Notizie » Politica Umbertide Cambia:''Il Comune può e deve essere uno dei protagonisti nelle politiche per il lavoro''

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA: LE POLITICHE PER IL LAVORO “Il lavoro è un diritto e non una raccomandazione”. Per Umbertide cambia non è uno slogan, ma un principio cardine del programma di governo della città. Per questo il movimento civico ripropone il fondo per l’occupazione, leva concreta per la realizzazione di un progetto che riguarda l’occupazione di fasce marginali nel mercato del lavoro, ma anche il sostegno della imprenditorialità giovanile. “Il Comune – sottolinea Umbertide cambia – può e deve essere uno dei protagonisti nelle politiche per il lavoro, con una particolare attenzione alle persone che trovano difficoltà per un nuovo inserimento lavorativo, e nella promozione della cultura d’impresa, soprattutto tra i giovani. Il nostro progetto parte da una azione sinergica tra servizi per l’impiego e servizi sociali, prevedendo il coinvolgimento delle scuole e delle aziende del territorio, che potranno essere coinvolte in un patto per la responsabilità sociale d’impresa. Si tratta sostanzialmente di mettere a sistema attori, risorse, incentivi già previsti a livello nazionale e regionale declinando il tutto in chiave locale attraverso la regia dell’amministrazione comunale. Le persone interessate potranno essere inserite nel progetto sulla base di una profilatura, ed essere sostenute con dei contributi per la loro assunzione. Altro filone sarà quello dei “cantieri”, iniziative finalizzate a particolari obiettivi di utilità sociale nelle quali potranno essere coinvolte le persone più difficilmente collocabili. Al tempo stesso occorre favorire la scelta professionale dei giovani ed incentivare la cultura e l’iniziativa imprenditoriale. Ciò è possibile proponendo iniziative di orientamento all’interno dei percorsi scolastici, media inferiore e superiore, massimizzando le esperienze in alternanza scuola-lavoro, sviluppando l’incubatore d’ impresa (anche partendo dall’attuale FabLab), realizzando, magari all’interno della struttura ex Fornace, laboratori per il “coworking”, che significa lavorare insieme all’interno di spazi condivisi, distribuendo i costi tra i professionisti che vi aderiscono, sostenendo le start up, ma soprattutto aumentando le opportunità di scambio professionale, stimolando la circolazione di idee ed esperienze e best practices in un’ottica di massima collaborazione. Spazi utilizzabili anche per esperienze di telelavoro”.   Umbertide cambia

21/02/2018 11:32:33

Notizie » Politica Discarica di Pietramelina, il comitato inceneritori zero:''Vogliamo risposte''

Riceviamo e pubblichiamo VOGLIAMO RISPOSTE Il Comitato Inceneritori Zero Umbria si fa portatore della paure e i timori della popolazione nelle vicinanze della discarica di Pietramelina e del suo territorio. In più occasioni sono stati accertati dalla discarica di Pietramelina episodi di inquinamento nel vicino torrente Mussino, a fronte delle quali vi sono state delle condanne penali a carico di alcuni responsabili di Gesenu, inoltre è in corso un’indagine penale da parte della Procura della Repubblica riguardante l'impianto e la sua gestione e nonostante tutto si sente da parte delle istituzioni un silenzio assordante. Il comune di Perugia in più occasioni ha assicurato l’avvio della procedura di tombamento della discarica, al contrario ad oggi sembrerebbe sempre più evidente una situazione oramai di abbandono che ha agli occhi dei cittadini del surreale. Come se non bastasse esiste una relazione dell’Università di Perugia inviata al Servizio Geologico della regione Umbria e redatta nel novembre 2017, che evidenzia un rischio di cedimento del terreno su cui poggia la discarica, con un conseguente rischio di inquinamento del vicino torrente Mussino. Alla luce della quale cresce nella cittadinanza la paura per nuovi inquinamenti ancora più disastrosi. Alla luce di tutto questo ci appare ancora più assurda la decisione della Regione Umbria del riavvio dell'attività di compostaggio nel sito limitrofo la discarica. Pertanto il comitato, tramite il suo legale l'Avvocato Corrado Canafoglia, responsabile dell’Unione Nazionale Consumatori, ha richiesto in questi giorni, di sapere quali siano stati ad oggi da parte delle istituzioni gli interventi di bonifica relativi ai precedenti inquinamenti, a che punto è la messa in sicurezza della discarica e quando sia previsto l'iter di tombamento della stessa. In quanto i cittadini hanno bisogno di sapere quale è il vero stato del territorio in cui vivono, un territorio che si sente ogni giorno sempre più abbandonato. Comitato InceneritoriZERO Il portavoce Marco Montanucci

21/02/2018 11:22:48

Notizie » Politica Salvini ad Umbertide, Lega Nord:''Bilancio più che positivo''

Riceviamo e pubblichiamo Salvini ad Umbertide, un turbinio di emozioni. Vittorio Galmacci, commissario cittadino della Lega, traccia un bilancio sulla recente visita del leader della Lega nella cittadina altotiberina. “Non è stato semplice nè facile - dice Galmacci - organizzare l'evento in tutti i suoi particolari ma credo proprio di esserci riuscito, almeno a giudicare dalla straordinaria partecipazione popolare all'evento. Durante la visita alla moschea non ho mancato di rimarcare davanti alle varie tv nazionali come il malgoverno della precedente giunta Giulietti abbia preferito abdicare per un centro culturale islamico anziché favorire quello che era il progetto iniziale ossia una serra per disabili. Al sopralluogo è seguita l'inaugurazione della sede elettorale della Lega in viale Unità d'Italia dove confesso di essermi un po’ emozionato nel vedere quanti concittadini c’erano. A loro Salvini ha ricordato la cancellazione della legge Fornero, la necessità di una flat tax con la tassazione unica al 15% , il diritto alla legittima difesa e l’importanza di mettere al primo posto di qualsiasi scelta politica gli italiani. In una giornata importante per la nostra città, non sono mancate le contestazioni, alcune un po’ vigliacche come il cartello affisso sul cavalcavia della E 45 dove si citava testualmente “Occhio Salvini stavolta spariamo noi" . In un momento così favorevole per la Lega, una cerchia ristretta di dissidenti va messa in conto, ma resta un grande orgoglio, lo stesso avvertito quando all’arrivo di Salvini alcuni concittadini gli hanno gridato “Solo tu ci puoi salvare”. Ecco è per loro che lavoriamo, per un mondo migliore rispetto a quello lasciatoci dal Pd. Ringrazio il Sen. Candiani per l'incarico affidatomi, i candidati leghisti intervenuti Riccardo Augusto Marchetti, Virgino Caparvi e Luca Briziarelli e Valerio Mancini che tanto si è speso presentando anche, unico partito a farlo, un esposto alla magistratura affinchè indaghi sulla provenienza dei fondi e sui documenti relativi alla vendita del terreno e delle relative concessioni edilizie".  Galmacci conclude invitando tutti quelli che volessero maggiori informazioni sulla Lega a contattarlo anche su Facebook.

17/02/2018 16:08:25

Notizie » Politica Umbertide Cambia su gestione pubblica dei rifiuti, acqua e rete metano

Riceviamo e pubblichiamo Gestione pubblica del servizio rifiuti, del servizio idrico, della rete che distribuisce il gas metano. Potenziamento della Multiservice, nelle sue attività ed in un’ ottica territoriale. Indirizzi chiari che saranno alla base del programma di governo di Umbertide cambia nella prossima consiliatura. Riteniamo che tutte le attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti e di gestione degli impianti in un ambito territoriale ottimale per una gestione economica sostenibile del servizio debbano essere ricondotti alla responsabilità di un’azienda pubblica partecipata dai comuni. Una efficace azienda pubblica è infatti elemento di garanzia in una partita così delicata come quella della gestione dei rifiuti. Per questo già da ora chiediamo alla Regione ed all’Auri un momento di seria riflessione sulle strategie dei prossimi anni in materia. Stesso ragionamento per la gestione del sistema idrico. L’acqua è un bene comune fondamentale ed in tal senso deve rientrare in una gestione pubblica. La stessa soluzione deve secondo noi essere applicata anche alla distribuzione del gas metano, mantenendo in capo al pubblico proprietà e gestione delle reti. In particolare pensiamo ad un investimento su Multiservice, azienda totalmente pubblica partecipata in maggioranza dal Comune di Umbertide. Adeguatamente potenziata, dovrà rappresentare un nuovo modello territoriale, oltre che nella gestione della rete territoriale di distribuzione del metano, ad esempio nella gestione di strutture per la produzione di energia, delle centrali calore, nella promozione delle energie rinnovabili. Umbertide cambia

12/02/2018 20:47:49

Notizie » Politica Si accende il confronto tra Marchetti e Bocci, il leghista:''Il sottosegretario dovrebbe uscire dal palazzo dov'è rintanato da anni e vedere come il Pd ha ridotto l'Umbria''

Riceviamo e pubblichiamo Si accende il confronto tra Marchetti e Bocci. Per il leghista "il sottosegretario dovrebbe uscire dal palazzo dov'è rintanato da anni e vedere come il Pd ha ridotto l'Umbria" "Ho letto con stupore e anche con un pizzico di fastidio le dichiarazioni del sottosegretario Giampiero Bocci, il quale, riferendosi all’azione del Governo nazionale e regionale del Partito Democratico, afferma di aver intrapreso un “cammino positivo” in questi 5 anni, sostenendo di aver raggiunto fantomatici “risultati concreti e tangibili” dal punto di vista della viabilità, della sicurezza e del rilancio economico. Probabilmente Bocci dovrebbe smetterla di vivere nel palazzo del potere nel quale è rintanato da decenni e uscire a vedere con i suoi occhi come il PD ha trasformato l’Umbria negli ultimi 5 anni. Vedrebbe una regione spaccata a metà dal punto di vista della viabilità, con territori completamente isolati, opere viarie mai concluse, strade dissestate, una Fcu ferma per chissà quanto tempo. Vedrebbe una regione che non si sente sicura, dove l’immigrazione incontrollata e la depenalizzazione di alcuni reati, voluta proprio dal suo partito, hanno incentivato attività criminali come lo spaccio, i furti, le rapine, le violenze. Vedrebbe una regione dove chiudono aziende storiche, dove imprese che hanno fatto la fortuna non solo dell’Umbria, ma di tutto il centro Italia, vivono da anni nell’incertezza di vertenze che il suo Governo non sa come risolvere o più semplicemente non è in grado di gestire. La Perugina, la Colussi, la Novelli, l’Ast e molte altre ancora. Vedrebbe un lavoro reso totalmente precario dal Job Acts, voluto dal PD, che ha solo avuto i risultati di facilitare i licenziamenti e autorizzare assunzioni a termine anche di un solo mese, una sola settimana, creando ancora più incertezza tra i giovani e le famiglie. Una vergogna totale che solo chi vive barricato in un palazzo d’oro potrebbe definire “cammino positivo”. Noi tra la gente ci siamo e sempre ci saremo. I nostri programmi, le nostre idee, le sviluppiamo insieme alla gente, ascoltando le problematiche più impellenti. E tra queste, sottosegretario Bocci, ci sono proprio viabilità, sicurezza, lavoro: proprio quelle criticità dove, con troppa fretta e superficialità, lei ha dichiarato di aver raggiunto “risultati concreti e tangibili” probabilmente perché spinto dall’esigenza di una campagna elettorale che per la prima volta nella storia repubblicana di questo paese vi vede dietro il centrodestra anche in Umbria" Riccardo Augusto Marchetti  

12/02/2018 14:11:17

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy