Notizie » Politica Lega Umbertide non partecipa al Consiglio comunale richiesto dalle opposizioni. Dal Capogruppo Spatoloni la spiegazione.

“Dalle minoranze arrivano ogni giorno solo e unicamente strumentalizzazioni politiche. Per questo oggi 11 novembre non abbiamo partecipato alla seduta del Consiglio comunale da loro richiesto”. Adirlo è il capogruppo della Lega nel Consiglio comunale di Umbertide, Ettore Spatoloni. “E' un diritto dei consiglieri sancito dal Regolamento del Consiglio comunale quello di chiedere la convocazione di consigli straordinari nei modi e nei tempi previsti dal Regolamento – prosegue il capogruppo leghista - Ciò nonostante ci sembra che la richiesta di tale convocazione stia diventando una pratica fortemente abusata visto che i consiglieri di opposizione richiedono la convocazione di Consigli straordinari addirittura immediatamente dopo la fine di una seduta. Anche quest'anno in varie occasioni sono state evase le loro richieste. Non si può, però, ingolfare il lavoro della giunta e degli uffici per poi cavalcare la falsità dell'immobilismo e, quindi, per remare contro le vere esigenze della popolazione. Ci sembra quindi un nostro diritto, altrettanto legittimo, il non presenziare a questa seduta. “Per il gruppo consiliare della Lega – prosegue Ettore Spatoloni - il bene comune necessita di meno strumentalizzazioni politiche, soprattutto in questo periodo così tragico e drammatico per tutti noi. Cari consiglieri del Pd, parlate di sanità pubblica, di potenziamento dei servizi sanitari – dice il capogruppo leghista - Proprio quei servizi che voi, quando il vostro partito era al governo del Comune e della Regione, avete per anni usato a vostro uso e consumo e depotenziati a tal punto da aver ridotto il nostro ospedale nelle condizioni in cui versa da venti anni a questa parte. Ci fa quantomeno impressione il fatto – aggiunge Ettore Spatoloni - che i rappresentanti di Umbertide Cambia e Movimento 5 Stelle, proprio sulla sanità e sulle sue politiche, facciano proposte con chi è stato l'esecutore (il Pd) del depotenziamento dei servizi sanitari nel nostro territorio comunale. Proprio voi che vi stracciavate le vesti quando gli facevate opposizione. Nei giorni scorsi – rimarca Ettore Spatoloni - abbiamo sentito parlare di riduzione della Tari alcuni esponenti della minoranza. Proprio loro che quando c'era da approvare la riduzione del 45% della Tassa sui Rifiuti per dare un aiuto concreto alle attività umbertidesi colpite dal lockdown solo per partito preso e senza alcuna motivazione hanno votato contro la proposta della giunta e della maggioranza. Per questo – conclude il capogruppo della Lega -, davanti alla vostra totale ipocrisia, alla vostra voglia di apparire e di mistificare la realtà, per rispetto dei nostri concittadini che da nove mesi stanno vivendo una situazione drammatica, non prenderemo parte a questo consiglio straordinario”.

11/11/2020 16:19:34 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: le opposizioni chiedono il potenziamento dei servizi sanitari

Una concreta proposta di potenziamento dell’ospedale e dei servizi sanitari di Umbertide. Senza spirito campanilistico, quanto in un’ottica di efficace razionalizzazione territoriale, soprattutto, in direzione della medicina territoriale. A vantaggio dei cittadini. Con questo intento Umbertide cambia, PD, Movimento 5 Stelle hanno formulato e proposto alla votazione del Consiglio Comunale un corposo ordine del giorno con il quale si impegna il Sindaco e la Giunta ad avanzare formalmente alla Usl Umbria 1 la richiesta di potenziare le attività di pronto soccorso, il poliambulatorio, il laboratorio analisi. Garantire efficienza e decoro al servizio CUP e l’attività chirurgica del Presidio ospedaliero di Umbertide, che deve essere messa nelle condizioni di lavorare in efficienza utilizzando le sale operatorie a tempo pieno con la necessaria dotazione di anestesisti. Riaprire la RSA al più presto e comunque al termine dell'emergenza con tutto il personale e i posti letti della sua struttura originaria. Altre proposte avanzate dalle opposizioni riguardano la possibilità di mettere a disposizione le Farmacie Comunali per l’effettuazione dei test sierologici e tamponi per la popolazione e  rafforzare il Distretto e le Aggregazioni territoriali funzionali con l’integrazione delle cosiddette Usca (Unità speciali di medici continuità assistenziali), inserendo anche la nuova figura dell’infermiere di famiglia per contrastare l’avanzata del contagio e gestire il paziente, fin quando possibile, a domicilio. Le opposizioni chiedono inoltre di convocare la competente commissione consiliare con i membri del CDA e del Collegio dei revisori di parte pubblica della Prosperius per affrontare con trasparenza le vicende che riguardano la società stessa.   “La medicina territoriale - affermano i consiglieri comunali Giovanni Codovini, Giampaolo Conti, Filippo Corbucci, Matteo Ventanni - è il fondamento strategico e gestionale della sanità ed ha un ruolo primario e pregiudiziale nell’emergenza attuale. Per questo, grazie ai nuovi investimenti governativi assegnati alla Regione, si rende necessario uno sforzo strutturale di potenziamento del nostro Distretto mediante le cosiddette Usca, unità speciali di medici continuità assistenziali, che dovranno relazionarsi in modo sistematico con le aggregazioni territoriali funzionali per contrastare l’avanzata del contagio e gestire il paziente, fin quando possibile, a domicilio”.“La situazione che si è creata presso l'ospedale di Umbertide – continuano i Consiglieri - è divenuta insostenibile. A seguito di emergenza Covid19  il Pronto Soccorso interrompe le attività dalle ore 20, la RSA, nonostante non siano  stati registrati contagi, è stata chiusa e il personale in parte è stato trasferito presso l'ospedale di Città di Castello, la Medicina Generale è di fatto divenuta un reparto di lungodegenza mentre la Chirurgia (ad Umbertide parliamo di week-surgery) ha ridotto di molto la sua attività a seguito della decisione assunta dalla Giunta Regionale di bloccare le attività programmate. La situazione di emergenza sanitaria da Covid 19 e la necessaria riorganizzazione sanitaria e sociale che ne consegue non può essere affrontata dalle strutture sanitarie e para-sanitarie di Umbertide con le attuali risorse umane ridotte sotto il minimo sufficiente. Basti pensare ai Poliambulatori che riescono a dare un ottimo servizio solo grazie alla professionalità degli operatori, o al Cup, già chiuso presso il Centro Salute e che ora in emergenza Covid non funziona più neppure all'ingresso dell'ospedale, creando difficoltà a tanti cittadini, ed ancora, alla RSA (residenza sanitaria assistita) che nonostante le promesse e le rassicurazioni dopo la prima fase emergenziale ha ripreso solo parzialmente la sua attività ed ora è stata inspiegabilmente chiusa. Sotto osservazione anche la situazione della Prosperius, che si trova in grande difficoltà gestionale e nella governante, poiché i soci pubblici, Usl e Comune di Umbertide -  con un quota di circa il 48% - hanno votato contro il Bilancio della società. “A più riprese – ricordano i consiglieri di opposizione - abbiamo sollecitato un'audizione in commissione consiliare dei rappresentanti di parte pubblica nel cda e del collegio dei revisori della Soc. Prosperius, ma sinora il Sindaco ha solo tergiversato prendendo inspiegabilmente tempo”. “A fronte dell'emergenza sanitaria da Covid 19, che riguarda Umbertide in modo pesante - concludono Codovini, Conti, Ventanni e Corbucci - occorre fare uno sforzo maggiore per monitorare la situazione, viste le tante risorse che il Governo ha concesso al Comune (circa 2.000.000 di euro), magari mettendo a disposizione le farmacie comunali per test sierologici e tamponi alla popolazione, in particolare per le fasce deboli e gli studenti”.      

09/11/2020 11:11:35 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Marco Locchi (Umbertide Partecipa) e Socialismo XXI: “attenzione a sanità e trasporti”

"Notiamo con soddisfazione che si sta risvegliando nei cittadini una voglia di esserci, di partecipare per chiedere che i servizi siano migliorati e potenziati. In primis la sanità con la difesa del nostro ospedale ma anche i trasporti". L'Associazione Umbertide Partecipa insieme a Socialismo XXI intervengono su due dei temi caldi per il territorio. "Importante in questo senso la raccolta firme promossa dal PD e da socialismo XXI in difesa dell'ospedale,  nonché quella promossa da un comitato della Valle del Niccone per un servizio dei trasporti a misura di comunità. Significative le proposte dell’opposizione in Consiglio Comunale che ci auguriamo faccia proprie, a difesa dei diritti dei nostri concittadini, anche il Sindaco al  quale chiediamo di usare la massima severità e di utilizzare tutto ciò che  è di sua  competenza. Omissioni ritardi, peggio ancora negligenze sono incomprensibili ed inammissibili. La nostra Ass.ne non è opposizione istituzionale (per colpa del destino cinico e baro!);  insieme a SOCIALISMO XXI però ci sentiamo  ugualmente parte  della comunità umbertidese, disposti a collaborare per un  progetto che consolidi migliori servizi sanitari. Sono necessari grande impegno e lavori unitari; ci aspettano momenti non facili dal punto di vista sociale ed economico e avremo bisogno di risorse (anche il MES) per migliorare i nostri servizi e l'unità d'intenti e d'azione saranno basilari  in quanto l’Ospedale, la Prosperius sono un patrimonio unico per la nostra comunità. Il processo di ristrutturazione che sta attraversando la sanità umbra è profondo e dai contorni poco chiari: basta vedere le ultime notizie sugli ospedali di Narni ed Amelia che sono stati praticamente chiusi  in quanto declassati ad RSA: quindi niente più sale operatorie ma solo ricoveri di persone anziane e con patologie legate alla vecchiaia! E’ evidente che la situazione è molto difficile anche perché il virus nella nostra Regione ed in particolare ad Umbertide galoppa al ritmo di decine di nuovi casi al giorno, però non si può smembrare una rete ospedaliera costruita in anni e che ha garantito  all’ Umbria  un servizio sanitario di eccellenza.  Un altro aspetto che non si riesce a capire è perché ad oggi, dopo l’ esperienza di primavera e a distanza di  8 mesi, permangano ancora gli stessi problemi e cioè carenza di dispositivi per gli operatori sanitari, carenza di personale che comporta turni di lavori massacranti con reperibilità nel giorno di riposo (che diventa sempre lavorativo). Perché non si assume nuovo personale?  Non si trova? Tenuto conto che questa pandemia richiederà tempo per metterla sotto controllo ci chiediamo perché non sono stati avviati fin da primavera dei corsi specialistici per formare nuovo personale che oggi sarebbe già operativo. Lo si potrebbe fare comunque ora. Oggi la priorità è la gestione dell’emergenza, ma al tempo stesso dobbiamo  vigilare per evitare il depauperamento dei nostri servizi sanitari. Bisogna essere pronti perché superata la fase di emergenza va ripreso quel percorso di potenziamento dei servizi  che ha visto negli anni passati la nascita della RSA, del Centro per i disturbi alimentari, la sistemazione della radiologia ed altri interventi strutturali."    

09/11/2020 09:34:31 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Da domani chiusa al pubblico la Biblioteca comunale di Umbertide

  A seguito del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 novembre 2020 recante ulteriori misure di contenimento del contagio che entrerà in vigore nella giornata di domani, venerdì 6 novembre, si comunica che la Biblioteca comunale di Umbertide resterà chiusa al pubblico fino al 3 dicembre. Il personale della Biblioteca potrà garantire da domani con procedure telematiche e telefoniche da remoto i seguenti servizi: supporto telefonico e online agli utenti tramite il numero 0759414256 e l'indirizzo email biblioteca@comune.umbertide.pg.it; gestione comunicazioni tramite Sebina; gestione accessi MLOL. Si ricorda inoltre che presso la Biblioteca comunale è attivo per gli iscritti il servizio gratuito MediaLibraryOnLine (MLOL). Attraverso il portale MLOL è possibile consultare  e-book, musica, film, giornali, banche dati, archivi di immagini e molto altro gratuitamente da casa tramite PC, tablet e smartphone. Non solo:  alcune tipologie, come audio ed e-book, comprendono anche risorse in download che è possibile scaricare e portare su un dispositivo mobile. Sarà possibile accedere anche al "prestito digitale" di e-book . Per avere un'idea di quanto offre MLOL è possibile visitare il portale al seguente indirizzo web: https://umbria.medialibrary.it/media/ricerca.aspx. Per accedere al servizio, sia per gli utenti già iscritti che per coloro che intendono iscriversi alla Biblioteca di Umbertide, sarà sufficiente inviare alla Biblioteca la richiesta via e-mail (biblioteca@comune.umbertide.pg.it)  indicando i propri dati (nome, cognome, data di nascita, comune di residenza) assieme alla copia di un documento di identità valido (carta di identità, patente o passaporto). Successivamente la Biblioteca provvederà a comunicare  all'interessato via e-mail l'avvenuta attivazione del servizio, indicando le modalità per l'accesso. Per ulteriori informazioni è disponibile l’indirizzo e-mail biblioteca@comune.umbertide.pg.it. Per quanto riguarda il Punto DigiPASS situato presso la Fabbrica Moderna si rende noto che resta attiva la consultazione tramite telefono. Il numero da chiamare è lo 0758523171: premendo il tasto numero 4 e seguendo le indicazioni della guida telefonica l'utente sarà messo in contatto con un operatore.

05/11/2020 16:34:03 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Appello delle opposizioni di Umbertide per rafforzare la lotta alla pandemia

  Le opposizioni di Umbertide unite lanciano un appello per rafforzare la lotta alla pandemia e buone pratiche d'aiuto contro il Covid: "Partiamo dalle sagge parole del Presidente della Repubblica Mattarella, facendole nostre: “il vero nemico di tutti e di ciascuno è il virus. Il responsabile di lutti, di sofferenze, di sacrifici, di rinunce, di restrizioni alla vita normale è il virus”. Significa che ora è il tempo delle responsabilità, di scelte e comportamenti che consentano di contenere i contagi, evitando costi ancor più elevati per la società intera e per ciascuno di noi. Bisogna fare comunità.  Questo atteggiamento è ciò che ha caratterizzato l’opposizione ad Umbertide e, adesso più che mai, intendiamo rafforzare. Per tale ragione abbiamo il dovere, come rappresentanti dei cittadini, di proporre suggerimenti, indicazioni e proposte per favorire la nostra città. In questo senso la costituzione di un Tavolo di crisi, già avanzato a marzo, aperto alle opposizioni, sarebbe un segnale di enorme unità e responsabilità.  Ci permettiamo, allora, di indicare all’Amministrazione alcune buone pratiche che potrebbero essere di grande aiuto per battere il nemico Covid.  Innanzitutto, bisogna da subito mettere in campo un forte potenziamento del tracciamento, che ha una funzione strategica. Seguendo le linee del governo e della Regione crediamo che sia indispensabile che le nostre farmacie, a partire da quelle comunali, diventino dei presidi - di accesso e pit stop - per tamponi e test sierologici (esito in 15 minuti). Bisogna alleggerire le sature liste di tracciamento e i lunghi tempi di attesa per i tamponi. I freschi 360mila euro che sono arrivati in questi giorni dal Governo per il Comune potrebbero essere messi in campo, almeno una parte, per test gratuiti a studenti e familiari conviventi.  Alta funzione strategica che deve mettere in campo l’Amministrazione comunale è quella - peraltro da noi già richiesta nei diversi Consigli - del potenziamento della medicina territoriale. Si tratta, grazie ai nuovi investimenti governativi assegnati alla Regione, di potenziare il nostro Distretto, come avvenuto in altri Distretti umbri, con le cosiddette Usca o Unità speciali di medici continuità assistenziali che dovranno relazionarsi in modo sistematico con le Aggregazioni territoriali funzionali per contrastare l’avanzata del contagio e gestire il paziente, fin quando possibile, a domicilio. Altra misura da mettere in campo è l’immediata riapertura del COC al fine di fornire supporto logistico e sinergico a tutte le azioni anticovid, compreso l’allestimento di un drive in anticovid che potrebbe trovare collocazione presso l’area in disuso di sosta camper di via Morandi; non dobbiamo dimenticare che il governo e la Protezione civile per le urgenti misure sanitarie hanno messo a disposizione della Regione dal giorno 8 ottobre 25 milioni di euro, 30 ventilatori (che non si sa che fine hanno fatto) e dal 20 ottobre 30.000 test rapidi anticovid. A noi sembrano che queste tre concrete misure possano, per ora e nel nostro territorio locale, accanto all’accorato appello a rispettare le norme di sicurezza, essere utili per rafforzare una politica e gestione del Covid che ha bisogno di urgenti interventi".  Gianni Codovini, Giampaolo Conti, Matteo Ventanni, Filippo Corbucci  

03/11/2020 15:33:56 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide, servizi sanitari e ospedale: Pd prosegue mobilitazione, raccolte già oltre 400 firme online

"In pochissimi giorni oltre 400 persone hanno aderito alla petizione online promossa dal Partito democratico di Umbertide a difesa dei servizi sanitari della Città. Pandemia permettendo, chiameremo a raccolta nelle prossime settimane tutti coloro che hanno a cuore il futuro dell'ospedale di Umbertide e dei servizi territoriali per definire insieme modalità e tempi per una grande mobilitazione e manifestazione a difesa del nostro ospedale" afferma il segretario del PD Cittadino Filippo Corbucci. "Soprattutto in questa fase di emergenza sanitaria occorrono servizi che funzionino, mentre sembra evidente che si voglia cogliere questo momento infausto per depotenziare ulteriormente Umbertide, il suo ospedale e i suoi servizi territoriali. Nella nostra città  è stato chiuso il Pronto soccorso dalle 20, è stata chiusa la RSA (pur non essendoci positivi al covid19) è stata chiusa, la medicina trasformata in lungodegenza. Le attività di chirurgia programma ad Umbertide sono state sensibilmente ridotte. Punto prelievi e CUP al limite dell'indecenza per come sono organizzati dalla Usl, e i  servizi territoriali smembrati e ridotti all'osso. E ancora  basti osservare di come NON viene gestito l’Istituto Prosperius Tiberino." "Abbiamo promosso una petizione online a difesa dei nostri servizi (si può aderire a questo link: https://www.petizioni.com/difendiamo_tutti_insieme_i_servizi_sanitari_di_umbertide)". "Nelle prossime settimane - conlude il segretario Corbucci - la mobilitazione continuerà chiamando tutte le forze politiche, sociali  e cittadine che hanno a cuore il nostro ospedale. Insieme, a prescindere dalle idee di ognuno, dobbiamo difendere i nostri servizi sanitari. Una Comunità si riconosce anche da questo, senza mettere gli uni contro gli altri, ma con l'unico intento di garantire il diritto alla cura e all'assistenza a tutti". PD Umbertide                  

03/11/2020 15:17:01 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Luigino Orazi (Umbertide Civica): “Difenderemo fino all'ultimo il nostro ospedale”

"Lo scorso 29 gennaio è stata presentata l'associazione Umbertide Civica che lavora e collabora con tutte le liste civiche dell'Umbria, collaborazione sfociata nell'”Alleanza civica per l'Umbria”. In quella occasione tutte le liste civiche umbre hanno partecipato alla presentazione della nostra associazione intervenendo e dando appoggio al progetto regionale". Inizia così la nota stampa di Luigino Orazi, presidente dell'associazione Umbertide Civica, che ricorda: "In quella occasione abbiamo dato pieno appoggio all'Amministrazione locale a guida centro destra, mettendoci a loro disposizione per collaborare e dare una svolta e un cambiamento alla nostra città. Alla presentazione dell'associazione tutta l'Amministrazine era presente e dagli interventi si era data per scontata una collaborazione a 360 gradi. Da quel giorno io, che sono presidente, e nessuno dell'associazione è stato chiamato o interpellato. Io, insieme ad altri, abbiamo lavorato affinchè il cambiamento avvenisse, perchè venivamo da 15 anni di disastri totali che hanno fatto sprofondare il nostro paese. Oggi la situazione è veramente drammatica: uno per la grave situazione economica, due per le scelte scellerate fatte dalle precedenti amministrazioni, tre per la grave emergenza Covid-19.  Oggi, di fronte al grave problema del commercio, al problema del traffico, a quello irrisolto della gestione dell'ex fattoria tabacchi, a quello, irrisolto, della Piattaforma, non c’è stato minimo confronto né analisi seria e congiunta dei problemi per trovare le soluzioni. Per non parlare poi del problema che ci sta più a cuore, come a tutti gli umbertidesi: il nostro ospedale". E proprio sulla questione ospedale di Umbertide Orazi si sofferma sottolineando alcune proposte: "Oggi tutti i sindaci dell'Umbria sono in rivolta da nord a sud, tutti tranne che la nostra Amministrazione. Il nostro ospedale, in questi ultimi anni, è stato veramente maltrattato. Oggi invece mi sembra proprio calpestato ed è candidato alla chiusura. La nostra associazione ha proposte da fare utilizzando tutte le nostre eccellenze che lavorano all'interno della nostra struttura ospedaliera, il tutto per dare un valido contributo alla sanità territoriale del l'Alto Tevere. Vogliamo dire alla nostra Amministrazione comunale che noi umbertidesi abbiamo un ospedale e lotteremo contro tutti in questo caso: Regione, Usl e Comune se non saranno al nostro fianco. Noi non molleremo e difenderemo fino all'ultimo il nostro ospedale.     Abbiamo in cantiere assemblee con i vari consigli di quartiere nonché un’assemblea pubblica dove inviteremo tutta la cittadinanza per spiegare il nostro progetto per l’ospedale di Umbertide". Il nostro obbiettivo è quello di correre velocemente, avendo al fianco Amministrazione e cittadini per portare a termine il nostro progetto. Infine un consiglio spassionato a quelli che noi oggi consideriamo nostri alleati e parliamo del centro destra che piuttosto che rispondere e polemizzare con gli alleati, si concentri di più a contrastare le prese di posizione di chi ci ha ridotto in questo stato, cioè il Pd, che oggi critica e dà lezioni come se non avesse mai governato e compiuto i disastri che l'ha condotto alla meritata sconfitta elettorale".  

03/11/2020 10:58:00 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy