Cultura L’Umbria scelta come set cinematografico dal regista Tony Paganelli e dalla patron Carla Terranova

Al via le riprese del mediometraggio “Fascino” e il pilot per Amazon Prime Video “La pietra della veggenza”. Prima tappa Monte Santa Maria Tiberina Ciak si gira. Ancora una volta l’Umbria si trasformerà in un set cinematografico. Dal 7 al 9 agosto il regista Tony Paganelli girerà nel cuore verde d’Italia, precisamente a Monte Santa Maria Tiberina e Città di Castello, “Fascino” un film mediometraggio ideato e prodotto dalla patron Carla Terranova, ispirato ai concorsi di bellezza che lei stessa produce, come “Fascino Mediterraneo”. Inoltre, lo stesso Tony Paganelli girerà un pilot prodotto dalla Movie Start per Amazon Prime Video le cui riprese si svolgeranno dal 10 al 12 agosto, tra Monte Santa Maria Tiberina, il Castello di Lippiano e l'isola Polvese. Tra gli eventi, anche, la finalissima del concorso ‘Fascino Mediterraneo’, fissata per sabato 8 agosto al ‘Boschetto’ di Santa Maria Tiberina. Questa mattina nel Palazzo della Provincia di Perugia il regista e la patron, affiancati dal sindaco di Monte Santa Maria Tiberina e consigliere provinciale, Letizia Michelini, dalla sceneggiatrice Frances Sapphire e dal poeta Alessandro Castellani, hanno illustrato alla stampa i dettagli dei due progetti e il lavoro che verrà realizzato. “Vi ringrazio per averci scelto come location per entrambi i progetti – ha detto Michelini -. Sin dall’inizio è nata una grande sintonia e collaborazione tra la comunità di Monte Santa Maria Tiberina e tutta la produzione. I due prodotti cinematografici racchiudono uno scopo culturale e sociale importante, oltre al fatto di poter contare sulla presenza di attori bravissimi. Il lavoro finale sarà un ottimo veicolo di promozione per tutta l’Umbria”. “Sono orgogliosa di aver portato il nostro progetto in questa bellissima terra – ha esordito la patron Terranova -. Questo è un film fatto per le donne, donne di tutte le età, voluto per dare la possibilità a ognuna di realizzare il proprio sogno nel cassetto. Sono soddisfatta, al mio fianco ho un bravissimo regista e siamo intenzionati a sviluppare questo progetto che ha coinvolto ben 33 attrici non professioniste. La sceneggiatura di ‘Fascino’ è scritta da Frances Sapphire e nel film ci sono attrici e attori provenienti da ogni parte d’Italia, proprio per onorare questo capolavoro ambientato sul reale e su ciò che una donna attraversa durante il suo percorso di vita”. “Il mediometraggio “Fascino” – ha spiegato Paganelli - parla del mondo dei concorsi di bellezza, ma aggiunge qualcosa di diverso, in quanto porta sulla scena donne over, che attraverso questo percorso ritrovano la loro felicità. Sicuramente un progetto interessante e nuovo, che mi ha permesso di cimentarmi in un qualcosa di insolito perchè il mio genere è il thriller”. “Sono stata molto contenta di scrivere la sceneggiatura – ha riferito Sapphire -. Il testo è cucito addosso alle modelle e al concorso ‘Fascino Mediterraneo’. Ci saranno molte scene carine, improntate sulla vita delle modelle e sulle donne che partecipano al concorso. Le figure femminile spesso emarginate, depresse o altro trovano nel concorso un modo per riscattarsi e passare alla ribalta”.  “Presentiamo dei progetti importanti, ma soprattutto di coraggio perché fatti durante il Covid-19 – ha evidenziato Castellani, che ha scritto appositamente una poesia per ‘Fascino’ -. Le cose realizzate nei momenti difficili della vita assumono ancora più valore”. ll cast, diretto da Tony Paganelli, si avvale di Corrado Solari, Tatiana Perhineschi, Germano Di Renzo, Rigelsa Cybi, Roberto Siepi, Cinzia Greco, Anna Kornienko, Lavinia Juganaru, Alessandro Capaccioni. La direzione della fotografia è affidata a Victor Daniel, mentre Mauro di Giorgio curerà l’audio in presa diretta e come aiuto regia Ginevra La Face. Alla conferenza stampa erano presenti, inoltre, Alessandro Capaccioni direttore del concorso “Fascino Mediterraneo”, Marco Pruscini presidente titolare del concorso e la coreografa Emanuela Gaggioli.

06/08/2020 17:48:36 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura Montone: si alza il sipario sulla 24esima edizione dell’Umbria Film Festival

Dal 5 al 9 agosto l’evento presieduto da Terry Gilliam   Tra i film "Mestari Cheng", “Bacurau” e “Non conosci Papicha”. Nel programma anche corti per bambini, Drawings 2020 di Lone Scherfig, seminario sui migranti e altro ancora (Cittadino e Provincia) - Montone, 4 agosto ‘20 - Dal 5 al 9 agosto il cinema torna protagonista a Montone con l'Umbria Film Festival. La 24esima edizione, con la direzione artistica di Vanessa Strizzi, la direzione organizzativa di Chiara Montagnini e Marisa Berna e la presidenza del regista Terry Gilliam, si svolgerà nella nuova location panoramica di Piazza San Francesco, per usufruire di un maggiore spazio per il distanziamento di pubblico e ospiti. Il festival presenterà anteprime di lungometraggi e non mancherà la sezione dedicata ai cortometraggi per bambini. Come da tradizione, anche la tavola rotonda sui migranti, dedicata per questa edizione allo sfruttamento da parte del caporalato. Da quest’anno si inaugura un importante premio, quello per il Miglior Casting Director Italiano, realizzato in collaborazione con l'UICD - Unione Italiana Casting Directors. Il programma del festival si apre mercoledì 5 agosto alle ore 21 con la proiezione del cortometraggio frutto di una nuova iniziativa, dedicata ai più piccoli. Immaginato durante il periodo di quarantena, in piena emergenza virus, è nato infatti il progetto Drawings 2020, su idea della regista danese Lone Scherfig, da anni ospite del festival e nel 2019 insignita della Cittadinanza Onoraria di Montone. Un progetto che parte dall’idea di veder rappresentati, su qualsiasi superficie e con qualsiasi strumento, pensieri e desideri per il futuro da parte dei bambini. “Abbiamo, così, contattato – spiegano Strizzi e Scherfig - le maestre della scuola di Montone, che hanno accolto con entusiasmo il progetto e ci hanno messo in contatto con le famiglie”. Diciotto bambini hanno quindi aderito a Drawings 2020 e il risultato è un cortometraggio delicato ed emozionante, in cui i bambini mettono in scena visioni diverse di futuro: la libertà di un palloncino, isole con arcobaleni, viaggi in giro per il mondo, ma, soprattutto, la voglia di tornare a stare insieme. Drawings 2020 è stato ideato e supervisionato da Lone Scherfig, con musiche di Francesco De Luca e Alessandro Forti. L’organizzazione è di Rachele Parietti e Cristiana Rosini, ha collaborato al progetto Paolo Panella. A seguire le proiezioni dei corti per bambini con lavori provenienti da Germania, Olanda, Australia, Francia e Spagna e alle ore 22.20 l'anteprima italiana del lungometraggio Moothon, di Geetu Mohandas, thriller d'azione indiano che segue le vicende di un bambino in cerca di suo fratello maggiore che ha sbalordito gli spettatori del Toronto Film Festival. Giovedì 6 agosto alle 21.30 la serata prevede cinque cortometraggi per bambini provenienti da Francia, India e Russia. Alle 22.20, il lungometraggio brasiliano "Bacurau", diretto a quattro mani da Kleber Mendonca Filho e Juliano Dornelles. Il film, che 'disegna un'immagine apocalittica del Brasile', è interpretato da Sonia Braga e Udo Kier, ed è vincitore del Premio della Giuria al Festival di Cannes 2019, del Premio per la Miglior Regia al Festival del cinema fantastico di Sitges e del Premio Black Panther per il Miglior Film al Noir in Festival. Tra stilemi western e socio-politica, il lungometraggio racconta di un piccolo villaggio brasiliano, Bacurau, che subisce strani eventi in seguito alla morte della matriarca 94enne Carmelita. La rivolta contro un politico locale, che ha preso il controllo dell'acqua, si innesta alla scomparsa del villaggio dalle mappe satellitari e al ritrovamento di cadaveri trivellati di colpi. La serata di venerdì 7 agosto si apre alle 21.30 con i corti per bambini, provenienti da Giappone, Germania, Francia, Corea del Sud e Australia. Alle 22.20 la proiezione dell'ultimo lungometraggio di Mika Kaurismaki, "Mestari Cheng", delicata commedia interpretata da Chu Pak Hong, Anna-Maijia Tuokko e Vesa-Matti Loiri. Nel solco dello stile del regista finlandese, una storia che travalica i confini delle nazionalità, in cui il cibo mostra tutto il suo potere taumaturgico. Dopo la morte della moglie, lo chef cinese Cheng arriva nella Lapponia finlandese con il figlio per ritrovare un vecchio amico, che, però, al villaggio nessuno sembra conoscere. Sikka, proprietaria di una caffetteria offre ai due alloggio e in cambio Cheng la aiuta in cucina preparando manicaretti cinesi. A poco a poco Cheng diventa una celebrità nel villaggio, e il visto turistico in scadenza mobilita la comunità affinchè padre e figlio possano rimanere. Sabato 8 agosto, alle ore 21.30 i corti per bambini con 6 film da Germania, Svizzera, Francia e Ungheria e a seguire la premiazione per il Miglior Casting Director Italiano, realizzato in collaborazione con l'UICD - Unione Italiana Casting Directors. Alle 22.20 il lungometraggio inglese “Days of the Bagnold Summer”, opera prima dell'attore comico Simon Bird, presentato al Festival di Locarno, il delicato ritratto del rapporto tra un adolescente patito di heavy metal e la madre, la persona che meno sopporta, raccontato nell'arco di una estate. L'ultimo giorno del festival, domenica 9 agosto, si apre alle ore 21.30 con i cortometraggi della sezione 'Colpo di fulmine', con lavori da Australia, Cina/USA, Irlanda, Iran e Francia. Alle 22.20 la proiezione del lungometraggio rivelazione di Cannes 2019, il franco-algerino “Non conosci Papicha”, esordio di Mounia Meddour, distribuito da Teodora Film e nelle sale in autunno. Già insignito di un doppio César per la regista e l’interprete principale, la giovanissima Lyna Khoudri, acclamato in Francia con oltre 2 milioni di euro di incasso, il film è tuttora bandito in Algeria per motivi mai chiariti dal governo. Inno all'emancipazione femminile, dramma dei contrasti, solare, teso, vitale e commovente insieme, racconta la vita della giovane e brillante Nedjma (soprannominata “Papicha”), studentessa universitaria algerina che sogna di diventare stilista. La sua vita è sconvolta da un’ondata di fondamentalismo religioso che fa precipitare il Paese nel caos. Determinata a non arrendersi al nuovo regime, Nedjma decide di organizzare con le compagne una sfilata dei suoi abiti, che diventerà il simbolo di un’indomita e drammatica battaglia per la libertà. Nel ricco programma non solo cinema, due i concerti che animeranno le serate del festival. Venerdì 7 agosto alle 19 l'emozionante concerto del Quartetto Pessoa, una delle formazioni da camera italiane più prestigiose che accosta i generi più diversi, dalla grande letteratura classica per quartetto d’archi alle contaminazioni con il jazz, il rock-blues, il tango, la musica klezmer da film e contemporanea. Mentre sabato 8, sempre alle 19, sarà la volta dei Ginger Bender, duo al femminile, due chitarre, loop station, due voci in una unione tra musiche del passato e un presente funky, groovy, elettronico, in cui anima nera e anima bianca si fondono; il ritmo e l'energia africana e l'armonia europea, con atmosfere anni Trenta rivisitate in versione riot girl. Tra le altre iniziative del festival, due corsi: il Corso di Sceneggiatura, che sarà tenuto dal regista e sceneggiatore Emiliano Corapi (Premio Moravia per la sceneggiatura, Premio del Pubblico al Torino Film Festival e Nastro d’Argento), il cui secondo lungometraggio – L'Amore a domicilio, con Miriam Leone e Simone Liberati – presentato in anteprima lo scorso anno al festival, è programmato nelle arene estive e sulla piattaforma di Prime Video. Quindi, il Corso di Fotografia documentaria, che sarà tenuto dal fotografo e documentarista Paolo Amadei. Lezioni teoriche, da tenersi in presenza degli studenti, con le nozioni base di fotografia, l'analisi di spazio, luce e azione e lo studio dell'inquadratura di fotografie di grandi autori. Inoltre, giovedì 6 agosto nella Chiesa Museo di San Francesco a Montone, alle 16.30, si terrà, nel rispetto delle misure anti-Covid 19, il seminario “Migranti 2020. Caporalato: lavoratrici e lavoratori vittime di vecchie e nuove forme di sfruttamento”. Partendo dall'esame della legge 199 del 2016 cd sul caporalato e dall'art 103 del decreto legge 341/2020 (decreto Rilancio), ne parleranno la Ministra Bellanova o un suo delegato, il vice-presidente della Giunta Regionale nonchè Assessore all'Agricoltura della Regione Umbria, il Prefetto di Perugia, rappresentanti dei sindacati e dei datori di lavoro (Coldiretti, Cia, CGIL, CISL e UIL Umbria, CGIL Calabria) e studiosi di livello europeo, protagonisti e testimoni. Coordina Carla Barbarella, curatrice della Ricerca: Lavoro si Caporalato no, con i saluti istituzionali di Mirco Rinaldi, sindaco di Montone. Il Seminario è organizzato dall'Associazione Umbria Film Festival, dal Comune di Montone, da ALISEI Coop. Da segnalare anche la serata di venerdì 7 agosto, alle 21, con la proiezione dei cortometraggi realizzati grazie al Progetto Action Movies, un centro estivo per bambini e bambine dai 6 ai 12 anni realizzato in collaborazione con il Comune di Montone, la cooperativa Asad e l’Associazione Giovani Montone. I bambini hanno frequentato fino al 1 agosto corsi sull’animazione in stop motion per il cinema, sia con la plastilina che con il collage e i disegni, per creare dei cortometraggi che saranno proiettati in piazza. Per informazioni www.umbriafilmfestival.com www.facebook.com/umbriafilmfestival/ info@umbriafilmfestival.com tel. 075 9410776  

04/08/2020 15:54:09 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura Tutte le domeniche di agosto al Museo di Santa Croce appuntamento con “L'arte d'estate”

  “L'arte d'estate”: è questo il titolo della serie di visite guidate all'interno di Santa Croce che si svolgeranno in tutte le domeniche di agosto alla scoperta delle opere custodite nel museo.   Vista la numerosa partecipazione degli ultimi anni alle varie iniziative che il Museo ha offerto, grazie anche alla collaborazione tra l’Amministrazione Comunale e Sistema Museo, sarà possibile vivere momenti di approfondimento in uno dei luoghi più prestigiosi della città. Gli eventi si svolgeranno il 2, il 9, il 16, il 23 e il 30 agosto a partire dalle ore 18.30.   Si comincia domenica 2 agosto con la Deposizione dalla Croce di Luca Signorelli. Il 9 sarà la volta della Madonna con il Bambino, di Nicolò Circignani detto Il Pomarancio. Domenica 16 l'appuntamento sarà con i bronzetti di Monte Acuto e con l'intera sezione archeologica che il museo ospita. Il 23 si continua con la Statua di San Rocco di Romano Alberti detto Il Nero. Infine, domenica 30, saranno al centro delle visite le opere presenti negli altari laterali di Santa Croce.   In ottemperanza alle misure dovute all'emergenza Covid-19, i partecipanti alle visite saranno contingentati in un massimo di 8/10 persone a gruppo, con obbligo della mascherina ed il mantenimento di distanziamento fra persone. E' consigliabile la prenotazione al numero 075 9420147 o all'indirizzo mail umbertide@sistemamuseo.it. Il costo del biglietto è gratuito per i residenti e per i bambini fino ai 6 anni. Questi gli altri costi: intero (7 euro), ridotto per gruppi (5 euro), ridotto per ragazzi dai 6 ai 14 anni (2 euro).   Inoltre, fino al 23 agosto il Museo di Santa Croce ospita la mostra personale di Andrea Ciotti “Il mare visto dalla Luna”. Tema dell'esposizione è il mare, in una serie di quattordici lavori fatti tra il 2019 e il 2020. Al centro delle opere l'artista ha cercato di ricreare il movimento del mare, che si sposa con il cielo attraverso il gesto pittorico. La fluidità, la forza delle onde, il disperdersi della schiuma sono stati accompagnati nella loro elaborazione dal suono del mare che veniva riprodotto durante l'elaborazione delle opere. Forti contasti cromatici caratterizzano i dipinti, come ad enfatizzare l'attività marina, le increspature e lo spumeggiare delle onde. Il Museo di Santa Croce, che ha ripreso la propria attività nel mese di giugno, è aperto nei seguenti giorni e orari: venerdì, sabato, domenica e festivi dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.30. Per tutte le informazioni è possibile visitare i siti www.umbriaterremusei.it o www.sistemamuseo.it.

28/07/2020 12:20:14 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura Montone: arte & cura, al Chiostro di San Francesco le fotografie del progetto 'Sono'

  Emozioni in mostra dal 2 al 14 agosto. Inaugurazione domenica alle 18     Una mostra per raccontare il progetto di fototerapia “Sono”, svolto all’interno della Comunità terapeutica riabilitativa “Torre Certalda” della cooperativa sociale Asad.  Dal 2 al 14 agosto il Chiostro di San Francesco, a Montone, ospiterà i lavori realizzati con il potente linguaggio proiettivo della fotografia, usata nel progetto come mezzo di comunicazione per migliorare l’efficacia dei trattamenti nelle relazioni d’aiuto. L’inaugurazione è prevista per domenica 2 alle ore 18, in mostra una serie di immagini in bianco e nero che raccontano più identità, diverse e uniche, ma ‘fatte' di stesse emozioni. Un lavoro frutto di un percorso alla scoperta dell’agire fotografico, dove la fotografia emerge come strumento di indagine del proprio mondo emozionale e come modo per creare una cultura e un significato all’immagine. Su questa strada la macchina fotografica è diventata per i partecipanti un veicolo per raccontarsi, osservarsi e scoprirsi, fino ad arrivare ad una maggiore consapevolezza della propria identità.  I partecipanti al progetto hanno scelto la tecnica del ritratto fotografico che ha consentito di costruire la propria immagine dando al contempo la possibilità di rappresentare e rappresentarsi, per arrivare a vedere poi con occhi diversi.  La mostra, curata dall’educatore professionale Samuele Burattini, dall’arteterapeuta Luca Cerrao e dalla psicoterapeuta Francesca Di Giovane, è promossa dal Comune di Montone, dall’associazione Umbria Film Festival, Asad e NetFo.   

27/07/2020 10:54:21 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura Cosa vedere al Cinema in Piattaforma dal 23 luglio

La programmazione in Piattaforma continua con nunovi titoli che continueranno fino a settembre: Questi i film della settimana   IL RITORNO DEL REGISTA PRODIGIO FRANCO-CANADESE] MATTHIAS & MAXIME DI XAVIER DOLAN DRAMMATICO / DURATA 100 MIN / FRANCIA/CANADA 2020 LUCKY RED Il nuovo film di Xavier Dolan, talentuoso e geniale autore canadese. Due amici d’infanzia si scambiano un bacio durante le riprese di un cortometraggio amatoriale. Il gesto, apparentemente innocuo, insinuerà in loro un dubbio persistente, minacciando l’unione della loro cerchia sociale e, alla fine, cambiando improvvisamente le loro vite… Giovedì 23 ore 21:30  [IL 9° FILM DI QUENTIN TARANTINO] C'ERA UNA VOLTA A... HOLLYWOOD DI QUENTIN TARANTINO COMMEDIA / AZIONE / DURATA 120 MIN / USA 2019 Ambientato nel 1969. C’era una volta… a Hollywood, il nuovo film di Quentin Tarantino, è incentrato su un attore televisivo Rick Dalton (Leonardo DiCaprio) che ha avuto successo con una serie e adesso cerca di sfondare anche al cinema. Il suo stuntman Cliff Booth (Brad Pitt) sta cercando di ottenere lo stesso tipo di riconoscimento. Il massacro di Sharon Tate e di altre quattro persone da parte di Charles Manson e della sua setta sanguinaria fungerà da sfondo alla storia principale. Venerdì 24 ore 21:30 Lunedì 27 ore 21:30 VOST (versione in Inglese con sott. in Italiano)     [IL MAESTRO GARRONE ALLE PRESE CON LA FAVOLA DI COLLODI] PINOCCHIO DI MATTEO GARRONE FANTASTICO / DURATA 120 MIN / ITALIA 2019 - 01 DISTRIBUTION Il terribile Mangiafuoco, quel fastidioso del Grillo parlante, gli esseri più subdoli che si possano incontrare come il Gatto e la Volpe tornano insieme ad un Pinocchio mai così umano: è il nuovo film di Matteo Garrone che per interpretare il celebre burattino (che tecnicamente era una marionetta senza fili) ha chiamato il giovane e già bravissimo Federico Lelapi, mentre per il ruolo di Geppetto ha scelto – chiudendo un cerchio – Roberto Benigni che diede il volto al suo Pinocchio nella pellicola del 2002. Sabato 25 ore 21:30   [UN RACCONTO DI FORMAZIONE FRESCO CHE RISPECCHIA IL TESTO ORIGINALE] MIO FRATELLO RINCORRE I DINOSAURI DI STEFANO CIPATI COMMEDIA / DURATA 95 MIN / ITA 2020 PARTHENOS Jack ha sempre desiderato un fratello maschio con cui giocare e quando nasce Gio, i suoi genitori gli raccontano che suo fratello è un bambino “speciale”. Da quel momento, nel suo immaginario, Gio diventa un supereroe, dotato di poteri incredibili, come un personaggio dei fumetti. Domenica 26 ore 21:30     [ISPIRATO AD UNA STORIA VERA] 18 REGALI DI FRANCESCO AMATO COMMEDIA, DRAMMATICO / DURATA 115 MIN / 2020 ITA LUCKY RED 18 Regali, film diretto da Francesco Amato, è la storia di Elisa (Vittoria Puccini), che a 40 anni ha perso la vita a causa di un male incurabile, lasciando il marito e la figlioletta di solo un anno. Sapendo di non avere speranze di vita, la donna prima della sua dipartita, pensa a come restare vicino alla piccola dopo la sua morte. È così che ogni anno nel giorno del suo compleanno Anna (Benedetta Porcaroli) riceve un regalo da suo padre Alessio (Edoardo Leo) per conto della madre, fino alla maggiore età. Con questi diciotto regali Elisa dimostra a sua figlia che, nonostante un fato avverso, lei c’è e che le è accanto. Martedì 28 ore 21:30 [NEL CENTENARIO DEL GRANDE REGISTA UN ALTRO GRANDE CLASSICO FELLINIANO] LA DOLCE VITA DI FEDERICO FELLINI COMMEDIA, DRAMMATICO / DURATA 180  MIN / ITALIA 1950, CINETECA DI BOLOGNA Edizione restaurata dalla Cineteca di Bologna. A Roma, in pieno giorno, compare nel cielo una statua di Gesù Cristo trasportata da un elicottero. La visione suscita l’interesse di gran parte della popolazione, dai ragazzi delle periferie alle ricche signore degli attici del centro storico, e un cronista, Marcello Rubini, ne approfitta per far immortalare le scene dai suoi amici fotografi e dal fedele fotoreporter d’assalto Paparazzo. Mercoledì 29 ore 21:30   Per ulteriori informazioni e acquisto biglietti: http://www.cinemametropolis.it/

23/07/2020 12:13:00 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura I musei dell'Alta Valle del Tevere in un click grazie al progetto 'Prima'

Finanziato con 82mila euro il progetto Per una Rete Interattiva Museale dell’Alta Valle del Tevere - nell’ambito delle politiche di Valorizzazione dei musei, delle raccolte e delle altre strutture.    PRIMA metterà in rete su un’unica app e un portale web il Centro delle Tradizioni Popolari “Livio dalla Ragione”, la Raccolta malacologica Malakos, la Fondazione Albizzini Collezione Burri, il Centro di documentazione delle Arti grafiche "Grifani-Donati" 1799, la Collezione tessile di “Tela Umbra”, lo Stabilimento tipografico Pliniana di San Giustino, Villa Magherini Graziani e Museo archeologico della Villa di Plinio Il Giovane, il Museo Storico e Scientifico del Tabacco di San Giustino.“Abbiamo sempre creduto nell’integrazione storico e sociale della Valle Museo intesa come Valtiberina umbro e toscana” dichiara l’assessore alla Cultura del comune di Città di Castello Vincenzo Tofanelli  nel dare la notizia del finanziato del progetto PRIMA “verranno stipulati accordi con partner esterni come il Castello Bufalini nel comune di San Giustino, che fa parte del Polo Museale dell’Umbria. La peculiarità di questo sito culturale e la sua localizzazione rende infatti imprescindibile il suo coinvolgimento in un’attività di promozione culturale dell’Alta Valle del Tevere. Allo stesso tempo, sono coinvolti istituti ecclesiastici di importante valore culturale come la Biblioteca diocesana e l’Archivio Storico Diocesano Storti-Guerri con sede a Città di Castello. D’accordo con il direttore, il dottor Andrea Czortek, questo istituto metterà a disposizione strutture e risorse documentarie e bibliografiche. Anche il Museo del Duomo di Città di Castello è disponibile a collaborare al progetto. Un punto di forza del progetto è la sua coralità e trasversalità che permette di mettere a leva tutte le vaste potenzialità del territorio dell’Alta Valle del Tevere, con l’intento di valorizzarne la variegata realtà culturale attraverso la promozione di musei e luoghi della cultura, in linea con le misure di contenimento del contagio Covid-19”.   Il progetto riguarda essenzialmente l’ideazione e la realizzazione di un sistema di comunicazione multimediale integrata, fondato su un portale web ed una app per dispositivi mobili. I due strumenti, sono pensati come diverse espressioni di uno stesso repository di contenuti multimediali, ma risultano utili in due distinte fasi della esperienza culturale. Da un lato, il portale web funge da primo punto di riferimento in merito alla offerta museale degli enti associati nel progetto, dall’altro lato, la app rappresenta uno strumento interattivo da utilizzare nel corso delle visite ai musei e dopo di esse, sia per raccogliere informazioni sul campo che per ricevere aggiornamenti in merito ai luoghi visitati. Su entrambi i media sarà possibile non solo consultare informazioni utili per la visita (come orari di apertura e riferimenti), ma anche accedere a contenuti multimediali quali video, foto e audio. Oltre a schede relative ai singoli musei, nel portale e nella app saranno anche consultabili approfondimenti dedicati a singole opere e suggerimenti di itinerari nel territorio.  A differenza del portale, la app consentirà agli utenti di accedere a speciali contenuti multimediali una volta giunti al museo. A tal fine, verranno posizionati dei codici QR all’ingresso delle singole sale, o in prossimità di oggetti di rilievo della relativa collezione museale. Inquadrando i codici sarà possibile accedere a contenuti multimediali realizzati grazie alla realtà aumentata: verranno analizzate le specificità dell’opera in oggetto, ma si potranno anche avere dei suggerimenti su oggetti o luoghi ad essa collegati, come documenti d’archivio o edifici storici, o conservati in altri musei. Inoltre, la app consentirà agli utenti anche di ricevere notifiche a seconda degli eventi in programma e creare una propria lista personale dei luoghi preferiti. Grazie alla possibilità di utilizzare la stessa app in tutti i musei coinvolti in PRIMA, sarà possibile favorire la fidelizzazione dei visitatori.

20/07/2020 12:07:05 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura Umbertide: al via la rassegna “PIATTA JUKEBOX”

Venerdì 17 primo appuntamento con PIATTA JUKEBOX al Cinema in Piattaforma di via dei patrioti ad Umbertide La formula è molto originale: un selezionatore di musica di conclamata fama in orario aperitivo per "ricordare" il mitico jukebox della Piattaforma che negli anni 70, 80 e 90 ha allietato le estati musicali degli umbertidesi e non solo; in più alle 21:30 la proiezione di altrettanti classici film musicali venerdì 17 dalle ore 18:00 djset di Angie BacktoMono; ore 21:30 proiezione di Dead Man (regia di Jim Jarmusch, 1995) in edizione edizione restaurata Dead Man è il capolavoro di Jim Jarmusch, un western lisergico in pieno deliquio pre-morte, guidato da un Johnny Depp all’apice della sua carriera. Il film è uno dei più apprezzati del regista Jim Jarmusch, un western fortemente atipico e che unisce una grande varietà di stili e tematiche, la dolente colonna sonora originale di NEIL YOUNG e della sua chitarra è un valore aggiunto. venerdì 31 dalle ore 18:00 djset di Emanuele Bettucci; alle 21:30 la proiezione di un vero cult movie, THE BLUES BROTHERS di John Landis (1980), edizione speciale per i 40 anni del film.  Film cult per eccellenza (fosse anche solo per i tanti cameo, da John Candy a Steven Spielberg) The Blues Brothers voleva essere soprattutto un omaggio alla musica nera statunitense, ma finì per cambiare la storia del cinema. Trent'anni dopo persino l'Osservatore Romano lo ha definito "memorabile, stando ai fatti cattolico".  La rassegna continuerà anche ad agosto all'interno dell'estate di Cinema in Piattaforma. Tutte le informazioni sul sito http://www.cinemametropolis.it

16/07/2020 18:56:59 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura Da sabato 11 luglio al 23 agosto al Museo di Santa Croce la mostra di Andrea Ciotti “Il mare visto dalla Luna”

  Sabato 11 luglio al Museo di Santa Croce aprirà i battenti “Il mare visto dalla Luna”, mostra personale di pittura dell'artista Andrea Ciotti. Tema della mostra sarà il mare, in una serie di quattordici lavori fatti tra il 2019 e il 2020. Al centro delle opere l'artista ha cercato di ricreare il movimento del mare, che si sposa con il cielo attraverso il gesto pittorico. La fluidità, la forza delle onde, il disperdersi della schiuma sono stati accompagnati nella loro elaborazione dal suono del mare che veniva riprodotto durante l'elaborazione delle opere. Forti contasti cromatici caratterizzano i dipinti, come ad enfatizzare l'attività marina, le increspature e lo spumeggiare delle onde.   “Il mare visto dalla Luna” è patrocinata dal Comune di Umbertide e sarà visibile fino al 23 agosto il venerdì, il sabato e la domenica nei seguenti orari: la mattina dalle 10.30 alle 13.00 e il pomeriggio dalle 16.00 alle 18.30. “Siamo felici del fatto che tanti artisti, soprattutto locali, scelgano la nostra città per esporre le loro opere – afferma l'assessore alla Cultura, Sara Pierucci - Significa che i nostri luoghi più significativi rappresentano una piazza prestigiosa. E' fondamentale far conoscere il nostro territorio in questo momento, soprattutto per la sua ripresa dal punto di vista turistico”.   Scheda dell'artista Nasce a Sansepolcro (AR) nel 1984 e fin da piccolo si avvicina al mondo della musica attraverso lo studio del violino, del pianoforte, della tromba, del trombone e all’età di 16 anni incontra quello che sarà il suo strumento, la chitarra. Consegue in questo strumento, nell’anno 2007, il diploma professionale con 30 e lode presso l’Accademia Musicale Lizard di Fiesole con l’insegnante Davide Baccanelli per poi approfondire i suoi studi musicali in ambito jazz con Samuele Martinelli e Roberto Nannetti (Siena Jazz) e in chitarra acustica finger style con Davide Mastrangelo. Partecipa al “Berklee Summer School” organizzato per Umbria Jazz con gli insegnanti di Boston Jon Damian e Scott Free e a vari seminari di chitarra moderna con musicisti di fama mondiale come Greg Howe, Carl Verhayen, Scott Henderson, Andy Timmons, Dave Hill, Guthrie Govan, Paul Gilbert, Massimo Moriconi, Pat Martino, Frank Gambale, Umberto Fiorentino, Fabio Zeppetella. Da oltre dieci anni insegna chitarra nelle più prestigiose scuole di musica della provincia di Arezzo, e insegna attualmente a Sansepolcro nella scuola “Novamusica”. Ha collaborato con artisti di fama nazionale e internazionale come Stragà (Sanremo), Larry Ray (ex Drifetrs, Platters, Jastofunk), Olga Buzova. Ha partecipato a programmi televisivi nazionali (“Wedding Planner” condotto da Enzo Miccio) e internazionali (Reality Show russo “Married to Buzov”, accompagnando la celebrità russa Olga Buzova) in veste di musicista e ha prestato servizio per il Principe del Brunei, per il Principe del Kuwait e Ronald Regan Jr. Si è avvicinato all’arte pittorica seguendo inizialmente il corso di Annamaria Veccia e successivamente quello di Riccardo Antonelli. Ha esposto i propri dipinti in varie Mostre Collettive nazionali tra le quali: “Fighille Arte 2017” (Fighille, PG), “Contemporanea” (Città di Castello, PG) , “Ready or Not” (Arezzo), “Tabacchi e Tabacchine” (San Giustino, PG), “Collettiva d’Arte Varia 2017” (Sansepolcro, AR), “Poesipittura” (Città di Castello, PG), “Acqua e Fuoco” (Città di Castello,PG), Fighille Arte 2018 (con Menzione Speciale della Critica), “Collettiva d’Arte Varia 2018”(Sansepolcro, AR), “Santucce Storm Festival” 2018 e 2019 (Castiglion Fiorentino, AR), “Biennale d’Arte Contemporanea Ciao Umbria” 2019 Città di Castello, PG (con Premio Speciale della Critica), “Festival dell’Immagine” 2019 (Martina Franca, TA). Ha esposto i propri dipinti in Mostre Personali tra le quali: “Paesaggi” presso ristorante “Da Grigino” (Sansepolcro, AR), “Mostra personale permanente” presso Scuola di Musica Novamusica (Sansepolcro, AR), “Mostra personale” presso “La Piazza” (Sansepolcro, AR), “Monocromo” presso K Cafè (Sansepolcro AR), “Monochronic” presso Palazzo Pretorio (Sansepolcro AR), “Paesologia” presso The Daily Taste (Sansepolcro, AR), “Mother nature’s son” (Stia, AR) a cura di Marco Botti.                

09/07/2020 18:44:19 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy