Attualità » Primo piano Fine anno scolastico, il saluto del sindaco Carizia e dell'assessore Villarini

“Carissime ragazze e carissimi ragazzi, è giunto alla conclusione anche quest'anno scolastico, un anno insolito e complicato che ha messo a dura prova tutto il mondo della scuola, voi studenti, le vostre famiglie, il corpo docente e non docente, le Dirigenze, il personale tecnico amministrativo”: inizia così il messaggio agli studenti in occasione dell'ultimo giorno di scuola da parte del sindaco Luca Carizia e dell'assessore all'Istruzione, Alessandro Villarini.   “Tutti insieme – proseguono sindaco e assessore - abbiamo reagito con grandissima forza e coraggio alle difficoltà scaturite dall'emergenza sanitaria legata al Coronavirus, siamo stati costretti a cambiare le nostre abitudini, ma abbiamo mantenuto la nostra capacità di guardare al futuro con speranza e ottimismo, sapendo che certi difficili passaggi vanno superati tutti insieme come una vera comunità.   Quindi, grazie ragazzi per l'entusiasmo che avete sempre mantenuto e per non esservi arresi nei momenti di difficoltà, grazie alle vostre famiglie  che hanno condiviso con voi un passaggio complicato supportandovi, e grazie al corpo docente che con grande serietà, professionalità e dignità è riuscito a portare avanti il proprio lavoro e a svolgere la propria funzione, rappresentando un importantissimo sostegno per tutti. Grazie di nuovo e in bocca al lupo per il vostro futuro”.  

09/06/2020 12:59:48 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Scuola: “un anno difficile da dimenticare, a volte drammatico. L'augurio è che si torni alla normalità”

 Il saluto del Presidente della Provincia di Perugia Bacchetta e del Consigliere Masciolini a studenti, famiglie, corpo docente e non docente “Si è chiuso un anno scolastico durante il quale dall’oggi al domani ci siamo dovuti reiventare modalità di approccio alla didattica e ai rapporti interpersonali in una situazione di forzata “clausura” determinata dall’emergenza sanitaria. Un anno scolastico che difficilmente dimenticheremo, a volte drammatico, ma che ha anche permesso di mettere ancor più in risalto l'importanza fondamentale dell’istruzione. Con grande sforzo da parte di studenti, famiglie, corpo docente e non docente si è rimarcata la necessità di garantire alle generazioni del futuro la possibilità di andare a scuola e di usufruire di un apprendimento costante”. Il Presidente della Provincia di Perugia, Luciano Bacchetta e il Consigliere delegato all’edilizia scolastica Federico Masciolini ringraziano il mondo della scuola per l’impegno e risultati positivi conseguiti, impensabili il 5 marzo quando scattò la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Un grazie va anche alle famiglie che in questi giorni hanno aiutato i loro figli, soprattutto i più piccoli a non perdere preziosi giorni di didattica in modalità remota. “Il lavoro messo in campo dai dirigenti scolastici ed insegnanti – aggiungono - l’impegno degli studenti e la collaborazione delle famiglie, hanno consentito, malgrado tutto, lo svolgimento delle lezioni”. E già si guarda alla riapertura delle scuole prevista a settembre che vede nella Provincia di Perugia 29.890 studenti iscritti al prossimo anno scolastico che occuperanno circa 1.385 classi così suddivisi: indirizzi Liceali n. 654 classi per 15.081 studenti; indirizzi Tecnici n. 455 classi per 9.684 studenti; indirizzi Professionali n. 276 classi per 5.125 studenti. “Le Province e i Comuni – prosegue Bacchetta - sono chiamati a garantire, in vista della riapertura autunnale delle scuole, la massima garanzia di sicurezza in termini sanitari. Stiamo lavorando senza sosta affinché i nostri ragazzi possano tornare ad essere una comunità senza timori, nel rispetto di tutte le norme che sono state previste dal Governo centrale. E’ nostra ferma volontà contribuire a ripristinare con l’avvio del nuovo anno scolastico il rapporto diretto tra studenti e insegnanti fondamentale per l’armonico sviluppo della personalità dei giovani. Gli uffici sono impegnati altresì a mettere in campo un piano per l’utilizzo degli spazi anche alla luce delle maggiori iscrizioni verso i licei rispetto agli altri indirizzi. L’augurio quindi è che anche il mondo della scuola possa tornare alla normalità”. “Una menzione speciale – conclude Bacchetta – va alla popolazione scolastica delle aree terremotate della Valnerina, in particolare a Norcia dove, già prima che scattasse il lockdown per il Coronavirus, insieme al capo della Protezione civile Angelo Borrelli, al sindaco Nicola Alemanno e alla dirigente scolastica Rossella Tonti, la Provincia è impegnata nella costruzione della nuova scuola secondaria che auspichiamo possa essere inaugurata con l’avvio dell’anno scolastico 2020-2021”.

09/06/2020 12:21:12 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Città di Castello, controlli alla circolazione stradale: 4 denunciati

Con il termine del lockdown, sono ripresi in maniera consistente gli spostamenti. E’ ripartita la movida e l’uso di alcol che, come riportato dalla cronaca nazionale, in qualche caso ha lasciato tracce visibili nei centri storici delle città e talvolta vittime sulle strade. Al fine quindi di prevenire episodi di guida in stato di alterazione dovuto alla smodata assunzione di alcolici, quella appena trascorsa è stata una settimana di controlli nell’alta valle del Tevere da parte dei Carabinieri della Compagnia di Città di Castello, che si sono particolarmente intensificati nel corso del weekend. I risultati non sono mancati in quanto quattro sono state le patenti di guida ritirate ed altrettanti i conducenti denunciati alla Procura della Repubblica di Perugia, per aver guidato sotto l’influenza dell’alcol. In tutti gli episodi sono stati i militari dell’Aliquota Radiomobile del NORM della Compagnia di Città di Castello ad operare, spesso spinti ai controlli per le andature irregolari dei conducenti o per manovre anomale alla guida dei veicoli. Il primo caso ha riguardato un operaio 60enne di nazionalità algerina abitante a Città di Castello, sorpreso alla guida in via Aldo Bologni con un tasso alcolemico di quasi 2 g/l, quattro volte il minimo consentito pari a 0,50 g/l. Il secondo ha riguardato un 23enne di San Giustino, controllato in viale Europa con un tasso di oltre 3 volte il minimo. Le ultime persone a lasciare le proprie patenti di guida nelle mani dei Carabinieri sono state un commerciante di Umbertide, anch’egli come tutti gli altri controllato a Città di Castello e trovato alla guida con un tasso di alcol di quasi 2 g/l, nonché un 31enne di San Giustino, controllato in via Biturgense con un tasso di quasi 3 volte il minimo. Per tutti patente di guida ritirata fino ad un massimo di 2 anni, sanzioni fino a 6.000 euro e deferimento alla Procura di Perugia. I Carabinieri continuano a raccomandare la massima attenzione al rispetto delle norme del Codice della Strada, soprattutto in relazione all’uso di sostanze alcooliche, nel momento in cui ci si mette alla guida. Condotte dissennate, possono infatti avere gravissime conseguenze, ben oltre le previste sanzioni pecuniarie e penali. 

08/06/2020 18:31:22 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Umbertide: Pineta chiusa a causa di alberi caduti per il maltempo

Con un'ordinanza è stata disposta la chiusura della Pineta Ranieri di Umbertide, a partire dalle ore 17 di oggi fino a nuova comunicazione. La decisione è stata presa, dopo un soprallugo effettuato dal Comando Polizia Locale di Umbertide e una squadra dei Vigili del Fuoco. Il maltempo delle ultime ore ha causato la caduta e la pericolosità di alberi e piante la cui condizione necessita di ulteriori accertamenti tecnici. Per questo sarà vietato l'accesso, sia pedonale che veicolare, alla Pineta fino alla rimozione delle alberature cadute. Questo il testo completo dell'ordinanza   IL SINDACO Viste le avverse condizioni meteo che hanno interessato il territorio comunale negli ultimi giorni ed in particolare durante le prime ore dell’alba di oggi, caratterizzati da forti raffiche di vento e persistenti piogge per effetto delle quali all’interno della Pineta Ranieri sono cadute diverse piante di pino; Visto il sopralluogo condotto dal personale del Comando Polizia Locale di Umbertide alle ore 16:00 di venerdì 05.06.2020 unitamente ad una Squadra dei Vigili del Fuoco di Perugia; Preso atto che si rende necessario effettuare ulteriori accertamenti tecnici per verificare lo stato di salute delle altre piante da parte del Responsabile dell’ 8° Settore LL.PP. del Comune di Umbertide unitamente al personale dell’Agenzia Forestale Regionale; Preso atto che si rende necessario attendere la relazione dei Vigili del Fuoco di Perugia in ordine all’intervento condotto sul posto in data odierna; Considerato che si rende necessario procedere alla rimozione delle alberature cadute all’interno della Pineta Ranieri; Ritenuto di dover adottare i provvedimenti volti a garantire la sicurezza della circolazione veicolare e pedonale all’interno della Pineta Ranieri di Umbertide; Visto il bollettino meteo che prevede forti temporali e raffiche di vento per i prossimi giorni; Visti gli artt. 5, 6 e 7 del Nuovo codice della strada D.Lgs. n° 285 del 30/04/1992 e successive modificazioni e le norme del Regolamento di Esecuzione e di attuazione del Codice della Strada D.P.R. 06/12/1992, n° 495; Visto il D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali; Visto il D. M. 10 luglio 2002 Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo; Ai sensi dell’art. 50 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e s.m.i.; O R D I N A l’adozione del seguente provvedimento con effetto immediato e comunque dalle ore 17:00 del 05.06.2020 e sino a revoca del provvedimento: All’interno dell’ intero percorso della Pineta Ranieri e tutti gli accessi, a partire dal primo ingresso in via Alfonsine, via Venezia, via Napoli, Via Milano, Via Roma nonché da Via Rodolfo Morandi: divieto di transito veicolare e pedonale. I provvedimenti di cui alla presente ordinanza entreranno in vigore con l’esposizione e l’adozione di segnali conformi alla tipologia prevista dal Regolamento di esecuzione e d’attuazione del Nuovo codice della strada e secondo gli schemi segnaletici fissati dal Disciplinare tecnico approvato con Decreto del Min. delle Infrastrutture e Trasporti del 10/07/2002. Avverso la presente ordinanza, a norma dell’art. 3, comma 4, della Legge 7 agosto 1990 n. 241 in applicazione della Legge 6 dicembre 1971 n. 1034, è ammesso ricorso entro 60 giorni dalla pubblicazione al T.A.R. dell’Umbria o in alternativa, entro 120 giorni, ricorso straordinario al Capo dello Stato. Nel termine di 60 giorni chi abbia interesse alla apposizione della segnaletica, in relazione alla natura dei segnali apposti ai sensi dell’art. 37 comma 3 del D.Lgs. n. 285/1992, può proporre ricorso al Ministero dei LL. PP. con la procedura di cui all’art. 74 del Regolamento emanato con D.P.R. 495/92.

05/06/2020 21:16:31 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy