Notizie » Politica Amministrative Umbertide 2018: presentata la lista della Lega

 La Lega Umbertide presenta il suo candidato a sindaco. Si tratta di Luca Carizia, 54 anni, libero professionista. “Con orgoglio e soddisfazione - si legge nella nota – annunciamo Luca Carizia come nostro candidato alle prossime amministrative di Umbertide. Si tratta di un volto nuovo, pulito, lontano da logiche di potere, un uomo del territorio che saprà ascoltare, senza secondi fini, le esigenze degli cittadini. Di Cariza ci ha colpito l’onestà, la trasparenza e quel suo essere riflessivo nelle scelte, ma soprattutto il mettersi al servizio del territorio a prescindere dai colori politici, un umbertidese per gli umbertidesi. La sua figura rispecchia in tutto e per tutto lo spirito trasversale della Lega, nonché la sua vicinanza e attenzione ai bisogni e alle richieste dei cittadini per il buon governo della città Luca Carizia (candidato a sindaco LEGA): “La Lega è la novità assoluta in quanto è fuori da ogni schema politico che si è alternato in questi anni ad Umbertide. Siamo gli unici che stanno tra la gente e fuori dal “Palazzo”. Questa libertà e questa novità ci permette di avere un programma ambizioso basato su logiche di buon senso che ha un obiettivo preciso quello di rinsaldare i nodi di un tessuto sociale indebolito, ricreare un’ identità precisa, una comunità. E come si fa a ricreare una comunità? Innanzitutto partendo dalla sicurezza, che per noi è un cavallo di battaglia. Sicurezza vuol dire stop ai lavori della moschea perché è un luogo di culto talmente grande che richiamerebbe cittadini da più parti d’Italia, favorendo, di fatto un disagio sociale ancora maggiore. Ma la sicurezza è anche quella percepita, con la Lega al Governo della città ci sarà un ruolo diverso della polizia municipale che verrà dotata di armi di difesa e dissuasione dietro un adeguato addestramento. Sicurezza vuol dire anche maggiori controlli, diurni e notturni, i cittadini devono avere l’impressione di non essere soli e trovare nell’ istituzione comunale un appoggio importante. Nel voler ricostruire il tessuto sociale di una comunità, oltre alla sicurezza , è importante la lotta al degrado urbano: con particolare attenzione ai parchi e alle strade della città, la cui situazione è a dir poco angosciante. Ma in un tentativo di tessere le fila di una comunità abbandonata negli anni, la prima cosa da fare è mettere gli italiani al centro della nostra azione politica, saremo attentissimi alla distribuzione degli alloggi popolari, alla concessione dei contributi affitto e alle agevolazioni dei servizi comunali, perché solo così Umbertide potrà tornare a sorridere come merita.   Riccardo Augusto Marchetti (Deputato della Repubblica LEGA) “Per noi l’obiettivo principale è vincere. Lavoreremo palmo a palmo sul territorio, organizzeremo una serie di incontri in tutte le frazioni per far conoscere la nostra proposta, l’idea di una politica sana e trasparente che nulla ha a che vedere con il passato amministrativo di Umbertide. Di sicuro il nostro Segretario Federale Matteo Salvini tornerà nel capoluogo umbertidese per la terza volta, confermando un interesse incondizionato per questo territorio. In caso di vittoria faremo tutto ciò che è in nostro potere per chiudere la moschea di via Madonna del Moro e se andremo al Governo la Lega sarà promotrice di una legge che fermerà la costruzione di tutte le moschee in Italia finchè non ci sarà chiarezza dei fondi e una legittima e doverosa integrazione per cui le donne e gli uomini godono degli stessi diritti. Oltre al discorso sicurezza, per il territorio di Umbertide abbiamo idee chiare per ciò che concerne l’azienda Splendorini Ecopartner che vorremmo de-localizzare in un’area già individuata, addestreremo ed armeremo la polizia municipale affinchè funga da deterrente ai numerosi furti di cui Umbertide è, purtroppo, vittima. Siamo pronti per vincere e a confrontarci con i cittadini e con gli altri candidati a sindaco che avranno tanto poco da dire  rispetto al lavoro portato avanti in anni di amministrazione immobilizzata. I cittadini dovranno conoscere la Lega per il movimento che è, ossia un movimento post-ideologico e pertanto trasversale che fa delle idee e non delle ideologie, il proprio cavallo di battaglia. Come parlamentare, già da ora, dò al nostro candidato a sindaco Luca Carizia, la massima disponibilità per portare i temi più importanti di Umbertide sino alla Camera dei Deputati. Abbiamo lavorato per quattro anni sul territorio ascoltando la cittadinanza, siamo intervenuti sul panoramica politico con proposte serie per porre rimedio a scelte improponibili fatte da chi, oggi, si vergogna del proprio operato e si nasconde dietro finte liste civiche, cambiano i simboli ma non le facce e le storie.   Valerio Mancini (Consigliere regionale LEGA): “Il voto alla Lega è un voto contro la costruzione della moschea, un voto per la sicurezza e la trasparenza cittadina. Nessuno più della Lega può rivendicare un’attenzione particolare verso Umbertide, una presenza costante, anche senza una effettiva rappresentanza in comune, abbiamo presidiato il territorio lavorando in sintonia con molti cittadini. Se recentemente la Guardia di Finanza ha fatto un blitz in Comune per acquisire i documenti relativi alla costruzione della moschea è merito della Lega che ha depositato un esposto, alla Procura della Repubblica, segnalando criticità e dubbi in merito all’iter amministrativo e alla reale destinazione del così detto centro culturale. Come Consigliere Regionale ho perfino fatto lo sciopero della fame, perché coloro che oggi si nascondono sotto una lista civica, non volevano trattare la mia mozione che chiedeva una moratoria per tutti i centri culturali islamici dell’Umbria almeno fino a quando non fossero noti i finanziatori degli stessi. A tal proposto annuncio, fin da ora, un’integrazione all’esposto già presentato in cui verranno sottolineate incongruenze in merito ai flussi finanziari che hanno incentivato la costruzione della struttura. Risultati che verranno presentati in una conferenza stampa a Palazzo Cesaroni alla quale, spero, sarà presente il futuro sindaco di Umbertide Luca Carizia, persona di spessore e trasparenza che riuscirà a ridare dignità a questa cittadina così tanto martoriata da una sinistra totalmente avversa ai veri bisogni dei cittadini. Diffidate da tutte quelle liste che seppur composte da cittadini, sicuramente degni di rispetto, esprimono le solite logiche di potere e i soliti nomi”   Vittorio Galmacci (commissario cittadino Lega Umbertide): “La nostra squadra è per lo più formata da giovani, gente entusiasta che vuole impegnarsi per riparare tutti i danni provocati da anni e anni di governo cittadino clientelare. La politica “spettacolo” che stanno facendo i nostri avversari non ci appartiene, la Lega è nata tra la gente ed è lì che continuiamo a stare, con il linguaggio e con le proposte. Considerato quanto fatto in questi anni di governo tra amministrazione ed opposizione, facendo un esempio culinario si può palesare che, ad Umbertide, oggi, l’unico vero primo piatto è la Lega, gli altri sono solo contorno. Sono convinto del buon esito elettorale del 10 Giugno prossimo, la gente non ne può più, chiede sicurezza, maggiore attenzione e priorità per gli italiani e soprattutto considerazione nelle scelte importanti della città come, di fatto, non è accaduto per la costruzione di una mega moschea in Via Madonna del Moro. I candidati Baratella Lorenzo  (4/5/1993) Bottaccioli Cecilia (16/12/1995) Carini Lucia (12/12/1979)                       Carlesi Giacomo (14/05/1982) Cavedon Lorenzo  (18/01/1986)     Cenciarini Francesco (01/04/1987)  Cinque Giuseppe (22/02/1962) Dominici Giovanni (08/05/1958)        Fagnucci Claudia (29/06/ 1959) Floridi Marco ( 22/08/1981)                                                         Franceschini Marianna (12/09/1995) Gaggiotti Cinzia (21/04/1973) Galmacci Vittorio (02/11/1950) Spatoloni Ettore (17/01/1962) Turchi Tania  (15/05/ 1980)                                  Ubbidini Moira (01/05/ 1972)

05/05/2018 12:57:33

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA HA PRESENTATO IL PROGRAMMA

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA: IL PROGRAMMA PER IL NUOVO GOVERNO DELLA CITTA’ Concretezza, innovazione, territorio. Il programma di governo di Umbertide cambia ruota intorno a questi concetti fondamentali. “Vogliamo liberare Umbertide dal ripiegamento politico, amministrativo e culturale”, ha sottolineato il candidato sindaco Giovanni Codovini presentando il documento. La fine anticipata della precedente legislatura per Codovini “non è stata solo figlia di una crisi politica interna al partito di maggioranza, ma ha rappresentato la fine di un modello di governo e di un sistema di potere dirigista, chiuso e accentrato. Per tale ragione Umbertide cambia propone un progetto alternativo, basato su una cultura di governo aperta e competente, figlia di un rapporto nuovo tra cittadino ed istituzioni”. “Uscire dall’isolamento è una necessità, non più una scelta politica”, ha aggiunto il candidato sindaco del movimento civico, “in questo senso, il programma di Umbertide cambia va oltre i confini della città e propone un piano strategico territoriale utile a realizzare le politiche relative allo sviluppo economico, al lavoro, alla gestione dei servizi (acqua, rifiuti, metano, sanità, protezione sociale), alle infrastrutture (ferrovia, E45, E78, Pian d’Assino, autostrade telematiche), al sistema scolastico e della formazione. In questa nuova logica territoriale – ha spiegato Codovini - l’azione di governo di Umbertide cambia viaggia su due direzioni: quella della gestione corretta e veloce del quotidiano e quella strategica. Per la prima verrà istituito un assessorato alla quotidianità, che si impegni a dare risposte immediate ai problemi di tutti i giorni. Per la seconda si prevede la realizzazione di progetti di vero respiro, come ad esempio l’Hospice, per dare serenità e dignità al fine vita, e la società pubblica per la gestione dei servizi (acqua, metano, rifiuti)”. Persona, famiglie, conoscenza, ordine pubblico, legalità, ambiente, “meriti e bisogni”. Sono le parole chiave di un programma che entra nel dettaglio delle questioni con specifiche proposte. Un progetto per la sicurezza integrata e partecipata, che prevede il potenziamento delle forze dell’ordine (polizia locale e carabinieri, con una nuova caserma), il controllo di vicinato, una stretta sulle residenze. Un piano per le energie rinnovabili, interventi di bonifica (eternit, falde, discariche), valorizzazione del parco e della pineta Ranieri, dove trova collocazione la “Fattoria rurale e sociale”, evoluzione anche verso il “dopo di noi” della ex serra per persone disabili, il completamento del piano “zero barriere”. Quindi un concreto sostegno economico all’IRBB (Istituto Balducci) quale centro di un nuovo sistema di assistenza agli anziani, anche domiciliare (elenco pubblico e professionalizzazione delle badanti), il fondo per l’occupazione di fasce marginali, impulso alla iniziativa autonoma attraverso il “Centro per l’innovazione tecnologica”, la promozione del marchio “Altotevere”, un investimento sulle competenze del personale comunale. Investimenti anche per scuole e politiche scolastiche, l’educazione sportiva, borse di studio per studenti meritevoli in difficoltà economica. Ed ancora, lotta all’evasione e riduzione dell’addizionale IRPEF, per una politica tributaria che introduce l’uso della no tax area e del baratto amministrativo. Le risposte su specifiche criticità. Moschea: prima il rispetto della legalità e regole chiare, con un nuovo patto di cittadinanza. Ex tabacchi: diventerà parte di un centro sportivo polivalente, utile anche per attività di formazione. Le frazioni: “saranno “al centro”, con dei consigli di quartiere eletti, non cooptati, ed una concreta attenzione verso le problematiche emergenti. Un progetto per il centro storico. 04.05.2018 Umbertide cambia    

05/05/2018 08:46:13

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA:‘’VENERDI’ 4 MAGGIO PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA’’

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA:‘’VENERDI’ 4 MAGGIO PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA’’ Preparazione, indipendenza, innovazione, responsabilità. Giovanni Codovini, candidato a Sindaco di Umbertide cambia, costruisce intorno a queste sue fondamentali caratteristiche il suo profilo politico, sviluppando la sua azione su una proposta programmatica che egli stesso definisce “di governo e di cambiamento” e che presenterà pubblicamente venerdì 4 maggio alle ore 18.30 presso la sede del comitato elettorale della lista civica, in Viale Unità d’Italia (ex Bar Italia). Umbertidese nato in Via Cibo nel 1958, laureato in Filosofia e in Giurisprudenza, sempre con lode, Giovanni Codovini è professore di ruolo presso l’Istituto d’Istruzione Superiore “Da Vinci” di Umbertide. Giornalista pubblicista, già direttore di giornale e saggista di livello nazionale (ha scritto per B. Mondadori, Loescher-D’Anna, Giunti), da ultimo ha pubblicato una serie di manuali di storia adottati con successo in tutte le scuole italiane. Ha svolto attività di ricerca e formazione presso l’Istituto per la Storia dell’Umbria contemporanea nonché in corsi universitari. La sua esperienza giuridica e gestionale è maturata attraverso la frequentazione della Scuola forense, l’abilitazione in Mediazione civile e commerciale, la funzione - per sette anni - di Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Perugia e lo svolgimento di incarichi in organismi dell’Amministrazione pubblica. Amante dello sport (ha militato nel Basket Club Fratta), da sempre è impegnato nel sociale e in campagne per i diritti civili. È sposato ed ha tre figli.   30.05.2018   Umbertide cambia  

01/05/2018 14:10:21

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy