Notizie » Politica Cavedon “Locchi parte con il piede sbagliato”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicqato stampa del Capogruppo Lega Umbertide Lorenzo Cavedon   "Secondo l'ex sindaco Marco Locchi la Lega a Umbertide è in pieno declino. Locchi nel bel mezzo di un palese imbarazzo dovuto alla batosta presa dal suo movimento +Europa-Italia In Comune, parte con il piede sbagliato: confronta i dati del ballottaggio con quelli delle elezioni Europee e annuncia, tramite comunicato stampa e sui social, che il centrodestra ha perso 1300 voti. Un passaggio a vuoto clamoroso, visto che la coalizione trainata dalla Lega e completata da Fratelli d'Italia e Forza Italia, il 26 maggio ha collezionato 3671 voti, facendo così registrare 630 suffragi in più rispetto alle politiche dell'anno scorso. Per non parlare delle preferenze: su 3.045 voti alla Lega, 2.092 sono stati accompagnati dal nome di un candidato. In quell'insieme di parole in libertà e di numeri dati a casaccio, Locchi si è dimenticato un dato importante, ovvero quello portato a casa ad Umbertide dalla lista da lui appoggiata. +Europa-Italia in Comune si è dovuta accontentare solo di 246 voti e sapete quanti voti di preferenza hanno raggranellato i candidati appoggiati da Locchi? Di tre solo uno è riuscito a superare le 40 preferenze. Analisi sballate, tempismo cannato clamorosamente, tanto che l'unico declino evidente ci sembra proprio quello di Marco Locchi, che da responsabile regionale di Italia in Comune, visti i risultati abbastanza penosi ad Umbertide e in Umbria, si può tranquillamente candidare per diventare il segretario regionale di Italia in Condominio."

11/06/2019 09:06:01 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica M5S Umbertide presenta un'interpellanza per la modifica del regolamento di igiene e salute pubblica

"Nel Consiglio comunale del 28 settembre 2018 è stato approvato l'ordine del giorno del Movimento 5 Stelle che prevedeva la modifica del regolamento di igiene e salute pubblica. Nello specifico si impegnava la Giunta alla modifica immediata degli articoli che definivano le ubicazioni delle industrie insalubri di prima classe, ovvero si chiedeva che le stesse non potessero essere collocate a meno di mille metri dalle abitazioni e quelle che sono già presenti sul territorio del Comune, che non rispettano la distanza dei 1.000 metri dalle abitazioni, non potessero essere ampliate né in volumi né in potenzialità. Il documento del M5S mira a tutelare ulteriormente la salute dei cittadini e a salvaguardare le aree abitate da attività potenzialmente pericolose o che possono causare disagi agli abitanti dal momento che la qualità di territorio e ambiente è sempre più spesso messa in discussione da usi e insediamenti volti a ottenere rendimenti immediati per pochi a fronte di danni ambientali per molti. Non a caso alcune situazioni presenti nel nostro Comune, come Pian d'Assino e Calzolaro, sottolineano l'urgenza di approvare un regolamento che tenga conto delle mutate esigenze e che tuteli il territorio comunale e i suoi cittadini da situazioni analoghe. Sono passati ormai otto mesi dall'approvazione del nostro ordine del giorno e ancora l'amministrazione comunale non ha provveduto a dare avvio a questo percorso di modifica del regolamento. Per questo motivo con un'interpellanza, appena presentata, il M5S chiede se ci sia veramente la volontà di intraprendere questo percorso di modifica e quando si inizierà. I cittadini meritano di essere ascoltati e tutelati, meritano di vivere in ambienti sani, lontani da puzze e agenti inquinanti, e questo regolamento è un primo passo per migliorare la qualità della vita in certi luoghi. Dobbiamo pensare che non sia una priorità dell'Amministrazione comunale?"

10/06/2019 11:21:20 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Marco Locchi: “Il declino della Lega”

Riceviamo e pubblichiamo l'analisi del dopo-voto a firma di Marco Locchi di Umbertide Partecipa "Umbertide ha giocato d’anticipo lo scorso anno con il grande successo della Lega: un successo che poi come una macchia d’olio si è diffuso alle recenti europee in tutta l’Umbria e in gran parte d’Italia. E quindi oggi Umbertide, dove la lega e i partiti del centro destra hanno perso quasi 1.300 voti rispetto al ballottaggio del 2018,  anticipa probabilmente una nuova fase che è quella del declino della Lega che poi si estenderà in  Umbria e in Italia. Si lo so qualcuno starà  sorridendo pensando che sia una fesseria… ma stiamo a vedere. I numeri: nel 2018 il centro destra ha preso 4.939 voti su 7.900 voti validi, alle europee 3.697 su 7792. In termini assoluti una perdita secca di 1300 voti a fronte di un centro sinistra che seppur con meno votanti ha mantenuto i suoi 2.900 voti. E poi come si spiega che in comuni limitrofi dove la lega non è al governo la percentuale alle europee è stata superiore al 40%? Città di Castello e San Giustino 43%,Gualdo Tadino 42%, Pietralunga 43%: quindi  dove la Lega non governa ha ottenuto  più consensi!! Dove governa, come Umbertide  39% e Terni  37%,  meno consensi !! Sarà un caso???? Si certo Galmacci, Cavedon, Marchetti e per ultima anche la Monni esultano perché vogliono far credere che la Lega ha lavorato bene, che l’Amministrazione funziona bene anche senza Umbertide Partecipa grazie anche all’appoggio dei nuovi fiancheggiatori leghisti: Tosti, Pierucci, Caracchini e Pino che sono stati espulsi da Umbertide Partecipa perché spudoratamente diventati  leghisti in 24 ore!! . Personaggi aggregati che non hanno una vera casa politica, una appartenenza che si trincerano dietro la parola “civismo” come se questo prescindesse da qualsiasi riferimento. Qualcuno poi ha alle spalle una storia politica antitetica al portato culturale, valoriale e politico della lega salviniana. Un conto è un accordo per realizzare il nostro programma e un conto è essere leghisti. Questa conversione così repentina cos’è: trasformismo, opportunismo, assenza valoriale? Attenzione gli Umbertidesi hanno memoria d‘ elefante e le cose non se le dimenticano. Ma parliamoci chiaro: se togliamo l’eredità lasciata dalla precedente amministrazione (finanziamenti per scuola Monini, serra disabili, interventi sulle frazioni, giardini Garibaldi, ecc.) questa amministrazione cosa ha fatto? Anzi non ha portato avanti neanche i progetti finanziati visto che è tutto fermo…La serra dovrebbe essere pronta per il 13 luglio: ad oggi solo macerie. Il progetto è stato stravolto, è stata abbattuta anche la struttura della vecchia draga , un simbolo per Umbertide che nel progetto iniziale  era presente. Per fortuna  un grande contributo ai lavori arriva da fornitori passati e presenti di una nota azienda metalmeccanica Umbertidese la quale si adopera per dare man forte alla lega (vedi interventi allo stadio Città di Torino, alle scuole di Vittorio, alla fontana delle fontanelle..). E allora concludendo  cara Giovanna non è vero che è la stessa cosa governare con o senza Umbertide Partecipa: forse questi naufraghi che avete imbarcato non vi portano valore aggiunto né in termini di immagine né in termini di voti."

07/06/2019 09:14:23 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Prima assemblea pubblica di LiberaIlFuturo: “il nostro impegno per rendere Umbertide unita e non vittima di personalismi”

Giovedì 30 maggio si è tenuta la prima assemblea pubblica di LiberaIlFuturo. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell'associazione:       Un grazie a tutti i cittadini che giovedì sera hanno partecipato alla prima assemblea pubblica di LiberaIlFuturo: le oltre 100 persone, presenti al CVA di Fontanelle, non sono per noi solo un grande successo ma uno straordinario punto di partenza per l'attività che ci attende. Un grazie va al sindaco Luca Carizia, che è venuto a portare un saluto e un importante contributo alla nostra discussione, con lui ringraziamo anche tutti gli altri ospiti intervenuti.   Gli interventi del coordinatore Andrea Capecci, degli iscritti e degli amministratori, oltre a chiarire i motivi per cui l’associazione è nata, hanno fatto emergere le proposte per Umbertide che LiberaIlFuturo ha già messo e che metterà in campo.   LiberaIlFuturo sarà una realtà civica larga e includente, una casa comune e uno strumento al servizio di quei cittadini, con idee ed estrazioni diverse, che vorranno avvicinarsi e impegnarsi nell'esclusivo interesse della nostra città.   I risultati delle recenti elezioni Europee a Umbertide hanno infatti dimostrato, in maniera plastica, che quando i progetti civici si piegano agli interessi dei singoli e snaturano la propria connotazione, consegnano se stessi a un totale fallimento.   La lettura di questi dati, unita alle nuove adesioni che si sono manifestate in questi mesi, testimoniano, invece, che le scelte fatte dal gruppo di persone che ha dato vita a LiberaIlFuturo sono state capite da tutti quei cittadini che non hanno a cuore gli interessi e la carriera di una sola persona, ma che con il loro impegno hanno voluto e vogliono contribuire a rendere Umbertide una città ben governata, unita e non vittima dei vecchi personalismi.   L'associazione continuerà a strutturarsi in tutto il territorio comunale e a confrontarsi con le realtà che in esso operano, dal centro alle frazioni, ascoltando e coinvolgendo chi a vario titolo vorrà portare un contributo propositivo e costruttivo.        

01/06/2019 17:59:49 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica M5Stelle Umbertide: “ i cittadini hanno diritto di vivere in una città pulita, ordinata e non rattoppata”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato a firma del Movimento 5 Stelle di Umbertide   E’ di tutta evidenza come su tutto il territorio comunale si rilevino disagi in relazione alla scarsa ed inadeguata manutenzione delle infrastrutture a supporto della comunità, nello specifico nel recente passato erano le perdite d’acqua, poi di recente il taglio dell’erba negli spazi pubblici, lo stato del torrente Reggia e, da sempre, l’irrisolto problema dello stato improponibile delle strade e dei marciapiedi I cittadini hanno diritto ad una risposta in ordine alle immediate esigenze, ma anche in ordine alle aspettative di vivere in una città pulita, ordinata e non “rattoppata” qua e là. Per questo il Movimento 5 Stelle ha presentato recentemente un'interrogazione per sapere quale soluzione intende adottare la nostra Amministrazione. Se ci sia l'intenzione di adottare un piano di manutenzioni cadenzate a breve e medio periodo, secondo una logica di programma che definisca, in base alle priorità ed alla cronologia, le azioni da intraprendere annualmente e possibilmente per tre o cinque anni. Finora la questione manutenzione strade ed aree verdi non è stata mai programmata in maniera seria, ma ci sono sempre stati degli interventi occasionali volti ad occuparsi dell'emergenza. La manutenzione dovrebbe invece essere periodica, sia del capoluogo che delle frazioni, tutte, senza discriminazioni.

30/05/2019 19:27:28 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: “a proposito di nepotisimo...”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a firma di Umbertide cambia "Umbertide cambia è nata per combatte una partitocrazia che negli ultimi 70 anni ad Umbertide ha occupato tutti gli spazi di potere. Per noi, e con noi, il cambiamento avrebbe dovuto essere prima di tutto culturale, di stile e di metodo. Non c’è stato. Dobbiamo ripartire da capo, perché ci troviamo con una Amministrazione che fa esattamente le stesse cose di quelli di prima, favorendo e mettendo nei posti di comando loro amici o addirittura parenti. Quindi cosa è cambiato? Nulla, cari cittadini, ad un regime se ne sta sostituendo un altro. Ad un clientelismo di sinistra si sta sostituendo un clientelismo di destra. Non esisteva e non esiste una cultura civica. E se il buongiorno si vede dal mattino viene da pensare che l’azione sarà incisiva. Quasi una reazione, uguale e contraria, in risposta alla arroganza del sistema precedente. Le recenti nomine all’IRB (Centro anziani Balducci) ed alla Multiservice, azienda pubblica da rilanciare e dove invece si è consumata una chiara dimostrazione della vecchia spartizione partitocratica unita ad incompetenza, dimostrano questo. Non discutiamo le persone, sia chiaro, ma il metodo. Umbertide cambia chiedeva e chiede una diversa attenzione alla trasparenza ed al merito, eliminano qualsiasi ombra di lottizzazione nelle nomine pubbliche. Noi non abbiamo debiti di riconoscenza da pagare e vogliamo solamente che si facciano scelte in nome della buona amministrazione, nell’interesse dei cittadini. Oggi, purtroppo non è così. Si sta facendo esattamente come ieri. Viva il cambiamento ….. nella continuità, di uomini ed azioni!!"

28/05/2019 11:04:25 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy