Notizie » Politica Rifondazione Comunista: far diventare Umbertide un Comune Solidale

Riceviamo e pubblichiamo dal Partito della Rifondazione Comunista di Umbertide "Il PRC di Umbertide sosterrà alle prossime elezioni amministrative il centro sinistra locale e la candidatura a Sindaco di Marco Locchi. Dopo mesi di duro confronto salutiamo con soddisfazione il raggiungimento di un accordo programmatico che vede accogliere molte delle nostre richieste sul tema del lavoro, dell'ambiente e dei servizi sociali. C'è finalmente un'idea di fondo con la quale muovere la leva delle politiche comunali contro la disoccupazione, c'è l'impegno della coalizione a non rispettare il patto di stabilità per quanto riguarda le spese della scuola e i servizi sociali, c'è inoltre un chiaro no per quanto riguarda la costruzione della centrale a Biomasse di Pian D'Assino. Si apre inoltre la possibilità di indire un referendum cittadino rispetto alla trasformazione della E 45 in autostrada, e la possibilità di destinare a canone sociale le abitazioni sfitte della Ex Fornace, nel caso in cui la finanziaria proprietaria dell'opera continui a lasciare la situazione così com'è. Sono state accolte inoltre le nostre richieste rispetto alla sperimentazione del fondo di solidarietà contro la crisi, da alimentare con parte degli stipendi di sindaco ed assessori, alla sperimentazione del dentista sociale e del banco alimentare per i generi di prima necessità e di altre attività di solidarietà per le famiglie colpite dalla crisi. Vengono accolte inoltre le richieste delle associazioni che vogliono impedire la vendita delle terre pubbliche di Caicocci e di Torre Certalda per destinarle alla creazione di posti di lavoro per giovani e i disoccupati. In questi mesi con umiltà abbiamo lavorato per ottenere un programma chiaro con il quale far valere le ragioni della Sinistra ad Umbertide, parlando di questioni concrete. Con i rapporti di forza esistenti pensiamo di aver fatto un buon lavoro, ora si tratta di passare dalle parole ai fatti, la costruzione di Umbertide Comune Solidale non è più una utopia".

25/03/2014 17:53:52

Notizie » Politica Forza Italia Umbertide attacca il centrosinistra su trasparenza e partecipazione

Forza Italia interviene sulla questione dei programmi elettorali. Il Coordinatore Galmacci attacca e afferma: "Oggi, o meglio solo oggi, tutto il centro-sinistra parla di Trasparenza e di Partecipazione nel governo della città; infatti,con l'avvicinarsi delle prossime elezioni amministrative, la sinistra umbertidese cerca di farsi bella con gli elettori addirittura promettendo loro di comportarsi nel rispetto della Trasparenza  e della Partecipazione. Vergogna. Questa, altro non è che una mera dichiarazione d'intenti e nel contempo è una esplicita ammissione dei macroscopici soprusi ed errori da loro fatti sino ad oggi. Fateci caso: gli stessi personaggi che finora hanno difeso e sostenuto a vario titolo l'operato dell'amministrazione comunale, oggi annunciano cambiamenti epocali. Non si accorgono nemmeno che con i loro annunci pre-elettorali non fanno che ammettere i gravi errori commessi finora. In effetti, l'invocare e promettere oggi Trasparenza e Partecipazione sa tanto di presa in giro e questo altro non è che un malcelato mea-culpa per il passato. Che dire poi di quei personaggi che si sono comportati da saltimbanco ? alcuni di loro infatti hanno abbandonato il partito in cui militavano per passare ad un altro come se nulla fosse e, peggio, senza dimettersi dalla carica comunale; il tutto in barba al principio morale del rispetto del mandato degli elettori. Come credere a questi personaggi ? come dare loro nuova fiducia ? L'unica cosa che parzialmente consola è il vedere che diversi problemi sollevati a suo tempo da Forza Italia oggi sono venuti a galla e molti cercano di appropiarsene. L'elenco è lungo: si va dallo sperpero di denaro pubblico per opere inutili alla richiesta di telecamere e alla dotazione di armi da difesa per i nostri Vigili Urbani, la necessità di intervento nella zona della ex-Fornace per evitarne il degrado, le troppe tasse, l'eccessiva presenza di cittadini non in regola con le leggi sull'immigrazione, la quanto meno singolare vicenda Gesenu fino a certi tipi di affidamento di incarichi professionali a personaggi  per così dire amici. Forza Italia a breve presenterà il conto a chi finora ha "sgovernato" Umbertide e a tutti quelli che facevano loro da spalla: noi non dimentichiamo e continueremo la nostra opposizione. Per questi motivi chiediamo il sostegno agli umbertidesi; chiediamo loro di votarci evitando di disperdere il voto su qualunque altro partito grande o piccolo che sia, nessuno escluso".

24/03/2014 12:20:11

Notizie » Politica Il PdCI di Umbertide: unire la sinistra del centro- sinistra

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del Partito dei Comunisti Italiani di Umbertide Il Partito dei Comunisti Italiani di Umbertide ha deciso la  propria collocazione in vista delle prossime elezioni amministrative  all’interno della coalizione di centro-sinistra che esprime Marco Locchi come candidato a sindaco. Questa decisione è maturata dopo aver constatato la condivisione di alcuni temi, come ad esempio il mantenimento del livello dei servizi erogati ai cittadini; una maggiore equità sui tributi richiesti; sostegno alle politiche sociali, ai lavoratori ad ai giovani, che hanno trovato spazio nel programma del centro- sinistra grazie al contributo del PdCI. Abbiamo chiesto inoltre la massima trasparenza nel funzionamento della macchina pubblica e nuove forme  di coinvolgimento dei cittadini nelle scelte importanti per la città. Il nostro partito, in questi giorni, sta valutando la possibilità di creare una unica lista insieme a Rifondazione Comunista, al fine di dare rappresentanza politica a tutti i comunisti e all’intera sinistra umbertidese. Infatti l’obiettivo è quello di non giocare il ruolo di semplici portatori d’acqua per la coalizione, ma di contare e di poter incidere sulle scelte che dovranno essere prese nei prossimi cinque anni. Da qui la necessità di unire le nostre forze con altri partiti come il Prc che condividono i nostri stessi ideali e di aprire  la nostra lista a tutti coloro che si ispirano ai valori della sinistra. Partito dei Comunisti Italiani- Sezione di Umbertide

21/03/2014 18:08:50

Notizie » Politica M5S Umbertide: incontra cittadini, commercianti e PMI

RICEVIAMO DAL M5S E PUBBLICHIAMO Pensare al bene del proprio paese, mettendo a disposizione il proprio impegno, fa di noi delle persone capaci solo di protestare, prive di qualsiasi buon progetto? Crediamo che sia un’immagine riduttiva e semplicistica quella che alcuni vogliono dare del M5S, e specificamente del M5S di Umbertide; ci pare che ad oggi siamo gli unici ad aver proposto un programma che ha fatto una lettura reale di quella che è la situazione del nostro paese, guardando anche a quella che sarà la situazione futura. Facile non entrare nel merito ed etichettare un movimento di gente pulita, nuova e anche competente (perché non ci riteniamo degli incapaci) dei sovvertitori dell’ordine. Per noi conta non l’ideologia, ma il cittadino, non le belle parole, che riempiono la bocca, ma le proposte, i progetti, rendere concrete le buone idee. A tal proposito mercoledì 26 marzo alle ore 21,00 presso la Residenza Balducci, in via dei Patrioti, organizzeremo un incontro aperto a tutta la cittadinanza per presentare un nostro progetto, una proposta concreta che mira a risollevare le sorti della piccola economia locale e che vuole coinvolgere tutte le persone perché ognuno si senta partecipe della  rinascita economica del proprio paese, perché si torni a sentire quella solidarietà che un tempo legava i cittadini e che ormai sembra essersi assopita.  Siamo aperti al confronto e allo scambio di idee per miglioraci e perfezionare le nostre iniziative proprio perché crediamo nella partecipazione, quella vera. Siccome non abbiamo la superbia di ritenerci portatori di un bagaglio conoscitivo più solido di qualsiasi altro individuo ci affianchiamo a persone esperte, che ci sappiano consigliare, come il dott. Maurizio Gustinicchi, consulente aziendale, managing director, articolista di temi macroeconomici e co-fondatore del gruppo “Economia 5 Stelle”, che interverrà al nostro incontro di mercoledì. Le nostre proposte nascono dal basso , pensate e create da e per i  cittadini, noi non vogliamo metterci su dei piedistalli, ma preferiamo restare in basso a parlare con la gente. Pavoneggiarsi sulle alte colline dell’autoreferenzialità lo lasciamo ad altri.   Movimento 5 Stelle Umbertide

21/03/2014 15:19:09

Notizie » Politica Sel: la nostra scelta politica per Umbertide cambia

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO IL COMUNICATO DI SEL UMBERTIDE Sinistra Ecologia e Libertà Umbertide ha, in questi mesi, posto in essere consultazioni con tutte le forze politiche, i movimenti e le associazioni della città in vista delle prossime elezioni amministrative per effettuare una scelta politica condivisa e che rispettasse le istanze di cui ci siamo fatti portatori, quale nuova sinistra umbertidese moderna e distaccata dalle vecchie logiche che hanno pervaso la politica di tutta Italia. Il periodo storico che si è aperto a seguito della crisi economica del 2008 ha posto al centro delle richieste dell'opinione pubblica verso la politica di tutti i livelli, un vero e proprio cambio di marcia che ponesse fine a vetuste idee di apparato, clientelismo e appartenenza. Abbiamo posto al centro del dibattito che si è instaurato, i concetti di legalità, trasparenza e meritocrazia richiamando tutte le forze politiche ed i movimenti a farsene sani portatori per un dovere costituzionale, istituzionale e di rispetto verso i cittadini e gli elettori. Abbiamo richiesto che al centro del percorso che ci conduceva verso le elezioni fossero rimessi i programmi e non la politica dell'insulto, del disfattismo e dello “scambio di poltrone”. Proprio per questo, già nei nostri precedenti comunicati, avevamo affermato l'idea che, seppur rappresentanti di un elettorato di centrosinistra, non eravamo parte a priori di nessun “contenitore” politico e che avremmo dato il nostro appoggio a quelle forze che realmente e con i fatti si fossero impegnate verso un reale senso di cambiamento. Per un simile obbiettivo saremmo  stati disposti a rinunciare a tutto: al nostro simbolo, alla riconoscibilità, alla certezza di una poltrona. Non ci interessano! Ci interessa il programma che per i prossimi cinque anni sarà il faro di questa città. E per far questo abbiamo portato le nostre idee ed i nostri punti programmatici di rinnovamento e cambiamento alle forze politiche per vedere chi fosse disposto ad impegnarsi in un cambio di rotta definitivo. A capire chi volesse prendere quella che abbiamo definito “La Strada Giusta”. La scelta  di non aderire alla coalizione di centrosinistra formata da PD, PSI, Rifondazione Comunista e PCI è scaturita da una mancata adesione  alle nostre proposte di cambiamento sia politico che di percorso programmatico; in particolare non abbiamo trovato condivisibile il modus operandi che ha condotto alla scelta di Marco Locchi come candidato sindaco sia perché inevitabilmente legato ad un vecchio modo di far politica, sia perché attuata mediante l'annuncio di primarie che di tale hanno avuto solo il nome, dimostrandosi una pantomima di cui tutti erano coscienti sin dall'inizio. Per quanto la persona di Marco Locchi sia rispettabile, non siamo riuscito a non guardarlo come il frutto di un accordo tra tre correnti del PD che fino a mesi fa erano completamente spaccate e che fino ad una settimana fa si inveivano contro in ogni comunicato. Un accordo di cui non sappiamo i contenuti, ma che ragionevolmente pensiamo non si fondi sul programma. Sulle  basi valoriali che abbiamo già espresso,abbiamo accettato di renderci parte attiva nel percorso di cambiamento lanciato dal movimento Umbertide Aperta e che ha portato alla formazione della lista civica “UMBERTIDE CAMBIA”, a cui daremo il nostro contributo in termini di contenuti e valori e per cui ci impegneremo con persone e mezzi, senza logiche di apparato o appartenenza, tanto che rinunciamo per tale impegnativo obiettivo alla presentazione del nostro simbolo. La proposta di candidare a sindaco un soggetto di elevata competenza, professionalità ed esterno a qualsiasi formazione politica, quale il viceprefetto di Fermo e cittadino umbertidese Claudio Faloci e quella di avanzare candidati nuovi alla scena politica e di ampia capacità ognuno nel suo settore ci ha dato le basi per aderire. Il programma costruito e condiviso ci ha, infine, reso parte integrante del progetto,alla cui presentazione pubblica parteciperemo con convinzione ed entusiasmo,certi di contribuire così alla crescita ed al cambiamento che questa città merita.

20/03/2014 08:44:56

Notizie » Politica Posti da primario a Città di Castello. Si apre la corsa

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO. La Giunta regionale ha autorizzato (con delibera n° 83 del 3 febbraio 2014) l’ASL 1 a bandire concorsi per il posto di primario ospedaliero nei settori della “Medicina dello sport”, “Medicina del lavoro” ed “Igiene e Sanità pubblica”. Questi ruoli apicali sono attualmente ricoperti in forza dell’articolo 15-septies della cosiddetta “Legge Bindi” (Decreto Legislativo 229/1999) da professionalità che sono state scelte dal Direttore Generale della ASL all’interno di una rosa di nominativi e non per apposito concorso. Detti incarichi, peraltro, sono stati confermati per un tempo che i sindacati di categoria hanno ritenuto eccessivamente prolungato, in quanto secondo loro detti ruoli sarebbero dovuti essere assegnati tenendo presente l’art. 18 del “Contratto Collettivo Nazionale dei Medici ospedalieri” (che prevede un facente-funzioni per un massimo di sei mesi, rinnovabile al massimo per ulteriori sei) e, in ogni caso,per professionalità inesistenti all’interno dell’azienda sanitaria, come detta la stessa Legge Bindi. Proprio l’azione dei sindacati di categoria ha determinato lo “sblocco” dei concorsi, ma resta da capire quali saranno ora i criteri di scelta dei primariati stessi: se, in sostanza, l’aver già ricoperto il ruolo - pur senza concorso - costituirà corsia preferenziale. Resta il fatto che oggi appare sempre più inopportuna la passata decisione delle ASL di avvalersi, per ricoprire dette apicalità, di professionisti “ex articolo 15-septies” e non per concorso. D’altra parte la stessa Legge Regionale 18 del 2012 aveva come scopo principale la semplificazione e la riduzione delle apicalità, così come lo stesso “Decreto Balduzzi” (D. L. n° 158/2012) ha di fatto vietato proprio gli incarichi dati attraverso il sopra citato art. 15-septies. Restano, infine, da chiarire altri aspetti tecnici e procedurali, come la decisione di prevedere nella nuova ASL 1 una doppia apicalità per “Medicina del lavoro” (nord e sud): una scelta che di fatto va contro lo spirito della L.R. 18/2012. Su tutto questo, tramite l’interrogazione presentata (in allegato), la Giunta regionale è chiamata a fare chiarezza. Andrea Lignani Marchesani

17/03/2014 22:58:01

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy