Attualità » Primo piano Nuovo quartier generale per l'MC System di Umbertide

La storia recente della M.C. System, azienda di Umbertide leader nel marcato della stampa digitale e delle soluzioni di stampa per ufficio, fa venire in mente un’altra storia molto più famosa. Una riscrittura, in chiave moderna, della sfida fra il giovane Davide ed il gigante Golia, con un finale però ben diverso: non culmina con l’uccisione a colpi di fionda del gigante, ma finisce in maniera molto più collaborativa con Davide e Golia che passeggiano concordi a braccetto mentre parlavo di nuove opportunità. Nella nostra trasposizione la M.C. System srl, concessionario Xerox di Umbertide presente da oltre trent’anni in Umbria, Lazio e Toscana,  rappresenta proprio il giovane Davide, piccolo ma dal grande ingegno, che propone una soluzione proprietaria ed esclusiva al gigante Xerox Corporation, casa madre d’oltre oceano, storica detentrice del brevetto della macchina per riproduzione xerografica su carta, più comunemente nota come fotocopiatrice. La soluzione, innovativa e ovviamente brevettata, riguarda proprio quel settore dove Xerox Corporation è leader mondiale, la stampa digitale. Grazie alla creazione di M.C. System denominata Bianco Digitale, alcune delle macchine Xerox più performanti possono stampare toner bianco su carta nera e supporti scuri, possono stampare colori fluorescenti che rendono effetti tridimensionali, nonché sfumature trasparenti, tinte argento e oro. Tutto questo con un semplice kit di modifica che si può applicare in pochi minuti alla macchina originale. In questo modo il dispositivo di stampa diventa uno strumento incredibilmente versatile in mano a tipografi, centri stampa, creativi e pubblicitari. Quello che fino a poco tempo fa si poteva ottenere solo grazie a dispositivi super costosi e proprio per questo destinati ad aziende molto strutturate, da adesso è anche alla portata di realtà più ridotte, quelle che comunemente vengono definite piccole e medie aziende che costituiscono la maggior parte delle imprese italiane.  L’accordo fra M.C. System srl e Xerox Corporation garantisce all’azienda di Umbertide la produzione in esclusiva di tutti i kit di modifica che verranno commercializzati in tutti i paesi del mondo dalla multinazionale americana. Xerox Corporation è una delle aziende che nel corso dell’ultimo secolo ha sfornato, dal suo celebre centro di ricerca a Palo Alto denominato PARC (Palo Alto Research Center), innumerevoli brevetti ed invenzioni di prodotti e software che sono diventati poi diffusissimi e di uso comune: il mouse, le interfacce grafiche (adesso presenti in tutti i sistemi operativi dei moderni computer), il protocollo di rete Ethernet usati in tutte le reti locali, alcuni dei più moderni linguaggi di programmazione.  Come è stato possibile quindi che un’azienda di Umbertide, molto solida ma molto piccola, potesse trovare una soluzione che si è rivelata poi così appetibile anche su scala mondiale ed anche per un colosso presente in 160 paesi e così propenso alla ricerca? La risposta è molto semplice: investire in ricerca e sviluppo paga sempre, a volte accade che i risultati superino di molto anche le più rosee aspettative. La cosa non banale è proprio questa: M.C. System srl ha un proprio dipartimento di ricerca e sviluppo, guidato da Lorenzo Lepri, dove idee ed esperienza dei fondatori storici dell’azienda vengono rielaboarate dalla nuove leve, una nuova generazione di nativi digitali tecnologicamente preparati sempre pronti a pensare soluzioni fuori dagli schemi. Investire in ricerca e sviluppo è la carta vincente che ogni azienda dovrebbe giocare, cosa necessaria per affrontare nella giusta maniera il nuovo paradigma dell’innovazione: al vecchio schema dove il pesce grande mangiava i pesci piccoli, si sta sostituendo il nuovo schema, dove il pesce veloce riesce a rubare il cibo al pesce più lento. Il concetto stesso di innovazione dove entrare a far parte della visione imprenditoriale, quella che caratterizza tutti i quadri dirigenziali di M.C. System, insieme anche ad una buona dose di coraggio e intraprendenza. Visione, coraggio, intraprendenza, tre cose che in M.C. System non mancano di certo. E’ lecito pensare che ci saranno ricadute positive anche a livello locale, l’accordo firmato è importante e di sicuro si apriranno nuove ed interessanti opportunità. Quella che fin da subito è evidente è l’opera di ripristino di una delle strutture più conosciute a livello locale: la vecchia fabbrica delle confezioni Fagnu’s. La ditta Fagnu's di Umbertide era un’azienda di spicco nel settore della sartoria industriale, con più di 150 dipendenti . Dal 1947 al 1997 (data della dichiarazione di fallimento) è stata un marchio di valore mondiale, oltre che essere stata una indubbia fonte di benessere ed occupazione per la comunità della zona.  L’edificio della vecchia e gloriosa fabbrica sembrava essere ormai destinata a rimanere una testimonianza di archeologia industriale, vuoto e destinato al naturale deperimento.  M.C. System ne ha fatto il proprio quartier generale stabilimento di produzione: in quei locali, ristrutturati e rimodernati, si produrranno i kit di Bianco Digitale che la Xerox Corporation spedirà poi in tutto il mondo, l’inaugurazione del nuovo centro è prevista per metà Giugno. Sembra di scorgere in questa conclusione, anche un significato simbolico: innovazione, visione imprenditoriale, fiducia alle nuove generazioni sono gli ingredienti giusti per tornare a prosperare e portare nel mondo, orgogliosamente, il nome di Umbertide.  

14/06/2019 15:46:13 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Sabato 8 giugno il convegno “Leggimi per crescere insieme” al Metropolis di Umbertide

Sabato 8 Giugno 2109 alle 10.30 presso il Cinema Metropolis il convegno “Leggimi per crescere insieme – Benefici della lettura ai bambini in età prescolare da parte dei genitori, degli educatori e di tutti gli attori del percorso di crescita” Nati per leggere di Umbertide promuove il convegno “Leggimi per crescere insieme – Benefici della lettura ai bambini in età prescolare da parte dei genitori, degli educatori e di tutti gli attori del percorso di crescita”, che si terrà sabato 8 Giugno 2019 alle ore 10.30 presso il Cinema Metropolis di Umbertide.  Il processo di maturazione nei bambini, infatti, non comincia solo dagli occhi, ma anche dalle orecchie. Durante i primi mesi di vita, il bambino ascolta la voce della mamma, del papà o delle persone che se ne prendono cura, inizia a costruire un suo personale linguaggio, imparando anche a identificare e distinguere quelle voci che lo circondano. Quel ritmo semplice, quelle rime baciate dei primi libri per bambini lo preparano alla più semplice ed arcaica forma di sensibilità artistica.I vantaggi, in termini di sviluppo cognitivo, che i bambini possono ricavare dalla lettura di testi narrativi, che siano fiabe, storie, racconti, ma anche libri accompagnati da immagini, libri tattili e riviste in generale, sono da sempre confermati e celebrati da pediatri, educatori, psicologi, etc. Leggere regolarmente fin da piccoli aiuta in primo luogo ad avere un atteggiamento più aperto e positivo verso l’apprendimento, la conoscenza, la cultura in generale. La lettura condivisa favorisce inoltre la vicinanza fisica: per leggere insieme un libro occorre stare seduti o sdraiati vicini, oppure che il bimbo sia tenuto in braccio. Complicità emotiva ed intimità vengono rafforzate pagina dopo pagina, in una comune sensazione di benessere, serenità e relax. All’incontro interverranno: Maria Rita Boccanera e Olimpia Bartolucci, membri del Coordinamento regionale di “Nati per leggere” Umbria; Angela Monaldi, dirigente scolastico del II Circolo “G. Di Vittorio” di Umbertide; Gabriella Bartocci, dirigente scolastico del I Circolo “G. Garibaldi” di Umbertide; Franca Sonaglia, pediatra; Aldo Manuali, pedagogista.

07/06/2019 10:47:38 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Consigli di Quartiere, partono le assemblee generali partecipative per la designazione dei consiglieri

Sono state convocate le assemblee generali partecipative per procedere alla designazione dei membri dei Consigli di Quartiere. Le assemblee si svolgeranno presso le seguenti sedi nelle date di seguito riportate: giovedì 6 giugno alle ore 21 presso l'ex scuola elementare di Preggio (per il Consiglio di Quartiere n. 8 – Preggio); lunedì 10 giugno alle ore 21 presso il Cva di Calzolaro (per il Consiglio di Quartiere n. 7 – Montecastelli, Verna, Banchetti, Calzolaro, Nestoro); giovedì 13 giugno alle ore 21 presso il Cva di Spedalicchio (per il Consiglio di Quartiere n. 6 – Valle del Niccone); lunedì 17 giugno alle ore 21 presso il centro sociale “Le Fonti” (per il Consiglio di Quartiere n.1 – Capoluogo - zona Pineta Ranieri, via Boldrini, via Allende, Via Moro, via Gandhi e zona Pian d'Assino); giovedì 20 giugno alle ore 21 presso il Centro “Balducci” (per il Consiglio di Quartiere n.2 – Capoluogo - zona tra via Roma, via Garibaldi via Martiri della Libertà, via Togliatti e zona San Benedetto); lunedì 24 giugno alle ore 21 presso il Centro socio-culturale “San Francesco” (per il Consiglio di quartiere n.3 – Capoluogo - zona dietro la stazione ferroviaria, zona Corvatto e Polgeto); martedì 25 giugno alle ore 21 presso la scuola media di Pierantonio (per il Consiglio di Quartiere n. 5 – Pierantonio); giovedì 27 giugno alle ore 21 presso il Cva di Fontanelle (per il Consiglio di Quartiere n.4 – Capoluogo - zona Fontanelle, Madonna del Giglio, Centro Storico e Petrelle). Alle assemblee generali potranno partecipare tutti i cittadini residenti nei singoli quartieri; l'assemblea generale provvederà a designare i cittadini residenti nella zona territoriale di competenza mediante votazione di lista contenente un elenco di candidati da un minimo di 9 ad un massimo di 18 membri. Qualora entro trenta giorni dalla prima seduta, per qualsiasi motivo, non dovesse avvenire la designazione, vi provvederà direttamente la conferenza dei capigruppo consiliari. Successivamente il Consiglio Comunale procederà ad eleggere i membri dei Consigli di Quartiere tra i candidati designati dagli elettori attraverso le assemblee generali partecipative. Il Consiglio di Quartiere ha la funzione di recepire le esigenze dei cittadini, partecipando con l'indicazione, la sollecitazione, la collaborazione e la critica al loro soddisfacimento, esprime a maggioranza di voti e in modo autonomo le indicazioni delle rispettive popolazioni, promuove le opportunità di studi e ricerche, può chiedere al Comune informazioni e dati ritenuti necessari e ha facoltà di inviare al Comune petizioni ed istanze. Ciascun Consiglio di Quartiere è composto da 9 consiglieri, resta in carica per tutta la durata dal Consiglio Comunale ed opera fino all'insediamento del nuovo consiglio. I consiglieri devono essere cittadini iscritti nelle liste elettorali della zona territoriale compresa nell'ambito del quartiere; non possono essere eletti i consiglieri comunali, provinciali e regionali, i deputati e i senatori della Repubblica, il giudice conciliatore e il giudice di pace e la perdita dei requisiti richiesti per l'elezione a consigliere di quartiere comporta la decadenza dalla carica.

03/06/2019 10:45:34 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Il grido d'aiuto degli agricoltori dell'altotevere: il maltempo ha compromesso la campagna 2019

Maggio è stato un mese terribile per gli agricoltori del nostro territorio. Le continue precipitazioni e le basse temperature hanno devastato le colture della zona. Preoccupati per il destino del loro duro lavoro e per il silenzio mediatico intorno a questa situazione l'Associazione agricoltori dell'Alta Valle del Tevere ha racchiuso in questa lettera il suo grido di aiuto: Le incessanti piogge, e le temperatura di diversi gradi al di sotto delle medie stagionali, stanno mettendo in ginocchio l’intero comparto agricolo.  Una situazione veramente giunta al limite che ha già fortemente compromesso i bilanci di moltissime aziende del nostro territorio. Le problematiche colpiscono come già sottolineato in precedenza, l’intero comparto. I produttori di tabacco Bright e Kentucky sono in abbondante ritardo con le lavorazioni agricole e le trapiantature, ma grava su di loro l’incombere delle spese già effettuate in materiale tecnico, affitti e investimento nella piantina.  Il discorso ha la stessa valenza per quel che riguarda gli ortaggi. Non meno grave la situazione dei cereali, i quali, a causa delle avversità meteorologiche rischiano forti attacchi da parte di patogeni fungini che sicuramente rischiano di distruggere i raccolti. Il discorso non è di certo più roseo se parliamo di olivicoltura, frutticoltura e il settore vinicolo data l’impossibilità di rientrare nei campi, anche in questo caso, per proteggere le colture dagli insetti e agenti crittogami. L’allarme è lanciato per ovvi motivi anche dalle tante aziende di Contoterzismo presenti in Alta Valle del Tevere che a causa di questa situazione subiranno forti perdite economiche in parte dovute anch’esse dai tanti investimenti effettuati in attrezzature e parco macchine. Il settore dell’Allevamento, come ben sappiamo viene colpito a stretto giro, pochissimi gli appezzamenti dove i nostri colleghi sono riusciti a seminare mais, e le rese della fienagione sono già completamente annullate per quanto riguarda il primo sfalcio.   Il nostro timore è comunque amplificato dal preoccupante silenzio che ci circonda in questo contesto, come se nessuno si fosse ancora accorto della gravità della situazione. E’ proprio per questo che ci troviamo a scrivere di nostro pugno questo comunicato prima che veramente sia troppo tardi. Ci esponiamo da singoli agricoltori, cosicché questo silenzio venga rotto e gli enti del settore, dai Sindacati alla Regione, prendano in pugno la situazione in maniera tempestiva, In modo da porre in essere tutte le misure possibili affinché le nostre aziende non vengano abbandonate a loro stesse e si possa trovare insieme una soluzione alla spiacevole situazione nella quale ci troviamo. Richiediamo con forza che venga annunciato lo Stato di Calamità Naturale, perché l’agricoltura è, e continuerà ad essere, uno dei settori trainanti nell’economia dell’Alta Valle del Tevere Umbro-Toscana, un indotto importante, che si tira dietro un grande numero di lavoratori, e temiamo fortemente che se non verranno prese le opportune contromisure, in questa stagione agricola, tante e tanti colleghi saranno costretti a prendere decisioni drastiche e irrevocabili. Chiudiamo appellandoci ancora una volta al buon senso degli organi competenti, affinché si possa veramente in cooperazione trovare il modo per recuperare il recuperabile e non abbandonare un settore già di per se in grande difficoltà. GLI  AGRICOLTORI  DELL’ALTA VALLE DEL TEVERE

01/06/2019 11:18:41 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy