Attualità » Primo piano Aveva un chilo di droga nell'auto, arrestato 52enne marocchino

Un 52enne marocchino con precedenti per reati legati agli stupefacenti, è stato arrestato perché trovato in possesso di 1 kg di hashish che stava trasportando in auto. La polizia stava da tempo controllando la zona di Pretola, frazione di Perugia. Le attività di osservazione e monitoraggio della zona hanno confermato la tesi degli investigatori al punto da spingere i poliziotti a pianificare un intervento mirato nell’area. Nei gironi scorsi, il via all’operazione che ha visto gli agenti passare al setaccio via per via l’area ed i luoghi ritenuti più idonei a tali traffici, fino ad individuare un soggetto che transitava a bordo di un’utilitaria. L’uomo, un 52enne marocchino pregiudicato per stupefacenti, è stato fermato, identificato e sottoposto a perquisizione personale sul posto, estesa ovviamente anche alla sua autovettura. L’uomo ha mostrato nervosismo durante il controllo e questo non ha fatto altro che aggravare i sospetti dei poliziotti. Nello spazio posto tra il sedile del conducente e la pedaliera, gli agenti hanno trovato una busta di carta di una nota catena di profumerie all’interno della quale era contenuto un involucro in plastica contenente numerosi piccoli cilindri dall’odore inconfondibile, 99 dosi di hashish, per un peso di oltre un chilo, pronte per lo spaccio al minuto. Un altro involucro era stato sistemato, invece, in un portaocchiali erano nascosti altri 27 grammi di hashish. Il corriere della droga aveva con sé due telefoni cellulari, probabilmente utilizzati per gestire i contatti con i clienti. Arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio, lo straniero è stato rinchiuso nel carcere di Capanne in attesa della convalida. Ancora in corso gli accertamenti identificativi finalizzati ad accertare quale sia la provenienza dello stupefacente e la reale entità del volume di affari gestito dal marocchino.  

10/02/2017 15:52:14

Attualità » Primo piano Controlli straordinari del territorio da parte dei carabinieri

Continua incessante la lotta dei Carabinieri della Compagnia di Assisi allo spaccio delle sostanze stupefacenti ed ai reati predatori. Negli ultimi giorni numerose le pattuglie impiegate in servizi straordinari nei territori dei Comuni di Assisi, Bastia Umbra e Torgiano. Tali attività hanno portato all’arresto di due cittadini nigeriani che, alla vista dei carabinieri, hanno evidenziato nervosismo e agitazione, tanto da insospettire i militari. Nel corso delle perquisizioni personali sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro più di 2 Kg di marijuana, custoditi in due involucri ben occultati sotto i vestiti, anche polvere di caffè e alcool per camuffare l’odore dello stupefacente. Si tratta di un uomo ed una donna, regolari sul territorio nazionale, in quanto provvisti di permesso di soggiorno provvisorio per richiesta di “asilo politico”. Nel complesso sono state controllate 50 persone, 46 automezzi, 1 locale pubblico e 4 persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari. Uno studente di una scuola di Assisi è stato deferito in stato di libertà perché sorpreso a cedere marijuana ad un coetaneo. I militari inoltre hanno segnalato alla Prefettura di Perugia 4 giovani in quanto trovati in possesso di circa 5 gr di hashish, mentre  per uno di essi è scattata anche la denuncia penale in quanto aveva con se un coltello proibito. Infine un italiano, pregiudicato, è stato invece deferito in stato di libertà in quanto sorpreso ad asportare all’interno di un supermercato di Bastia Umbra delle bottiglie di superalcoolici, mentre un 35enne è stato deferito per essersi avvicinato alla casa familiare nonostante il divieto impostogli dal giudice.  

10/02/2017 15:31:38

Attualità » Primo piano Umbertide ha commemorato il ‘’Giorno del Ricordo’’

Riceviamo e pubblichiamo Questa mattina, venerdì 10 febbraio, Umbertide ha commemorato il “Giorno del Ricordo” rendendo omaggio alle vittime delle Foibe e dell'esodo giuliano-dalmata. L'iniziativa, promossa dal Comune di Umbertide, si è svolta al Cinema comunale Metropolis ed è stata rivolta in particolare agli studenti delle scuole del territorio. A presentarla, l’assessore alla cultura Raffaela Violini, organizzatrice dell’evento, e l’assessore all’istruzione Maria Cinzia Montanucci che nel suo intervento di saluto ha ricordato l’importanza di queste iniziative per coltivare una memoria collettiva condivisa, di fronte alle tragedie del nostro tempo, come quella delle foibe, troppo spesso dimenticate. E’ importante che i giovani facciano propria la conoscenza di questi eventi perché possano crearsi gli anticorpi indispensabili per far in modo che non si ripetano. Dalla storia, intesa come maestra di vita, si deve imparare a distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. Dopo la lettura di brani significativi riferiti alle Foibe da parte di una rappresentante dell’Associazione Genitori di Umbertide, è stato proiettato un filmato che ha ripercorso le tappe drammatiche degli eventi di quel periodo storico. Per l’occasione, è stata allestita anche una mostra fotografica per documentare la storia delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata che ha coinvolto centinaia di migliaia di persone di origine italiana.

10/02/2017 15:22:57

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy