Attualità » Primo piano Moschea ad Umbertide. L'intervento del consigliere di Fratelli d'Italia Monni

Fratelli d'Italia - AN, con il consigliere Monni, ha interrogato il sindaco Locchi in ordine alla realizzazione della moschea, chiedendo, in particolare, se l'Associazione aggiudicataria dell'asta pubblica ha  intenzione di realizzare un edificio destinato al culto e se ha già presentato il progetto tecnico. "Abbiamo avuto a sapere- dichiara il consigliere Monni- che il lotto non è destinato a tale finalità e che nessun incartamento per ora  è stato depositato in comune. Siamo fermamente contrari alla realizzazione della struttura che, con tutta evidenza, sarà destinata alla preghiera, per un duplice ordine di motivi. È paradossale ritenere che nell'area industriale si dovesse prevedere un'area ludico ricreativa se non per soddisfare e privilegiare taluno. Ed è vergognoso confondere l'apertura culturale, che certamente deve esservi, con la prostrazione ad una cultura, quella islamica, con la quale non abbiamo reciprocità di condizioni. Basti pensare che nei paesi di fede mussulmana non ci è sempre consentito realizzare edifici di culto, ci viene negato il diritto alla preghiera in pubblico e subiamo troppo spesso atrocità e persecuzioni fisiche. Umbertide- conclude il consigliere di Fratelli d'Italia- deve mettere al centro dei suoi interessi gli Umbertidesi e i loro bisogni, conservare la nostra cultura e la nostra tradizione, poiché preservare non significa predicare il razzismo ma dare precedenza alla nostra gente che da circa venti anni pare avere sempre il secondo posto." 

14/04/2014 10:57:00

Attualità » Primo piano Avanzamento opere pubbliche ad Umbertide. L'Amministrazione comunale fa il punto della situazione

Nel corso della ultima seduta di Consiglio Comunale, in risposta ad un’interpellanza presentata dal Gruppo consiliare del Pd, l’Amministrazione Comunale ha illustrato lo stato di avanzamento degli interventi che erano stati inseriti nel bilancio di previsione 2013 approvato lo scorso luglio. In merito alle opere finanziate con il mutuo sottoscritto in sede di approvazione del bilancio di previsione di importo pari a 756.855 euro, sono stati portati a compimento i seguenti interventi: rinnovo finiture interne ed esterne degli spogliatoi del campo sportivo Usu (30.000), completamento Puc 2 “Forum urbano nel parco”, che è stato inaugurato lo scorso 15 febbraio (234.133), riparazione danni alla sponda del Tevere a seguito degli eventi di piena (22.092). Sono inoltre in corso gli interventi di manutenzione straordinaria sulla viabilità e sul patrimonio pubblico, di un valore pari a 250.000 euro, che hanno permesso il rifacimento degli asfalti di molte vie della città (i lavori, iniziati il 24 febbraio, sono ora sospesi per consentire la posa delle fibre ottiche e riprenderanno a maggio), ma anche il completamento dell’impianto di illuminazione dell’antistadio di Pierantonio, la sistemazione di un’aula della scuola di Verna da destinare ad attività di vita associativa, l’adeguamento degli spogliatoi dell’impianto sportivo di Spedalicchio, la ripulitura del fosso Rio e, nelle prossime settimane, l’installazione di tre punti luce a Montecastelli. Inoltre sono iniziati il 26 febbraio i lavori di riqualificazione urbana del borgo di Preggio consistenti nella ristrutturazione delle pavimentazioni delle due piazze, dell’illuminazione e della rete sentieristica, che termineranno entro maggio (53.460); sono stati invece aggiudicati l’8 aprile scorso i lavori per il recupero e la rifunzionalizzazione dei locali dell’ex biblioteca e dell’archivio storico presso il Centro San Francesco per i quali era stato ottenuto un finanziamento dalla Regione pari a 180.000 euro (per tale intervento il Comune ha stanziato ulteriori 43.375 euro) mentre sono in corso i lavori di adeguamento alle nuove norme di prevenzione incendi presso il Centro museale di piazza Marx (25.000 euro). Infine si sta espletando la gara per la sistemazione degli infissi esterni dell’asilo nido comunale (15.000 euro), è in corso di affidamento la progettazione esecutiva per l’intervento di eliminazione delle barriere architettoniche da via Forlanini al centro storico (35.346 euro) mentre è in fase di elaborazione la progettazione esecutiva per la realizzazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura dell’edificio ex tabacchi (46.449 euro). In merito al Piano triennale delle opere pubbliche, per il 2014 è previsto il completamento del raccordo ferroviario di Pierantonio per il quale il Comune è in attesa dell’assegnazione definitiva del contributo da parte della Regione per poi procedere alla gara d’appalto (590.000 euro), è in corso la gara per l’intervento di prevenzione del rischio sismico sul magazzino comunale (187.610 euro finanziati dalla Regione), è avvenuta il 31 marzo scorso la consegna dei lavori per l’intervento di adeguamento sismico della scuola primaria di Pierantonio che verrà completato entro l’estate (150.000 euro finanziati con fondi Por-Fesr), è in avanzata fase di realizzazione il completamento delle opere di urbanizzazione dell’area Pip di Pierantonio (445.000 euro) ed è prevista anche la realizzazione di un edificio da destinare ad attività lavorative per finalità sociali legate all’handicap, intervento vincolato alla vendita di un lotto di terreno (250.000 euro). 

14/04/2014 10:04:56

Attualità » Primo piano Acqua&Sapone ad un passo dall'impresa

Un’impresa sfumata proprio all’ultimo respiro, con il buon sapore della vittoria che ormai iniziava ad addolcire le labbra per poi repentinamente lasciare posto all’amaro fiele della sconfitta. È mancata solo una manciata di secondi ad Acqua&Sapone Umbertide per portare a casa quello che sarebbe stato un successo straordinario date le circostanze. E invece è arrivato un k.o. che suona davvero beffardo, e poco consola che a parti invertite il finale di gara-1 sia stato simile. Ragusa si porta così avanti 2-1 nella serie, ma il risultato è, seppur pesante, forse l’unica nota negativa di una partita nella quale le ragazze umbre probabilmente non potevano dare di più. Ai problemi di stanchezza e ai tanti acciacchi fisici lasciati in eredità dall’intensissimo calendario delle ultime settimane, si è aggiunta l’assenza di Black: rotazioni ancora più corte quindi per coach Serventi e gestione delle scarse energie rimaste di conseguenza sempre più complicata. L’avvio di gara è scoppiettante, con entrambe le squadre che trovano il canestro con grande facilità. Ragusa va a segno con Gatti, ma Fontenette risponde subito con una tripla, Malashenko riporta avanti le padrone di casa ma subito Consolini mette ancora una conclusione dalla grande distanza, subito imitata però dal lungo ucraino che immediatamente comincia a produrre punti. Putnina subisce il fallo di Walker e con il 2/2 dalla lunetta sigla il 7-8. La statunitense di Ragusa si fa perdonare con due canestri consecutivi, il primo dei quali con fallo subito e libero supplementare convertito. Le locali salgono così 12-8 sfruttando in questa fase soprattutto un predominio a rimbalzo abbastanza marcato. Putnina però con un gioco da 3 punti riavvicina le ospiti e Consolini completa il sorpasso sul 12-13. Gorini risponde a Malashenko e lo stesso fa Putnina dalla lunetta a Gatti. Wabara però trova il bersaglio e dà un nuovo vantaggio a Ragusa, che poi con la tripla di Galbiati allunga sul 21-17 che conclude il primo quarto.     Il secondo parziale si apre con Malashenko che risponde a Fontenette e poi con un altro canestro da dietro l’arco di Galbiati e la marcatura di Gatti che valgono il 28-19, massimo vantaggio Raguso e primo tentativo di fuga. Potrebbe essere un colpo da k.o. vista la qualità espressa in questa fase dalle padrone di casa e considerata la situazione di Umbertide, che invece da questo schiaffo trova la forza di reagire. Gorini suona la carica con cinque punti di fila, Walker, appena rientrata in campo va a segno, ma Santucci, Fontenette e altri due liberi di Putnina, fermata con un fallo da Malashenko, concludono il parziale di 11-2 che consente ad Acqua&Sapone di impattare a quota 30. Williams con un lampo mette dentro la tripla che vale il nuovo allungo di Ragusa, ma prima Santucci e poi ancora Putnina dalla linea della carità piazzano addirittura il sorpasso. Si va quindi al riposo lungo con Umbertide avanti 34-33. Il terzo quarto è giocato ad altissimo livello dalle ragazze di coach Serventi. Nonostante le difficoltà fisiche la difesa riesce ad aumentare l’intensità, così per Ragusa diventa più difficile attaccare con efficacia e le percentuali delle siciliane si sporcano piuttosto nettamente. La ripresa si apre subito con un nuovo parziale ospite siglato da Putnina, Fontenette e Consolini. Ragusa accorcia con Malashenko e Walker ma la tripla del capitano lascia a +6 Umbertide sul 43-37. Per 3 minuti non segna più nessuno, finché Walker non riporta sotto Ragusa con due canestri di fila, ma Dotto e Fontenette ristabiliscono le distanze per il 47-41 con cui si entra nell’ultimo quarto. L’unica brutta notizia per Umbertide nel corso della terza frazione è il quarto fallo di Consolini, che deve così sedere in panchina per tutta la prima metà del quarto periodo. E l’assenza peserà sugli equilibri soprattutto offensivi di Acqua&Sapone. Le prime due marcature sono di Malashenko e Putnina, poi però Umbertide si inceppa e non riesce più a segnare. Anche Ragusa in attacco non brilla, ma con Walker e Malashenko si riporta a -2 e poi due viaggi in lunetta da 1/2 della stessa ucraina e di Williams valgono il pareggio a 49. Umbertide ha però un sussulto con la tripla di Putnina e poi Consolini, rientrata sul parquet, si presenta in lunetta ma fa solo 1/2. Ancora Williams accorcia le distanze, ma Consolini segna il nuovo +4 e Gorini mette il libero del 56-51. Mancano meno di 3 minuti alla fine, ma Ragusa si aggrappa ancora a Williams, che dopo una serie piuttosto sottotono in questo finale di partita appare scatenata. La statunitense sigla il 56-53, prima che a poco più di un minuto dalla fine Gatti peschi la tripla del pareggio. Umbertide ormai è sulle gambe e ancora Williams porta addirittura avanti le padrone di casa. Gatti dalla lunetta chiude il 9-0 con cui Ragusa ribalta completamente la partita sul 60-56. Dotto trova il canestro rapido da 2 punti, ma la playmaker italiana delle siciliane è ancora infallibile dalla lunetta sul fallo tattico e spegne così le residue speranze di Umbertide. Finisce così 62-58. Non è bastata ad Acqua&Sapone una grande Putnina, non lontana dalla tripla doppia con 18 punti, 9 rimbalzi e 7 falli subiti, con anche Consolini e Fontenette in doppia cifra con 13 e 11 punti. Nel finale l’esplosione di Williams (9 punti nel quarto periodo) e i 7 punti di un’ottima Gatti nell’ultimo minuto o poco più hanno fatto la differenza. Maggiore d’altronde la freschezza delle padrone di casa, rispetto ad una squadra che è stata costretta a schierare quattro giocatrici per più di 36 minuti (e Consolini si è fermata a 33 solo per i problemi di falli). Le gambe pesanti di Umbertide si sono viste soprattutto in attacco, dove da 2 la percentuale si è fermata al 36,5%. Anche Ragusa, dopo un primo quarto dal 70& al tiro, ha visto le proprie percentuali calare bruscamente nella ripresa, soprattutto quelle dalla lunga distanza, dove dopo la grandinata di triple di gara-2 ci si è fermati ad un deludente 22% (spicca in particolare lo 0/5 di una Micovic che ha litigato per tutta la serata con il ferro). Solito corposo contributo in punti invece da Malashenko (16) e Walker, che ai 13 punti ha aggiunto pure 13 rimbalzi. Proprio sotto i tabelloni ovviamente Umbertide ha sofferto l’assenza di Black, perdendo 39-32 la battaglia, riuscendo comunque a difendersi anche grazie al contributo degli esterni, in particolare quello di Gorini che ne ha raccolti ben 8. Ora come detto si torna a Umbertide per gara-4, quando Ragusa avrà sulla racchetta il match point per raggiungere la finale. Passalacqua si è confermata in queste prime 3 partite una squadra di altissimo livello. Ma se Acqua&Sapone riuscirà a ripetere la prestazione di questa sera, con il supporto del pubblico del Pala Morandi, la strada che porta verso la sfida con la vincente di Schio – Lucca per le siciliane sarà tutt’altro che in discesa. Matteo Romanelli TABELLINO PASSALACQUA RAGUSA: Malashenko 16 (5/10, 1/4), Walker 13 (5/8), Micovic (0/1, 0/5), Williams 12 (3/5, 1/5), Gatti 13 (3/5, 1/1), Mauriello ne, Galbiati 6 (0/1, 2/5), Wabara 2 (1/2), Soli (0/1, 0/1), Valerio (0/1 da 3). All. Molino. T.L. 13/16. Rimbalzi 39 (Walker 13) ACQUA&SAPONE UMBERTIDE: Putnina 18 (3/8, 1/1), Santucci 4 (2/5, 0/2), Consolini 13 (3/11, 2/4), Fontenette 11 (4/9, 1/2), Gorini 8 (2/9, 1/1), Puliti, Ortolani ne, Linguaglossa ne, Dotto 4 (2/3, 0/1), Black ne, Villarini ne. All. Serventi. T.L. 11/13. Rimbalzi 32 (Putnina 9)  

13/04/2014 21:32:30

Attualità » Primo piano Moschea ad Umbertide. La risposta dell'Amministrazione comunale

Riceviamo e pubblichiamo dall'Amministrazione comunale di Umbertide "Si trasmette la risposta scritta dell’Amministrazione Comunale alle interrogazioni presentate dal consigliere di FdI-An e dal consigliere del Gruppo misto in merito all’ipotesi di realizzazione di un centro islamico: Nel corso del 2011 l’Amministrazione comunale ha avviato un progetto finalizzato alla delocalizzazione della struttura denominata “ex serra comunale” in via Madonna del Moro in adiacenza al mattatoio. Il progetto è stato finalizzato allo spostamento della struttura aggregativa su un’area maggiormente idonea e consona alle attività svolte dalle associazioni ed ha contestualmente previsto la variante urbanistica dei terreni adiacenti al mattatoio attraverso la cui valorizzazione immobiliare venissero reperite le risorse finanziarie per la costruzione della nuova struttura in altro sito. Con D.C.C. n. 23 del 16.03.2011 è stata approvata la variante dell’area in questione. La variante approvata ha consentito la trasformazione dell’area da zona servizi a tessuto di completamento produttivo TCP (art. 33 NTA del PRG parte operativa), prevedendo coerentemente alla disciplina del suddetto tessuto una zona destinata a spazi ludico/ricreativi/culturali. Con D.G.C. n. 142/2012 è stato approvato lo schema di distribuzione dei lotti che ha previsto l’individuazione di n. 3 lotti con destinazione artigianale e di un lotto denominato “L3” con indice di edificabilità ridotto (0,51 mq./mq.) nel quale è consentito realizzare strutture di tipo culturale e ricreativo e non dedicate al culto. Con D.G.C. n. 153 del 3.6.2011 è stato approvato il bando di vendita dei terreni sopra indicati. Con D.D. n. 37/72 del 25.7.2011 è stato approvato il verbale dell’asta pubblica tenutasi in data 22.7.2011 per la vendita dei terreni edificabili ricadenti nell’area denominata “ex serra comunale” in base al quale è risultata assegnataria del lotto L3 la Associazione Culturale Islamica di Umbertide. In data 28.01.2013 con prot. 2198 l’Associazione Islamica Umbertide ha inoltrato all’Amministrazione Comunale istanza per l’acquisizione di un’ulteriore rata di terreno, in ampliamento a quella di lotto L3. Con la suddetta istanza è stata richiesta anche la delocalizzazione del lotto L3, su una sedime diverso da quello originario, ma sempre all’interno del comparto. Con D.G.C. n. 21/2013 la richiesta dell’Associazione Islamica Umbertide è stata accolta osservando che: 1. nel corso dei mesi intercorsi dalla pubblicazione del bando di vendita si era riscontrata, soprattutto in relazione al particolare momento congiunturale, una stasi del mercato immobiliare, che ha determinato la mancata vendita dei terreni limitrofi; 2. tale situazione di stasi era riscontrabile anche nelle aree PiP di Montecastelli, Buzzacchero e Pierantonio tanto che l’Amministrazione Comunale non era in possesso di una graduatoria di soggetti interessati all’acquisto dei terreni per i quali era stato esplorato in modo approfondito e ripetuto il mercato di riferimento; 3. per le suddette motivazioni la richiesta dell’Associazione Islamica Umbertide è risultata del tutto accoglibile senza previa pubblicazione di un nuovo avviso d’asta, trattandosi di una richiesta di ampliamento di un lotto già assegnato a seguito di esperimento di asta pubblica in data 22.7.2011; L’Associazione Islamica Umbertide, trasformatasi nel frattempo in associazione di volontariato denominata “Centro Culturale Islamico di Umbertide”, ha ottenuto l’assegnazione di un’area di complessivi mq. 1.849 in parte edificabile ed in parte destinata a parcheggio. Con atto segretario comunale Rep. 4568 del 17 dicembre 2013 il Comune di Umbertide ha quindi perfezionato la cessione del terreno a favore del “Centro Culturale Islamico di Umbertide” per l’importo complessivo di € 105.900,00 interamente pagati. Il contratto prevede la possibilità di utilizzo a titolo gratuito dell’area da parte del Comune fino al 30 giugno 2015. Alla data odierna, per quanto sopra esposto, non sono stati presentati progetti da parte del soggetto proprietario dell’area e non sono stati conseguentemente rilasciati titoli abilitativi. Si mette in evidenza che oggi il “Centro Culturale Islamico di Umbertide” utilizza per le proprie attività alcuni locali posti all’interno dell’immobile “ex manifattura tabacchi” in via Battisti. Nel corso del tempo, a più riprese, è stata manifestata a questa Amministrazione da parte della comunità Islamica l’esigenza di individuare uno spazio maggiormente adeguato e dignitoso; l’immobile attualmente in uso fa parte di un complesso immobiliare, tra l’altro compreso all’interno del PUC2, caratterizzato da rilevanti problemi di degrado ed in alcuni casi di natura strutturale e non può più continuare ad assolvere alla sua attuale funzione. La soluzione prospettata con l’area di Via Madonna del Moro intende far fronte in modo razionale e sufficientemente adeguato a questa necessità, trattandosi di un terreno edificabile all’interno di una zona facilmente accessibile ed idonea alla realizzazione di una struttura ricreativa/culturale, ben distinta da un edificio di culto. Vale la pena ricordare che a poche centinaia di metri, lungo via Spoletini, è presente un’altra struttura privata di proprietà della Congregazione dei Testimoni di Geova, che assolve in maniera del tutto analoga alle esigenze della propria comunità."  

10/04/2014 19:28:22

Attualità » Primo piano Umbertide. Bullismo in treno. Arrestati dalla Polizia cinque minorenni

Nel corso delle prime ore della mattinata, i poliziotti dell’Ufficio Anticrimine e della Squadra Volante del Commissariato di Città di Castello , coadiuvati da quattro equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche, hanno notificato ed eseguito a cinque minorenni, l’ ordinanza “dell’ obbligo di permanenza in casa”, l’equivalente degli arresti domiciliari. Le misure cautelari, tutte eseguite ad Umbertide, sono il risultato di un’accurata ed elaborata attività d’indagine durata circa due mesi, nei confronti di un gruppo di giovanissimi, due italiani e tre extracomunitari, che si comportavano come una baby gang. Da tempo la “banda” imperversava e terrorizzava i coetanei tra Umbertide e Città di Castello, preferendo quale luogo delle proprie angherie il treno che trasporta gli studenti pendolari sulla direttrice Umbertide -Sansepolcro. L’indagine prende le mosse da un referto medico emesso dal Pronto Soccorso del nosocomio di Città di Castello, nel quale ad un ragazzo, appena maggiorenne, vengono riscontrate alcune lesioni ed ecchimosi a seguito di una caduta presumibilmente avvenuta scendendo dal treno. La motivazione appare subito degna di attenzione da parte del Responsabile del Posto di Polizia presso l’Ospedale; vengono svolti i primi accertamenti dai quali comincia ad emergere una preoccupante verità: la caduta non sarebbe accidentale, ma volontariamente procurata da alcuni ragazzi. Viene quindi sentito l’interessato, che dopo le prime negazioni, comincia ad ammettere di essere stato vittima del comportamento scellerato di alcuni coetanei. La successiva attività d’investigazione permette di individuare un primo trio di soggetti dediti a comportamenti bullistici, ed un numero abbastanza corposo di altri ragazzi oggetto e testimoni dei loro comportamenti. Dalle dichiarazioni emergono altri due nominativi, i cui successivi riscontri positivi, portano a cinque il numero totale della “baby gang”. L’indagine si arricchisce delle denunce sporte da un dirigente di “Umbria Mobilità” e da addetti delle Ferrovie, in merito ad alcuni danneggiamenti avvenuti all’interno dei treni, causati da ignoti, e da una globale situazione di estrema sofferenza per i viaggiatori e studenti che quotidianamente, da tempo, nella quasi indifferenza, assistevano ad atti di puro vandalismo e soggezione psicologica. Accertati comportamenti violenti, soprusi, prevaricazioni, sino ad arrivare a sputi ed insulti nei confronti anche di alcune ragazze minorenni. Il Pubblico Ministero presso la Procura per i Minori di Perugia dr. Flaminio Monteleone, dopo aver ricevuto una dettagliata informativa, e dopo aver attentamente valutato le risultanze dell’attività investigativa, ha chiesto ed ottenuto dal G.I.P. l’emissione dei provvedimenti restrittivi cautelari.

09/04/2014 12:11:58

Attualità » Primo piano Magia Fontenette. L'Acqua&Sapone vince 56-55 Gara 1 semifinale scudetto contro Ragusa

Che sarebbe stata una partita piena di emozioni si sapeva, ma questa sera l’Acqua&Sapone ha superato ogni aspettativa. 56-55. Questo il risultato finale giunto dopo una partita al cardiopalma, in un Pala Morandi ( nonostante l’orario non favorevole dovuto ad esigenze televisive) colmo di tifosi che hanno accompagnato le ragazze e coach Serventi alla vittoria. Due punti di Fontenette aprono l’incontro. Ragusa si porta a +5 dalle umbre che con Putnina ritrovano il pareggio a 6′ dalla fine della prima frazione di gioco. Le siciliane riallungano, ma l’Acqua&Sapone tiene il passo e con due punti di Putnina e cinque di Black terminano il primo quarto a -3 dalle ospiti, sul 14-17. Nella seconda frazione di gioco, prima con Santucci e poi con Consolini,  le umbertidesi vanno a -1 dalle biancoverdi che però si riportano avanti. La squadra siciliana va a +9, ma Gorini e  Black  fanno ritornare le biancoblù a -5. Si va all’intervallo sul 24-29. Al ritorno dagli spogliatoi, l’Acqua&Sapone parte bene con Black e Fontenette che agguantano il pareggio. Ragusa sembra prendere il largo, ma dalla sponda umbertidese quattro punti di capitan Consolini bloccano l’arrembaggio siciliano e il terzo quarto finisce sul 35-45. E’ nell’ultima frazione di gioco che l’Acqua&Sapone plasma il capolavoro. Con due punti di Santucci e quattro di Putnina, Umbertide va -6. Ci pensa poi Gorini ad accorciare ancora le distanze, portando le padrone di casa a -2. Ragusa si riporta avanti con Malashenko, ma prima con Black e poi con Consolini l’Acqua&Sapone torna a -1 dalle rivali. Ed è Fontenette, ad una manciata di secondi dalla fine, a firmare il canestro del successo, facendo esplodere il Pala Morandi in un tripudio di gioia. Prossimo appuntamento per le ragazze di coach Serventi venerdì 11 aprile, alle ore 20.30, quando a Ragusa giocheranno Gara 2. Finale: 56-55  (14-17; 24-29; 35-45) Acqua&Sapone Umbertide: Consolini 9, Gorini 6, Puliti, Ortolani ne, Ceccaroni ne, Linguaglossa, Dotto, Putnina 10, Black 12, Fontenette 13, Villarini ne, Santucci 6. All. Serventi Passalacqua Ragusa: Micovic 10, Gatti 5, Mauriello, Galbiati, Williams, Walker 10, Malashenko 19, Wabara 2, Soli 2, Valerio 7. All. Molino Arbitri: Matteo Boninsegna, Francesco Terranova, Roberto Radaelli

09/04/2014 11:42:06

Attualità » Primo piano Area ex Tabacchi di Umbertide. Illustrata la fase di valutazione partecipata

Il nucleo di valutazione appositamente istituto per l’utilizzo coordinato dell’edificio ex tabacchi (Forum nel Parco) ha illustrato nei giorni scorsi la metodica del Poe (Pre Occupancy Evaluation) attraverso la quale verrà avviato un processo sistematico di valutazione delle prestazioni della struttura per il periodo compreso tra i mesi di aprile e giugno 2014. Tale nucleo è attualmente composto dall’ing. Lorenzo Antoniucci, responsabile Puc 2 per il Comune di Umbertide, dal presidente del Comitato Uisp Altotevere Stefano Alunno, dall’urbanista Ray Lorenzo e dal pedagogista Aldo Manuali. Compito del nucleo è quello di analizzare, interpretare e rendere sistematiche le valutazioni svolte dai vari soggetti che nei prossimi mesi “sperimenteranno” l’utilizzo dello spazio per attività proprie.  Dalla sua apertura, sono stati già tanti i soggetti che hanno fatto richiesta dell’edificio ex tabacchi, sottolineandone le potenzialità ed indicandone le possibili forme di utilizzo. Per facilitare questa raccolta di dati e di idee, il nucleo ha predisposto delle schede di valutazione sull’impatto, riguardanti le caratteristiche, le performance, le potenzialità e le problematiche del luogo, con il fine di valutare, attraverso i feedback registrati, come le soluzioni impiantistiche e il generale funzionamento dell’edificio sono percepiti dagli occupanti, per poi arrivare alla definizione del bando per la gestione dello spazio, in modo da ottimizzare al meglio le opportunità offerte dal sito. Inoltre, nei prossimi mesi verranno organizzati quattro workshop - indicativamente a fine aprile, a metà maggio, ad inizio giugno e a fine giugno – finalizzati ad incontrare tutti gli interessati, coinvolgendoli direttamente in un’analisi valutativa per stimolare e raccordare le varie proposte di utilizzo. In merito alla struttura, l’urbanista Lorenzo ha messo in evidenza la flessibilità dello spazio, in grado di adattarsi a molteplici situazioni, dallo sport alla cultura, passando per la musica e l’arte, ed ha sollecitato un utilizzo sperimentale a 360 gradi della struttura. Come sottolineato ancora da Lorenzo, la metodica del Poe (nata negli anni Settanta negli Stati Uniti ma quasi sconosciuta in Italia, tanto che l’esperienza umbertidese risulta tra le prime nel nostro Paese) permetterà proprio di analizzare aspetti molteplici, favorendo una valutazione partecipata al fine di arrivare ad una destinazione di utilizzo il più condivisa possibile e più rispondente alle esigenze della cittadinanza. Per quanto riguarda l’utilizzo della struttura, attualmente gestita in via temporanea dal Comitato Uisp Altotevere al quale è già stato affidato tramite procedura pubblica il campo sportivo Usu, non è previsto il pagamento di alcun canone di affitto ma è richiesto un contributo per le spese di pulizia pari a 5,00 euro all’ora più Iva se l’utilizzo è inferiore alle cinque ore e a 50,00 euro più Iva se l’utilizzo è superiore alle cinque ore. Inoltre l’utilizzo è gratuito nel caso in cui l’evento sia patrocinato dal Comune di Umbertide (qualora sia ad ingresso gratuito); nel caso preveda un biglietto di ingresso è previsto uno sconto pari al 50% rispetto alle tariffe sopra indicate.  Chiunque abbia interesse a visitare il sito e a proporre iniziative, può contattare  il Comitato Uisp Altotevere al numero 393 9879772; la Uisp provvederà poi a fissare un contatto con i tecnici della valutazione che si renderanno disponibili a somministrare le schede e a registrare idee, proposte e suggerimenti.

05/04/2014 11:19:30

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy