Attualità » Primo piano Il Da Vinci di Umbertide diventa Fablab School

Il Fablab School, laboratorio per la formazione e l'innovazione, sta diventando realtà. Sono infatti partiti i lavori di sistemazione e adeguamento dei locali seminterrati dell'istituto “Leonardo da Vinci” che, a partire dal prossimo autunno, ospiteranno la sede operativa del centro polifunzionale di formazione, innovazione, ricerca e sostegno alla creatività e all'imprenditoria giovanile “Fablab School”. L'idea, coprogettata dall'Amministrazione Comunale di Umbertide e dal Campus "Leonardo Da Vinci" con l'obbiettivo di dare una risposta concreta alle esigenze lavorative dei giovani, favorendo una collaborazione sempre più stretta tra mondo della scuola e mondo del lavoro, è stata subito accolta con favore  dalla scuola e da alcune aziende del territorio che hanno contribuito economicamente alla sua realizzazione, sostenuta anche tramite un finanziamento del Gal Alta Umbria. Così in questi giorni sono partiti i lavori che trasformeranno i locali dei seminterrati dell'Istituto "Leonardo Da Vinci" in un vero e proprio centro di formazione ed innovazione territoriale con aree di ricerca, sviluppo e lavoro attrezzate con  strumentazioni e macchinari tecnologicamente avanzati, dove gli studenti dell'istituto, neo laureandi, ma anche privati cittadini potranno seguire percorsi formativi altamente qualificanti, rispondenti alle opportunità lavorative del territorio e al contempo sviluppare progetti ed idee e porre le basi per nuove start up. Il Fablab School, che prende le mosse dal Fablab ideato da Neil Gershenfeld al Mit di Boston, nasce infatti come uno spazio “aperto”, non solo agli studenti, ma a tutti coloro che vogliono implementare la propria idea imprenditoriale, ponendosi come un vero e proprio centro di ricerca e di sviluppo che potrà contare sulle professionalità già presenti all'interno dell'istituto e sull'apporto continuo e costante delle aziende locali, creando così un ponte tra scuola, università, imprese e territorio. Come le botteghe di una volta, ma in versione 3.0, la sede operativa del laboratorio consterà di un'aula magna per la formazione, un'aula dedicata alle start up con box in cui i giovani potranno implementare e concretizzare le proprie idee progettuali innovative, due laboratori con postazioni di lavoro e attrezzature hardware e software all'avanguardia, frutto anche di donazioni delle aziende del territorio, e un'area per lo stoccaggio e il taglio dei materiali. Ad oggi il Fablab ha una forte vocazione meccanica e meccatronica, settori predominanti nel sistema economico-produttivo umbertidese ed altotiberino, con uno sguardo al settore emergente delle energie da fonti rinnovabili, ma in ogni caso fornirà le basi da cui partire per sviluppare idee innovative in ogni ambito del sapere. Attualmente sono in corso i lavori di adeguamento dei laboratori mentre a luglio si interverrà anche nelle aule per le start up per poi procedere con l'allestimento dei locali e l'installazione delle attrezzature nel mese di settembre e aprire ufficialmente i battenti del Fablab School. Oltre alla sede operativa presso l'istituto “Da Vinci”, il laboratorio potrà contare anche su una sede di rappresentanza presso il Centro socio-culturale San Francesco dove avranno luogo convegni e conferenze.

22/05/2015 21:12:17

Attualità » Primo piano Valentina Cirilli selezionata dalla Normale di Pisa

Ancora una volta l'istituto “Leonardo Da Vinci” sforna talenti per la Normale di Pisa. Quest'anno infatti è stata la studentessa Valentina Cirilli della IV B del liceo linguistico a superare la severissima selezione per l'accesso al corso di orientamento universitario offerto dalla prestigiosa scuola. E' oramai il quinto anno che la Normale di Pisa sceglie studenti dell'istituto umbertidese, indice della qualità della didattica e dell'offerta formativa ma anche della vivacità culturale e progettuale che caratterizzano il campus “Da Vinci”.  Scuole come la Normale di Pisa infatti non si scelgono; sono loro a selezionare i futuri allievi, studenti che vantano una media altissima, compresa tra 9 e 10. E non basta:  gli studenti della Normale devono inoltre essere dotati non solo di semplici competenze nozionistiche e/o mnemoniche ma soprattutto di intuizione, originalità e talento. Così per la studentessa Valentina Cirilli, oltre alla media altissima, sono valse le certificazioni di lingue straniere, la partecipazione a progetti europei, le selezioni a Olimpiadi e la partecipazione ad attività progettuali d'eccellenza offerte dall'istituto e svolte con impegno e responsabilità dalla studentessa. Valentina farà parte del ristrettissimo gruppo di 300 studenti selezionati, su segnalazione dei dirigenti scolastici, dalle diverse regioni d'Italia e da Paesi esteri. Nel panorama internazionale la Scuola Normale Superiore di Pisa è riconosciuta tra le più famose ed illustri; fondata nel 1810 da Napoleone vanta ben tre premi Nobel, un record mondiale in riferimento al rapporto iscritti-premiati. La dirigente scolastica Franca Burzigotti, i docenti e gli alunni della 4B del liceo linguistico e tutta la comunità scolastica esprimono i migliori complimenti e auguri per un futuro di successo alla bravissima studentessa che sarà premiata, sabato 23 maggio, durante la cerimonia dedicata alle eccellenze dell'Istituto. 

20/05/2015 14:21:54

Attualità » Primo piano Umbertide: presentati i servizi rivolti a bambini e ragazzi per il periodo estivo

Sono stati presentati ieri mattina presso la Residenza comunale, alla presenza del Sindaco di Umbertide, i servizi promossi dal Comune di Umbertide e gestiti dalla Cooperativa Asad rivolti a bambini e ragazzi per il periodo estivo. Ad illustrarli in dettaglio, Monica Nanni, Silvio Bartolini e Valentina Tosti della Cooperativa sociale Asad, la dottoressa Camilla Palazzoli, assistente sociale e responsabile tecnico del Comune per questo genere di servizi comunali e Luca Pazzi, presidente di Galassia Down che coordina i lavori estivi. Come ogni anno il Comune intende rispondere alle esigenze delle famiglie che hanno difficoltà nella gestione dei propri figli una volta terminata la scuola, proponendo un vasto ventaglio di servizi pensati per ogni fascia di età, dai bambini di 3 anni fino ai ragazzi di 20 anni. Dal 23 maggio sono aperte le iscrizioni ai Centri estivi comunali “Lucignolo”, che prevedono giochi, laboratori manuali e creativi, uscite, aiuto compiti ed attività sportive per bambini dai 3 ai 6 anni (dal 1° al 31 luglio presso i locali di You.spa, dalle ore 7.30 alle ore 18) e per bambini dai 7 agli 11 anni (dal 29 giugno al 31 luglio presso i locali della scuola media ex Pascoli, dalle ore 7.30 alle ore 18). I posti disponibili sono 50 per ogni fascia oraria ed è possibile iscriversi recandosi al Centro Lucignolo presso la scuola media ex Pascoli nei giorni del 23 maggio (dalle 9 alle 13), 25 maggio (dalle 9 alle 12,30 e dalle 16 alle 18), 26 maggio (dalle 9 alle 12,30) e dal 27 maggio in poi (dalle 16 alle 18) fino ad esaurimento posti. Per gli studenti dai 16 ai 20 anni il Comune di Umbertide, in collaborazione con le Cooperative Asad,  Galassia Down e Cassiopea, ripropone invece i lavori estivi, offrendo ai giovani la possibilità di avvicinarsi al mondo del lavoro in maniera protetta per un periodo di circa tre settimane con un rimborso spese di 150 euro. I ragazzi saranno impegnati a pulire il parco Ranieri e i centri estivi comunali e ad occuparsi della manutenzione delle aree verdi e alla ripulitura delle pareti dai graffiti. I posti disponibili sono 23 e i giovani interessati potranno presentare domanda presso l’Ufficio Informagiovani da mercoledì 20 maggio alle ore  12,30 di venerdì 29 maggio.  Sempre per i ragazzi dai 12 anni in su sono poi previste le attività di “Estate Gulp” con settimane a tema, uscite, animazione al Parco Ranieri e student point, che verranno organizzate insieme agli animatori sulla base delle proposte dei giovani. 

16/05/2015 15:11:44

Attualità » Primo piano C. di Castello: percepivano pensione di una parente morta 4 anni fa, scoperta truffa da 100mila euro

Incassavano la pensione di invalidità erogata dall’Inps, comprensiva dell’ “indennità di accompagnamento” ed ammontante ad oltre 1.500 Euro mensili, nonostante la propria congiunta fosse deceduta da ben 4 anni. È quanto accertato dai Finanzieri della Tenenza di Città di Castello al termine di mirate indagini: la donna, una cittadina di origini marocchine da anni residente nel capoluogo tifernate unitamente ai propri familiari, a causa d’una grave patologia da cui era affetta, era stata dispensata dall’obbligo di presentarsi davanti agli organi di controllo, potendosi limitare ad esibire annualmente delle semplici autocertificazioni. Così, all’indomani dal suo decesso avvenuto in Marocco,  i familiari della donna, tuttora residenti a Città di Castello, omettevano di darne formale comunicazione agli Uffici competenti e si adoperavano per falsificarne la firma su vari documenti. Il fratello, delegato ad operare sul conto corrente della defunta, una volta al mese si recava presso la filiale dell’Istituto di Credito ove veniva accreditata la pensione per ritirare istantaneamente il “bottino” in contanti e, quindi, spartirlo con la sorella ed il cognato. A porre fine a questa truffa sistematica ai danni dell’INPS è stato l’intervento delle Fiamme Gialle tifernate che, dopo giorni di pedinamenti e appostamenti, hanno colto in flagranza il fratello, intento a prelevare il contante da uno sportello bancomat. Subito è scattata la perquisizione che ha consentito di sequestrare una consistente somma, provento della truffa. I tre cittadini di etnia marocchina sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Perugia per il reato di truffa continuata ed in concorso ai danni dell’INPS, per aver indebitamente percepito, nel corso degli anni, circa 100.000 euro. L’azione condotta dai militari rientra nel settore del “contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica”, nel quale la Guardia di Finanza è particolarmente impegnata per evitare che le risorse pubbliche diventino preda di truffatori e di associazioni criminali, a danno delle politiche di sostegno alle famiglie maggiormente colpite dall’attuale crisi economica

14/05/2015 14:16:06

Attualità » Primo piano Il campione Carlos Checa al Campionato italiano motorally di Umbertide

La disciplina della navigazione strega anche la velocità. Carlos Checa, campione del mondo Superbike 2011 con Ducati, sarà la stella della 4° e 5° prova del Campionato Italiano Motorally, valevole anche per il Raid TT. Un'edizione 2015 a dir poco pirotecnica quella che si sta profilando nella disciplina del roadbook. Ad Umbertide a tagliare i nastri di partenza sarà il catalano, pluricampione, fuoriclasse della velocità Carlos Checa. Vent'anni di carriera, idolo degli spagnoli, icona di tutto il mondo per la sua velocità, più volte davanti a nomi del calibro di Valentino Rossi e Max Biagi, Carlos Checa dalle piste del MotoMondiale lanciato su quelle del Moto GP e campione su quelle di Superbike si misurerà con quelle offroad di Umbertide il prossimo 16 e 17 maggio. Motivo di vanto ed orgoglio per il Coordinatore Nazionale Motorally Antonio Assirelli e per tutto lo staff avere in competizione un nome di questa caratura; incredulo il presidente del Moto Club Fratta Off Road, Giovanni Montanucci, onorato Andrea Mancini, campione in carica della specialità di cedere la tabella fregiata del numero 1 al boss della velocità. Oltre 200 i piloti iscritti per il 4° Motorally dell'Alta Valle Del Tevere, con due prove in linea di 22 e 52 chilometri cronometrati, per un totale comprensivo di trasferimenti di 170 chilometri nella giornata del sabato. Altrettanto spettacolare e dura la prova della domenica con 190 chilometri da percorrere per i riders e due PS di 26 e 36 chilometri. Occhi puntati quindi sulla Beta numero 1 guidata da Carlos Checa ma attenzione anche ai fuoriclasse del CIMR, dove la battaglia rimane ancora aperta e i colpi di scena imperversano dietro l’angolo. Jacopo Cerutti portacolori Honda, fresco di vittoria all’Hellas Rally Raid, rivelazione motorally 2015, rimane in testa alla classifica, con cinque punti di vantaggio su Alessandro Botturi e la sua Yamaha WR 450. Al terzo posto troviamo Jonathan Zecchin in sella ad Husqwarna 250, che ha migliorato la propria performance in prova. Un Motorally che piace sempre di più, che stupisce e strega, che aggancia gli enduristi e che vanta un nome come Carlos Checa."Insieme per passione" è lo slogan che sostiene l'appuntamento di Umbertide e che vede la collaborazione di due grandi realtà: il Moto Club Fratta off Road e l'Associazione Culturale Motociclisti Non Agitati coordinata da Osvaldo Pedana, che opera nel panorama del mototurismo.

13/05/2015 14:06:37

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy