Notizie » Politica I motivi per cui il Pd ha votato contro il fondo per lo studio universitario

Riceviamo e pubblichiamo dal Pd di Umbertide “E’ arrivato il momento di fare un po’ di chiarezza”, dichiara il consigliere piddino Lucia Ranuncoli. Il  PD di Umbertide intende sostenere concretamente il diritto allo studio universitario e la formazione professionale; per questo nella recente campagna elettorale ha chiesto l'impegno della nuova  amministrazione comunale a garantire sostegno per l'intero percorso di studio universitario o per percorsi di studi post diploma di specializzazione professionale a tutti i ragazzi volenterosi privi dei sufficienti mezzi economici, erogando loro le risorse necessarie. Questa proposta è stata accolta dalla nuova amministrazione che ha istituito nel bilancio 2014 un capitolo specifico con un primo fondo di € 10.000 (in concreto vuol dire avviare circa una decina di ragazzi) che può essere incrementato volontariamente da chiunque fosse interessato (operazione analoga a quella fatta lo scorso anno per le famiglie bisognose), consiglieri, amministratori, liberi cittadini. É stato così creato  un vero e proprio servizio che verrà disciplinato da uno specifico regolamento  d'accesso. Quindi non un intervento una tantum ma una realtà permanente ed organizzata, che possa incidere e contrastare la chiusura di orizzonti e di speranza che la crisi sta ponendo in essere in pregiudizio dei nostri ragazzi di Umbertide. L’aver stanziato risorse per agevolare il percorso di studi universitario di quanti versano in difficoltà economiche, si pone in linea di continuità con quanto già realizzato dalla  giunta uscente  e ci si riferisce in particolare al contributo a titolo di premialità che da anni già il Comune eroga ai ragazzi dell’istituto superiore di Umbertide che escono con il massimo dei voti; al progetto  di lavori estivi che da anni dà la possibilità a molti ragazzi di Umbertide di effettuare un’esperienza lavorativa protetta per la manutenzione delle aree pubbliche comunali; ma soprattutto al servizio di consulenza gratuita realizzato mediante la creazione dello sportello per l’imprenditoria giovanile, che ha erogato un importante studio di valutazione, fattibilità, sostenibilità delle idee imprenditoriali dei giovani che si affacciano sul mondo del lavoro. Servizio qualificato perché realizzato mediante il coinvolgimento di enti di categoria importanti quali Sviluppumbria, Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, C.N.A., CIA e Confindustria, insieme all’Informagiovani di Umbertide. Questo è quanto è stato già fatto dalle precedenti e dall' attuale amministrazione eletta circa un mese fa. É evidente pertanto che l'odg di Umbertide Cambia è pretestuoso e superato. Sulle modalità di costituzione del fondo, che sta molto a cuore ad Umbertide Cambia, ribadiamo quanto già detto in occasione del primo consiglio comunale e cioè tutti gli amministratori e consiglieri che vogliono contribuire al fondo possono farlo liberamente anche perché il consiglio comunale non può disciplinare una cosa del genere. Ribadiamo che ogni consigliere/assessore è libero di versare  i propri emolumenti a chi vuole; nel caso del PD una parte viene versata come erogazione liberale al partito (i consiglieri per intero e gli assessori e sindaco nella misura del 15%) L’eventuale versamento dei compensi  ad un determinato Fondo dovrà avvenire in modo volontario e non perché i partiti di minoranza lo impongono. Quindi senza tante finte e pretestuose polemiche restano le cose concrete che questa amministrazione ha fatto sta facendo per i nostri ragazzi di Umbertide: investire nello studio e nella cultura, in quanto la loro realizzazione personale costituisce una garanzia di profondo progresso sociale attuale e futuro per la nostra città.

21/07/2014 18:27:03

Notizie » Politica Umbertide Cambia: polemica col Pd su bocciatura del fondo allo studio universitario

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia Bocciato dal PD l’ordine del giorno di Umbertide cambia finalizzato alla costituzione di un fondo speciale per il diritto allo studio universitario, votato invece da Movimento 5 Stelle e Umbertide viva. Motivazione dell’Amministrazione: abbiamo già previsto in bilancio una specifica posta, dunque la richiesta è superata.  “Ci fa piacere che l’Amministrazione abbia già accolto la nostra proposta – afferma Stefano Conti, presentatore del documento – ma proprio questo, per logica, avrebbe dovuto essere un motivo in più per essere favorevoli all’ordine del giorno. A meno che il problema sia chi presenta la proposta, non la proposta in sé. Oppure il fatto che a nostro parere il fondo dovrebbe essere finanziato attraverso i compensi spettanti per le attività istituzionali: consiglieri comunali,  assessori, presidente del consiglio, membri dei consigli di amministrazione di nomina pubblica delle società partecipate, degli enti e delle istituzioni che fanno riferimento al comune potrebbero cioè volontariamente rinunciare agli emolumenti loro spettanti, destinandoli a tale scopo, realizzando in tal modo il principio “amministrare a costo zero”. Ci risulta, peraltro, che gia il Presidente dell’IRB (centro anziani “Balducci”) rinuncia al compenso previsto”. “In questa proposta – aggiunge Conti – c’è tutta la filosofia di Umbertide cambia: investire sui giovani, sul merito, sulle opportunità, sul futuro, sostanziando il principio di equità e riconoscendo grande attenzione al bisogno”. Il fondo, volto a sostenere studenti meritevoli in difficoltà economiche residenti nel comune di Umbertide, dovrebbe essere gestito con un apposito regolamento approvato dal Consiglio Comunale, che dovrà necessariamente tenere conto degli strumenti che già consentono di agevolare la carriera universitaria, e dovrà essere costituito senza gravare ulteriormente sulla contribuzione dei cittadini.  “Valuteremo in sede di discussione dei documenti contabili quanto e come verrà finanziato questa iniziativa, che per noi rappresenta una delle condizioni per l’approvazione del bilancio”

18/07/2014 16:35:51

Notizie » Politica M5S Umbertide soddisfatto per l'introduzione della tariffa puntuale sui rifiuti

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide Innanzitutto vorremmo complimentarci con gli umbertidesi per l’ottimo risultato raggiunto nella raccolta differenziata che ha portato il comune di Umbertide ad essere premiato a Roma come comune riciclone. Un merito ancora più grande se si considera che sono stati solo quattro i comuni umbri premiati.   Ma oggi il M5S esprime anche la sua soddisfazione per l’approvazione della proposta sull’introduzione della tariffa puntuale sui rifiuti presentata dal PD.   Infatti la prima proposta trattata in questa legislatura era stata presentata dal M5S e chiedeva l?introduzione della tariffa puntuale. Certo, il M5S chiedeva la sua introduzione subito e non tra due o tre anni come prevede l’ordine del giorno approvato. Questo perché la tariffa puntuale, se ben applicata, porta benefici quasi immediati per i cittadini.   La cosa assurda è che questa maggioranza, pur di prendersi i meriti, ha deciso di bocciare la nostra mozione per presentarne una sua al Consiglio comunale successivo, allungando così i tempi.   Ma forse i due anni di ritardo sono la distanza che divide le nostre idee da quelle della maggioranza.   Nonostante tutto il M5S ha votato a favore di questo ordine del giorno perché questa è la strada giusta, anche se verrà presa in ritardo, ed il M5S non fa bassa politica, ma solo scelte volte al miglioramento sociale.   Ci riserviamo comunque di presentare un nuovo ordine del giorno perché dal prossimo anno si cominci almeno la sperimentazione in un quartiere o frazione del comune.   

17/07/2014 15:36:46

Notizie » Politica Approvato odg del Pd di Umbertide su raccolta differenziata

Riceviamo e pubblichiamo dal Pd di Umbertide E’ stato approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale di Umbertide l’ordine del giorno presentato dal consigliere del Partito Democratico Milena Fiorucci riguardante la modalità di raccolta differenziata dei rifiuti e la relativa tariffazione in vista della gara d’ambito che, dal 2015, vedrà un unico soggetto gestore del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti per tutti i Comuni dell’Ati1. Umbertide è stato il primo Comune umbro ad aver aderito alla strategia Rifiuti zero e lo scorso 9 luglio è stato premiato a Roma da Legambiente come Comune con la percentuale di raccolta differenziata più alta dell’Umbria, superiore al 73%, un risultato che l’Amministrazione Comunale intende ottimizzare ulteriormente, perfezionando nuove tecniche e modalità di raccolta della differenziata basate sul principio secondo cui il pagamento della tassa per lo smaltimento dei rifiuti debba essere correlato alla quantità di rifiuti prodotti. L’ordine del giorno tiene conto del fatto che l’applicazione di altri metodi di raccolta quale quello puntuale è oggi impedito da quanto disposto dall'art.1 comma 667 della L. 147/2013 che prevede l'emanazione del relativo regolamento e che è in corso la preparazione della gara di ambito per l'individuazione del gestore unico dei rifiuti che dovrebbe essere individuato entro i primi mesi del 2015. Il documento impegna il Sindaco e la Giunta a sostenere nell'ambito della prossima gara d'ambito, una specifica regolamentazione che consenta ai singoli comuni di adottare tariffe commisurate all'effettiva produzione dei rifiuti; ad introdurre il concetto di riduzione del costo del servizio progressivamente all'incremento della quantità di raccolta differenziata; a prevedere la possibilità da parte dei vari Comuni di vendere direttamente vetro, plastica, carta da differenziare al fine di poter avere un immediato riscontro economico della bontà del lavoro svolto. L’ordine del giorno ha incontrato il parere favorevole anche delle opposizioni, e nello specifico del Movimento Cinque Stelle e di Umbertide Cambia, che hanno condiviso la proposta lanciata dal Partito Democratico, in quanto considerata la strada giusta da intraprendere per attuare politiche ambientali sostenibili e favorire al contempo l’applicazione di una tariffazione che tenga conto della quantità di rifiuti prodotti.

17/07/2014 14:13:58

Notizie » Politica Rifiuti: M5S Umbertide attacca la maggioranza sulla tariffa puntuale

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide La questione relativa alla tariffazione puntuale mette in evidenza la mancanza di volontà della maggioranza di costruire un percorso comune a vantaggio dei cittadini; il totale rifiuto di cui parlano nel “gestire insieme un progetto per individuare le modalità e i criteri da attuare al fine di ottimizzare ulteriormente il già elevatissimo livello di raccolta differenziata dei rifiuti” non riguarda certamente il M5S; ritenevamo che la mozione da noi presentata, in cui si chiedeva l’applicazione della tariffa puntuale nel nostro Comune, fosse accolta favorevolmente dalla maggioranza visto che la sua introduzione era stata annunciata anche nel loro manifesto politico. Perché bocciarla? Nel proporla noi abbiamo tenuto conto del fatto che fosse un punto vivo sia del nostro che del programma del Partito Democratico, presumendo in questo modo di venire incontro alla maggioranza avanzando progetti utili per gli Umbertidesi. Si parla di “approfondire questo possibile scenario” della tariffa puntuale “con un atto che coinvolga tutto il Consiglio Comunale, nella consapevolezza che una delibera votata all’unanimità costituirebbe un elemento molto forte da portare al tavolo dell’ATI1 in vista della gara d’ambito.” Quale migliore occasione che votare favorevolmente e “all’unanimità” la mozione che dunque abbiamo presentato. Non ci riteniamo sordi, anzi, corretti verso chi ci ha votato e ha appoggiato il nostro programma, e nel rispetto dello stesso ci impegniamo nella sua realizzazione, a differenza di quanto sta invece facendo il Partito Democratico. La correttezza verso i cittadini è una caratteristica che evidentemente non è comune a tutte le forze politiche. Ci riserviamo di proporre nuovamente la tariffazione puntuale a riprova delle nostre oneste intenzioni verso la collettività e verso un progetto comune. Movimento 5 Stelle Umbertide

13/07/2014 18:03:28

Notizie » Politica Forza Italia Umbertide: no alla trasformazione della E45 in autostrada

Un netto no alla trasformazione della superstrada E45 in autostrada. Questo è quanto afferma il coordinatore di Forza Italia ad Umbertide Vittorio Galmacci che  ribadisce la distanza da coloro che si dicono favorevoli alla trasformazione. “Bisogna quasi essere disonesti con sè stessi- afferma  Galmacci- per dichiararsi favorevoli all'ipotesi di trasformazione della E45 in autostrada oppure in malafede. Chiunque abbia anche un solo briciolo residuo di onestà intellettuale deve chiedersi che bisogno ci sia di fare questa trasformazione dai costi faraonici; invece, e con molta meno spesa, si può anzi si deve intervenire per la sua manutenzione. Lo stesso programma elettorale 2014-2019 di Forza Italia, al capitolo dedicato alla viabilità, conteneva un chiaro NO a tale trasformazione; confermo oggi questa posizione di assoluta contrarietà all'intero progetto, per altro già espressa firmando anche una raccolta-firme promossa da un altro partito di opposizione. Di tutto quanto sopra se ne discuterà nel prossimo consiglio comunale del 16 luglio; grazie anche a questo giornale, è importante che gli umbertidesi conoscano la posizione tenuta dal Coordinamento di FI dichiaratosi da sempre contrario a questa e ad altre spese dello stesso genere. Queste- conclude il coordinatore- rappresentano solo l'ennesimo spreco di denaro pubblico a solo vantaggio di chi,a qualunque costo,  bello voglia apparire non foss'altro che per darsi notorietà anche in previsione delle prossime elezioni regionali.”

12/07/2014 11:13:52

Notizie » Politica Umbertide Cambia: istituire commissione speciale su trasparenza

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia Una specifica commissione (Tavola pubblica per la trasparenza), partecipata da soggetti rappresentativi della società civile, che operi in funzione di una sostanziale affermazione della cultura della trasparenza, contro la corruzione ed in segno della lotta ad ogni tipo di mafia. La proposta di Umbertide cambia, inserita nel progetto “Contro la corruzione riparte il futuro”, promosso dalle associazioni “Libera – Contro le mafie” e “Gruppo Abele”, è contenuta in un ordine del giorno che sarà presentato in occasione del prossimo Consiglio Comunale. Compito della commissione dovrà essere quello di tradurre concretamente in atto il concetto di trasparenza, anche superando la formale applicazione delle norme, monitorare il rispetto delle politiche previste in materia di corruzione e trasparenza, stimolare l’accesso civico attraverso iniziative pubbliche, presentare al Consiglio Comunale una relazione annuale sui temi trattati, riconoscendo in tal senso la competenza della massima assise rappresentativa cittadina in materia.   “Con questo ordine del giorno – dichiara Claudio Faloci, capogruppo di Umbertide cambia – rispettiamo l’impegno assunto in campagna elettorale con Libera ed il Gruppo Abele, della cui azione siamo convintamente parte. A tal proposito invitiamo a firmare la petizione promossa attraverso il sito www.riparteilfuturo.it.  Il documento – aggiunge Faloci -  tende a stimolare un deciso passo avanti nella cultura civica della trasparenza e della legalità, materie che non possono essere affidate esclusivamente all’azione svolta dalle forze dell’ordine e della magistratura, risultando necessaria una contemporanea azione sul versante della prevenzione nell’ambito del quale la politica è chiamata ad una responsabile iniziativa”.   Il documento presentato da Umbertide cambia tende ad impegnare l’Amministrazione Comunale, che peraltro ha già attivato nel sito istituzionale la specifica sezione “Amministrazione trasparente”, a fare un passo in più, oltre la formalità, nella costante e tempestiva pubblicazione delle informazioni relative alla anagrafe degli eletti, ai bilanci, ai dati relativi alle società partecipate ed eventualmente ai beni confiscati. In particolare si chiede che i dati siano comprensibili e fruibili in formato “open”. Particolare attenzione dovrà essere posta nella applicazione dei codici etici che impegnano tanto i dipendenti della pubblica amministrazione, quanto gli stessi amministratori. In tal senso Umbertide cambia chiede l’adozione della “Carta di Pisa”, promossa da “Avviso Pubblico”, che richiama, prevedendo specifiche sanzioni, a precise regole di comportamento per ciò che riguarda doveri istituzionali, finanziamento dell’attività politica, confronto democratico, partecipazione popolare, rapporti con i cittadini, con i mezzi di comunicazione, con l’autorità giudiziaria.  

11/07/2014 11:10:37

Notizie » Politica Le mozioni del M5S Umbertide su TASI e TARI

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide In data 3 luglio  le opposizioni hanno richiesto la  convocazione del Consiglio Comunale in seduta straordinaria al fine di discutere quanto già presentato, che per motivi di tempo non è stato affrontato nell’ultima seduta,  ed eventuali nuovi ordini del giorno . Il M5S ha presentato due nuove proposte relative a TASI e TARI, le cui aliquote verranno a breve stabilite dalla nostra Amministrazione. La nostra prima mozione chiede all’Amministrazione l’adozione dell’indicatore Isee per la determinazione delle aliquote TASI (Tariffa sui Servizi Indivisibili) che altrimenti verranno calcolate sulla base della  rendita catastale (rendita catastale che non sempre rispecchia l’effettivo valore degli immobili). Riteniamo che non aumentare la pressione fiscale sia un impegno da prendere per non gravare ulteriormente sui cittadini oltre che una sfida importante che dovrà impegnare l’Amministrazione anche nella programmazione nell’interesse dei cittadini. Chiediamo inoltre di riconoscere agevolazioni a nuclei che si trovano in condizioni di disagio economico: - esenzione totale per nucleo composto da una sola persona pensionata ultrasessantenne con Isee da 0 a 11.028 euro - esenzione (con Isee da 0 a 8.573)  per nuclei  composti da persone pensionate ultrasessantenni, per nuclei formati da 5 o più componenti, e per nuclei in cui siano presenti portatori di handicap riconosciuti ai sensi della L. 104/92. - riduzione del 40% per nucleo composto da una sola persona pensionata ultrasessantenne con Isee da 11.028,01 a 17.624 euro - riduzione del 40% (con Isee da 8.573,01 a 12.776 euro) per nuclei composti da pensionati ultrassessantenni, nuclei composti da 5 o più persone, e nuclei in cui siano presenti portatori di handicap riconosciuti ai sensi della L. 104/92. La nostra seconda mozione riguarda la proposta per la riduzione  della TARI (Tassa sui Rifiuti); partendo dal presupposto che molte attività sono stremate dalla crisi e dall?eccessiva pressione fiscale  e che in base al comma 660 della legge 147/2013 i Comuni possono deliberare riduzioni ed esenzioni con copertura assicurata attraverso il ricorso a risorse derivanti dalla fiscalità generale del Comune, chiediamo di utilizzare la fiscalità generale per la copertura di sgravi tariffari alle famiglie più bisognose e alle attività più colpite dalla TARI. Abbiamo inoltre presentato un’interpellanza in cui chiediamo l’inserimento nel prossimo regolamento della tassa TARI di uno sconto per l’utilizzo di compostiere domestiche. Il compostaggio in molti Comuni è praticato perché agevola l’economia domestica e tutti i cittadini che lo praticano ottengono uno sconto sulla tassa dei rifiuti, chiediamo pertanto che venga inserito nel regolamento della Tari uno sconto del 20% sulla parte variabile della tariffa a favore delle utenze domestiche che dichiareranno di provvedere al compostaggio domestico. Movimento 5 Stelle Umbertide

10/07/2014 10:58:05

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy