Attualità » Primo piano I Carabinieri dell'Umbria festeggiano la Virgo Fidelis

Si sono svolte oggi a Perugia, le celebrazioni per la Patrona dell’Arma dei Carabinieri, la “Virgo Fidelis” e sarà al contempo commemorato il 76esimo Anniversario della Battaglia di Culqualber e della Giornata dell’Orfano. La Santa Messa solenne è stata officiata dal Vescovo Ausiliare di Perugia, Mons. Paolo Giulietti, presso l’Abbazia di San Pietro a Borgo XX Giugno a Perugia. Alla cerimonia sono intervenuti numerosi Carabinieri in servizio ed in congedo con i loro familiari, Autorità civili e militari, nonché le vedove e gli orfani assistiti dall’ONOMAC, l’Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari dell’Arma dei Carabinieri. La Madonna Virgo Fidelis è stata nominata patrona dell’Arma dei Carabinieri nel 1949 da Papa Pio XII, in virtù della secolare tradizione dell’Arma di fedeltà alla Patria e alle Istituzioni e in analogia con il suo motto “Nei secoli fedele”. Non esistendo nella liturgia ufficiale della Chiesa un giorno dedicato al culto della Vergine Fedele, è stata scelta per tale ricorrenza la data del 21 novembre, giorno della presentazione di Maria Vergine al Tempio, concomitante anche con la Giornata dell’Orfano e coincidente con uno tra i più gloriosi e sanguinosi fatti d’arme della storia dei Carabinieri, la Battaglia di Culqualber, in Africa Orientale, nella quale nel 1941 il 1° Gruppo Carabinieri Mobilitato resistette, per quasi 4 mesi, contro soverchianti forze nemiche inglesi e abissine a difesa di un importante caposaldo, subendo ingenti perdite ed ottenendo dai nemici l’Onore delle Armi. Per l’eroica battaglia la Bandiera dell’Arma dei Carabinieri venne insignita della sua seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare. Le celebrazioni si svolgono anche in tanti altri comuni della Regione, grazie alle iniziative dei Carabinieri in servizio e alle sezioni distaccate dell’ANC nonché a livello nazionale a Incisa Scapaccino in provincia di Asti, presso il santuario dedicato alla patrona Virgo Fidelis, con la Santa Messa officiata dal Cardinale di Perugia e presidente della Cei Gualtiero Bassetti, alla presenza dei vertici delle Istituzioni nazionali e del Comandante Generale dell’Arma, Gen. C.A. Tullio Del Sette.

21/11/2017 19:27:02

Attualità » Primo piano Perugia: fermato al terminal degli autobus con eroina nel corpo, arrestato

Proseguono i controlli straordinari del territorio disposti dal Questore di Perugia Francesco Messina e finalizzati non solo a contrastare episodi di criminalità diffusa ma anche ad accrescere i dispositivi preventivi antiterrorismo. Gli agenti della Squadra Mobile e le volanti hanno effettuato una serie di verifiche, supportate da appostamenti, a Pian di Massiano ed in Via Perari a Perugia, dove giungono gli autobus low-cost provenienti dalle principali città italiane. All’arrivo di un pullman proveniente da Torino-Milano, hanno passato al setaccio tutti i passeggeri e, tra essi, hanno notato un cittadino extracomunitario che alla vista degli agenti ha mostrato una certa agitazione. Lo stesso, essendo visibilmente preoccupato per un possibile controllo di polizia, è stato fermato ed identificato in un nigeriano trentenne il quale, in possesso di documenti per il soggiorno rilasciati in Calabria, non è stato in grado di giustificare il suo arrivo a Perugia, dando riscontro ai primi sospetti dei poliziotti. Immediatamente sottoposto a perquisizione, sul viaggiatore nigeriano e sul suo bagaglio non è stato trovato nulla di illecito, ma essendo lo stesso sempre più preoccupato, sono stati svolti alcuni accertamenti più approfonditi presso l’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, d’intesa con il PM di turno. Gli accertamenti sanitari hanno consentito di appurare che il nigeriano aveva, nella pancia, diversi corpi estranei. Sono stati recuperati ben 11 ovuli termosaldati contenenti sostanza polverosa giallastra che, all’esito del narcotest, è risultata essere eroina pura, per circa 120 grammi. Dopo la breve degenza nel reparto di gastroenterologia, il fermato è stato accompagnato in Questura, dove è stato formalizzato il suo arresto in flagranza per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e d’intesa con il PM, è stato ristretto in camera di sicurezza in attesa del giudizio per direttissima. I poliziotti della sezione quinta “Antidroga” della Squadra Mobile di Perugia hanno quindi concluso brillantemente il servizio con l’arresto in flagranza di reato di un corriere/ovulatore, trovato in possesso di un cospicuo quantitativo di droga, intercettando così un fornitore di stupefacente che, con  modalità in grado di eludere i controlli ordinari, avrebbe smerciato su questo territorio quantitativi di stupefacente importanti.

20/11/2017 16:45:58 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Ospedale di Umbertide sempre più all'avanguardia e in crescita, lo confermano i numeri della Usl

Riceviamo e pubblichiamo  Il direttore generale della USL Umbria 1 Andrea Casciari ha fatto il punto sui prossimi interventi che interesseranno l'ospedale di Umbertide. Mentre si avvicina il completamento dei lavori di ristrutturazione del reparto di Radiologia, con interventi strutturali, impiantistici e sostituzione di apparecchiature per un investimento di oltre 500mila euro, a breve si procederà alla riqualificazione e ammodernamento strutturale e tecnologico dell’ospedale, ed in particolare all'adeguamento impiantistico alla normativa antincendio per un importo di 750mila euro e all'implementazione della cartella informatizzata e all’adeguamento dell’area Triage al Pronto Soccorso. I principali lavori effettuati nel 2017 hanno interessato il laboratorio analisi, completamente ristrutturato e aggiornato dal punto di vista tecnologico, con tanto di attivazione di un esclusivo sistema per la consegna automatica delle provette agli assistiti, unico in Italia, con contestuale accettazione degli esami. Inoltre sono in corso lavori sulla scala di emergenza sulla passerella, che congiunge la parte più vecchia a quella più nuova dell’ospedale (100mila euro) mentre sono stati attivati due posti letto di lungodegenza. Secondo la proiezione al 31 dicembre 2017 dei dati di attività riferiti a metà ottobre, l’ospedale registrerà una diminuzione di costi di circa 355mila euro, per un totale di 7,53 milioni, a fronte di un fatturato sostanzialmente stabile sui 5,7 milioni di euro. In crescita l’attività del Pronto Soccorso con 13.829 accessi (+561 rispetto al 2016 +1.037 rispetto al 2015) e gli interventi di chirurgia ambulatoriale (+124), mentre il modello ospedaliero della R.S.A. conferma il suo ruolo strategico nell’ambito della continuità delle cure nel percorso assistenziale con 9 posti letto, 80 ricoveri con degenza media a 33 giorni e un tasso di utilizzo che arriva al 98%. A livello territoriale anche nell’umbertidese, come in generale in tutto il distretto Alto Tevere, i maggiori sforzi si sono concentrati sull’assistenza domiciliare integrata (ADI), con presa in carico degli anziani fragili, per un numero complessivo di 268 pazienti di cui 249 ultra 65enni, agli anziani con demenze gravi con 1.671 giornate di assistenza su 16 assistiti, sui disabili adulti molto gravi con 2.679 giornate di assistenza su 22 assistiti, e i minori con autismo con 326 giornate di assistenza su 9 assistiti. Il 2017 ha visto anche un rafforzamento dell’integrazione ospedale-territorio con l’implementazione graduale nei Punti di Erogazione del Centro di Salute e nel Punto Prelievi del Presidio Ospedalierio del progetto TAO con prelievo capillare e l’attivazione di un ambulatorio per la terapia infusionale con ferro o emoderivati (immunoglobuline) che coinvolge la Medicina di Umbertide insieme al Servizio Immunotrasfusionale di Città di Castello. "I numeri riferiti dal direttore generale Casciari dimostrano il ruolo centrale che l'ospedale di Umbertide riveste per la sanità dell'Altotevere e dell'intera regione - ha commentato il sindaco Marco Locchi - Nell'ultimo anno il presidio ospedaliero umbertidese è stato oggetto di importanti interventi di riqualificazione e ammodernamento tecnologico che lo hanno reso un ospedale all'avanguardia, in grado di offrire un ampio ventaglio di servizi ai tanti pazienti provenienti non solo da Umbertide ma da tutto il territorio regionale. Voglio quindi esprimere un sentito ringraziamento a tutto il personale medico, infermieristico e amministrativo che con professionalità e dedizione offre quotidianamente un servizio essenziale per i cittadini di Umbertide".   

19/11/2017 18:46:29 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy