Categorie

Sport Nuova palestra per il Kodokan Judo Fratta

Ha preso il via una nuova stagione per il Kodokan Judo Fratta. Da ieri infatti l’associazione sportiva umbertidese svolge la sua attività nella palestra, messa a disposizione dall’Amministrazione Comunale, presso lo stadio Morandi.  Così ieri pomeriggio, nel corso dei consueti allenamenti sul tatami, si è svolta una breve ma significativa cerimonia di inaugurazione con tanto di taglio del nastro alla presenza del sindaco Marco Locchi, dell’assessore allo Sport Pier Giacomo Tosti, del tecnico del Kodokan Judo Fratta Mirco Diarena e soprattutto di atleti e genitori. “Con l’inaugurazione di questa palestra abbiamo risolto un problema che ci portavamo dietro da 18 anni – ha esordito Diarena – Lo sport non deve essere visto come un peso ma come una risorsa che può mettere in campo nuove energie. All’Amministrazione che ci ha messo a disposizione questa struttura dico che c’è ancora da lavorare, ma per noi oggi è comunque una giornata storica”. “Oggi è un giorno importante perché il Kodokan Judo Fratta può dare inizio alla sua nuova attività in questa struttura. – ha aggiunto l’assessore Tosti – Spesso si dà per scontato, ma non è poi così comune che le Amministrazioni mettano a disposizione le proprie strutture per venire incontro all’esigenza delle associazioni sportive di contenere i costi. Oggi i ragazzi del Kodokan Judo Fratta possono praticare sport in una palestra adeguata e accogliente, e per questo vorrei ringraziare chi mi ha preceduto nel ruolo di assessore allo Sport, Giovanni Valdambrini, che ha avviato questo percorso. Ma oggi è un giorno importante anche per l’impianto sportivo di via Morandi che, con l’ingresso del Kodokan Judo Fratta, inizia a trasformarsi in una vera struttura polivalente”. “Di tempo ce ne abbiamo messo ma finalmente abbiamo ottenuto il risultato sperato – ha affermato il sindaco Locchi -  Non è stato semplice raggiungere questo obbiettivo ma ci siamo riusciti ed oggi, dopo il Real Pitulum e l’Atletica Umbertide, anche il Kodokan Judo Fratta può usufruire dell’impianto sportivo di via Morandi. Vi auguro quindi di godere al meglio di questa struttura che risponde alle esigenze della vostra associazione – ha concluso - l’Amministrazione continuerà a starvi vicina”. 

25/11/2014 14:18:17

Sport Acqua&Sapone Umbertide a Vigarano in cerca di riscatto

Dopo la terza sconfitta su tre uscite di fronte al pubblico amico, Acqua&Sapone Umbertide si trova alla vigilia di un altra trasferta nella quale andare in caccia di riscatto, nella speranza di mantenere immacolato il ruolino nelle partite on the road. Avversaria di turno è la Pallacanestro Vigarano, una delle 4 neo-promosse di questa stagione, società che rappresenta un paese molto piccolo ma che ha il basket nel sangue, specialmente quello al femminile, e che finalmente è riuscito a coronare il sogno di vedere la propria compagine militare nella massima divisione, dopo la promozione del 2012 conquistata sul campo e svanita in estate anche a causa dei problemi causati dal sisma che nel maggio di due anni or sono colpì questa zona dell’Emilia – Romagna. Il calore del pubblico appassionatissimo sarà proprio una delle maggiori insidie di questo incontro, assieme alle qualità della formazione guidata da coach Raffaele Ravagni. Il primo nome che salta all’occhio è senza dubbio quello di Francesca Zara, che non solo è una ex indimenticata a Umbertide, ma rappresenta pure una delle giocatrici più rappresentative della storia del basket in rosa italiano e, pur a 38 anni, mantiene intatta tutta la sua classe. A dare esperienza al roster anche Tanja Cirov, di ritorno sui parquet del campionato di serie A1 a 3 stagioni dall’ultima annata in maglia Priolo, e la bandiera Lorena Venzo, che indossa la maglia di Vigarano fin dal 2008, quando la squadra militava in serie A3. A questo nucleo di veterane si aggiungono diverse giovani, a partire dalle altre due straniere, la nigeriana di scuola Usa Uju Ugoka, classe 1993 e top scorer finora con quasi 16 punti di media, e l’americana Tyaunna Marshal, guardia del 1992 che finora ha segnato 12 punti per match. Le due sorprese più liete fin qui sono però probabilmente le due azzurre Martina Bestagno (13 punti e 7 rimbalzi di media finora nel suo primo vero anno in A1) e Giulia Moroni, play del 1994 cresciuta ad Ancona. Completano la rotazione l’ex San Martino Eleonora Zanetti e l’ex Napoli Rosa Cupido. Vigarano finora ha collezionato solamente una vittoria, nello scontro diretto contro La Spezia in casa per 80-58, perdendo invece le altre sei partite, nelle quali ha affrontato Schio, Battipaglia, Parma, Ragusa, Venezia e Lucca, mostrando in particolare una pericolosa fragilità difensiva, visto che la media punti subiti in questi sei incontri è stata superiore a 88.  

15/11/2014 14:49:46

Sport Acqua&Sapone Umbertide: il Pala Morandi rimane un tabù

Prosegue la marcia da imbattuta di Ragusa in questo campionato e invece prosegue la striscia negativa casalinga di Acqua&Sapone Umbertide che cade davanti al proprio pubblico per la terza volta su tre uscite. è stata una partita non spettacolare da un punto di vista tecnico ma durissima, come era lecito attendersi d’altronde leggendo il roster delle siciliane. Il primo tempo tutto sommato è stato equilibrato e giocato punto a punto, sia pure con le ospiti sempre avanti di qualche lunghezza, prima del parziale ragusano che nel quarto tempo ha spaccato la partita, lanciando Passalacqua fino al massimo vantaggio sul +19. All’inizio del quarto periodo è arrivata la reazione di Umbertide, che stringendo le maglie in difesa è riuscita a riportarsi per ben due volte sul -6 con la palla in mano, sprecando però l’occasione di accorciare ulteriormente, prima di subire un break di 10-0 nell’ultimo minuto quando ormai però la partita era già di fatto in archivio. Per le padrone di casa ci sono state ancora troppe amnesie in fase difensiva e troppi i rimbalzi offensivi concessi. Anche l’attacco ha funzionato in maniera altalenante, soprattutto mostrando poca lucidità nelle azioni decisive, per esempio i due possessi sul -6 nel finale. Nei frangenti in cui invece la difesa ha funzionato, Umbertide ha saputo creare difficoltà anche importanti alle siciliane, che però sono state più ciniche e hanno mostrato una maggiore solidità nelle situazioni di difficoltà. Da un punto di vista individuale ottima la prestazione di Chiara Consolini, per lunghi tratti autentica trascinatrice della squadra, buone anche le prove di Robbins e Swords, che pure hanno sofferto la mobilità delle dirimpettaie avversarie in difesa. Caterina Dotto è stata autrice di 5 minuti di altissimo livello all’inizio del quarto quarto, prima di essere costretta a uscire per falli, mentre completamente abulica è stata la performance di Gemelos, non soltanto per i 2 punti con 0/10 dal campo. In casa ragusana 21 punti per una Walker che si è rivelata un rebus insolubile per la difesa di Umbertide, in doppia cifra anche Pierson e le due ex Gorini e Cinili. Il primo canestro dell’incontro è di Cinili che viene persa dalla difesa, poi però Consolini trova la strada aperta in penetrazione e appoggia al vetro. Walker dalla media punisce Umbertide, che in attacco fa girar bene palla, sul ribaltamento Consolini è libera e mette la tripla del vantaggio. Gorini si guadagna due liberi e rimette avanti le ospiti. La mobilità di Walker è un problema in difesa per Acqua&Sapone, con la lunga statunitense che continua a colpire dalla media. Umbertide in questa fase è tutta nelle spalle di Consolini che dopo una bella penetrazione raccoglie il rimbalzo lottando e trova Dotto che da 3 sbaglia ma Swords è presente sotto le plance e segna il suo primo canestro. Dall’altra parte risponde però Pierson prima che Umbertide con una grave inguenuità rimetta direttamente su Gorini regalandole 2 facili punti e costringendo coach Serventi a chiamare il primo time out. Pegoraro appena entrata trova la parabola vincente, poi batte dal palleggio l’avversaria e scarica su Robbins che subisce fallo e fa 2/2 dalla lunetta ricucendo immediatamente il gap. Swords la imita dando un nuovo vantaggio alle padrone di casa, però poi Ragusa con Walker che sfrutta una dormita della difesa e Pierson tenta di nuovo di scappare, ma Consolini tiene Umbertide a contatto. Robbins e Gemelos si mangiano un contropiede incredibile, ma Gonzales subito dopo ricambia il regalo e così il primo quarto termina sul 15-16. Coach Serventi riparte nella seconda frazione con Cabrini in campo assieme a Santucci. Ragusa va a segno ancora con Cinili in un’azione fotocopia del primo canestro del match. Ivezic viene omaggiata di due liberi che converte entrambi, quindi ci pensa ancora Consolini a tenere attaccata Umbertide. Santucci inaugura il quintetto pesante che la vede schierata da numero 3 con un bel movimento di post e riporta Umbertide a -1, poi Gonzales lancia un missile terra-aria abbastanza incomprensibile e così Molino è costretto al time-out.  Nadalin, dopo essere stata cancellata da Swords, si rifà con quattro punti di fila e la faccenda si complica quando alla lunga americana viene fischiato in attacco il secondo fallo. Umbertide però trova Robbins a cui aggrapparsi con 4 punti consecutivi. Nadalin però colpisce ancora, poi all’ennesima situazione dubbia chiamata a favore degli ospiti dagli arbitri (almeno un paio davvero immaginifiche) arriva un tecnico per proteste a coach Serventi, con il libero trasformato da Walker. Per quasi due minuti, anche a causa di una certa confusione nella gestione da parte della terna, la partita si trasforma quindi in un match di mischie e contatti senza che si veda un granché di gioco. Robbins accorcia le distanze, poi però Pierson e una tripla di Galbiati mandano Ragusa al massimo vantaggio. Gemelos fa la prima (e unica) cosa positiva del suo incontro guadagnandosi due liberi che trasforma, e poi Dotto riesce a far collassare su di sé la difesa bianco-verde, scaricando su Swords che indisturbata appoggia due punti. Dopo il time-out di Molino però, Ragusa riesce a battere il pressing di Umbertide e così Pierson a fil di sirena trova il canestro che fissa il 29-34 con il quale le formazioni rientrano negli spogliatoi. Si riparte con gli stessi quintetti che hanno iniziato la partita ma l’avvio di ripresa è tutta di marca ragusana: subito Walker punisce ancora Umbertide dalla media e poi dalla lunetta ne mette altri due. Cinili riceve un altro regalo degli arbitri e mette i due liberi mentre subito dopo è Acqua&Sapone a confezione un cortese omaggio a Gorini, lanciandola direttamente in contropiede ad appoggiare il +13. Dopo due minuti in cui si è vista solo tanta confusione da parte di entrambe le squadre, Santucci dalla media trova il canestro che sblocca Umbertide. Non solo in attacco, ma anche la difesa delle padrone di casa funziona molto meglio e così 3 punti di Swords valgono il meno otto. Walker però viene dimenticata sulla linea di fondo e così appoggia un facile canestro, mentre Swords ai liberi fa ancora 1/2. Cinili invece colpisce dalla media, aprendo un nuovo parziale di 10-0 siciliano siglato dai viaggi in lunetta di Gorini e Ivezic e dalla solita Walker che valgono il massimo vantaggio ospite sul +19, nonostante il canestro di Swords che sancisce il 37-54 di fine terzo quarto. Nel terzo quarto il primo canestro è una bella marcatura di Caterina Dotto, però poi ancora Walker trova due punti. Bona colpisce dalla media, capitan Consolini segna in penetrazione e subisce il fallo: Molino non vuol rischiare nulla e chiama subito il time-out. Il capitano converte il supplementare, poi ancora Dotto con uno slalom coast-to-coast riporta a -10 Umbertide. Ragusa reagische con Cinili raccoglie il rimbalzo sul suo errore e segna, poi Walker ancora in lunetta fa 2/2. Ma è Dotto la protagonista assoluta di questa fase: colpisce dalla media, poi recupera palla e lancia il contropiede di Robbins. Con una precisione che ci verrebbe da definire chirurgica però in una situazione di mischia a rimbalzo viene colto il quinto fallo della play veneta che quindi è costretta a uscire dal campo. Umbertide comunque prosegue nella rimonta con Robbins che dalla lunetta trova il 2/2, poi il capitano segna anche il -6. Ivezic appoggia due punti in penetrazione, ma ancora Consolini fa centro, poi Gorini va in tilt sulla pressione a tutto campo umbertidese e commette infrazione di passi. Potrebbe essere l’occasione buona per riaprire definitivamente l’incontro però Acqua&Sapone rimette direttamente su Cinili vanificando una clamorosa occasione. Gorini perde ancora palla, ma ancora una volta Acqua&Sapone non ne approfitta, così è la play romana battezzata dalla media a ridare respiro a Ragusa e mettere in pratica la parola fine alla partita a un minuto dalla fine. Ragusa quindi negli ultimi 40 secondi approfitta anche della pressione a tutto campo di Umbertide per dilagare con i canestri della stessa Gorini, di Ivezic e di Pierson che servono solo a dare la dimensione finale al punteggio. Umbertide: Swords 12, Robbins 12, Consolini 16, Gemelos 2, Dotto 6, Santucci 4, Pegoraro 2, Bona 2, Cabrini, Ortolani ne, Villarini ne. All. Serventi. Ragusa: Walker 21, Pierson 12, Cinili 10, Ivezic 8, Gorini 12, Nadalin 6, Gonzalez, Galbiati 3, Valerio, Mauriello ne. All. Molino. Arbitri: Pierantozzi (Bo), Giovannetti (Tr) e Restuccia

10/11/2014 15:05:25

Sport Vittoria per Acqua&Sapone Umbertide a Cagliari. Riuscito l'intervento al ginocchio di Ilaria Milazzo

Arriva un successo di un peso specifico importantissimo per Acqua&Sapone Umbertide sul campo di Cagliari, sia per le dimensioni, sia per la forza dell’avversario contro cui è arrivato. La quarta vittoria stagionale della formazione umbra, contro una delle squadre più in forma del campionato, è arrivata con il punteggio di 69-88. Sei le giocatrici in doppia cifra, curiosamente tutte quelle andate a segno: 24 punti per Robbins, 16 per Consolini, 15 per Gemelos, 13 per Swords, 10 per Dotto e Santucci. Questi i parziali: 20-25, 34-45, 49-68. Cagliari: Micovic 12, Correal 7, Carta 3, Stoppa 4, Taylor 15, Gatti, Airoli 2, Brunetti, Soli 10, Liston 16. All. Restivo. Rimbalzi 29 (Taylor 13) Umbertide: Consolini 16, Cabrini, Pegoraro, Ortolani, Bona, Dotto 10, Robbins 24, Santucci 10, Gemelos 15, Swords 13. All. Serventi. Rimbalzi 29 (Swords 7) Inoltre questa mattina si è svolta l’operazione al ginocchio destro di Ilaria Milazzo, resasi necessaria dopo il grave infortunio subito contro Venezia. L’intervento è stato eseguito presso il Policlinico Gemelli di Roma dal prof. Giuliano Cerulli, uno dei principali luminari nell’ambito dell’ortopedia, specialmente del ginocchio, e dalla sua équipe ed è perfettamente riuscito. L’intervento è consistito nella ricostruzione del legamento crociato anteriore e in una meniscectomia esterna. Il ginocchio è stato trovato complessivamente in buone condizioni. Per Ilaria, a cui rinnoviamo il nostro incoraggiamento, inizia ora il percorso della riabilitazione. I tempi di guarigione sono stimati tra i 5 e i 6 mesi.

03/11/2014 14:11:12

Sport Primo match al Pala Morandi per Acqua&Sapone Umbertide. Arriva Venezia

Dopo le prime due vittoriose uscite a San Martino di Lupari per l’opening day contro Trieste e a La Spezia, per Acqua&Sapone Umbertide è finalmente arrivato il momento di debuttare in campionato davanti al proprio pubblico. Per un curioso gioco del destino l’avversaria sarà la stessa Umana Reyer Venezia che 20 giorni fa al PalaMorandi affrontò la compagine umbra nel Memorial Gianni Palazzetti, ultimo match del pre-campionato e ultima partita disputata sul campo di casa. La formazione allenata da coach Andrea Liberalotto ha vinto all’esordio un incontro tiratissimo contro Cagliari per 78-75, ma è reduce da un brutto stop interno contro San Martino di Lupari, che ha espugnato il PalaTaliercio con il punteggio di 59-69, una prestazione deludente che le venete (che erano prive per infortunio di Francesca Dotto e hanno perso praticamente subito Formica, da valutare il loro recupero per domenica) vorranno certamente riscattare, alla luce del loro roster di assoluto valore, che oltre alle giocatrici citate, può contare sulle straniere Ruzickova, McCallum e Mandache, sulla ex di turno Bagnara, sull’altro neo-acquisto Martina Sandri e sulle giovani Melchiori, Carangelo, Pertile e Penna. In casa Umbertide si arriva all’incontro con il morale alto dopo la vittoria in terra ligure, ma anche con la consapevolezza della forza dell’avversaria, che costituirà senza dubbio un test molto probante per Acqua&Sapone. Per superarlo servirà una prova di squadra di alto livello, cercando di dare, rispetto all’ultimo incontro, una maggiore continuità sui 40 minuti, alle tante azioni positive sulle due metà del campo che si sono viste nel corso della trasferta in Liguria. E come sempre sarà importante il supporto dei tifosi, che già nei primi due match lontano da Umbertide non hanno fatto mancare il loro apporto sugli spalti. La palla a due sarà alzata alle ore 18. Arbitreranno l’incontro Giampaolo Marota di Ascoli Piceno, Alessandro Loscalzo di Potenza e Stefano Barilani di Roma.

19/10/2014 11:22:51

Sport Acqua&Sapone Umbertide in trasferta a La Spezia

Dopo la settima vittoria in sette apparizioni all'opening day grazie al 70-53 inflitto a Trieste, Acqua&Sapone è pronta per la prima trasferta della stagione, sul campo della Carispezia Virtus La Spezia. Al PalaMariotti andrà in scena la sfida fra due delle formazioni che sono rientrate da San Martino di Lupari con 2 punti in classifica. La formazione ligure infatti è riuscita a vincere proprio contro le padrone di casa, piegate per 71-68 grazie a una tripla a pochi secondi dalla sirena di Ada Puliti, la grande ex di giornata che pur in pochi mesi alla fine della passata stagione ha saputo farsi apprezzare per le sue doti cestistiche e umane da tutto l'ambiente umbertidese. Oltre agli 11 punti della play toscana, coach Tommei ha potuto contare sui 24 messi a segno dalla rookie americana Cassie Sant, pivot 22enne appena uscita dall'Università di Dayton, e sui 12 di una vecchia conoscenza come Lauma Reke, una delle pochissime conferme della società di patron Brunetto. In casa Umbertide si arriva all'incontro con il morale alto dopo il bell'esordio, un successo arrivato con una grande prestazione di squadra e di carattere nonostante la serie di problemi contingenti che avevano reso ancor più difficile e insidiosa la partita contro Trieste. Da un punto di vista fisico restano ancora gli infortuni alla caviglia per Caterina Dotto e per Giulia Pegoraro. Entrambe però dovrebbero stringere i denti e riuscire a essere della partita. Parrebbero invece essere risolti i problemi burocratici emersi a poche ore dal primo match e che hanno bloccato il debutto di Carolyn Swords e Jacki Gemelos contro Trieste. Per il resto si riparte dalle certezze già messe in mostra nella sfida di apertura del campionato, la vena di capitan Consolini, mattatrice con 22 punti della partita, la produttività sottocanestro di Jillian Robbins, Lavinia Santucci e Serena Bona e l'imprevedibilità di Ilaria Milazzo. Arbitreranno Alessandro Saraceni di Bologna, Saverio Barone di Brescia e Marco Vita. La palla a due sarà alzata alle ore 18. Per i tifosi che non saranno presenti al PalaMariotti, sarà possibile seguire il match in diretta streaming sul sito della Legabasket e successivamente durante la prossima settimana in replica sulle varie emittenti locali collegate ad Acqua&Sapone Umbertide secondo orari che saranno comunicati in seguito.

11/10/2014 14:43:12

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy