Attualità » Primo piano E’ del Campus ‘’L. da Vinci’’ di Umbertide la studentessa finalista alle Olimpiadi di Filosofia

Riceviamo e pubblichiamo Grande soddisfazione, per l’Istituto Superiore “L. da Vinci” di Umbertide, per il risultato ottenuto da Sofia Bianchini, studentessa della classe VB Liceo Linguistico che si è classificata al primo posto nella selezione regionale delle Olimpiadi di Filosofia, tenutasi a Perugia, per il canale in Lingua straniera. L’eccellente alunna del Campus rappresenterà, quindi, l’Umbria alla gara nazionale che si terrà a Roma nei giorni 27-28-29 Marzo. La XXV Olimpiade di Filosofia, organizzata dalla Società Filosofica Italiana in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, è un appuntamento molto partecipato tra gli studenti dell’ Istituto umbertidese che rispondono sempre più numerosi all’ impegnativo Progetto. L’Olimpiade della filosofia è una gara che ha luogo a livello nazionale tra studenti delle scuole superiori, chiamati ad elaborare in lingua italiana ed in lingua straniera una loro riflessione su in tema filosofico scelto dalla Commissione esaminatrice. Il tema scelto questo anno a livello regionale era quello della “Libertà” ricchissimo di spunti filosofici e di possibilità di riflessione ed argomentazione. Molta cura ed attenzione viene dedicata al Progetto delle Olimpiadi della Filosofia da parte del Dipartimento di Filosofia, Storia e Scienze umane, che ha organizzato un ciclo di lezioni preparatorie sul tema tenute dalla prof.ssa Elisa Vannocchi, partecipate da un folto numero di studenti degli indirizzi Liceali, alle quali è seguita una prima selezione di Istituto. Le vincitrici della selezione interna sono state quattro (nella foto): due per il canale in lingua italiana - Martina Broccoli (classe VA Liceo Scientifico) e Millington Caroline (Classe IV A Liceo Linguistico)- e due per il canale in Lingua straniera Aurora Giulioni (classe IVA Liceo Scientifico) che ha sostenuto la prova in Inglese e Sofia Bianchini (classe VB Liceo Linguistico) che ha sostenuto la prova in Francese. Le studentesse hanno poi partecipato alla selezione regionale che ha visto il piazzamento, al primo posto, per il canale in lingua straniera di Sofia Bianchini (nella foto) che parteciperà pertanto alle selezione nazionale a Roma con grande orgoglio della Preside e di tutta la comunità scolastica. Ottimi piazzamenti anche per le altre studentesse che pur non risultando vincitrici, hanno dimostrato una buona capacità linguistica, di rielaborazione critica ed argomentativa. Un risultato di grande prestigio, dunque, per l’Istituto che partecipa da vari anni alla competizione per avvicinare gli studenti alle tematiche filosofiche. Questa attività infatti contribuisce allo sviluppo delle competenze richieste alla fine del percorso liceale relative all’acquisizione di un metodo di studio autonomo e flessibile, che consenta la ricerca e l’ approfondimento personale, al saper sostenere una propria tesi valutando criticamente le argomentazioni altrui, all’acquisizione dell’abitudine a ragionare con rigore logico compiendo le necessarie interconnessione. Ha poi valore aggiunto il fatto che il tema sia trattato in Lingua straniera e quindi ancor più prestigioso il risultato di Sofia Bianchini che ha svolto il tema in Francese dimostrando anche ottime competenze in tale lingua. Un grande plauso dunque alla finalista e alle altre studentesse da parte del Dirigente Scolastico Prof.ssa Franca Burzigotti che si è complimentata anche con il Dipartimento di Filosofia, Storia e Scienze umane, con la Prof.ssa Elisa Vannocchi che ha curato la preparazione specifica dei ragazzi partecipanti e con il gruppo di progetto interno, coordinato dalla prof.ssa Sonia Venturi che ha gestito tutta l’iniziativa e concorso al successo formativo delle studentesse. Ed ora non ci resta che fare uno speciale in bocca al lupo alla vincitrice per il prossimo appuntamento a Roma.    

18/03/2017 17:37:31 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Droga: arrestati due giovani

I Carabinieri della Compagnia di Todi nell’ambito delle attività di controllo del territorio finalizzate alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, seguendo le direttive impartite dal Comando Provinciale di Perugia, durante la giornata di ieri hanno tratto in arresto due giovani, sorpresi in flagranza di reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare, il NORM nell’ambito di una mirata attività investigativa, è intervenuto a Perugia, dove un sedicente 19enne albanese, gravato da pregiudizi penali è stato fermato nel momento in cui cedeva un involucro contenente “cocaina” ad un tossicodipendente 65enne, di Deruta. Le successive indagini dei Carabinieri del NORM, connesse alla specifica attività, hanno portato al rinvenimento, durante perquisizioni personali, di ulteriori 5 grammi circa del medesimo stupefacente. L’esito di tali controlli, a quattro giovani domiciliati a San Venanzo, Deruta, Gualdo Cattaneo e Todi, trovati ognuno con una propria dose di cocaina, ha fatto si che gli stessi venissero segnalati alla Prefettura di Perugia, in qualità di tossicodipendenti. I Carabinieri della Stazione di Marsciano, durante un servizio antidroga, hanno individuato un giovane disoccupato del luogo che, dopo essere stato sorpreso con circa 5 grammi di marijuana in tasca, è stato sottoposto a perquisizione domiciliare. Nell’abitazione del 22enne gli uomini dell’Arma di Marsciano hanno rinvenuto ulteriori 5 grammi, un bilancino di precisione e denaro, ritenuti provento dell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti. Tutta la droga e il materiale ritenuto utile alle indagini, sono stati sottoposti a sequestro. Lo straniero arrestato a Perugia, dopo le formalità di rito e su disposizione del P.M. di turno della Procura della Repubblica di Perugia, è stato condotto presso la casa circondariale di Perugia mentre il ragazzo di Marsciano è stato accompagnato nella sua abitazione, agli arresti domiciliari, in attesa del processo con rito direttissimo.

17/03/2017 14:48:54 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Sabato 25 marzo ''L'Umbria si rimette in moto'' con i Motociclisti non Agitati. Domenica 26 marzo la messa del vespista del Vespa Club Fratta

Riceviamo e pubblichiamo Anche Umbertide partecipa all'iniziativa "L'Umbria si rimette in moto", motoraduno all'insegna della solidarietà per le popolazioni terremotate che, lanciato dal Comune di Assisi, è stato condiviso da quasi tutte le città dell'Umbria e da oltre cinquanta motoclub locali. Tra questi anche l'associazione Motociclisti Non Agitati di Umbertide che, con il patrocinio del Comune, ha aderito alla manifestazione in programma sabato 25 marzo. Il programma prevede il ritrovo in piazza Matteotti alle ore 8,30 dei motociclisti che da qui partiranno alla volta di Gualdo Tadino dove si ritroveranno i centauri di tutta l'Umbria che alle ore 10 partiranno alla volta di campi di Norcia con arrivo alle ore 14 per il pranzo per poi ripartire e tornare ad Umbertide alle ore 17 quando la giornata si concluderà con la visita alla Rocca, al Museo Santa Croce e alla Chiesa Collegiata, da qualche anno santuario dei motociclisti. La manifestazione è a scopo benefico in quanto il ricavato sarà interamente devoluto alle popolazioni umbre colpite dal sisma. Per informazioni e adesioni è possibile inviare una mail a info@nonagitati.it oppure contattare i numeri 339 2325163 (Oliviero), 335 6459447 (Francesco) e 335 7143636 (Osvaldo).  Un altro appuntamento per gli appassionati delle due ruote si terrà invece domenica 26 marzo con la tradizionale Messa del vespista promossa dal Vespa Club Fratta. L'appuntamento è alle ore 11 presso la Chiesa di Cristo Risorto dove verrà officiata la santa messa al termine della quale si terrà la oramai consueta benedizione dei mezzi; la mattinata si concluderà con un aperitivo in piazza Matteotti offerto dal bar Mary.   

17/03/2017 13:45:55 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Umbertide: alla Di Vittorio incontro sul cyberbullismo

Riceviamo e pubblichiamo Un incontro informativo per favorire una maggiore conoscenza e prevenire bullismo e cyberbullismo è stato promosso nei giorni scorsi dalla scuola Primaria "G. Di Vittorio" di Umbertide in occasione del Safer Internet Day (SID) e della prima giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo denominata "Il Nodo Blu - le scuole unite contro il bullismo" La scuola, infatti, per via del ruolo educativo che è chiamata ad assumere, deve porsi in prima linea nella prevenzione e nella lotta di un fenomeno che oggi si serve anche dei nuovi media digitali, con conseguenze spesso tragiche: sono purtroppo sempre più frequenti i casi di giovani che non riescono a reagire all'assedio di bulli e cyber bulli e che scelgono di togliersi la vita. Prevenire quindi bullismo e cyberbullismo, può e deve essere la prima strada da seguire, come spiegato dall'insegnante Placido Pellegrino, coordinatore del Progetto "Generazioni Connesse": "Vogliamo favorire una maggiore conoscenza e prevenzione sui rischi legati al bullismo e in particolare al cyberbullismo, perché crediamo che ognuno di noi possa avere un ruolo attivo e responsabile nella realizzazione di luoghi reali e virtuali positivi e sicuri". È importante inoltre che gli alunni sappiano a chi rivolgersi in caso di mobbing o cybermobbing, come sottolineato da Angela Monaldi, dirigente scolastico della Di Vittorio: "Per contrastare bullismo e cyberbullismo è necessario promuovere la conoscenza, ma è fondamentale favorire il dialogo, perché solo assumendo un atteggiamento di apertura e di sostegno è possibile far trovare agli alunni il coraggio di parlare e segnalare un problema simile". In occasione dell'iniziativa le classi coinvolte hanno realizzato un grande pannello con i personaggi protagonisti dell'incontro, i "7 Super Errori", tra questi l'"Uomo Taggo", la "Ragazza Visibile", il "Postatore Nero" e "Chat Woman".  

16/03/2017 18:41:35 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy