. Dettagliatamente sono previsti nuovi arredi urbani, nuove attrezzature ludiche, un sistema di videosorveglianza dell'area e, infine, la ristrutturazione della scala di comunicazione tra il parco fluviale del Tevere e piazza San Francesco, in prossimità della foce del torrente Reggia. Il tutto per un totale di ulteriori 95mila euro.

12/03/2019 12:50:10 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy