Attualità » Primo piano Droga e armi: due denunce da parte dei Carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Todi nell’ambito delle attività di controllo del territorio finalizzate alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti e dei delitti in genere, tra il pomeriggio di martedì 11 e mercoledì 12 luglio, hanno denunciato in stato di libertà due giovani. I Carabinieri dell’ Aliquota Operativa hanno sottoposto a perquisizione personale e domiciliare un 20enne residente a Todi,  recuperando e sequestrando 5 grammi di cocaina, divisa in dosi, pronta per essere spacciata e ben occultata dal giovane. I militari della Stazione di Monte Castello di Vibio hanno proceduto alla  perquisizione domiciliare dell’abitazione di un 35enne del luogo. Nel corso dell’attività i militari hanno rinvenuto una pistola giocattolo  modello 92  e una carabina ad aria compressa, prive del tappo rosso. Inoltre è emerso che il giovane con quella pistola aveva esploso due colpi all’indirizzo di due persone del luogo intente a tagliare la legna in prossimità della sua abitazione. Durante il servizio di controllo del territorio, sono stati complessivamente ottenuti i seguenti risultati: sei giovani del luogo sono stati segnalati alla Prefettura di Perugia perché trovati in possesso di sostanze stupefacenti per uso personale. Sono state controllate 116 autovetture con relativi occupanti ed elevate 12 infrazioni al Codice della Strada per uso del telefonino durante la guida. 

13/07/2017 12:24:52 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Sorpreso alla guida ubriaco e con la patente sospesa, denunciato 49enne perugino

Una segnalazione era giunta alla sala operativa della Questura di Perugia ed aveva riferito di un’auto ferma in mezzo alla strada che ostruiva il traffico con a bordo una persona accasciata sul volante. All’arrivo della Volante a San Sisto, alla periferia del capoluogo umbro, i poliziotti hanno rintracciato la vettura con il motore acceso e visto un uomo, al suo interno, riverso in avanti. Pensando ad un malore, gli agenti si sono avvicinati cercando di fare luce con i dispositivi in dotazione e provocando la reazione del conducente che alzava la testa. Alla vista degli agenti il conducente portava le mani sul volante come se volesse riprendere la marcia ma è stato bloccato immediatamente dai poliziotti. Da subito gli agenti si sono resi conto che più che un malore si trattava di stato di alterazione da alcool. La conferma è arrivata immediatamente dopo, quando l’uomo ha cercato di scendere dal mezzo e di rispondere alle domande dei poliziotti. L’alito vinoso e la parlata confusa unite all’incapacità di reggersi sulle gambe hanno tolto ogni dubbio ai poliziotti che hanno effettuato l’alcool test. All’esito dell’esame, il tasso alcolemico è risultato di 2,94 e quindi gravemente superiore al limite consentito. Identificato in un 49enne perugino, dagli accertamenti è emerso un provvedimento di sospensione della patente per non aver superato gli accertamenti medici finalizzati al giudizio di idoneità alla guida. Accompagnato in Questura, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per guida in stato di ebbrezza e senza aver superato le visite di revisione della patente. La vettura è stata affidata alla madre dell’uomo la quale, contatta, è giunta sul posto.

12/07/2017 17:05:15 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Il Sindaco di Umbertide in visita ad AIMET

Riceviamo e pubblichiamo Umbertide, 11 luglio 2017 – Il sindaco di Umbertide Marco Locchi ha fatto visita presso Aimet, azienda che da anni si occupa della fornitura di servizi energetici a privati, enti ed imprese, operante nel Centro Italia e soprattutto in Altotevere. Accompagnato dall’amministratore delegato Patrizio Nonnato e dal presidente Matteo Baldelli, il primo cittadino di Umbertide, città in cui Aimet ha la propria sede legale, ha avuto modo di apprezzare la dinamicità di un’azienda che nel tempo ha saputo trasformarsi ed ampliare i propri confini, non solo territoriali, uscendo dall’Altotevere e dall’Umbria fino ad abbracciare le Marche e l’Abruzzo, ma anche in termini di servizi, affiancando alla tradizionale vendita di gas naturale anche la vendita di energia elettrica, attraverso offerte personalizzate ed economicamente vantaggiose. Aimet si differenzia da molte delle aziende operanti nel vivace mercato dei servizi energetici grazie alla presenza di sportelli territoriali  - attivi ad Umbertide, Città di Castello, San Giustino, Montone e Corciano in Umbria e a San Benedetto del Tronto nelle Marche, dove da circa due anni Aimet ha aperto una nuova sede - , attraverso i quali è in grado di offrire assistenza e vicinanza ai clienti. La territorialità è infatti una delle carte vincenti di Aimet, azienda che da anni è impegnata a reinvestire parte degli utili prodotti nei territori in cui offre i propri servizi, come accade da quattro anni con il concorso per le scuole “Save Energy” attraverso il quale l’azienda non solo ha contribuito a sensibilizzare le giovani generazioni su temi rilevanti come lo sviluppo sostenibile e il risparmio energetico, ma ha anche messo sul piatto circa 20.000 euro di contributi per l’acquisto di materiale didattico. Aspetti che sono stati apprezzati dal sindaco di Umbertide Marco Locchi che si è complimentato con l’amministratore delegato Nonnato e il presidente Baldelli per l’attenzione che da sempre l’azienda riserva al territorio umbertidese e per l’alta qualità dei servizi offerti.  

11/07/2017 12:10:03 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy