Notizie » Politica Il consigliere Monni su profughi e accoglienza

Riceviamo e pubblichiamo Il centrodestra non abbassa la guardia in tema di migrazione e sicurezza locale. E così nell’ultima seduta comunale il consigliere Giovanna Monni torna sulla questione profughi e sistema di accoglienza sul quale, a suo dire, occorre  intervenire. La rissa violenta scoppiata tra due profughi qualche settimana fa descrive una situazione che non può essere tollerata oltre. Non è facile accettare che lo Stato Italiano si fa carico dell’accoglienza dei migranti ma è miope di fronte alle condizioni di povertà nella quale vivono troppe famiglie italiane. Ma se così deve essere, così non può funzionare. Dare accoglienza non significa parcheggiare degli individui dentro un’abitazione, saziarli e vestirli ogni giorno! Piuttosto, è necessario dare loro obbiettivi da perseguire affinché contribuiscano, loro per primi, ad integrarsi nella nostra comunità. Per questo ho chiesto alla nostra Amministrazione di coinvolgerli in attività di volontariato che li impegni in modo dignitoso e che, allo stesso tempo, dia loro la possibilità di impiegare e investire quel tempo che oggi passano nella solitudine e nell’ozio forzato ai margini della società. L’esperienza di Assisi, che ha stipulato apposita convenzione con l’associazione che gestisce i profughi residenti nella città serafica, ci insegna che non è impossibile e non ha ulteriori costi coinvolgere i profughi collocati a Umbertide in attività di manutenzione in ausilio ai tecnici comunali. Impegno volontario che può andare dal taglio dell’erba alla spazzatura dei luoghi pubblici. Per questo motivo ho chiesto al Sindaco se volesse valutare l’opportunità di stipulare una convenzione con l’associazione CIDIS affinché fornisca ai migranti, che si rendano disponibili a dare un contributo alla nostra comunità, le necessarie forme di tutela assicurativa. Rapida è arrivata la risposta dell’Amministrazione. Il Sindaco  ha dichiarato di aver dato incarico agli uffici comunali di studiare la questione dal punto di vista tecnico proprio per poter prendere accordi con l’associazione di accoglienza e dare il via al progetto di volontariato per i profughi. La 2° Commissione qualche giorno fa ha valutato i primi dettagli della Convenzione ove è previsto che i migranti saranno dotati di assicurazione Inail e per la responsabilità civile verso terzi, di adeguato vestiario e della necessario supporto di mediazione culturale per l’inserimento nelle attività che andranno a svolgere in ausilio al personale del Comune. Gli oneri, ha precisato il Sindaco Locchi, saranno interamente a carico della ONLUS. 

09/07/2015 11:08:19

Notizie » Politica M5S Umbertide su bilancio 2015

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide In questi giorni alcuni Assessori del Comune di Umbertide si sono affannati a decantare bilancio e tariffe per l’anno 2015. Tralasciamo, per ora, ciò che riguarda il bilancio a livello più tecnico per tornarci dopo il Consiglio comunale, ma non possiamo rimanere silenti di fronte ad alcune dichiarazioni. In primo luogo tutti si lamentano dei tagli che il governo centrale ha applicato ai trasferimenti al nostro Comune. Ma questo non è il “loro” governo? A comandare e decidere questi tagli non sono le stesse persone che loro hanno appoggiato e appoggiano? Andando invece al cuore delle dichiarazioni rimaniamo basiti: in pratica ci viene detto che nonostante il Governo dia ad Umbertide 757.000 euro in meno, la nostra Amministrazione riuscirà a dare gli stessi servizi dello scorso anno agli stessi prezzi.  Questo significa che nello scorso anno sono stati “buttati via” 757.000 euro? Rimaniamo addirittura sbigottiti nel leggere che i nostri Assessori si preoccupano più del pensiero dei consiglieri dell'opposizione che di quello degli stessi cittadini e si rivolgono alle opposizioni come se loro fossero causa della precarietà finanziaria di questo Comune. Siamo interessati a studiare questo nuovo bilancio di previsione, non certo per spaventare o strumentalizzare, ma evidentemente la loro idea di politica è legata ai modi della tifoseria calcistica piuttosto che puntare ad una interazione tra le parti, visto che il bilancio rispecchia quello che sarà l'agire della nostra Amministrazione con immediate ricadute sui cittadini. Ecco perché sarebbe gradita una maggiore considerazione di tutte le forze politiche nella stesura di questo atto, come anche il fatto che le possibili proposte fatte dalle opposizioni vengano almeno tenute in considerazione di approfondimento e non semplicemente bocciate, trincerandosi dietro un “non si può fare”. A quando dunque l'introduzione della tariffazione puntuale che garantisce premialità nel pagamento della tariffa dei rifiuti, infatti è con la riduzione dei rifiuti che si diminuiscono le spese di gestione. A quando invece una riduzione dei tributi? Vogliamo far notare che una tassazione invariata non equivale ad una tassazione bassa, considerando che le aliquote di Tasi e Imu sono già quelle massime, poi a fronte di quale ottimizzazione dei servizi?

08/07/2015 19:09:37

Notizie » Politica Umbertide Cambia su bilancio di previsione 2015

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia Il gruppo consiliare e l’Associazione Umbertide cambia intervengono sulla questione relativa al bilancio di previsione 2015 con il seguente comunicato stampa. “Fatta la debita distinzione tra documento di previsione e rendiconto consuntivo, formalmente chiuso dopo il riaccertamento dei residui con un disavanzo di amministrazione, vorremmo avanzare alcune proposte per il bilancio 2015 ed alcune precisazioni per l’Assessore Tosti. Primo. Le Commissioni non hanno mai discusso lo schema di bilancio approvato dalla Giunta. Avremmo potuto in quella sede presentare le nostre proposte: 200.000 euro per favorire l’occupazione di fasce marginali, come ad esempio lavoratori sopra i 50 anni e persone con disabilità; 50.000 euro per il diritto allo studio universitario di giovani meritevoli in difficoltà economica. Chiediamo inoltre che non si sprechino ulteriori denari pubblici per realizzare a Pierantonio una inutile bretella ferroviaria e che si limitino al massimo i costi della politica nella gestione amministrativa del Comune. Ricordiamo che i consiglieri di Umbertide cambia hanno già rinunciato alle indennità. Secondo. IMU e TASI non possono essere aumentate perché sono già al massimo. Magari possiamo pensare di abbassarle, se gli equilibri di bilancio lo consentono. In particolare, IMU e TASI sulle seconde case coprono di fatto le detrazioni applicate sulle prime. Ribadiamo la necessità di prevedere una esenzione per chi stipula un comodato d’uso di seconde case in favore dei figli residenti coniugati, come previsto anche in altri comuni. Sarebbe inoltre opportuno limitare il peso tributario sulle attività economiche, produttive e commerciali. In merito alla TARI, in attesa di capire dove è finito il bando territoriale che dovrebbe limitare i costi del servizio di nettezza urbana ed applicare i premi per la differenziata, oggi molto ridotti e limitati alla raccolta in discarica, riproponiamo la richiesta di prevedere almeno la pulizia dei contenitori condominiali. Terzo. I tagli agli enti locali sono applicati dal Governo del suo stesso partito, il PD: siamo curiosi di sapere come hanno votato i parlamentari locali!! Quarto. La sua affermazione, che suona più o meno così: “stiamo spendendo il disavanzo di amministrazione”, se non fosse offensiva verso i cittadini sarebbe veramente comica. Quinto. Invece di riferirsi sempre a “qualcuno”, faccia nomi e cognomi. La democrazia prevede il confronto e presuppone la verità, che spesso l’Amministrazione comunale di Umbertide ha cercato di nascondere sotto il tappeto. Dal nuovo sindaco ci aspettiamo trasparenza, ed un cambio di rotta”.                                                                                               

08/07/2015 19:00:37

Notizie » Politica Pd Umbertide su ambiente e sviluppo

Riceviamo e pubblichiamo dal Pd di Umbertide Dagli anni '80 Umbertide ha espresso la capacità di guardare avanti nell'orizzonte della sostenibilità e con un'attenzione particolare alle tematiche ambientali. Questo processo negli anni si è sviluppato grazie all'attività paziente e ostinata di amministratori, insegnanti e cittadini convinti che le regole dell'ecologia potessero rappresentare anche la chiave di uno sviluppo economico "sostenibile" per gli uomini e per il territorio; ricordiamo a questo proposito alla fine degli anni '80 la prima Fiera dell'agricoltura biologica proprio a Umbertide.  Negli ultimi anni il Comune di Umbertide ha proseguito lungo questo cammino: ha ricevuto riconoscimenti nazionali sul piano della raccolta differenziata dei rifiuti, ha ottenuto condizioni economiche vantaggiose attraverso l'utilizzo di energia da fonti rinnovabili "autentiche" (la centralina idroelettrica sul Tevere, fotovoltaico sulle scuole, ecc), ha scelto negli anni di salvaguardare urbanisticamente le nostre colline e ha deciso con coraggio di trasformare le aree delle cave in ambiti di ricomposizione ambientale e paesaggistica avviandole al loro definitivo esaurimento. Inoltre sono stati realizzati progetti e piccole opere per la riduzione dei rifiuti alla fonte e per primi in Umbria abbiamo aderito alla strategia "Rifiuti Zero".  Naturalmente questo lavoro e molti di questi atti hanno avuto successo grazie alla partecipazione e all'impegno degli umbertidesi: in realtà i cittadini sono i veri protagonisti  delle politiche ambientali in qualsiasi luogo. Come Partito Democratico consapevoli di quanto è stato fatto vogliamo impegnarci da ora a costruire un modello di città che nei prossimi anni possa rappresentare un esempio di sviluppo in chiave ecologica anche attraverso la realizzazione di progetti per la mobilità sostenibile (sulla base di studi già effettuati per es. nella nostra zona industriale dall'Università di PG), chiedere che sia riattivato l'Osservatorio comunale sui Rifiuti Zero, promuovere e rilanciare una rete con gli altri comuni che in Umbria hanno scelto questa strategia (Corciano,Narni, San Giustino, Città della Pieve..), proporre una moratoria sul consumo del suolo incentivando la riqualificazione urbanistica, puntare sul turismo ambientale che potrebbe essere sempre più una risorsa e una ricchezza: in questa direzione sono state significative e importanti anche le ultime scelte dell’amministrazione di realizzare la rete sentieristica tra Monte Acuto e Monte Corona (fondamentale la realizzazione dell'area SIC) e la pista ciclo-pedonale lungo il Tevere. Sarebbe bello che Umbertide si candidasse a diventare nei prossimi anni una città modello per le politiche ambientali e lo sviluppo sostenibile come in parte lo è già per quanto riguarda la promozione della pace e la convivenza tra i popoli: i presupposti ci sono e su questi temi investiremo le nostre energie e le nostre idee. Il segretario del PD di Umbertide Giovanni Valdambrini I segretari dei circoli del centro urbano Lucia Ranuncoli, Marco Montanucci e Leonardo Tosti

06/07/2015 11:15:16

Notizie » Politica M5S Umbertide: ancora amianto nella zona della Fornace, a quando la bonifica?

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide Il Movimento 5 Stelle Umbertide a seguito di alcune segnalazioni di cittadini preoccupati, ha richiamato l'attenzione del Sindaco su di una ulteriore problematica relativa al complesso residenziale “La Fornace”. Abbiamo chiesto alla Giunta se l'intera area, che in passato era occupata da una fabbrica che trattava materiali contenenti amianto, presenta ancora residui di questo agente o è stata interamente bonificata e se sono stati fatti sopralluoghi o studi sulla presenza di amianto nella zona da parte delle autorità preposte al controllo. Il Sindaco ha risposto che nell'area limitrofa a dove è sorto il complesso residenziale, sulla quale sorgeva la ex draga, appartenente al demanio dello Stato e data in concessione d'uso, è stata rilevata la presenza a terra di alcuni manufatti in eternit. L'Agenzia del demanio è stata sì informata, ma ancora non sono noti i tempi e i modi di bonifica. Quello che certamente ci si aspettava, non era solo una risposta di conferma a quello che già si sospettava, ma piuttosto un certo e immediato piano di intervento, considerato che lì non si trova solo un complesso residenziale abbandonato a se stesso, ma anche altre abitazioni. Quando avverrà dunque questa bonifica? Che cosa intende fare il Sindaco per accelerare i tempi non proprio celeri della pubblica amministrazione? Ricordiamo che il primo cittadino è il primo responsabile della salute dei propri concittadini, si adoperi al più presto per risolvere questa situazione che aggrava ancora di più le condizioni di un'area già toccata da altre infelici vicissitudini.

30/06/2015 14:15:20

Notizie » Politica Monni: finalmente una risposta del sindaco su rifugiati a Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere comunale del centrodestra Giovanna Monni Finalmente, dopo sei mesi, arriva la risposta del Sindaco all’interrogazione del centrodestra sulla presenza o meno, nel territorio comunale, di soggetti aventi lo status di rifugiato. Secondo le dichiarazioni del Sindaco ad oggi sarebbero presenti nel territorio cittadino 9 rifugiati che, inizialmente ospitati in Loc. Racchiusole, al momento sono collocati nella frazione di Pierantonio (n. 5) e nel centro storico di Umbertide (n.4). Il consigliere Monni ha chiesto conto anche dell’organizzazione che si occupa della loro accoglienza e integrazione (vitto, alloggio, tutela psico-socio-sanitaria, tutela legale ecc.) e l’Amministrazione ha chiarito che di tali incombenze si fa carico una ONLUS che ha sede in Perugia, la CIDIS. La curiosità e le perplessità di molti hanno dovuto attendere molto atteso che l’interrogazione è stata presentata nel  lontano dicembre 2014. Non è opportuno e tantomeno corretto …… che occorra attendere un intero semestre per avere delle informazioni che tra l’altro  l’Amministrazione avrebbe dovuto rendere in via autonoma, senza alcuna sollecitazione da parte dell’opposizione. Si ripropongono ciclicamente le solite difficoltà che ostacolano la piena ed agevole informazione del cittadino e questo accade per due ragioni: l’Amministrazione è prodiga di informazioni quando si tratta di inaugurare “questo e quello” ma in modo del tutto arbitrario sceglie di  tacere o sorvolare su questioni ben più importanti quali la presenza, il dislocamento e mantenimento nel nostro Comune di persone in attesa di ricevere lo status di rifugiato. E vi è di più.  I lavori consiliari procedono a rilento e questo perché il PD, con la nuova legislatura,  ha inteso attenersi rigidamente al regolamento comunale che prevede un tempo di trattazione degli argomenti introdotti dai consiglieri di soli 90 minuti. Trasparenza e buon senso siano le linee guida del PD, nell’interesse di tutta la cittadinanza.

26/06/2015 11:08:09

Notizie » Politica Umbertide Cambia: le nostre domande per il Question Time

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia Situazione igienico sanitaria dell’Istituto Superiore, aggiornamento statuto e regolamenti comunali, trasparenza degli atti amministrativi, spazi informativi dei gruppi consiliari. Vertono su questi argomenti le domande presentate da Umbertide cambia in occasione del “question time”, iniziativa promossa dal Presidente del Consiglio Comunale Giovanni Natale posta all’ordine del giorno della prossima riunione della massima assise cittadina, convocata per venerdì 26 luglio. In particolare, Umbertide cambia chiede di risolvere definitivamente, e prima dell’inizio del prossimo anno scolastico, l’emergenza sanitaria provocata dal sedimento dello sterco dei piccioni sui davanzali dell’Istituto superiore, che in alcune aule non consente nemmeno di aprire le finestre. Chiede poi un impegno certo e concreto del Presidente del Consiglio Comunale per la necessaria attività di aggiornamento dello Statuto Comunale e dei Regolamenti che disciplinano il funzionamento del Consiglio Comunale e dei Consigli di quartiere. Una specifica domanda è rivolta a sollecitare una maggiore attenzione dell’Amministrazione rispetto alla trasparenza ed alla tempestività dell’informazione in materia di atti amministrativi. Il movimento civico ripropone infine la richiesta, avanzata un anno fa, ma rimasta senza risposta, di prevedere nel sito del Comune uno spazio informativo autogestito dai gruppi consiliari.

25/06/2015 10:49:29

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy