Notizie » Politica Galmacci (Lega Umbertide) risponde alle accuse delle opposizioni sulla questione sicurezza

Vittorio Galmacci, segretario Lega di Umbertide: “Rispediamo al mittente le accuse delle opposizioni in seguito al nostro voto contrario in consiglio comunale ad una loro proposta ipocrita e strumentale sulla sicurezza”  "Rispediamo al mittente le accuse  delle opposizioni in seguito al nostro voto contrario in consiglio comunale ad una loro proposta ipocrita e strumentale sulla sicurezza”. Ad affermarlo è il segretario cittadino della Lega, Vittorio Galmacci. “Mai e poi mai accetteremo lezioni gratuite sulla sicurezza da parte di chi per anni ha trattato questo importante tema in maniera sbrigativa, come se non fossero esistiti problemi nella nostra città – spiega Vittorio Galmacci - Questo, Umbertide Cambia lo sa benissimo e oggi fa finta di nulla, presentando ordini del giorno con chi negli anni passati, come il Pd, diceva che la nostra città era una isola felice in giorni in cui tutto il territorio comunale era preda di bande di criminali che quotidianamente entravano come se nulla fosse all'interno delle case dei nostri concittadini. Ora questo fenomeno si è sopito, ma le minoranze provano come sempre a ingigantire tutto. Ma si sa che l'ipocrisia delle opposizioni parte da lontano e sappiamo chi c'è dietro di loro e chi li gestisce. Dopo anni passati a far finta di combattersi su ogni fronte, ora si trovano tutti insieme cercando di gettare fumo negli occhi dei cittadini. Chi prima simulava di fare opposizione ora si trova a firmare ordini del giorno con chi ha fatto sempre lo struzzo mettendo la testa sotto la sabbia quando si verificavano episodi di insicurezza, derubricando il tutto a casi isolati. Ora - prosegue il segretario della Lega - quella stagione è finita e il tema della sicurezza viene affrontato a viso aperto. L'Amministrazione ha provveduto ad armare il Corpo di polizia locale, a installare nuove telecamere di videosorveglianza e presto ne arriveranno altre. In collaborazione con i Consigli di Quartiere, entrerà pienamente in funzione il Controllo di Vicinato. Le chiacchiere, le falsità e le ipocrisie le lasciamo agli altri. A noi bastano i fatti".  

22/10/2020 12:02:37 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: “Giunta e maggioranza leghista bocciano le proposte dell'opposizione sulla sicurezza urbana”

Umbertide cambia tuona contro la bocciatura della proposta delle opposizioni sulla sicurezza urbana: "Giunta e maggioranza leghista hanno bocciato, nell’ultimo Consiglio, le misure sulla sicurezza pubblica: niente Caserma dei Carabinieri, niente finanziamenti alla Polizia locale, niente Piano contro il lavoro nero. Si tratta di una deriva amministrativa di fronte all’insicurezza che attraversa i cittadini e la città.  Tema: sicurezza pubblica e decoro urbano. La maggioranza di destra e del Sindaco leghista stavolta l’ha fatta veramente grossa, andando contro se stessa, l’opinione pubblica e la ragionevolezza. L’opposizione compatta di Umbertide cambia, Pd e M5S ha presentato nell’ultimo Consiglio comunale del 20 ottobre un Ordine del giorno concernente, appunto, le proposte e le misure concrete per affrontare il tema dell’ordine pubblico e anche del decoro urbano. Tra le misure proposte vi erano la costruzione della nuova caserma dei carabinieri, il piano di controllo sul lavoro nero, maggiori risorse per il Programma 301 riguardante la Polizia locale e la convocazione dei Consigli di quartiere per far partire il controllo di vicinato, ancora non operante. Ebbene: senza alcuna motivazione e nessun intervento nel merito da parte della maggioranza, silenziosa ed ermetica, sono state bocciate quelle misure.  Il dramma politico della Giunta e la deriva amministrativa è palese, soprattutto di fronte ad una escalation dell’insicurezza pubblica, emersa dagli ultimi furti anche nelle frazioni e dai pesantissimi eventi criminali degli ultimi mesi. E pensare che questa maggioranza si era presentata, con parole di fuoco, come la Giunta per la sicurezza! Una contraddizione devastante e la solita demagogia fatta sulla buona fede dei cittadini, che vogliono azioni e non parole. Soprattutto, a questo punto, vogliamo tuti capire quale siano le strategie e misure concrete per la sicurezza da parte di una passiva Giunta in preda all’afasia. Essa stessa insicura".   

21/10/2020 17:11:03 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Pd Umbertide: “Basta slogan sulla sicurezza”

«In certi contesti di vita cittadina, complicati e traumatici, dove ciò che dovrebbe prevalere su tutto il resto è quello spirito di comunità proteso verso l’atto collettivo di comune superamento di questi eventi tragici e difficili ai quali una comunità può essere esposta, devono essere date rassicurazioni vere e non farneticazioni»  inizia così la nota del Gruppo Consiliare Pd che è stato cofirmatario di un ordine del giorno su sicurezza e decoro presentato oramai alcune settimane fa. «L’ordine del giorno a firma di tutte e tre le opposizioni è stato discusso in un contesto cittadino profondamente scosso dai recenti fatti di cronaca locale. E’ opportuno ribadire con convinzione, visto che altri ruoli politico-amministrativi in Giunta hanno stentato a farlo, che morte e violenza non hanno mai colore o appartenenza socio-culturale, piuttosto sono legate al singolo individuo, al suo agire e alle proprie responsabilità civili e penali. La questione sicurezza da tempo viene relegata a interviste occasionali dove si generalizza dicendo tutto e niente allo stesso momento, a spot come quelli elettorali degli esponenti della maggioranza leghista, discutibili sotto ogni punto di vista sia sostanziale che formale. Negli ultimi due anni di Lega al governo non si è fatto un passo in avanti in termini securitari se non provvedimenti di portata limitata come le telecamere installate con fondi precedentemente stanziati, che sono andati a coprire l’assenza in questo bilancio di vere risorse economiche per la missione dedicata alla sicurezza locale. Basti pensare alle politiche adottate per il corpo di Polizia Locale, il cui armamento sobillato con tanta enfasi dalla maggioranza non è stato seguito da ciò che più serviva a questa realtà, ovvero un piano di potenziamento in termini numerici a seguito della situazione di carenza di personale registratasi. Nel Consiglio di oggi è stato per questo chiesto di adottare alcune linee di indirizzo per i prossimi mesi, come il potenziamento o costruzione ex novo della Caserma dei Carabinieri e la redazione di un piano sul lavoro nero quanto mai necessario in un contesto socio-economico fortemente provato anche dal clima pandemico che si sta vivendo. La Lega ha bocciato l’ordine del giorno che chiedeva un rafforzamento delle politiche di sicurezza purtroppo quasi mancanti nel programma della giunta che lascia in totale abbandono intere aree della città».   Gruppo Consiliare PD

21/10/2020 16:19:27 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica M5S Umbertide: “Liberailfuturo propone la Consulta dei Giovani, uno strumento già presente dal 2008”

  "Con enfasi propagandistica, riportata dalle principali testate giornalistiche, Liberailfuturo propone al Consiglio Comunale di adottare un provvedimento teso alla istituzione di un organismo, la Consulta dei Giovani, che dovrebbe operare “come strumento di collegamento, promozione ed informazione per rispondere alle esigenze dei giovani”. Strumento meritevole di attenzione, se non fosse che, all’art. 33 dello Statuto del Comune di Umbertide, approvato con delibera del Consiglio comunale n. 42 dell’11/06/2008 è stato istituito il CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. E’ di tutta evidenza che, pur nel colpevole abbandono in cui è stato lasciato l’organismo dell’art. 33 da parte delle precedenti amministrazioni, anche loro brave a fare proclami, ma altrettanto brave a lasciarle nel cassetto, questo organismo è esistente e necessita solo del regolamento, mai posto in essere, per poter funzionare esattamente come i “novelli Einstein” vorrebbero per la loro Consulta. E’ chiaro che questo “scivolone” è sintomatico della insipienza e della scarsa conoscenza del nostro comune da parte della maggioranza e della lista che la sostiene. Sarebbe bastato leggere lo Statuto del Comune di Umbertide, il testo fondamentale che ogni amministratore dovrebbe ben conoscere (75 articoli in poco più di 10 pagine), per capire che la “consulta” è un doppione del Consiglio Comunale dei ragazzi."   Il portavoce del Movimento 5 stelle Giampaolo Conti     

20/10/2020 11:40:38 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: “La scuola risorsa preziosa ma esclusa dall'azione amministrativa”

La scuola è la più alta risorsa, ora più che mai. Perciò la proposta dell’Osservatorio permanente sulla scuola mira a dotare l’Amministrazione di uno strumento di alta competenza per programmare il sistema dell’educazione-istruzione-formazione umbertidese.    "La scuola è una risorsa preziosa, se non la più preziosa, nella nostra città. Ma questa Giunta del sindaco leghista Carizia e dell’assessore all’istruzione Villarini - peraltro già assessore in passate esperienze di centro sinistra - sembra proprio non vederla, anzi è esclusa dalla sua azione (si fa per dire) amministrativa". Inizia così la nota stampa a firma del consigliere Gianni Codovini e il direttivo di Umbertide cambia. "Già abbiamo denunciato, questa estate, i ritardi e le negligenze sulla mancata Conferenza dei servizi territoriali per gestire trasporti, la programmazione dei servizi sotto il Covid e l’inadeguato e risibile finanziamento alle scuole.     Per queste ragioni è necessario che l’intera comunità scolastica sia parte attiva delle scelte e promuova idee e progetti. Così, di fronte a fondamentali scelte quali piano dei trasporti scolastici, il piano per l’edilizia scolastica (che è rimasto a quello della Giunta Locchi e del commissario De Rosa), la richiesta di nuovi indirizzi scolastici, la riorganizzazione della fascia 0-6 anni, la lotta alla dispersione scolastica, la gestione dei servizi per la disabilità, i Patti educativi di comunità è indispensabile coinvolgere tutte le competenze specifiche, e ciò è possibile solo con la costituzione di un organismo partecipativo, di consulenza, propositivo, operativo e di studio come l’ “Osservatorio permanente sulla scuola”, che affianchi l’Amministrazione, naturalmente nel rispetto dei ruoli.   L’Osservatorio permanente sulla scuola lo abbiamo lanciato come opposizione, insieme al Pd e ai M5S, in Consiglio comunale affinché supporti la programmazione degli interventi e svolga le funzioni consultive, propositive, di diffusione di buone pratiche, di ricerca, documentazione per tutto ciò che attiene il settore del sistema cittadino dell’educazione, istruzione e formazione, compresa la fascia 0-6. Tutte le componenti scolastiche dovranno essere presenti nell’Osservatorio, così che il Comune possa avere un organismo e strumento operativo di alta competenza. A questa punto la decisione spetta alla maggioranza di Carizia: se non verrà approvato significa che questa Giunta, questo Sindaco e questo assessore non vedono la scuola e la formazione come una risorsa".     

19/10/2020 11:51:27 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Istituire la Consulta dei Giovani nel Comune di Umbertide, LiberaIlFuturo presenta un ordine del giorno

  L'associazione LiberaIlFuturo, attraverso i suoi consiglieri Francesco Caracchini e Ivano Pino, ha presentato al Consiglio Comunale un ordine del giorno volto ad introdurre la Consulta dei Giovani nel Comune di Umbertide. Tale iniziativa è stata presa poiché per rispondere alle tante esigenze dei giovani è necessario avere piena conoscenza delle problematiche esistenti dando l’opportunità agli stessi di esprimere le proprie proposte e necessità, mettendo a disposizione mezzi, luoghi e condizioni a sostegno di iniziative a loro rivolte. La Consulta potrà favorire una maggiore partecipazione dei giovani alla vita della società e realizzare iniziative di promozione del benessere giovanile che tengano conto delle loro reali necessità, potrebbe risultare utile l’istituzione di una Consulta dei Giovani quale organo di partecipazione attiva dei giovani alla vita sociale, culturale e aggregativa di Umbertide e quale organo consultivo del Consiglio Comunale al quale presentare proposte e progetti inerenti le tematiche giovanili, promuovendo dibattiti sui temi attinenti alla condizione dei giovani nei suoi vari aspetti, ricerche ed incontri anche su altre e diverse problematiche. L'organismo potrà operare come strumento di collegamento, promozione e informazione, indirizzando il suo operato nell'ambito delle tematiche del mondo giovanile, attraverso la realizzazione di strumenti e processi informativi, attività di ricerca, progetti ed interventi di approfondimento e attività di orientamento e sostegno a progetti, provenienti da enti, associazioni e da persone singole. Inoltre, la Consulta opererà nell'approfondimento delle tematiche legate alla condizione giovanile e nello sviluppo di iniziative, attraverso la rete di collaboratori, consulenti, contatti istituzionali di cui sarà dotata e, soprattutto, il coinvolgimento diretto dei ragazzi interessati. Infine ci preme sottolineare che la Consulta dei Giovani potrà rappresentare un importante strumento propositivo e di ascolto in merito a tematiche che colpiscono anche nel nostro territorio i ragazzi, come ad esempio le dipendenze da sostanze stupefacenti ed alcol o i fenomeni di violenza e bullismo nelle varie forme in questi si manifestano, temi sui quali grande deve essere l'attenzione.

16/10/2020 15:17:18 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide, chiusa RSA e ridotta attività pronto soccorso. Pd: “Preoccupazione per i servizi sanitari”

“Causa Covid il pronto soccorso di Umbertide – dice il Pd - dopo le 20 non sarà più attivo”. Questo a seguito della positività al Covid-19 di alcuni operatori del reparto e quindi, a partire da ieri giovedì 15 ottobre, la struttura effettuerà un nuovo orario di apertura. Il pronto soccorso sarà aperto dalle 8 alle 20 mentre dalle 20 alle 8 resterà comunque attiva la postazione medicalizzata del 118 che garantirà tutte le prestazioni dovute, compreso l’eventuale trasferimento presso i presidi ospedalieri di riferimento. “Rimane alta la nostra attenzione e preoccupazione – si legge nella nota Pd - per i servizi sanitari, perché l’emergenza non può essere usata per depotenziare il nostro ospedale. Va preso atto che quando successe la stessa cosa a Città di Castello nel reparto di medicina lo scorso marzo medici di Umbertide andarono a lavorare nel nosocomio tifernate per garantire il servizio”. “Quello che ci lascia più perplessi – continua il Pd - è il fatto che anche l’RSA dell’ospedale umbertidese sia stata chiusa (nonostante non ci siano positivi al Covid) e il personale portato a lavorare a Città di Castello.  Avrebbe avuto maggior senso utilizzare le risorse professionali disponibili per garantire servizi efficienti ad Umbertide anziché spostarli altrove”. “Ora l'emergenza sanitaria implica rispetto cercando di evitare polemiche, ma vorremmo attenzione – conclude la nota -affinché il nostro ospedale non venga ulteriormente impoverito nei servizi. E la RSA rappresenta un servizio molto importante per le famiglie, gestito dagli operatori con grande professionalità e dedizione. Noi su questo vigileremo con forza e se anche l'Amministrazione volesse fare la sua parte sarebbe senz'altro utile”.                

16/10/2020 14:28:13 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy