Attualità » Primo piano C. di Castello. Proprietario concessionaria d'auto denunciato per truffa

Un commerciante d’autovetture di Città di Castello è stato denunciato dai Carabinieri per truffa. L’uomo, di 38 anni, titolare di una concessionaria nella zona nord della città, in pochi mesi è riuscito a racimolare una somma molto consistente (si stima tra i 100 ed i 200 mila euro) prima di chiudere l’attività e scomparire. Circa una ventina le persone che fino a questo momento risultano truffate; alcune sono residenti in Alto Tevere ed altre in diverse province italiane. Il modus operandi della truffa è stato sempre il medesimo. I clienti venivano attirati da annunci su siti internet specializzati ove venivano pubblicizzate autovetture d’importazione a prezzi concorrenziali (quasi sempre Audi, BMW e Mercedes). Gli acquirenti contattavano il concessionario il quale chiedeva loro un anticipo di alcune migliaia di euro, variabile a seconda del valore del veicolo. Dopo aver corrisposto la somma e formalizzato il contratto d’acquisto, alle vittime veniva prospettato che occorrevano alcune settimane per la consegna del mezzo. Trascorso tale periodo, agli acquirenti che protestavano per la mancata consegna venivano raccontate scuse più o meno credibili. La truffa, che in realtà si è concretizzata in non più di due o tre mesi, come detto ha permesso al presunto autore di intascare una consistente somma di denaro. Quando sono state presentate le prime querele, i Carabinieri della Stazione Città di Castello si sono messi sulle tracce del 38enne il quale però, nel frattempo, aveva già chiuso l’attività facendo perdere le proprie tracce. L’uomo tra l’altro non è nuovo ad episodi simili. Circa due anni fa fu denunciato, sempre per truffa, dagli stessi militari. In quell’occasione fu accertato che l’uomo manometteva i contachilometri dei veicoli che vendeva al fine di aumentarne il valore commerciale. Le indagini dei Carabinieri finalizzate ad identificare sia altre vittime che eventuali complici del 38enne sono ancora in corso.

02/05/2014 14:49:14

Attualità » Primo piano Riqualificazione centro storico. Cambiamenti in piazza XXV Aprile e largo Vibi

Piazza XXV Aprile e largo Vibi sono stati oggetto di un intervento di sistemazione voluto dall’Amministrazione Comunale di importo pari a 16.000 euro, nell’ambito della riqualificazione del centro storico. In particolare per piazza XXV Aprile si è intervenuto sugli elementi di arredo, con il fine di valorizzare uno dei luoghi della memoria di Umbertide, la piazza nata sulle macerie del bombardamento che il 25 aprile del 1944 distrusse borgo San Giovanni causando la morte di 70 persone. Nello specifico si è provveduto alla sostituzione dei dissuasori e al posizionamento di fioriere.  Per quanto riguarda largo Vibi si è intervenuti con la pavimentazione della piccola area verde, in quanto la presenza di grandi alberi di leccio impediva la crescita dell’erba ma anche perché l’area veniva spesso inopportunamente utilizzata per le necessità dei cani. Per la pavimentazione è stato utilizzato il porfido, al fine di dare continuità alla tipologia dei materiali utilizzati per piazza XXV Aprile e l’area è stata poi dotata di panchine e fioriere, sfruttando al meglio l’ampia zona di ombra generata dalla presenza dei lecci. In ambedue le piazze sono stati poi posizionati totem illustrativi che forniscono informazioni turistiche e, in quello di piazza XXV Aprile, anche una ricostruzione di borgo San Giovanni. Densamente popolato, il borgo San Giovanni era attraversato longitudinalmente da due strade, i cui tracciati oggi delimitano i lati più lunghi della piazza, via Mariotti, già vicolo del Pomo, e via Petrogalli, già via di San Giovanni. Le case della zona centrale, distrutte dalle bombe sganciate da dodici aerei alleati nel tentativo, fallito, di colpire il vicino ponte sul Tevere, non vennero più ricostruite; al loro posto è sorta piazza XXV Aprile dove i mattoni rossi tracciano nella pietra il limite delle abitazioni e le soglie di travertino indicano i portoni segnalati anche dal numero civico.

02/05/2014 14:31:03

Attualità » Primo piano Umbertide torna ad ammirare tre tele restaurate della Collegiata

Da venerdì 2 maggio torneranno finalmente ad essere visibili i tre dipinti ad olio conservati presso la Chiesa Collegiata oggetto di un importante intervento di restauro ed attualmente conservati presso il Museo di Santa Croce. Venerdì 2 maggio infatti, a partire dalle ore 17 sarà possibile accedere gratuitamente al Museo per ammirare da vicino i tre dipinti “La Trasfigurazione di Cristo e Santi” del Pomarancio, datata 1578, “San Gaetano e Cristo Stauroforo” di Giovanni Alabornà, e “Beata Vergine di Loreto con S. Andrea Avellino e S. Ubaldo” sempre di Alabornà, ambedue risalenti al 1749. Le opere appartengono alla Collegiata ma, in occasione dei lavori di ristrutturazione della stessa, sono state rimosse dalle pareti della chiesa per essere sottoposte ad un intervento di restauro. Il restauro è stato effettuato da Giorgia Feligioni del laboratorio “Tabula Picta” sotto la supervisione della Soprintendenza per i Beni storici artistici ed etnoantropologici dell’Umbria; in particolare l’intervento, durato circa sei mesi, è consistito nel consolidamento e nella ripulitura della tela, nella chiusura delle mancanze della stessa e nel ripristino pittorico. Da venerdì quindi, e fino a quando la Chiesa Collegiata non riaprirà i battenti, le tre opere saranno esposte al Museo di Santa Croce e qui, nei giorni di apertura dello stesso, potranno essere ammirate da vicino, sin nei minimi dettagli, a differenza di quanto avviene in Collegiata dove la fruizione risulta invece ostacolata dalla collocazione delle tele.

30/04/2014 15:17:33

Attualità » Primo piano Premiati i vincitori del concorso Aimet Save The Energy

Hanno dato libero sfogo alla loro fantasia, proponendo elaborati originali ed interessanti, gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado del territorio che hanno preso parte alla prima edizione di “Save Energy 2014”, concorso promosso da A.I.Met. - Azienda Intercomunale Metano – con il fine di sensibilizzare le  nuove generazioni verso un utilizzo più consapevole delle risorse energetiche e, più in generale, di promuovere una cultura dell’energia in grado di consolidare oggi i modelli sostenibili degli adulti di domani. Lunedì mattina presso il Centro socio-culturale si è tenuta la cerimonia di premiazione alla presenza del presidente di A.I.Met. Matteo Baldelli, dell’amministratore delegato di A.I.Met. Patrizio Nonnato, del sindaco di Umbertide Marco Locchi e dell’assessore all’Istruzione Giovanni Valdambrini. L'iniziativa ha goduto del sostegno anche dei Sindaci dei Comuni di San Giustino e Montone anche in virtù della partecipazione societaria detenuta di A.I.Met., e del Vicepresidente di A.I.Met. Paolo Pompei. “Per noi tutti i ragazzi sono risultati vincitori perché l’importante era partecipare - ha affermato il presidente Baldelli –  Abbiamo dato ai giovani la possibilità di riflettere su tematiche importanti e loro hanno saputo produrre elaborati in cui hanno evidenziato l’importanza dell’uso razionale e consapevole dell’energia. Per questo motivo come CDA abbiamo deciso di assegnare un contributo a tutti i partecipanti, nella speranza che il concorso diventi un appuntamento fisso e che si consolidi sempre di più il rapporto di collaborazione tra A.I.Met. e il mondo della scuola”. “L’obbiettivo di questa iniziativa era quello di stimolare i ragazzi sulle tematiche relative all’energia, al fine di dare vita ad un percorso per far crescere la comunità e renderla sempre più consapevole dell’importanza dell’uso razionale dell’energia – ha aggiunto l’amministratore delegato Nonnato – Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dalla varietà e dalla qualità degli elaborati proposti dalle varie scuole, disegni, collage fotografici, prototipi, video, testi ed ipertesti, ai quali è nostra intenzione dare la massima visibilità attraverso il nostro sito internet”. Sei le scuole che hanno partecipato al concorso (scuola primaria “Garibaldi” di Umbertide, scuola primaria di Pierantonio, istituto comprensivo “Leonardo Da Vinci” di San Giustino, istituto comprensivo “Alberto Burri” di Trestina, scuola media “Mavarelli-Pascoli” di Umbertide, istituto superiore “Leonardo Da Vinci” di Umbertide) proponendo progetti originali e creativi, da “M’illumino di meno”, disegno della scuola vista come un salvadanaio dove non si risparmia denaro ma energia sottoforma di comportamenti virtuosi da mettere in atto, a “Power Life”, un vero e proprio gioco da tavola con domande sulle varie forme di energia, passando per dvd e ipertesti fino ad un tg interamente dedicato alla energie. Il primo posto è stato vinto dalla scuola primaria di Pierantonio e al suo gioco da tavola “Power Life”, al quale è stato assegnato un contributo da 1.200 euro da utilizzare per l’acquisto di materiale didattico, al secondo posto si sono classificati i ragazzi dell’istituto comprensivo di Trestina che con il disegno “Save Energy Save Earth” hanno vinto 900 euro mentre il terzo posto è stato conquistato dagli alunni dell’istituto comprensivo di San Giustino con il dvd “Il mondo nelle nostre mani”, a cui sono stati consegnati 700 euro. Un premio da 400 euro ciascuno è stato inoltre consegnato alle altre scuole partecipanti.

30/04/2014 10:16:01

Attualità » Primo piano La iena Nadia Toffa presenta ad Umbertide il suo libro- inchiesta sul gioco d'azzardo

La “Iena” Nadia Toffa e il suo libro-inchiesta sull’industria del gioco d’azzardo faranno tappa in Umbria venerdì 2 e sabato 3 maggio per due eventi imperdibili che si terranno rispettivamente a Terni, presso la Biblioteca Comunale Terni, e ad Umbertide presso il cinema Metropolis. “Tommy Moroni Eventi & Management” e “Tree Events”hanno infatti organizzato la presentazione del libro “Quando il gioco si fa duro” di Nadia Toffa, alla quale parteciperà, oltre all’autrice, la “Iena” e volto storico della fiction “Don Matteo” Pietro Pulcini. A Terni l’evento è stato organizzato con la preziosa collaborazione di Cucinaà, il patrocinio del Comune di Terni e l’appoggio dell’assessorato alla cultura; il programma prevede alle ore 18 la presentazione del libro presso la BCT – Sala Caffè letterario (ingresso libero) e a seguire alle 19,30 l’aperitivo con possibilità di cena (per prenotazioni telefonare al num. 0744 088869) presso Cucinaà dove Nadia Toffa sarà a disposizione dei presenti per fotografie e autografi. Ad Umbertide il programma prevede alle ore 18 la presentazione del libro presso il Cinema Metropolis a cui seguirà aperitivo con dj-set a cura dell’associazione Effetto Cinema. Al termine della presentazione Nadia Toffa sarà a disposizione per autografi e fotografie; inoltre verrà allestito un bookshop a cura della libreria Liberpucci. L’ingresso è libero. Nadia Toffa è nata a Brescia nel 1979. Dopo quattro anni di gavetta nella tv locale della sua città, Retebrescia, dal 2009 è un’inviata delle “Iene”. Tra le sue inchieste più importanti, quella sulle truffe compiute dalle farmacie ai danni del Servizio Sanitario Nazionale, sulla proliferazione delle sale slot in Italia e, recentemente, sulla Terra dei Fuochi e sulla pedofilia online. La sua capacità e determinazione l’hanno portata a scoperchiare l’industria del gioco, l’unico business che non conosce crisi, con un’inchiesta sconcertante che riassume nel suo libro “Quando il gioco si fa duro”. Quante sono le sale slot in Italia? A quanto ammonta il volume d’affari dell’azzardo e come è ripartito tra macchinette, videolottery, Gratta e Vinci, scommesse? Perché, se negli ultimi dieci anni la cifra spesa dagli italiani per il gioco è più che triplicata, lo Stato non vede aumentare i suoi introiti? E in che modo le organizzazioni criminali si insinuano nel business? Sono alcune delle domande da cui è partita Nadia Toffa per condurre, con lo stile inconfondibile che l’ha resa una delle Iene più apprezzate della trasmissione tv, un’indagine serrata che svela come la ludopatia sia diventata un’autentica piaga sociale. Nadia non si è limitata a ricostruire l’evoluzione del business dell’azzardo in Italia o i recenti provvedimenti (non) presi dallo Stato, ma ha raccolto testimonianze sul campo, raccontando storie esemplari al limite del surreale. Come quella di Nicola che, pur di dedicarsi indisturbato ai giochi online, fa perdere le sue tracce: la famiglia lo cerca ovunque mentre lui è barricato in garage, illuminato solo dalla luce del monitor. Infine, Nadia ha stilato due preziosi decaloghi che spiegano con grande chiarezza cosa fare per salvare un malato d’azzardo dai suoi demoni. Perché, come insegnano tanti tragici casi di cronaca recente, quando il gioco si fa duro non c’è un minuto da perdere.

28/04/2014 15:52:23

Attualità » Primo piano Pietralunga e Lisciano Niccone: tutte le liste e i candidati

Anche nei comuni di Pietralunga e Lisciano Niccone i cittadini sono chiamati alle urne per decidere chi governerà il Comune. A Pietralunga sono tre i candidati sindaco: il sindaco uscente Mirco Ceci (appoggiato dalla lista Centrosinistra per Pietralunga), Donatello Pauselli (appoggiato dalla lista Donatello Pauselli per Pietralunga), Enrico Pauselli (appoggiato dalla lista Uniti si vince Pietralunga viva). Gara a tre anche Lisciano Niccone fra Maria Rita Galimberti (Lisciano viva), Gianluca Moscioni (Unità democratica e riformista) e Giovanni Zampi (Insieme per Lisciano) Candidati al Consiglio comunale di Pietralunga Candidato sindaco Mirco Ceci Centrosinistra per Pietralunga: Eleonora Benni, Bruno Bani, Elena Bellucci, Anna Dominici, Giorgia Giombetti, Marta Girelli, Lara Milli, Lucia Ottaviani, Riccardo Tassi Candidato sindaco Donatello Pauselli Donatello Pauselli per Pietralunga: Alessia Bonucci, Gianmarco Lupini, Elena Signorelli, Mirko Roberti, Enrico Picchi, Monica Cioni, Maurizio Martinelli, Dante Viglione Candidato sindaco Enrico Pauselli Uniti si vince Pietralunga viva: Giulia Bagiacchi, Claudio Clementi, Luca Collesi, Fabiola Fiorucci, Stefano Fiorucci, Mirco Gragnola, Donatello Meniconi, Erica Pascolini Candidati al Consiglio comunale di Lisciano Niccone Candidato sindaco Maria Rita Galimberti Lisciano Viva: Fabiola Chiodi, Gianni Mencaroni, Maurizio Arreni, Massimo Alunni, Bruno Barnini, Alessandro Crinò, Gianluca Marini, Paolo Veneziani, Achille Sammaciccia Candidato sindaco Gianluca Moscioni Unità democratica riformista: Luca Turcheria, Concetta Ambra, Benedetta Raspati, Maurizio Marchesi, Maurizio Caprini, Chiara Orsini, Mauro Petturiti, Francesca Carnevali, Matteo Baffi, Enrico Nicconi Candidato sindaco Giovanni Zampi Insieme per Lisciano: Simone Picchi, Adriana Errighi, Silvia Buffetti, Manuel Buffetti, Sofia Secci, Fiorello Palandruzzi, Silvia Sbaraglia, Stefano Biadetti, Luciano Sbaraglia

27/04/2014 14:19:03

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy