Notizie » Politica SICUREZZA AD UMBERTIDE, LEGA NORD: ''IL PROBLEMA SUSSISTE, L’IMMIGRAZIONE UNA TRA LE CAUSE PRINCIPALI''

Riceviamo e pubblichiamo Galmacci “Videosorveglianza e polizia municipale armata, le priorità”. Mancini: “Risultati di una politica di sinistra che mette gli italiani agli ultimi posti nei sussidi “L’immigrazione una della principali cause della criminalità ad Umbertide”. Ad affermalo è il referente cittadino per la Lega Nord, Vittorio Galmacci che interviene sulla delicata questione della sicurezza. “ Umbertide è nella morsa della criminalità – precisa l’esponente del Carroccio - quotidianamente fatti di cronaca portano alla ribalta la cittadina umbra, una brutta cartolina per il nostro comune. Non più di venti giorni fa si è verificata una sparatoria in pieno centro, dove i coinvolti erano stranieri; recentemente un blitz della squadra mobile ha catturato ed arrestato il padrone del mercato della droga di Umbertide, così come è stato definito dalle cronache locali, anch’esso di origine albanese.. Lo stesso sindaco Locchi ha manifestato la problematica al Ministro Minniti scrivendo testualmente “ .. di qui l'esigenza di maggiori controlli e la necessità di un' azione più incisiva delle forze dell'ordine”. Pur consapevole del problema, ci chiediamo cosa abbia fatto l’amministrazione comunale in tutti questi anni se non essere complice di un’immigrazione che nulla aggiunge alla cittadina umbertidese. Come Lega Nord abbiamo più volte richiesto l’installazione di telecamere funzionanti nei punti strategici della città, ma ad oggi sembrano non essere pervenute, così come, insistentemente, abbiamo evidenziato la necessità di armare la polizia municipale, ma la questione sicurezza sembra non interessare all’amministrazione comunale che vede, nell’erigere la terza moschea più grande d’Italia, la sua priorità. Come Lega Nord intendiamo fare un plauso al lavoro svolto dalle Forze dell’ordine, perché nonostante la riduzione dell’organico per mano dell’ex Governo Renzi e nonostante le ingiustificate imposizioni legali che limitano il loro operato, cercano di garantire, con costanza e professionalità, quello che per noi è un bene assoluto, ossia la sicurezza cittadina”. La questione sicurezza ad Umbertide è giunta sino in Regione dove, lo scorso Gennaio, il Consigliere Lega Nord, Valerio Mancini, chiese un tavolo tecnico comprensoriale tra i sindaci tiberini, nel quale discutere di videosorveglianza e di concessione di residenze. “Stupisce – afferma Mancini – come il sindaco Locchi, pur consapevole della delicata questione della sicurezza nel suo comune, non abbia accettato di partecipare al tavolo tecnico solo perché la soluzione era stata offerta da un esponente politico di diversa estrazione. Ancora una volta si antepongono i colori del partito al bene dei cittadini. Di questo passo continueremo a subire la politica distruttiva della sinistra che regala, agli immigrati, facili residenze, generosi contributi affitti e alloggi popolari, il tutto a scapito degli italiani”  

11/05/2017 12:57:07 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica ON. GIULIETTI: ''CON L'APPROVAZIONE DELLA LEGGE SUL LAVORO AUTONOMO SI DA' UNA RISPOSTA AL MONDO DELLE PARTITE IVA''

Riceviamo e pubblichiamo "Oggi il Senato ha approvato definitivamente il DDL sul lavoro autonomo. E' una bella giornata per la politica: finalmente diamo risposte al mondo delle partite IVA, due milioni di lavoratori finora dimenticati". Lo dichiara Giampiero Giulietti, membro della Commissione Bilancio della Camera. "Si tratta di un grande risultato di questa legislatura, di una legge fortemente voluta dal Governo Renzi che ha scelto di legarla alla stabilità 2016 e di un testo costruito passo passo a fianco dei lavoratori, delle associazioni, delle organizzazioni dei professionisti. Finisce l'era della flexibility senza security: si estendono la tutela per maternità, malattia e infortunio, si creano strumenti contro i mancati pagamenti, si rende possibile la deducibilità integrale dei costi di formazione. Viene resa stabile - a partire dal 1 luglio 2017 anche la DIS-COLL, la disoccupazione per i collaboratori, che si estende ad assegnisti e dottorandi di ricerca. Su questo tema, tra l'altro proprio qualche giorno fa ho fatto un'interrogazione al Ministero del Lavoro per le manifeste inadempienze da parte di INPS per poter effettivamente usufruire della dis-coll come prorogata dal decreto milleproroghe. Finalmente - aggiunge Giulietti - anche il lavoro autonomo ha una cornice normativa, nella quale abbiamo costruito il primo vero welfare per chi versa alla gestione separata INPS. Da questo punto di partenza proseguiremo, nell'ottica di rendere universali i diritti del lavoro, dai quali fino a oggi in troppi sono stati esclusi. Questa legge, resa possibile dal contributo di tanti dentro e fuori il Parlamento, deve rappresentare un orgoglio per il PD e per questa legislatura. Ora occorrerà seguire la sua attuazione in ogni aspetto, perché tutte le misure siano caratterizzate dalla maggiore inclusività possibile".

11/05/2017 10:09:34 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: UNA FIACCOLATA PER LA SICUREZZA URBANA, VENERDì 12 MAGGIO ALLE 21 AL PARCO RANIERI

Riceviamo e pubblichiamo «La fiaccolata pubblica di venerdì 12 maggio non è una manifestazione “contro”, bensì “per”. In particolare per riprendere la città da parte degli umbertidesi e per rendere la sicurezza urbana più efficiente. Ma è anche una sollecitazione alle istituzioni per dotare le Forze dell’ordine dei mezzi necessari alla tutela della cittadinanza e un appello all’Amministrazione per evitare e prevenire il degrado di alcune zone della città», puntualizzano il presidente di Umbertide cambia Gianni Codovini e il capogruppo della lista civica Claudio Faloci, invitando i cittadini a partecipare. Il senso della manifestazione, che si svolgerà alle ore 21.00, a partire dal Parco Ranieri, passando per la vicina Via Alfonsine per terminare presso il parcheggio di Martiri della Libertà n.1, è ribadito dai Consiglieri Comunali Stefano Conti e Luigino Orazi e dall’avvocato Raffaello Agea: «La scelta del luogo simbolo del Parco e Via Alfonsine, dove recentemente sono accaduti alcuni fatti di natura delinquenziale, vuole esprimere la nostra volontà di reazione al problema sicurezza urbana, che è un diritto sacrosanto del cittadino; anzi la sua dimensione più profonda da tutelare. Far finta di niente non aiuta di certo la tranquillità e la garanzia dei cittadini, che debbono sentire lo Stato sempre vicino. In questo senso è importantissimo che il cittadino viva in un contesto territoriale e sociale che non solo sia il più possibile sicuro, ma che favorisca anche una sua maggiore percezione di sicurezza. Per questo abbiamo deciso di scuotere le coscienze e le istituzioni ricordando quanto si può ancora fare per una maggiore sicurezza, che prima di tutto nasce dall’evitare il degrado urbano. Infatti siamo consapevoli che un conto sono le politiche della prevenzione, del decoro e del contrasto sociale, che spettano all’Amministrazione comunale, un conto è l’attività di repressione che spetta alle Forze di Pubblica sicurezza.». Per quanto riguarda le politiche di contrasto al degrado urbano e la prevenzione sociale, Umbertide cambia è netta: «Questa Giunta e la precedente hanno creato occasioni e sacche che favoriscono il degrado. La zona spettrale ex Fornace, diventata nel tempo rifugio di clandestinità, l’anfiteatro del Parco Ranieri, luogo di traffico illegale, sono zone che vanno riconvertite. Le politiche di quartiere sono state svuotate, facendo venir meno il controllo spontaneo del territorio da parte dei cittadini. Il controllo di vicinato è infatti un mezzo molto efficace per cooperare con le stese Forze dell’ordine. Come è facile intuire, non chiediamo al Sindaco di fare il duro sceriffo, ma il buon amministratore e mettere in campo politiche attive. Per esempio, ancora aspettiamo il patto di cittadinanza con chi dovrà gestire la Moschea».   Umbertide cambia

09/05/2017 11:20:47 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica M5S Umbertide: ''la promozione delle attività culturali è un’attività che alla nostra amministrazione proprio non riesce''

Riceviamo e pubblichiamo Teatro-teatrino “Finalmente le porte del Teatro dei Riuniti vengono riaperte alla cittadinanza.”  Questo sarebbe stato il titolo che avremmo voluto leggere sulle pagine della cronaca cittadina ma, purtroppo, la promozione delle attività culturali è un’attività che alla nostra amministrazione proprio non riesce.  Dopo aver pubblicato in ritardo il bando per la nuova assegnazione del teatro, facendo saltare l’intera stagione 2016/2017 ora, a bando concluso, con in mano da quasi 7 mesi (dal 31/10/2016) le manifestazioni di interesse dei candidati, da più di due la documentazione dei candidati ammessi e con la nomina della commissione di gara già ultimata, si sta aspettando ancora (inspiegabilmente) la conclusione dell’affidamento. Questa lentezza ingiustificata, oltre a tenere nel limbo i candidati, sta mettendo a serio rischio anche la prossima stagione teatrale le cui attività vanno pianificate con largo anticipo. Va definito il calendario, definiti gli spettacoli e ingaggiate le compagnie. Non è possibile arrivare a Maggio e non aver ancora una programmazione. Fa sorridere pensare come dopo tanti mesi non siano stati in grado di partorire una data per far riunire la commissione di gara quando già da inizio aprile si pubblicizzava pubblicamente la calendarizzazione della Festa de l’Unità. Ognuno ha le sue priorità.  

06/05/2017 12:44:02 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Commissione Controllo e Garanzia, il Presidente Marchetti (Lega Nord) ''L’urgenza da parte della maggioranza, di redigere un regolamento interno alla Commissione, non deve essere solo un pretesto per non affrontare temi più delicati''

Riceviamo e pubblichiamo “Pretestuosa” l’ha definita così Riccardo Augusto Marchetti la lettera consegnatagli da alcuni consiglieri di maggioranza membri della commissione Controllo e Garanzia, i quali invocano la stesura di un regolamento interno alla Commissione stessa, nonostante quest’ultima abbia pieni poteri di esecuzioni con tanto di delibera di Consiglio n. 56. “L’atteggiamento ambiguo di Pd e socialisti ritorna prepotente anche in commissione – precisa Marchetti – perché se c’è da trattare temi delicati la maggioranza rivendica la necessità di un regolamento interno alla Commissione, ma al momento della seduta calendarizzata per redigere il tanto auspicato ordinamento, in pochi si presentano. La domanda è chiara, se questo regolamento è di fondamentale importanza per la maggioranza, tanto da non poter affrontare temi molto più delicati come Polisport o Sogepu, mi chiedo perché presentarsi ad intermittenza alla convocazione dello scorso Marzo. Il campo di azione di questa commissione, presieduta con imparzialità dalla Lega Nord, è legalmente sottoscritto nella delibera del Consiglio n. 56, quindi l’urgenza di redigere un regolamento, pur riscontrandone la necessità, non deve essere solo un pretesto. Coincidenza vuole che ogni volta vengano affrontate questioni come ad esempio le partecipate, per Pd e Socialisti, il regolamento interno diventa indispensabile, poi però si tergiversa quando viene convocata una seduta di commissione completamente dedicata al regolamento stesso. E non lo dico io, ma ci sono i verbali che attestano le presenze: non è forse vero che nella seduta in cui abbiamo audito i vertici Sogepu la maggioranza era al completo? Ed è forse un caso che nella seduta del 28 dicembre scorso in cui è emersa per la prima volta la questione Polisport, PD e socialisti erano tutti presenti? Ed è ancora un altro caso che il giorno in cui viene convocata la commissione Controllo e Garanzia per redigere il tanto desiderato regolamento la sinistra si presenta ad intermittenza? Le mie sono solo domande che trovano conferma nei verbali, non voglio di certo insinuare niente di diverso da quello che è accaduto. Certo è – conclude Marchetti - che una volta approvato il regolamento interno alla Commissione Controllo e Garanzia pretenderò che venga adottato, con le stesse dinamiche, anche nelle altre commissioni consiliari tutte presiedute dalla maggioranza e dove, tra l’altro, non si è mai verificato un simile ostruzionismo politico”

05/05/2017 10:52:53 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy