Notizie » Politica Siringhe sugli autobus sostitutivi: la Lega chiede maggiori controlli

Riceviamo e pubblichiamo Belloni: “Preoccupazione del territorio sembra essere una prerogativa solo leghista. Pronta una mozione” Siringhe sugli autobus sostitutivi, la Lega denuncia il fatto e chiede maggiori controlli. La vicenda risale a martedì scorso quando una cittadina, di ritorno da Perugia, trova una siringa all’interno del pullman e documenta con delle foto. Sulla questione interviene il consigliere comunale di San Giustino, Corrado Belloni, sollecitato dalla signora stessa. “In più di un’occasione gli utenti degli autobus che sostituiscono il treno, nella tratta Sansepolcro-Perugia, si sono lamentati per una mancata sicurezza. La Lega in consiglio comunale a Città di Castello, con i colleghi Riccardo Augusto Marchetti e Valerio Mancini – continua Belloni -  ha più volte sollevato la questione chiedendo maggiori controlli e ulteriori punti di illuminazione nelle stazioni. In regione il Vice Presidente del Consiglio, Valerio Mancini, dopo vari sopralluoghi, ha suggerito ad Umbria Mobilità di presentare esposti o denunciare i numerosi atti vandalici verificatesi nella stazioni umbre. Ma la preoccupazione del territorio sembra essere una prerogativa solo leghista. Esprimo, dunque, solidarietà alla signora e annuncio una mozione in consiglio comunale che mi auguro verrà ripresa anche in regione, per chiedere maggiori controlli soprattutto negli orari più a rischio, ossia quelli dopo le 17.  Urge ripristinare legalità perché la politica lassista del Pd ci ha tolto, non solo le infrastrutture ma anche la sicurezza cittadina. Trovare delle siringhe tra i sedili di un pullman è un fatto molto grave che mina la sicurezza degli utenti.  Occorre intervenire e al più presto. A San Giustino la Lega chiederà maggiori controlli e un numero più cospicuo di controllori perché a quanto ci risulta la siringa è solo l’ultimo atto di un film già visto, in cui la sicurezza cittadina passa in secondo piano ma sono certo – conclude Belloni – che la questione, grazie alla Lega, arriverà anche in Regione” .

20/04/2018 08:30:30

Notizie » Politica ''Umbertide Partecipa per Marco Locchi'' presenta la lista dei candidati

Riceviamo e pubblichiamo   “Umbertide Partecipa per Marco Locchi” – Presenta la lista Sabato mattina alle ore 11 in P.zza del Mercato – Umbertide Sarà presente Alessio Pascucci Sindaco di Cerveteri e Coordinatore Nazionale di “Italia In Comune” Sabato mattina alle ore 11.00, in P.zza del Mercato si terrà la presentazione della lista “Umbertide Partecipa per Marco Locchi”. In Piazza, all’aperto, per rimarcare ancora una volta i valori distintivi della lista, che sono: trasparenza, partecipazione, condivisione con i cittadini protagonisti di questa svolta, ormai stanchi di essere sudditi! Una lista fatta di donne e di uomini della nostra città impegnati giornalmente nelle proprie attività lavorative: che rappresentano “il cuore pulsante” dell’impegno civico. Persone che amano Umbertide e che hanno deciso di mettersi in gioco. Convinti di ciò che di positivo la precedente amministrazione ha fatto per la città e motivate dall’idea di dare un contributo di idee e progetti per il futuro, per Umbertide 2030…e oltre. Cittadine e cittadini scelti attraverso un percorso di partecipazione e condivisione: solo due di loro hanno avuto precedenti esperienze di attività politica; l’età media è 40 anni con 6 candidati sotto i 30; una lista rappresentativa di tutto il territorio comunale e delle varie professioni, solo due provenienti dal settore del pubblico impiego. Criteri innovativi che segnano una forte discontinuità con un passato che abbiamo vissuto e che, come lo stesso Marco Locchi aveva più volte segnalato in questi ultimi due anni, è giunto al capolinea. Siamo tutti molto soddisfatti del risultato ottenuto e speriamo che condividano questa soddisfazione anche i nostri concittadini di Umbertide. Alla presentazione della lista ci sarà anche Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri e Coordinatore Nazionale del neonato raggruppamento “Italia In Comune”, il cui Presidente è Federico Pizzarotti. “Italia In Comune” nasce con l’obiettivo di unire i sindaci, le liste civiche e tutti i cittadini che si riconoscono nella carta dei valori approvata a Roma lo scorso 15 aprile. Abbiamo ritenuto molto interessante confrontarsi anche con esperienze di questo tipo che vedono sempre più frequentemente Amministratori civici al governo delle città Italiane. Appuntamento quindi sabato mattina alle ore 11.00 in P.zza del Mercato e sabato pomeriggio alle ore 18.00 in p.zza a Pierantonio presso la nuova sede della lista “Umbertide Partecipa per Marco Locchi”.    

18/04/2018 20:31:13

Notizie » Politica Lega:''Il Pd fa retromarcia sulla moschea, meri spot elettorali''

Riceviamo e pubblichiamo Lega, il Pd fa retromarcia sulla moschea. Meri spot elettorali Carizia, Marchetti e Mancini: “Ci chiediamo dove era il PD quando noi ci battevamo per bloccarne la costruzione” Uno spot elettorale che indica la poca credibilità del Pd. Così la Lega Umbria commenta la presa di posizione esternata a mezzo stampa, dal Pd di Umbertide, il quale dice di no alla moschea e ne critica pure le enormi dimensioni. “ Se oggi in via Madonna del Moro sorge la seconda moschea più grande di Italia, con tutte le problematiche che ne derivano – spiegano il candidato a sindaco Lega, Luca Carizia, il deputato Riccardo Augusto Marchetti e il consigliere regionale Valerio Mancini – la responsabilità è solo del Pd che ha svenduto la sicurezza cittadina per un mero bacino di voti. La presa di posizione della candidata a sindaco del Pd di Umbertide ci sembra, quindi, quanto mai tardiva e poco credibile: ci chiediamo dove era la signora Avorio quando la Lega raccoglieva firme per dire NO alla moschea e perché non abbia sottoscritto i nostri moduli. Ci domandiamo perché il Pd regionale abbia bocciato la mozione della Lega che chiedeva una moratoria sui centri culturali islamici umbri. Dubbi che vengono oltremodo alimentati se si pensa allo sciopero della fame fatto, sulla questione, dal consigliere regionale Lega, Valerio Mancini o all’esposto presentato alla Procura della Repubblica dallo stesso consigliere leghista che evidenziava eventuali discrepanze sui permessi di costruzione del centro culturale islamico umbertidese. La Lega si è mossa su ogni fronte per bloccare quella che per noi rappresenta la tomba della sicurezza cittadina, un cavallo di troia che metterà in serio pericolo l’intera regione. Abbiamo rassegne stampa, video ed interviste che confermano il sostegno del Pd alla costruzione di una mega moschea ad Umbertide, cambi di rotta così repentini e senza fondamento ci sembrano miseri spot elettorali ma, considerato anche i risultati del 4 Marzo scorso, siamo convinti che i cittadini sappiano distinguere la brutta copia da quella originale. Non ci stupiremmo – concludono i leghisti – se il Pd ci chiedesse un’alleanza di governo ma i cittadini stiano pure tranquilli, che non accetteremmo mai tale proposta: la coerenza, la credibilità sono valori imprescindibili per la Lega”

16/04/2018 11:10:13

Notizie » Politica M5S Umbertide:''Good morning Vietnam''

Riceviamo e pubblichiamo Ci è capitato di leggere la presentazione del candidato a sindaco del PD e, sinceramente, non è comprensibile da quale torpore si sia ridestata.   Magari risvegliandosi dal profondo sonno in cui è stata immersa negli ultimi 15 anni si sarà anche accorta che qualcuno aveva anche fatto chiudere la Ferrovia! Si rimane basiti e sconcertati di fronte ad affermazioni “ad Umbertide NON può esistere una moschea” “ridurre la TARI” “i cittadini devono essere protagonisti” “cacciare dalle piazze chi spaccia e chi ruba”, queste affermazioni escono dalla bocca di coloro che hanno governato fino ad oggi! Affermazioni di chi senza pudore pensa ancora di insultare l’intelligenza degli Umbertidesi, MENTONO SAPENDO DI MENTIRE, quelli che sono stati autori e complici dello stato in cui ci troviamo.   Si parla di ridiscutere e ridimensionare gli spazi del centro culturale islamico, quando fino ad ora il PD umbertidese ha sempre difeso questo progetto che ha visto partecipare sia la giunta giuliettiana (che ha concesso all’associazione un’area di terreno così vasta) che la giunta locchiana che ha portato a conclusione l’iter. Il tutto è passato sotto gli occhi del partito di maggioranza per ben due legislature senza che facesse nulla, ma anzi difendendo strenuamente l’operato delle loro giunte.   Viene poi trascinato nello scontro elettorale il centro Alzheimer, fiore all’occhiello della nostra cittadina, che è così per merito di chi l’ha pensato, realizzato e ci lavora con dedizione e professionalità, combattendo le difficoltà di ogni giorno e non per merito del politico di turno che in campagna elettorale se ne riempie la bocca per riscuotere voti.   Senza pudore è anche l’affermazione “di un milione all’anno per mettere in sicurezza le scuole”, questo significa per noi fare promesse elettorali, omettendo completamente il fatto che per anni questa non è stata certo una priorità, basti ricordare il tetto in amianto della Monini e i 130 mila euro spesi per un ampliamento della stessa che non è mai stato usato. Intanto la scuola è chiusa e chissà ancora per quanto. Questo solo per citarne una. Non parliamo poi delle affermazioni su Calzolaro, solo ora ci si accorge che i cittadini di questa frazione devono poter vivere in maniera dignitosa, finora dov’era tutto il PD e la sua candidata che lo rappresenta? Magari stavano pensando a dove spostare l’azienda che tratta i rifiuti, da recenti affermazioni apparse sulla stampa pare abbiano pensato a Camporeggiano. Saranno felici di apprendere questa notizia gli abitanti del luogo. La candidata del PD si erge a portabandiera della vecchia politica e con un goffo tentativo tenta di fare ammenda delle colpe che hanno, riconoscendo di fatto gli errori commessi nelle passate amministrazioni, ma poi, senza alcun pudore torna a riproporci la stessa vecchia storia, lo stesso modo di fare e gli stessi protagonisti. Ci auguriamo che gli umbertidesi abbiano memoria e ne facciano ricorso al momento opportuno.  

16/04/2018 10:54:22

Notizie » Politica Umbertide Cambia:''Noi siamo innovazione, il PD conservazione''

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA: NOI SIAMO INNOVAZIONE, IL PD CONSERVAZIONE Forma e sostanza. Il cambiamento in politica è tale se entrambi questi aspetti trovano soluzioni e significati diversi. Proviamo a spiegare perchè il PD ad Umbertide è solo continuità e conservazione. La forma. Il PD scarica sulla precedente Amministrazione comunale le sue diatribe interne poi esce sconfitto dalle politiche, ma di fatto non cambia. Non ci sono state dimissioni dei vertici dell’apparato di partito. Anzi. La Segretaria, Lucia Ranuncoli, resta in carica e verrà molto probabilmente ricandidata per il Consiglio Comunale. La Presidente dell’Unione comunale, Paola Avorio, è candidata a Sindaco. Se questo è rinnovamento! Di quale logica sono frutto queste decisioni: di una “rivoluzione” interna o piuttosto di un accordo tra i soliti decisori, Giulietti e Guasticchi? Se vogliamo essere onesti e corretti nei confronti dei cittadini questa seconda verità bisogna ammetterla. E non è un giudizio di valore sulle persone, ma una descrizione oggettiva della condizione di continuità che caratterizza il partito. La sostanza. Aprendo la campagna elettorale il candidato sindaco del PD dice di voler fare tutto ciò che gli amministratori dello stesso PD non hanno fatto finora stando al governo della città. Di fatto sostiene le ragioni di una opposizione che si è vista bocciare in Consiglio Comunale tutte le proposte che adesso il nuovo candidato sindaco fa sue. Credibile? Un esempio, la totale confusone sulla Moschea. Nuova proposta del PD: costruire un centro Islamico più piccolo riservato ai soli residenti. A parte la necessità di modificare una autorizzazione edilizia già concessa e l’illegittima limitazione del diritto personale di un cittadino di Montone o Milano, che facciamo, mettiamo una “dogana” all’entrata per controllare i documenti? Ancora una volta si perde di vista il cuore del problema, che da una parte è la legittimità della realizzazione di una struttura adibita a culto su quel terreno, dall’altra è il confronto civile e culturale che occorre prima sviluppare con la comunità islamica ed in generale le comunità straniere. Questo intendiamo proponendo il blocco della Moschea ed un nuovo patto di cittadinanza. Fermiamoci e ridefiniamo le condizioni di trasparenza, legalità, sicurezza, responsabilità, convivenza necessarie ed un nuovo sistema di relazioni civili con la comunità islamica e le comunità straniere. Ma la Moschea non può essere il tema principale della campagna elettorale. Altre sono le priorità: lavoro, sicurezza e legalità, sostegno alle persone ed alle famiglie, infrastrutture ed iniziative per lo sviluppo della città. Su questi temi sono concentrate le nostre attenzioni. La forma diventa poi sostanza nello stile di governo. Trasparenza, partecipazione, libertà. Per noi non sono punti programmatici, ma elementi del nostro DNA, principi base dei nostri comportamenti quotidiani che diventeranno caratteristiche fondamentali del nostro modello amministrativo. In totale discontinuità con quel sistema di controllo che, dopo 70 anni, ormai irrimediabilmente malato, abbiamo fatto cadere, con responsabilità istituzionale, coerenza e coraggio politico, restituendo la scelta ai cittadini attraverso il voto di giugno. La sfida sarà tra innovazione e conservazione. Noi vogliamo liberare Umbertide. 14.4.2018 Umbertide cambia    

16/04/2018 10:45:31

Notizie » Politica Presentato stamattina il logo della lista civica ''Umbertide Partecipa per Marco Locchi''

Riceviamo e pubblichiamo Presentato stamattina il logo della lista civica “Umbertide Partecipa per Marco Locchi”. Un simbolo che richiama la nostra città con la Rocca stilizzata che si specchia sull’acqua a significare la trasparenza dell’operato dell’amministrazione passata e futura. Lo slogan ‘’Umbertide Partecipa’’ utilizzato già da oltre un anno per incontri ed assemblee con la cittadinanza, al quale è stato aggiunto il nome del candidato a sindaco per la lista. Un simbolo che racchiude quindi le parole chiave del programma della lista: Trasparenza, partecipazione. Il nome del candidato Sindaco racchiude inoltre altri valori quali onestà, dialogo, coerenza e risultati certi. Infatti le cose dette sono state fatte o sono in corso, ma comunque tutte programmate dalla precedente amministrazione che ha messo in cantiere numerosi progetti che si stanno tutti realizzando (anche se nei programmi di altre liste vengono riportati sotto la voce “faremo”!!!): parco/serra disabili, area ex fornace con interventi manutentivi a carico di ditte umbertidesi, costruzione nuova scuola Monini, manutenzione straordinaria di tutti gli edifici scolastici, interventi ex tabacchi, interventi sulle frazioni ed altri. Una amministrazione che ha saputo interpretare, come un buon padre di famiglia, le priorità della propria città e che si ripropone in modo nuovo per completare i progetti avviati e per lanciare la sfida per Umbertide 2030. Lista Civica “Umbertide partecipa per Marco Locchi”

14/04/2018 20:40:24

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy