Notizie » Politica Emergenza vaccini. Le opposizioni di Umbertide propongono alcune misure concrete

Le opposizioni di Umbertide unite per proporre una più incisiva lotta all’emergenza vaccinale.  "È stato presentato dai consiglieri Gianni Codovini (Umbertide cambia), Giampaolo Conti (M5S), Filippo Corbucci (Pd) e Matteo Ventanni (Pd) un Odg che avanza alcune modalità concrete e strumenti per un piano vaccinale che non è stato ancora messo a punto dall’Amministrazione, ad integrazione di quello regionale.  In particolare, le opposizioni chiedono alla Giunta di attivarsi presso la Usl e la Regione affinché il punto vaccinale di Umbertide sia operativo tutti i giorni dalle 8,00 alle 20,00; nonché di individuare la migliore soluzione logistica per il punto vaccinale, mettendo a disposizione tutti gli spazi di proprietà pubblica. Si tratta inoltre di mettere a disposizione personale e mezzi del Comune per facilitare la vaccinazione di persone disabili e in difficoltà. Ormai il punto vaccinale ad Umbertide si è trasformato in un intervento troppo ridotto rispetto ai nuovi numeri vaccinali (con la recente introduzione dell’obbligatorietà per gli insegnanti), pertanto le opposizioni chiedono alle Autorità preposte regionali di istituire ad Umbertide il punto vaccinale gestito direttamente dall’Esercito. Da ultimo, il piano dell’emergenza locale non esclude il lavoro sul tracciamento. Così, si tratta di aprire il tracciamento del cosiddetto tampone veloce, ad oggi riservato solo al personale scolastico, e che si svolge nei locali di fronte alla Farmacia comunale 1, a tutti i cittadini che ne facciano richiesta".     

05/03/2021 12:54:14 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Un incontro online dedicato alla Dipendenza affettiva: domenica 7 marzo organizzato dalla Commissione Pari Opportunità di Umbertidembertide

Giornata Internazionale della Donna, domenica 7 marzo la Commissione Pari Opportunità del Comune di Umbertide organizza in diretta su Facebook l'incontro “Dipendenza affettiva-Dall'amore all'amore malato”   In occasione della Giornata Internazionale della Donna la Commissione Pari Opportunità del Comune di Umbertide ha organizzato per domenica 7 marzo il webinar intitolato “Dipendenza affettiva – dall’Amore all’Amore Malato”. In occasione del “Mese della Donna”, l'assessorato alle Pari Opportunità e la Commissione hanno ritenuto opportuno inaugurare un filone di incontri denominato “Dipendenze”. Il primo sarà un webinar, vista l'impossibilità di fare incontri in presenza, in diretta sulla pagina Facebook “Pari Opportunità Umbertide” a partire dalle ore 21.00. L'incontro arà incentrato proprio su quella affettiva, che troppo spesso è alla base di comportamenti violenti ai danni delle donne e dei loro bambini. L'incontro sarà aperto con i saluti istituzionali della vicesindaco con delega alle Pari Opportunità, Annalisa Mierla e sarà moderato dalla presidente della Commissione, Gloria Volpi e dal vicepresidente Michael Zurino. Partendo da casi di cronaca recenti, saranno analizzati fatti e comportamenti da due punti di vista diversi, portati rispettivamente dall’avvocato Nicodemo Gentile e dalla dottoressa Laura Dalla Ragione.  Narcisismo psicologico, un’analisi tecnico-giuridica sul nuovo Codice Rosso ed una analisi dei segnali da poter captare verso noi stessi e verso gli altri per non cadere nella trappola di una manipolazione affettiva, saranno alcuni dei punti trattati nel corso dell’incontro. Data l’attualità dell’argomento e l’importante valore educativo che ne deriva, sono state invitate a partecipare al webinar tutte le scuole del territorio per sensibilizzare gli studenti e le loro famiglie, oltre a tutta la cittadinanza.            

05/03/2021 11:50:47 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Pd Umbertide: “nuova scuola Monini, non bastano i soldi per la realizzazione del progetto”

Il Partito Democratico ha presentato un'interrogazione urgente a risposta scritta riguardante i lavori della scuola Monini: “Nel febbraio 2018 venne concesso un contributo di 2.272.000 euro per il rifacimento della scuola Monini . L'Amministrazione Carizia ha già approvato quattro mesi fa  una perizia in variante ove sono stati stanziati oltre 100.000,00 € per spese evidentemente non previste relativamente al rifacimento della scuola facendo pensare a macroscopici errori in seno alla previsioni di progetto.  Ad oggi i lavori procedono a rilento, le strutture in legno sono da diversi mesi sottoposte alle intemperie e speriamo che ciò non comporti successivo nocumento alla struttura. Diversi soggetti che hanno preso parte alla gara ci hanno  fatto presente che esistono difficoltà, soprattutto in ordine economico, per l'acquisizione di materie prime e che le risorse stanziate a progetto siano del tutto insufficienti. Il PD chiede al sindaco di rispondere per iscritto per sapere se il progetto esecutivo approvato da questa amministrazione abbia difficoltà realizzative, e se si siano in qualche modo evidenziate difformità tra progetto esecutivo e appaltato. Chiediamo di conoscere  i motivi del ritardo dei lavori al netto del blocco dei cantieri legato alla pandemia (circa 3 mesi). Vorremmo poi sapere se la struttura in legno esposta da diversi mesi alle intemperie atmosferiche possa avere danni significativi. E siccome parliamo dei soldi dei cittadini vogliamo sapere se siano già previste ulteriori perizie dei lavori in variante che porterebbero ad una lievitazione dei costi della scuola e che farebbero inevitabilmente pensare ad errori di valutazione abnormi, oltre ad impattare con il bilancio che si dovrà approvare.”     Gruppo consiliare PD - PD UMBERTIDE

01/03/2021 18:26:10 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: “la Giunta dei no e del silenzio”

Riceviamo e pubblichiamo "La Giunta dei no e del silenzio. Questa la maggioranza leghista in Comune". Dopo l'ultimo consiglio comunale Umbertide cambia esprime il suo disappunto sulle votazioni espresse: "Di fronte alle proposte delle opposizioni non c’è stato nessun dialogo su questioni concrete, ma solo un silenzio imbarazzante di chi non sa che cosa fare.   Il no più clamoroso è arrivato sulla proposta di una migliore gestione delle farmacie comunali. Come Umbertide cambia riteniamo che le farmacie comunali siano un bene pubblico con un altissimo valore sociale, ma sappiamo anche che esse stanno sul mercato e quindi per competere debbono essere gestite in modo efficiente. Mentre la farmacia comunale 2  ha un utile (2019) di 444.269 euro, la farmacia comunale 1 ha un disavanzo di -51.616.  Nel complesso, quindi, la redditività c’è, ma è necessaria una differente e più efficiente gestione, evitando disavanzi. La proposta da noi avanzata, e bocciata dalla maggioranza, riguardava una diversificazione tra le due  farmacie, evitando sovrapposizioni che impediscono di coprire segmenti di mercato e di utenza con particolari bisogni ed esigenze. In questo senso la mozione chiedeva di introdurre delle Linee guida annuali, una specie di Piano aziendale, in modo da ottimizzare i processi operativi, il controllo di gestione costante con la realizzazione di obiettivi, così da massimizzarne la competitività sul mercato con particolare riguardo all’adozione di politiche di prezzo e di servizi alla persona. Il no a questa svolta più razionale e aziendale per evitare disavanzi non è più piaciuta soprattutto alla vice sindaca Mierla, la quale ha difeso con ostinazione la continuità con le precedenti amministrazioni, negando qualsiasi riforma e miglioramento. Altro che giunta del cambiamento! Stessa sorte hanno avuto gli odg del giorno sulla manutenzione delle strade provinciali che insistono nel nostro Comune, che avremmo voluto gestite da Anas, e sulla Consulta degli stranieri, un organismo già esistente che ha bisogno di essere riformato".    

01/03/2021 18:02:02 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia “questa volta facciamo davvero fatica a rispondere al duo leghista”

Continua il botta e risposta tra le forze politiche locali ad Umbertide. A commentare la risposta della Lega, diffusa ieri, anche Umbertide cambia con una nota a firma delConsigliere Gianni Codovini: "Stavolta facciamo veramente fatica a rispondere all’ineffabile duo leghista Galmacci-Spatoloni, che ancora non si è accorto che la città è governata dalla Lega e non dal Pd. E si fa fatica a spiegargli, seppur dopo tre anni di esperienza in Consiglio, le procedure, che, ricordiamo, sono la struttura della democrazia e non “cavilli” (come li chiamano), i quali non impegnano gli uffici, come erroneamente affermato dal duo, ma sono oggetto e  funzione dei consiglieri e assessori, non certo della macchina amministrava. Ignoranza o falsificazione della realtà? Con gli ordini del giorno da loro copiati e rinnovati da un’aggiunta solo di polemica politica (meglio partitica) si fa solo ostruzionismo e strumentalizzazione, senza entrare nel merito della questione. Se si vuole esporre la propria posizione si devono presentare propri e autonomi ordini del giorno (infatti questi non prevedono emendamenti, come si sono accorti, finalmente, Galmacci-Spatoloni nell’ultimo Consiglio), poiché essi sono prese di posizione politica su argomenti amministrativi, e non lo si fa manipolando, meglio inquinando e/o falsificando, l’Odg già presentati dalle opposizioni. Si parla alla gente con la propria voce (che evidentemente non c’è), non con quella degli altri. Chi governa come la Lega ha il dovere di dire ai cittadini che cosa vuole e come lo si fa. La verità è che, ancor oggi, su Calzolaro, né l’ineffabile duo leghista, né l’assessore all’ambiente, peraltro cittadino calzolarese, né il Sindaco, hanno espresso a parole e per scritto, se intendono continuare con 50mila tonnellate l’anno di rifiuti che inquinano Calzolaro, né se intendono spostare quell’azienda (come da loro promesso in campagna elettorale), se intendono intervenire con atti amministrativi concreti sulle prescrizioni da rispettare dell’Arpa. Vogliamo sentire numeri, dati e atti sul presente e sul futuro. Tutto il resto è noia, direbbe il “califfo”.   Sulla “sindrome” da Pd, che attraversa i giorni e le opere del leghisti (che hanno in Giunta  due ex assessori al bilancio del Pd), ricordiamo loro che, chiedere continuamente a Umbertide cambia, M5S o a chi chicchessia, un giudizio sul passato, si finisce per dimenticare e penalizzare proprio i cittadini che nelle ultime elezioni hanno dato un giudizio sulle passate amministrazioni, lo stesso giudizio che sarà dato a questa Giunta leghista per il niente e l’inadeguatezza che essa rappresenta".     

19/02/2021 12:46:06 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica M5S Umbertide: “sgomenti di fronte alla risposta della Lega”

Non si è fatta attendere la risposta del Movimento 5 Stelle, dopo il comunicato diffuso oggi da Galmacci e Spatoloni di Lega Umbertide e le precisazione del presidente del Consiglio Comunale Marco Floridi. Continua il botta e risposta, questa volta a firma di Giampaolo Conti, portavoce del M5S Umbertide:  "Rimaniamo sgomenti a leggere l’ultimo comunicato stampa della Lega di Umbertide. Ci lascia sgomenti perché si dice che “questa fase così critica che richiede più senso pratico e meno chiacchiere” senza rendersi nemmeno conto che chi non ha senso pratico e sa fare solo chiacchiere sono proprio loro. Infatti tutto quello che sanno fare è continuare ad urlare come dei bambini “ha stato loro, ha stato loro” ma non sono capaci di proporre qualcosa di nuovo.  Sarebbe ora che invece di guardare al passato guardaste al futuro proprio come fa il M5S che non ha avuto nessuna remora a combattere contro le scelte sbagliate del Partito Democratico ma ora guarda avanti e propone nuove soluzioni ed interventi volti a migliorare la situazione del nostro comune. Il M5S è abituato a fare politica e trovare soluzioni per la gente e non a girarsi indietro per fare polemiche sterili e puerili. Il M5S è abituato a presentare atti pensati, studiati e partoriti dalle proprie idee e non a copiarli dagli altri perché non si ha nessuna idea come capita a voi. Infine visto che Galmacci, Spatoloni e Floridi sostengono che l’atto non è stato copiato vogliamo sperare, per il bene di Calzolaro, che sappiano come procedere dopo questo passaggio per ottenere il bene di una comunità, così come noi avevamo ben chiaro come mandare avanti il nostro".

18/02/2021 18:53:25 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Polemiche sulla mozione? Le precisazioni del presidente Consiglio Comunale Floridi

Dopo le recenti polemiche sulla mozione presentata dal gruppo consiliare del M5s anche il Presidente del Consiglio comunale Marco Floridi si esprime precisando che: "ogni proposta deliberativa (a differenza di interrogazioni, interpellanze, ordini del giorno) per essere inserita all'ordine del giorno ha bisogno del parere tecnico e contabile.   Nella fattispecie, la mozione è stata sottoposta a parere tecnico, che ha dato le seguenti risultanze: “La “mozione” è un ordine del giorno perché non consiste in una proposta di provvedimento amministrativo ma ha natura meramente sollecitatoria e di impulso del Consiglio nei confronti della Giunta affinché la stessa si adoperi nei confronti di un altro ente, la Provincia di Perugia”. Come presidente ho seguito il comma 5 dell'articolo 40 del regolamento del Consiglio, che recita: "Ove il testo proposto non abbia le caratteristiche di un atto deliberativo, ovvero riguardi materia non di competenza del Consiglio Comunale, il Presidente del Consiglio Comunale può, previo conforme parere del Segretario Generale, motivatamente dichiarare inammissibile una proposta di deliberazione e non iscriverla all'ordine del giorno, dandone comunicazione scritta ai proponenti". Stante il parere tecnico ricevuto, il documento è stato regolarmente inserito come ordine del giorno per i prossimi lavori del Consiglio che avranno luogo il 26 febbraio alle ore 15.   In merito agli ordini del giorno presentati dal gruppo consiliare della Lega, non si tratta di documenti “copiati” ma ripresentati con modifiche, in quanto non emendabili. Come i consiglieri sanno, perché è stato oggetto di discussione anche durante l'ultimo Consiglio comunale, e quindi proprio per questo motivo le polemiche apparse sui canali di comunicazione appaiono del tutto strumentali, gli ordini del giorno non possono essere emendati, ovvero modificabili, in singole parti senza il consenso del proponente. Se quindi un gruppo consiliare, diverso dal proponente, condividendo l'impianto generale del documento, volesse apportare una modifica sostanziale al testo, da regolamento non ha altra possibilità che ripresentare il documento per intero con la sola modifica richiesta, ponendolo alla discussione e al voto del Consiglio come nuovo ordine del giorno. Si tratta non di una copia, ma di un tecnicismo per apportare una singola modifica al testo originario. I due documenti verranno quindi posti all'attenzione in un'unica discussione ma con votazione distinta. Come presidente, tengo a evidenziare, che ho posto l'attenzione fin dall'inizio del mio mandato sulla regolare funzione del Consiglio comunale in ogni sua forma dando spazio a ogni gruppo consiliare in egual modo. A prova di questo, anche le richieste avanzate dalle minoranze al prefetto riguardo la regolarità dei Consigli comunali, non hanno avuto seguito in quanto l'attività dell'assemblea è stata svolta regolarmente. Concludo dicendo che sono sempre pronto al dialogo e alla collaborazione tra tutte le forze politiche nel pieno rispetto dei ruoli ma senza mistificare la realtà."

18/02/2021 15:49:58 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy