Attualità » Primo piano Fugge con un'auto rubata, carabinieri arrestano un albanese

La costante attività di controllo del territorio svolta giornalmente dai Carabinieri del Comando Compagnia di Assisi ha dato nuovamente i suoi frutti. Qualche giorno fa, l’attività di pattugliamento svolta dai militari, nell’ambito di specifici servizi contro i reati predatori, ha portato al controllo di un’autovettura BMW X3 all’interno di un parcheggio pubblico, risultata rubata nello scorso gennaio nelle Marche. Il servizio di appostamento predisposto per individuare gli utilizzatori della vettura, ha portato ad assicurare alla giustizia un cittadino albanese di 33 anni, con dimora a Roma. L’uomo è stato sorpreso e fermato dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, insieme ai colleghi di Bastia Umbra, immediatamente dopo essere partito con il veicolo rubato. Assolutamente non intenzionato ad essere fermato, l’albanese ha tentato in extremis di fuggire a piedi ma è stato sopraffatto dall’intervento degli altri militari che, con non poche difficoltà, sono riusciti ad ammanettarlo. L’ispezione della vettura provento di furto ha portato al rinvenimento di numerosissime attrezzature per lo scasso consistente in piedi di porco vari, una accetta di notevoli dimensioni, un frullino con vari dischi da taglio, passamontagna e radio trasmittenti, oltre a refurtiva varia: un computer, profumi, una consolle. Scattato l’arresto sia per la ricettazione della vettura che per la resistenza ai militari l’albanese è stato tradotto presso il Carcere di Capanne a disposizione della magistratura.  

16/03/2017 16:57:54 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Carabinieri arrestano spacciatore 25enne albanese

Aveva oramai preso le redini dello spaccio di cocaina nel quartiere perugino di Montegrillo traendo dall’attività illecita un ottimo profitto a tal punto da far diventare la propria abitazione una vera e propria centrale per il taglio e il confezionamento di quello stupefacente più “pregiato”. L’uomo, un giovane albanese di 25 anni sconosciuto ai radar delle forze dell’ordine di Perugia, è finito a suo malgrado nella rete dei militari del nucleo radiomobile della Compagnia Carabinieri di Perugia che qualche giorno addietro lo hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione e traffico di droga. Tutto nasce da un controllo stradale, in via Turati, che una gazzella del Nucleo Radiomobile del capoluogo umbro esegue nei confronti di una Citroen sospetta con a bordo un ragazzo albanese. L’ansia e lo stato di agitazione dimostrati davanti alle domande dei carabinieri hanno consentito a quest’ultimi di perquisire l’autovettura: 14 involucri di cellophane termosaldati contenenti cocaina e la somma contante di circa 900 euro in banconote di vario taglio, ciò che è stato rinvenuto e sequestrato. Ovviamente l’attività investigativa dei militari si è estesa anche al domicilio del ragazzo. Qui i militari hanno portato alla luce un vero proprio laboratorio per il confezionamento e il taglio della cocaina. Infatti su un tavolo da cucina i militari hanno rinvenuto altri 40 involucri di cellophane termosaldati contenenti cocaina per complessivi 30 grammi di cocaina, un pezzo di 50 grammi sempre di cocaina, numerosi ritagli per lo spaccio al dettaglio e la somma contante in banconote di circa 2100 euro. L’uomo che rientra sicuramente nelle “nuove leve” dello spaccio di Perugia è stato tradotto presso il comando compagnia di via Ruggia per gli ulteriori accertamenti e per il conseguente foto segnalamento. Le analisi di laboratorio effettuate dal laboratorio del Comando Provinciale hanno dimostrato inoltre che il quantitativo di cocaina sequestrato avrebbe generato 243 dosi.

16/03/2017 16:49:26 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Furti in auto, arrestato algerino 40enne

Stava diventando una vera piaga il fenomeno dei furti in auto e all’interno dei locali della movida perugina. Un dato statistico imponente quello dei reati contro il patrimonio che negli ultimi anni non ha visto inflessioni, soprattutto nel capoluogo umbro. Per questo i carabinieri della Compagnia di Perugia su direttiva del Comando Provinciale hanno, nell’ultimo periodo, investito molte energie nel cercare di contrastare il fenomeno dei furti, reato che crea maggiormente allarme sociale tra la cittadinanza. E proprio da un furto di cellulare che i carabinieri della Stazione di Perugia-Fortebraccio sono riusciti a risalire la filiera criminale fino a portare alla luce il covo dove era stata occultata un’impressionante refurtiva, per un valore stimato di circa 15mila euro, costituita da apparecchi elettronici, computer, cellulari, capi di abbigliamento, borse da donna e monili in oro, tutto oggetto di furti avvenuti su autoveicoli o all’interno di alcuni locali del centro. Nella rete dell’operazione condotta dai carabinieri e coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia è finito un pregiudicato algerino di 40 anni che è stato catturato con un fermo di indiziato di delitto eseguito proprio dai Carabinieri della Stazione di Perugia- Fortebraccio. Il fermo, eseguito qualche giorno fa, si è concretizzato a seguito di una perquisizione domiciliare delegata dal pubblico ministero nell’ambito di un’attività investigativa nata dopo una denuncia di furto di un cellulare, avvenuto nei pressi del locale “110” di Perugia, sporta da una studentessa. L’indagine, in poco tempo, ha consentito ai militari di risalire ad un negozio del centro che nel frattempo aveva ricevuto in conto-vendita l’apparecchio, proprio dall’algerino arrestato. Da lì la perquisizione presso il domicilio di quest’ultimo che ha consentito di rinvenire computer portatili di ultimi generazione, numerosissimi occhiali delle griffe più famose, borse da donna, smartphone, iphone, ipod, orologi, anelli e bracciali in oro, telecamere go-pro, hard disk, casse audio. A seguito dell’arresto i carabinieri hanno pertanto iniziato a restituire la merce sequestrata ai legittimi proprietari che con immensa gioia sono riusciti a rimpossessarsi dei propri beni. In particolare i militari hanno potuto restituire ad una laureanda il proprio pc portatile comprensivo di una chiavetta USB, contenente l’unica copia della tesi di laurea che da lì a breve la ragazza avrebbe dovuto discutere. 

15/03/2017 21:07:45 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Droga: arrestati 38enne di Umbertide e 18enne di Città di Castello

Tra le priorità dell’attività di contrasto svolta dai militari della Compagnia Carabinieri Città di Castello, su direttive impartite dal Comando Provinciale Carabinieri di Perugia, oltre ai reati contro il patrimonio, com’è noto vi è anche lo spaccio di stupefacenti. Nella giornata di martedì 7 marzo ad Umbertide, i Carabinieri della locale stazione hanno portato a termine l’ennesima operazione ed hanno arrestato un 38enne operaio italiano del posto. In particolare, a seguito di segnalazione del casuale rinvenimento di un ingente quantitativo di stupefacente all’interno di un auto da rottamare, i militari sono dovuti intervenire presso un’autofficina per le verifiche del caso. Nel corso degli accertamenti è emerso che un operaio che vi lavorava, aveva occultato all’interno di una delle auto parcheggiate nel cortile dell’officina e destinata alla rottamazione, un borsone contenente circa 6,4 kg di marijuana, suddivisa in sei distinti involucri di cellophane. L’uomo è stato quindi dichiarato in stato di arresto con l’accusa di detenzione di stupefacenti al fine di spaccio e successivamente condotto presso la Casa Circondariale di Perugia Capanne. Nell’udienza di convalida davanti al GIP del Tribunale di Perugia, svoltasi nella giornata del 10 marzo, l’arresto è stato convalidato e in attesa del processo, al prevenuto sono stati concessi gli arresti domiciliari. Non paghi del successo di tale operazione, i carabinieri della Compagnia di Città di Castello hanno intensificato ulteriormente l’attività di controllo in tutto il comprensorio dell’Alta valle del Tevere anche nei giorni successivi. Nel corso di un normale controllo alla circolazione stradale, una donna italiana di 18 anni, di Città di Castello, è stata arrestata nel tardo pomeriggio dell’8 marzo dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Città di Castello e della Stazione di Città di Castello. In particolare, un autovettura di piccola cilindrata con a bordo la donna ed altri 3 uomini, è stata fermata nella zona nord di Città di Castello per eseguire un controllo sugli occupanti ed accertarne l‘identità. Durante queste operazioni e prima che i militari operanti approfondissero le verifiche su tutti gli occupanti dell’auto, la donna consegnava spontaneamente due involucri, contenenti rispettivamente circa 25 grammi di cocaina e 0,6 grammi di hashish, occultati nel suo pantalone e in un calzino. A tanto, i militari dell’Arma procedevano a perquisire anche l’abitazione della donna. Attività questa che non è stata certo priva di sorprese: nascosti in un cassetto del bagno, i Carabinieri sono riusciti a trovare circa 1,40 grammi di hashish, nonché sequestrati in altri vani dell’appartamento un bilancino di precisione e materiale vario per il confezionamento degli stupefacenti. Al termine degli accertamenti, la donna è stata pertanto arrestata con l’accusa di detenzione al fine di spaccio di stupefacenti, mentre i tre uomini occupanti del veicolo sono stati deferiti in stato di libertà per concorso nello stesso reato. Al termine delle formalità di rito, l’arrestata è stata condotta presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. In seguito il GIP del Tribunale di Perugia ha convalidato l’arresto e, in attesa del processo alla donna, è stata applicata solo la misura cautelare dell’obbligo di presentazione giornaliera in caserma.

15/03/2017 14:57:43 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Ancora record di iscrizioni al Campus Leonardo Da Vinci di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo Dopo il record dello scorso anno sono ancora in crescita le iscrizioni per il 2017/18 al Campus "Leonardo da Vinci" di Umbertide: 234 nuovi alunni, provenienti da un vasto territorio, hanno scelto uno dei suoi sette indirizzi di studio, ciascuno caratterizzato da innovazioni metodologiche-didattiche e qualità dell'insegnamento ormai riconosciuti come modelli di riferimento regionale e nazionale. Non a caso la famosa trasmissione di RAI 1 "Superquark", di Piero Angela, ha dedicato un servizio agli indirizzi di bilinguismo offerti dal Campus (Liceo Scientifico e Liceo Economico Sociale IGCSE Cambridge- Inglese- e Liceo Linguistico ESABAC- Francese) presentati come eccellenza didattica a livello nazionale e importante carta da spendere per l' accesso alle migliori Università italiane e straniere. Non a caso il prestigioso giornale "Il Sole 24 Ore" ha dedicato (il 28 novembre scorso) una sua pagina al FABLAB dell'Istituto, un Laboratorio per la "fabbricazione digitale" , unico nel suo genere nel panorama nazionale ad essere realizzato in una scuola pubblica. A testimonianza, poi, della qualità dell’insegnamento e delle competenze raggiunte dagli alunni al termine del loro percorso di studi ci sono i dati pubblici su “Scuola in chiaro” del MIUR, riportati nel RAV (Rapporto di Autovalutazione di Istituto), dove si può leggere che gli alunni di tutti gli indirizzi di studio hanno raggiunto, negli ultimi due anni, agli Esami di Stato, votazioni superiori anche a più del doppio della media provinciale, regionale e nazionale (per esempio: la percentuale di alunni con 100 e lode provenienti dal Liceo Linguistico è 5,0 mentre per la provincia di Perugia è 0,9, per l’Umbria 1,1 e per l’Italia 1,2; ancora la percentuale di alunni con 100 e lode del Liceo Scientifico è 4,2 a fronte di 2,6 per Perugia, 2,6 per l’ Umbria e 1,7 per l’Italia). E, inoltre, il Campus è "Snodo formativo territoriale" per la formazione di tutto il personale della scuola in tema di competenze digitali; è il primo Istituto Scolastico regionale dove è attiva la banda larga per l'accesso veloce alla rete Internet, grazie alla fibra ottica; è scuola polo regionale per metodologie didattiche innovative come il Dabate e il Service Learning; è scuola capofila della rete regionale dei Licei Economici Sociali. Insomma, chi ha scelto il Campus "L. da Vinci" di Umbertide per frequentare la Scuola Superiore, punta in alto ed è sicuro di trovare le migliori opportunità formative attuate nelle migliori condizioni strutturali e strumentali del territorio: è in atto, infatti, anche una continua riqualificazione degli spazi didattici in modalità 3.0 e un costante aumento di strumentazioni innovative e d'avanguardia. "Il record storico di iscrizioni dello scorso anno si pensava insuperabile, invece siamo ancora in crescita: un risultato che conferma e rafforza la capacità attrattiva del nostro Istituto su un vasto territorio di utenza che va da Perugia a Sansepolcro, da Gubbio a Cortona, oltre che dai Comuni più vicini a Umbertide di Lisciano Niccone, Montone, Pietralunga e Città di Castello. Le motivazioni per cui molti scelgono la nostra scuola sono varie:la principale è comunque la certezza della qualità della formazione che raggiungono i nostri alunni al termine del percorso in tutti gli indirizzi compresi i “nuovi”- indirizzo tecnico, Liceo delle Scienze Umane e Liceo Economico Sociale- che lo scorso anno hanno sostenuto per la prima volta gli Esami di Stato con ottimi risultati" spiegano i docenti dello staff orientamento dell'Istituto, guidato dalla Prof.ssa Nuzzaci Carmen. Quest'anno, tra i Licei, l'indirizzo più gettonato, risulta il Liceo Scientifico (51 iscritti) che offre l'opzione bilingue (Italiano-Inglese) International Cambridge, partita per primo nella Regione, dove le discipline scientifiche -Matematica, Fisica, Scienze- sono studiate anche in Inglese, su testi della Cambridge University, con insegnanti certificati (livello B2 o C1 di Inglese) e con l'intervento in classe di un docente madrelingua che assicura l'approfondimento dello studio dell'Inglese come seconda lingua (le ore di Inglese settimanali aumentano di due). Al termine del percorso gli alunni, oltre il diploma di stato italiano gli alunni conseguono il prestigioso titolo ICGSE, rilasciato dalla Cambridde University. Segue come preferenza il Liceo Linguistico nel quale dal terzo anno si può optare per il Progetto ESABAC che da accesso al doppio Diploma Italo-Francese, grazie allo studio della Storia anche in Francese. Subito a ruota segue il Liceo delle Scienze Applicate che ha fortemente incrementato le iscrizioni anche per l'interessante innovazione didattica introdotta lo scorso anno, dei libri digitali su i-Pad, realizzata in una classe dall'architettura 3.0. A seguire il Liceo delle Scienze Umane ed il Liceo Economico Sociale con l'offerta di opzione bilingue con la Cambridge University, ancora unica in Italia. Anche qui gli alunni conseguono il doppio diploma Italo-Inglese e studiano Economia e Geografia anche in Inglese, oltre che rafforzare l'Inglese stesso con la presenza di un insegnante madrelingua. In forte aumento le iscrizioni all'indirizzo Tecnico "Meccanica, Meccatronica ed Energia" (51 iscritti) grazie al notevole potenziamento di nuovi Laboratori di Energia, Robotica, modellazione 3D collegati al FABLAB d’ Istituto e alla sua aula coworking con stampanti 3D, scanner 3D, termocamera, LIM, stampanti wireless e plotter. Anche l'indirizzo dei "Servizi Commerciali" ha avuto un incremento di iscrizioni e si sta sempre più qualificando nel settore dell'autoimprenditorialità, promozione e gestione delle aziende, curando oltre che le materie di indirizzo, anche lo studio delle due lingue straniere Inglese e Francese. Si può ben dire, quindi, che il Campus "L. da Vinci" di Umbertide, guidato dalla Dirigente Prof.ssa Franca Burzigotti, si sta affermando sempre di più come polo formativo d'eccellenza ben saldo tra gli stretti legami sul territorio locale, la dimensione europea della formazione e la visione "globale" delle opportunità da cogliere per i giovani che frequentano e si accingono a frequentare l'Istituto Superiore di Umbertide. "L'ampio ventaglio di indirizzi che possono essere frequentati al Campus di Umbertide è certamente una carta vincente dell'Istituto, ma sicuramente sulla scelta delle famiglie incidono anche altri punti di forza della nostra scuola: le continue innovazioni, l'attenzione alla qualità della didattica assicurata da docenti giovani e stabili che aggiornano costantemente le loro competenze, il clima sereno in cui i ragazzi possono vivere positivamente la loro esperienza scolastica, la vivacità culturale e progettuale che aumenta la motivazione degli studenti, la capacità di confrontarsi con la "globalità" valorizzando le risorse locali, la qualità delle strutture, degli spazi e delle strumentazioni sulle quali l'Istituto investe costantemente, il saper costruire nuove opportunità per i ragazzi in ottica europea, il guardare avanti con ben chiara visione di dove si vuole andare" afferma il Dirigente Scolastico, Prof.ssa Franca Burzigotti che, a proposito di innovazioni ed opportunità per i nuovi iscritti, annuncia ancora importanti novità sul piano didattico-metodologico e sul settore dell'innovazione che può contare su ulteriori investimenti in tecnologie digitali per la didattica, grazie all'esito positivo della valutazione dei propri Progetti, candidati a vari Bandi nazionali, per un importo già certo di circa 100.000 euro.        

15/03/2017 09:01:02 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy