Notizie » Politica Il centrodestra umbertidese analizza l'esito delle elezioni del 25 maggio

La candidata sindaco del Centrodestra umbertidese, Giovanna Monni, analizza l'esito delle elezioni del 25 maggio. "Non posso esimermi dal commentare con rammarico il risultato della lista di centrodestra- scrive Monni- che ho avuto il piacere, l’onore, ma anche l’onere di rappresentare con quello stesso entusiasmo che nel 2009 ci garantì altri ed ammirevoli risultati, oggi purtroppo non confermati. Con l’onestà che ogni eletto deve ai suoi concittadini, debbo prendere atto dell’emorragia di voti e devo ricercane la cause, al netto di ogni polemica verso chicchessia, bandendo sterili e viscide polemiche che hanno preceduto la presentazione della lista e che - certamente - l’hanno indebolita, negandole altre e diverse coordinate che le avrebbero garantito migliori risultati. Ebbene, rileva come cinque anni fa rappresentavo un partito, il PDL, risultato poi essere il primo in Italia e ciò giustificava i 1.672 voti al tempo ottenuti. Il clima politico attuale è completamente diverso, si osserva l’implosione del PDL e la frammentazione politica che ne è derivata, con espressioni politiche che oggi non hanno lo stesso lusinghiero peso specifico; divisioni interne non sono mancate neppure a livello locale, espresse in rovinosi arroccamenti, candidature annunciate e tempestivamente ritirate, accuse sulla carta stampata che sono scese nel personale e che, se non hanno fatto onore a chi vi si è prestato, ci hanno purtroppo penalizzato anche nelle urne. Oggi lo sguardo va ai prossimi lavori consiliari che mi auguro saranno positivamente produttivi per tutti gli Umbertidesi." 

30/05/2014 19:10:14

Notizie » Politica Il commento del Pd di Umbertide sulla vittoria alle amministrative e alle europee

Un risultato significativo e importante. Questo il commento del Pd umbertidese dopo l'elezione al primo turno di Marco Locchi a sindaco della nostra città e il successo alle elezioni Europee. "Il Partito Democratico di Umbertide- scrive in una nota il partito- ha ottenuto un risultato veramente importante e significativo sia alle elezioni europee che alle amministrative. Alle elezioni europee, grazie alla forte spinta politica del Governo guidato da Matteo Renzi, ad Umbertide il PD si attesta su di una percentuale che supera il 62% ed è un risultato storico per il PD e per tutta la Città. Alle elezioni amministrative la coalizione di centrosinistra raggiunge il 60,5 % vincendo al primo turno con il candidato a sindaco Marco Locchi (tra l'altro solo Umbertide e Castiglione del Lago tra i comuni sopra i 15.000 abitanti eleggono al primo turno) e regalando una straordinaria vittoria tanto più forte perché in presenza di liste civiche e nuovi movimenti politici estranei al consolidato panorama politico locale. E' evidente che è un successo di tutta la coalizione che ringraziamo, del Partito Democratico di Umbertide che conferma la sua "vocazione maggioritaria" e della qualità e forza della scelta del candidato che il PD unito aveva sostenuto. Fugando ogni dubbio, Marco Locchi si afferma come sindaco della città di Umbertide confermando la qualità del governo che abbiamo saputo mettere in campo negli anni precedenti e soprattutto la voglia di condividere un percorso nuovo, con lo sguardo rivolto al futuro e alla crescita della città. Ha vinto la città tutta, da subito siamo al lavoro per gli umbertidesi e per affrontare i loro problemi. Il grande consenso ricevuto ci dà una grande responsabilità nei confronti di tutti i cittadini e con il nostro impegno e la nostra serietà vogliamo essere all'altezza della fiducia che ci è stata accordata."

28/05/2014 19:49:29

Notizie » Politica Successo elettorale per la lista civica Umbertide Cambia

Da quando anche ad Umbertide vige la legge elettorale per i comuni sopra i 15mila abitanti, per la prima volta una lista civica approda in Consiglio comunale. Si tratta della lista civica Umbertide Cambia, che porta nella massima assise comunale (secondo i dati ufficiosi) tre suoi esponenti.  Riceviamo e pubblichiamo  La novità politica assoluta di queste elezioni amministrative è la lista civica Umbertide cambia, premiata con 1.600 voti, pari al 18% dei consensi (oltre il 22% nel capoluogo) e tre consiglieri comunali. In pratica la seconda forza politica della città. Umbertide cambia porta nel Consiglio Comunale tre Consiglieri: Claudio Faloci, Alessia Bartolini, Stefano Conti. Ma soprattutto un progetto politico innovativo, profondamente riformatore, al quale gli elettori hanno affidato il compito di promuovere un cambiamento vero nella amministrazione della città. Non abbiamo mai attaccato le persone, ma i metodi e lo stile della politica locale. Abbiamo deciso di metterci in gioco per rompere un sistema di potere chiuso e clientelare che irrigidisce anche la libera espressione del voto. Non abbiamo promesso favori e non la faremo pagare ai “nemici” solo perché non hanno votato per noi. Il nostro “nemico” è la prepotenza e l’arroganza. La nostra promessa è il massimo impegno per la comunità. Risultato: uno straordinario successo elettorale, frutto di un consenso di opinione che supera le appartenenze, a dimostrazione del fatto che il progetto Umbertide cambia non è fondato sulle ideologie, ma su valori  importanti e sulla concretezza delle idee. Questo è già l’inizio di un cambiamento radicale: Umbertide cambia la cultura politica, comincia a liberarsi dal voto pregiudiziale al “partito – apparato - gabbia”, comunque si chiami, apre gli occhi, riflette, valuta. Questa era la nostra scommessa. Questo il vero successo politico. Partiamo da qui. Vogliamo rispondere con i fatti alla fiducia che oltre 1.600 cittadini di Umbertide, il 18% dei votanti, hanno riposto in noi. Umbertide cambia è la seconda forza politica della città, con un risultato elettorale ancor più positivo se confrontato con il trend negativo di tutte le altre forze politiche: PD, Centro destra ed anche Movimento 5 Stelle. La coalizione di maggioranza crolla infatti dal 77,56% del 2009 al 60,01 di oggi. Dei 7.582 voti di allora il nuovo sindaco Marco Locchi ne prende 5.395 (- 2.187). Il PD passa da 5.541 voti (58,15%) del 2009 ai 4.842 (54,39%) di oggi (meno 699 voti), perdendo circa 705 consensi anche rispetto al dato relativo alle europee 2014 (5.547 voti, pari al 62,11%). I 10 consiglieri sono tutti “democratici”: Partito Socialista e Rifondazione Comunista pagano la loro sudditanza politica perdendo la rappresentanza consiliare.  Il Centro destra tocca il minimo storico dei 628 consensi (1 seggio). Il Movimento 5 Stelle, con 1.290 voti (14,49%) entra per la prima volta in Consiglio Comunale conquistando due seggi, ma perde consensi sia rispetto alle politiche 2013 (2.241 voti, pari al 23,12%), sia rispetto alle stesse Europee 2014 (1.535 voti, pari al 17,19%). “Vogliamo investire sui giovani – ha dichiarato il candidato sindaco di Umbertide cambia Claudio Faloci -costruire opportunità, premiare il merito, progettare il futuro in una società aperta e collaborativa, ponendo grande attenzione ai bisogni delle persone, delle famiglie, delle imprese. Vogliamo costruire una amministrazione che si apra al territorio e che progetti una città sistema aperta ed armonica, caratterizzata da collaborazioni ed interazioni nelle dinamiche economiche, sociali, culturali, educative, associative, sportive. Faremo del Comune la casa dei cittadini – ha aggiunto Faloci - restituendo dignità agli organismi rappresentativi. In primis il Consiglio Comunale”. “Non abbiamo scelto la facile strada della contestazione demagogica, ma la costruzione di un cambiamento responsabile. Attraverso i nostri documenti – ha concluso Faloci - abbiamo dato una informazione argomentata su temi di interesse rilevante, tra i quali ex fornace, ex tabacchi, moschea, centro storico, gestione rifiuti, ospedale, ferrovia, dicendo verità scomode su scelte che hanno messo in crisi gli stessi equilibri economico finanziari del bilancio comunale, sempre presentando una proposta strutturata. Saremo sentinelle della trasparenza, promuoveremo la partecipazione, presenteremo proposte e saremo parte attiva di un costruttivo confronto costantemente orientato alla crescita economica, sociale, civile e culturale della città”. 

27/05/2014 15:14:57

Notizie » Politica Elezioni ad Umbertide. La soddisfazione del Movimento 5 Stelle

Grande soddisfazione all'interno del Movimento 5 Stelle di Umbertide per il risultato conseguito alle elezioni amministrative che ha sancito l'ingresso dei pentastellati all'interno del Consiglio comunale umbertidese. "Siamo entrati- annunciano dal Movimento- due consiglieri portavoce del M5S saranno dentro il palazzo. Normali cittadini contro i professionisti della politica, una vittoria importante, fantastica, incredibile! Quando da semplici cittadini rivolgemmo dei quesiti all’allora sindaco Giulietti e poi al f.f. Locchi nessuno ci ha considerato dicendo che non sapevano chi eravamo , ora ci vedranno bene in faccia, l’arroganza del potere ora dovrà confrontarsi con noi. Entriamo in consiglio comunale con l’intento di aprire le buie porte del palazzo ai cittadini, pretenderemo trasparenza, il sito del Comune riporta dati risalenti al 2011, i consigli comunali dovranno, come già deliberato , essere pubblicamente visibili in diretta. Il nostro impegno sarà totale al servizio della comunità e pronto ad appoggiare qualsiasi proposta che abbia come finalità l’esclusivo interesse della città, non sarà un’opposizione sterile, ma concreta e costruttiva. Appoggeremo e porteremo in consiglio comunale tutte le battaglie che cittadini soli e smarriti devono quotidianamente affrontare contro i burocrati istituzionalizzati. Ci aspetta un duro lavoro, ma la rivoluzione è iniziata, la democrazia partecipata ha fatto un importante passo in avanti. Ed è solo l’inizio!"

27/05/2014 14:44:03

Notizie » Politica Risultati da altri Comuni

Mirco Ceci del Partito Democratico e candidato sindaco del Centrosinistra Unito, viene riconfermato sindaco di Pietralunga con il 63,10% dei suffragi. Ceci ha battuto la concorrenza dell’esponente del centrodestra sostenuto dalla lista Uniti si Vince Pietralunga Viva, Enrico Pauselli (che si piazza secondo col 27,37%) e di Donatello Pauselli (terzo col 9,51%). A Montone conquista la fascia tricolore il candidato del centrosinistra Mirco Rinaldi, eletto primo cittadino con l’84,05% dei suffragi. Al secondo posto Andrea Pecorini della lista Polo per Montone (9,52%). Chiude terzo Andrea Grassini dei Comunisti Italiani con il 6,41%. Centrosinistra vincitore anche a Lisciano Niccone. Gianluca Moscioni, candidato della lista Unità Democratica Riformista, è eletto sindaco col 74,18% dei voti. Segue Giovanni Zampi della civica Insieme per Lisciano (22,25%). Chiude la candidata del centrodestra Maria Rita Galimberti (3,56%). Paolo Fratini, esponente del Pd e sostenuto dalla coalizione di centrosinistra, è il nuovo sindaco di San Giustino col 57,31%. Termina al secondo posto il candidato sindaco della lista civica Cittadini per cambiare San Giustino Pierluigi Leonardi (fermo al 27,07%). Nulla da fare anche per il candidato del Movimento 5 Stelle Andrea Taddei, terzo con  l’11,14%. Chiude il centrodestra con Giovanna Bicchi (4,46%). Viene riconfermata sindaco di Citerna Giuliana Falaschi. L’esponente del centrosinistra rimane alla guida del municipio citernese grazie al 42,06% dei voti. Secondo il candidato della civica Progetto Comune Giuseppe della Rina con il 40,22%. Terzo il consigliere regionale della Lega Nord e candidato sindaco per la lista Sicurezza Efficienza Decoro Urbano Gianluca Cirignoni con il 17,71%. Ballottaggio invece in due importanti comunali dell’Alta Umbria: Perugia e Gubbio. A contendersi la poltrona di primo cittadino del nostro capoluogo di regione saranno il sindaco uscente del Pd e sostenuto dalla coalizione di centrosinistra Wladimiro Boccali (bloccato al primo turno al 46,55% dei suffragi) e il candidato sindaco del centrodestra Andrea Romizi (26,31% al primo turno). Terza Cristina Rosetti del Movimento 5 Stelle col 19,08%. Seguono Urbano Barelli con il 3,78%; Diego Waguè con 2,48%, e Adriana Galgano di Scelta Civica con l’1,76%. Nella città dei Ceri la sfida sarà fra Filippo Mario Stirati (sostenuto dalle civiche Stirati sindaco e Scelgo Gubbio, dal Psi e Sel) che al primo turno conquista 41% ed Ennio Palazzari (sostenuto dal Pd e dalle civiche Impegno per Gubbio e Popolari per Gubbio), secondo col 25,60%. Al terzo posto il candidato del Movimento 5 Stelle Rodolfo Rughi (17,4%). Seguono il candidato di Rifondazione Comunista Pavilio Lupini (8,68%) e quello del centrodestra Francesco Gagliardi (7,29%).

27/05/2014 12:57:46

Notizie » Politica M5S Umbertide: come mai Locchi non si reca a Pian d'Assino?

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle di Umbertide "Questa sera presso il cva di Pian d’Assino si terrà una riunione promossa dal primo partito cittadino almeno fino ad ora, il PD, il nostro sindaco f.f. non sarà presente, impegnato nel suo tour elettorale per Umbertide, ma invierà i propri messi, alcuni candidati consiglieri e il Presidente della Provincia. Ci sfugge qualcosa? Il Presidente della Provincia  è per caso candidato al consiglio comunale? Non capiamo la sua presenza al posto di Locchi; magari gli abitanti di questa frazione avrebbero gradito che il non eletto fosse presente, visto il suo ruolo e quello dell’intera amministrazione nella vicenda della centrale a biomassa di Pian d’Assino, ma forse è il coraggio quello che manca? Il coraggio di doversi presentare a dei cittadini che sono stati ingannati dall’attuale amministrazione e trattati con la sufficienza e l’arroganza che caratterizza questi personaggi? L’attuale sindaco ha avuto tempo in questo ultimo mese per presenziare a qualsiasi inaugurazione (ne contiamo ben quattro!), qualsiasi evento  di qualsiasi genere sempre in prima fila pur di farsi vedere e non ha tempo di venire a parlare con gli abitanti di questa piccola frazione?  E’ questo il sindaco che vogliamo per Umbertide? Sono questi i signori dai quali vorreste essere  amministrati per i prossimi cinque anni? E’ dunque questa la partecipazione e il confronto che vendono nel loro programma, è questa la loro politica del fare? La gente è stanca di tanto fumo negli occhi, vogliono chiarezza. Questi personaggi sono solo pedine di un sistema e mancano di iniziativa propria. Noi vogliamo un’amministrazione che sia dalla parte del cittadino, che sappia rispondere alle sue richieste, un’amministrazione che ascolti e che agisca, un sindaco che sia sindaco, di marionette e carrieristi politici ne abbiamo avuti fin troppi.  Siate protagonisti del cambiamento, il 25 Maggio archiviate questi soggetti."

22/05/2014 17:53:01

Notizie » Politica M5S Umbertide: far tornare la politica fra la gente

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide Il 25 maggio si andrà a votare per l’elezione del sindaco e rinnovo del consiglio comunale; negli anni passati nella nostra Umbertide già prima dei risultati si sapeva quale forza politica avesse la meglio. Oggi la realtà che si presenta è ben diversa, e questo non certo perché non si hanno più ideali, ma perché le forze politiche tradizionali non hanno più la rappresentatività di un tempo, i personaggi che le animano hanno perso di credibilità agli occhi dei cittadini, i politici sono volti più a difendere l’interesse e il potere di pochi piuttosto che l’intera collettività. A sentirli parlare sembra che abbiano trovato la soluzione a tutti i mali del mondo. La politica umbertidese sta scoprendo e arricchendo il proprio vocabolario di nuovi termini. Tutti parlano di cambiamento, di rinnovamento, di trasparenza e di partecipazione. Termini da sempre sconosciuti, concetti ignorati e mai pronunciati perché se ne ignorava e se ne ignora il significato. Mille volte hanno promesso e mille volte hanno fatto corrispondere un inganno. Hanno reso la politica, a tutti i livelli, simile a un “mostro” che divora montagne di euro solo per mantenere un baraccone divenuto uno spreco di denaro. Non esiste progetto morale perché non vi è né progetto né politica. Si viene ancora governati dalla paura del ricatto, dal terrore, uniche armi per far paura a quelli che ancora lo temono. Ma i cittadini hanno capito che sono catalogati solo come “voti” dai partiti, nient’altro che un numero!  Nel nostro paese tutto viene costruito a tavolino, il bello, il brutto, il vero, il falso. Bisogna far tornare la politica tra la gente, per far sì che compito primario di questa sia il bene comune. Creare una reale collaborazione tra chi amministra e i cittadini non è impossibile, noi vorremo dimostrare che un buon governo senza  personalismi né favoritismi è attuabile. Serve la volontà di credere nuovamente in chi  amministra e questo sarà possibile solo rivolgendosi al nuovo, avendo coraggio e determinazione. Ci aspetta un lungo percorso insieme, l’apertura verso un nuovo modo di fare politica, fatto di confronto e proposte, di crescita collettiva. Il nostro futuro sarà il portare avanti progetti comuni e concreti per la collettività; adoperiamoci per iniziare questo percorso insieme. Abbandoniamo l’indifferenza che ci ha lasciato in balia di questa classe politica,  riprendiamoci questo paese, la nostra dignità di cittadini e il nostro futuro.  

21/05/2014 20:31:54

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy