Notizie » Economia Studio Sabatini: l'odontoiatria tra innovazione e divulgazione

Cambiano i tempi e cambiano anche le professioni, soprattutto in ambito medico. Se in molti rimangono ancorati alla classica idea del dentista tradizionale, c'è chi guarda avanti trasformando il proprio studio in una vera e propria impresa. Ne abbiamo parlato con Giulia Gustinelli, office manager dello Studio Sabatini srl di Umbertide, che da anni ha intrapreso un'autentica riorganizzazione aziendale all'interno dello studio odontoiatrico di famiglia, dedicandosi anima e corpo alla creazione di una nuova visione di questa professione. Uno staff tutto al femminile, capace di aggregare professionalità e una forte empatia, alla base di ogni importante rapporto di fiducia tra medico e paziente. Prima di tutto, cosa vi differenzia da un normale studio dentistico? «La prima vera caratteristica è il nostro approccio olistico, che pone al centro la persona, nella sua interezza e non la singola problematica. Nel 2020, infatti, non possiamo considerare la bocca un distretto corporeo distaccato dal resto del corpo, spesso pure trascurabile. La nostra visione della salute del paziente vuole proprio restituire alla bocca l’importanza che riveste nella qualità della nostra vita. Sempre adottando l’approccio più naturale e meno invasivo possibile». Quindi dalla nostra bocca potrebbero dipendere altre patologie? «Esattamente, con la nostra esperienza, abbiamo prova ogni giorno dell’enorme importanza che riveste il benessere della bocca per il benessere di tutto il corpo. Ad esempio, un’alterazione delle funzioni del cavo orale può avere profonde ripercussioni sulla salute generale e sulla postura, causando disturbi di equilibrio, del sonno, cefalee, e dolori alle articolazioni». È per questo che dedicate particolare attenzione all'anamnesi medica dei pazienti? «Sì, ad ogni nuovo paziente viene richiesta la compilazione di un’anamnesi medica ricca rispetto a quella classica di uno studio odontoiatrico. Questo perché per noi è fondamentale non solo sapere se il paziente che stiamo per conoscere sia allergico a farmaci, diabetico oppure cardiopatico, ma anche se avverta dolori ai muscoli masticatori o alle articolazioni della mandibola, se soffra frequentemente di dolori al collo o alla schiena, o ad esempio se soffra di onicofagia. Spesso si da poco peso a dolori di varia natura che continuiamo ostinatamente a sopportare o a sopprimere con l’ausilio di farmaci che però si limitano a zittire segnali chiari e forti del nostro corpo che qualcosa non sta funzionando». Si tratta di una visione completa della salute dei pazienti. «A questo fine ci avvaliamo anche della collaborazione specialistica di professionisti quali osteopata, podologo/posturologo e logopedista, importantissimi per aiutarci ad offrire al paziente un servizio a 360° rispondente alle sue esigenze e necessità».  Prevenzione, nel vostro studio è una parola importante. «È fondamentale direi. Dopo ciascun trattamento forniamo ai nostri pazienti tutte le linee guida e i consigli, sempre personalizzati, necessari al mantenimento del risultato ottenuto e alla prevenzione di altri futuri problemi. E la prevenzione è spesso al centro della nostra comunicazione online». Questo è un altro punto che ci piacerebbe approfondire: il vostro studio è molto presente online. Perchè questa scelta? «La comunicazione con i nostri pazienti è fondamentale per noi e dedichiamo molta attenzione a questo aspetto. Un paziente informato e attento capirà il valore dei servizi che offriamo e potrà scegliere consapevolmente a chi affidare la cura della propria salute. A tal fine creiamo contenuti divertenti e graficamente appetibili ma soprattutto ricchi di informazioni e consigli utili, che tutti possono seguire con facilità. Anzi, invito chiunque sia interessato a seguirci sia su Facebook che su Instagram». La paura del dentista accomuna tante persone, voi come l'affrontate nel vostro studio? «Sicuramente diamo molta importanza all’aspetto umano, cercando di creare un clima di ascolto, attenzione e tranquillità, fondamentale affinché il paziente affronti questa situazione al meglio.A cosa serve la sofisticata innovazione tecnologica del nostro settore se poi perdiamo di vista questo aspetto?». Si sente, da come ne parli, che per te la gestione dello studio non è un semplice lavoro. «Questo è lo studio di famiglia, io sono cresciuta tra l’odore classico del dentista e i pazienti, ne sono appassionata ed emotivamente coinvolta. Mia madre, la dott.ssa Agnese Sabatini, è l’anima di questa impresa, innovatrice da sempre, e mio padre, il dott. Maurizio Gustinelli, in un certo senso continua a farne parte, anche se da diversi anni non è più con noi. Mi piace ricordare il suo modo di fare ironico, che era solito utilizzare spesso proprio per sdrammatizzare la paura dei pazienti. A suo modo aveva già capito che per fare questo lavoro non ci si può limitare “solo” a curare il problema ma è necessario prendersi cura della persona.».  Un'ultima domanda: da chi è composto l'attuale staff dello studio? «Siamo cinque donne, sensibili, professionali e determinate, oltre che in continua formazione. La dott.ssa Agnese Sabatini, che ricopre il ruolo di direttore sanitario, Roberta Giulietti assistente alla poltrona, la dott.ssa Patrizia Novello odontoiatra, la dott.ssa Angelica Eusebi igienista dentale e poi ci sono io che mi occupo della parte manageriale e organizzativa.». Informazione pubblicitaria  

23/12/2020 12:55:44 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile “Oltre la Parola: un calendario con le opere disegnate dai ragazzi disabili del Centro Arcobaleno

Da un'idea nata durante il lockdown vede la luce il calendario “Ri-usciamo con l'arte” dell'associazione Oltre la Parola: tutto il 2021 in compagnia delle opere realizzate dai ragazzi disabili del Centro Arcobaleno Dodici mesi in compagnia delle opere degli ospiti del Centro Arcobaleno di Umbertide. Tutto questo è l'iniziativa “Ri-usciamo con l'arte”, il calendario del 2021 realizzato con le opere dei ragazzi disabili che frequentano il Centro Socio Riabilitativo Arcobaleno. “Ri-usciamo con l'Arte” è un progetto promosso dall'Associazione di volontariato Oltre la Parola Onlus, con il patrocinio del Comune di Umbertide, in collaborazione con il Distretto Alta Valle del Tevere della Usl Umbria 1, la Cooperativa Asad, l'Associazione Genitori Amici Disabili (Agad), l'Università Popolare MusicArTerapia nella disciplina della Globalità dei Linguaggi (Upmat), l'Associazione Gruppo Volontari Umbertide, La Pantera Onlus, l'Università della Terza Età di Umbertide e a undici sponsor privati che hanno voluto dare il loro contributo alla realizzazione del calendario. La realizzazione grafica del progetto è stata curata dal Centro servizi volontariato (Cesvol) Umbria. Il progetto è nato durante il lockdown, mentre il servizio del Centro Arcobaleno era sospeso. Gli educatori della cooperativa Asad, insieme ai volontari dell'associazione Oltre la Parola, hanno deciso di collaborare in questo nuovo progetto, con l'intento di avere una memoria storica di questo momento caratterizzato dall'emergenza sanitaria, condividendo insieme emozioni e sensazioni, rimanendo sempre vicini, in contatto, nonostante la distanza, anche attraverso l'uso di tecnologie così come condiviso con il servizio e grazie alla sinergia di tutte le parti sociali attive. “Con grande soddisfazione – dice l'assessore alle Politiche sociali, Sara Pierucci - gli educatori Asad e gli operatori dell'associazione Oltre la Parola insieme alla loro presidente Luigina Tripponi, hanno guidato i ragazzi del Centro Arcobaleno lungo un percorso formativo, artistico e culturale, che ha portato alla realizzazione di un bellissimo calendario che porterà gioia nelle nostre case grazie ai colori e alla visione positiva con la quale vedono la vita. Aiutiamo l'associazione a sviluppare questi importanti progetti acquistando il calendario e cogliendo l'occasione per fare un gradito pensiero per le festività natalizie”. “L'arte – afferma la presidente dell'associazione Oltre la Parola, Luigina Tripponi - è la più alta espressione umana di creatività e fantasia ed è anche l'unico momento che permette all'uomo di esteriorizzare la propria interiorità. E' un linguaggio per comunicare con gli altri e non solo per rappresentare la realtà circostante, ma addirittura come 'cura per la salute'. I disegni sono stati realizzati in maniera spontanea dagli artisti realizzando prima un bozzetto e poi una volta al Centro Arcobaleno riprodotti su tela con molteplici materiali liberamente scelti. Gli educatori hanno accompagnato il lavoro e curato la valorizzazione delle opere che fanno parte di un'opera collettiva, vogliamo che entri nelle vostre case”. Dice la dottoressa Stefania Guerra Lisi, ideatrice della Disciplina della Globalità dei Linguaggi che da anni collabora con Oltre la Parola: “L'arte di vivere dei nostri ragazzi affiora in queste opere spontanee che hanno permesso di evadere da incertezze, paure e solitudini del Coronavirus. La qualità metrica dei rilievi è nostalgia di contatto: colori anche brillanti hanno spesso il contrappunto del nero. Il grigio del dubbio è messo in risalto sullo sfondo dei gialli delle scelte precluse. Ma gli alberi e i fiori, sommersi nel verde, si protendono a destra verso il sociale, persino nell'urlo rosso di un informale richiamo alla vita, espresso in MusicArTerapia nelle globalità dei linguaggi”. Per prenotare una copia del calendario è possibile contattare il numero di telefono 3406050471 che sarà consegnata dai volontari dell'associazione Oltre la Parola nel pieno rispetto delle norme anticontagio da Covid-19. Associazione Oltre la Parola L'associazione di volontariato Oltre la Parola Comunicazione-Espressione-Informazione per l'Integrazione sociale, senza fini di lucro, è nata il 28 gennaio 2004 su sollecitazione di tanti piccoli gruppi di persone. Persegue finalità di solidarietà sociale e ha lo scopo di promuovere, comunicare e favorire l'integrazione e la tutela dei diritti per l'evoluzione umana e sociale. Promuove su tutto il territorio regionale, in particolar modo in quello dell'Alta Valle del Tevere, progetti finalizzati alla ricerca, all'educazione attraverso le arti, secondo la Musicoterapia, nella Disciplina della Globalità dei Linguaggi della dottoressa Stefania Guerra Lisi, con seminari, convegni, attività ricreative, laboratori culturali, spettacoli, concerti e mostre d'arte. Tali iniziative hanno l'intento di promuovere prevenzione, valorizzando le persone, con particolare attenzione alle fasce deboli e a rischio di emarginazione sociale.        

18/12/2020 17:23:17 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Umbertide, le scuole del I e del II Circolo aprono le loro porte grazie agli Open Day virtuali

Le scuole del I e del II Circolo di Umbertide aprono le loro porte virtualmente alle famiglie e agli studenti per far scoprire le numerose attività che vengono svolte al loro interno. Le direzioni dei due circoli didattici cittadini hanno infatti organizzato degli Open Day virtuali, una serie di incontri in live streaming nei mesi di dicembre e gennaio. Per quanto riguarda il Primo Circolo, l'11 e il 14 dicembre (dalle 18.00 alle 19.00) e il 17 dicembre (dalle 21.00 alle 22.00) sarà il turno della scuola primaria “Giuseppe Garibaldi” e della scuola primaria di Pierantonio. Sempre relativamente alle scuole primarie sono in programma incontri online dalle 10.30 alle 11.30 per la “Garibaldi” e dalle 11.30 alle 12.30 per Pierantonio. Per quanto riguarda le scuole dell'Infanzia “Garibaldi” del capoluogo e quella di Pierantonio gli appuntamenti sono per il 12 dicembre (dalle 11.00 alle 12.00), il 15 dicembre e il 17 dicembre (entrambi dalle 18.00 alle 19.00). Inoltre, il 19 dicembre alle ore 11.30, in live streaming la scuola primaria di Pierantonio presenterà il nuovo ed interessante progetto della “Scuola senza zaino”. Gli incontri online delle scuole primarie del Secondo Circolo avranno luogo il 16 dicembre e il 13 gennaio a partire dalle ore 18.00, con viaggi virtuali che riguarderanno la “Giuseppe Di Vittorio”, “Anna Frank” di Verna e i plessi di Niccone e Lisciano Niccone. Il 17 dicembre il 14 gennaio sono in programma gli Open Day 2.0 riguardanti le scuole dell'infanzia “Marcella Monini” del capoluogo, di Calzolaro, Molino Vitelli, Montecastelli e Lisciano Niccone.   Dice la dirigente scolastica del I Circolo, Silvia Reali: “Si potranno visitare le aule veramente ampie e colorate dopo i lavori di sistemazione effettuati durante l’estate, un’aula-laboratorio didattico innovativa e l’elegante teatro con colonne in ghisa dei primi anni del ‘900, ripensato anche per ospitare eventi di interesse culturale del territorio. L’aula innovativa e l’antico teatro rappresentano la capacità del nostro Istituto di conciliare innovazione e tradizione. Si potrà vedere anche il magnifico parco dedicato interamente alle attività didattiche in orario scolastico. Il viaggio virtuale riguarderà anche la splendida scuola dell’infanzia Garibaldi, con aule spaziose e luminose, con l’ampio giardino a misura di bambino, un edificio completamente ristrutturato in modo antisismico, con spazi organizzati per le attività dei più piccoli, dove possono esprimersi in totale libertà ed armonia con l’ambiente. Oltre agli spazi i genitori avranno l’opportunità di conoscere la mission dell’istituto, dove si viene a scuola per crescere in maniera armoniosa, imparare ad imparare, condividere esperienze culturali, aprirsi ai cambiamenti, sentirsi parte del territorio, arricchirsi nelle diversità. Insomma sviluppare l’acquisizione delle competenze europee per la realizzazione personale degli alunni, per divenire cittadini attivi, per l’inclusione sociale”. Sul progetto “Scuola senza zaino” aggiunge: “In questa scuola innovativa, gli studenti non portano a casa i loro strumenti di lavoro, ma appunto li lasciano in classe. Via lo zaino e aule più funzionali. Nelle classi della “Scuola senza zaino” per esempio lo spazio è suddiviso in maniera diversa: c’è un’area tavoli, un’area laboratori, un’aerea agorà, un’area di lavoro individualizzato, un’area computer e tanto altro ancora. Un’altra tappa del nostro viaggio virtuale è dedicata alla scuola dell’infanzia di Pierantonio, con i suoi spazi ampi, accoglienti e luminosi, il giardino riservato ai giochi e ai momenti di svago dei bambini”.   Dichiara la dirigente scolastica del II Circolo, Angela Monaldi: “Sarà un viaggio virtuale alla scoperta delle scuole del II Circolo e dei suoi atelier, spazi innovativi in cui manualità e creatività si incontrano con artigianato e tecnologie, dove tradizione e futuro si compenetrano armoniosamente, la fantasia progetta e il fare genera tra analogico e digitale. Già da tempo, infatti, l’indirizzo seguito dall’istituto è quello di allestire ambienti che supportano la robotica educativa e l’apprendimento di nuovi linguaggi e alfabetizzazioni (pensiero computazionale, coding, digital storytelling), dotandosi di apparecchiature di ultima generazione come stampante 3D, proiettore interattivo, microscopio con telecamera per video e foto, tablet nelle postazioni di lavoro, attrezzature per la produzione della carta, bee bot e cubetto per il coding. In questi spazi creativi gli insegnanti sono promotori di una didattica attiva e dinamica, attivando costantemente laboratori per i propri alunni che si collocano nell’ambito di vari percorsi curricolari. Inoltre, da quest’anno in particolare modo, promuoviamo esperienze laboratoriali che vanno “oltre l’aula” con spazi esterni opportunamente pensati allo svolgimento di attività per cui quelle aree sono state strutturate. Già da qualche anno guardiamo alla nostra scuola come ad un ambiente in cui poter fare principalmente esperienze e acquisire competenze. Oggi abbiamo la fortuna di poter disporre di atelier creativi dotati di strumentazioni innovative in cui i nostri studenti sono costantemente coinvolti attraverso attività laboratoriali che incoraggiano la creatività e la manualità insieme all’uso dei media e delle tecnologie. Al centro delle nostre azioni c’è il bambino nella sua totalità, per queste ragioni diamo  massima attenzione all’accoglienza, alla sua cura e allo star bene a scuola che non dipende soltanto da spazi gradevoli e ben organizzati, quanto piuttosto dalle relazioni interpersonali che vi intercorrono. La relazione adulto/bambino e quella fra pari sono i fattori importantissimi che incidono sul sentirsi bene e quando si parla di “stare bene”, intendiamo una condizione emotiva che permette di esprimersi al meglio, di aprirsi agli altri con fiducia, di esplorare il mondo sereni e curiosi”.   Di seguito l'elenco degli indirizzi per prendere parte ai Virtual Open Day: - Per le scuole dell'infanzia e scuole primarie del I Circolo (“Giuseppe Garibaldi” e Pierantonio” e per il progetto “Scuola senza zaino” https://meet.google.com/pzg-tvrg-pbz - Scuola primaria “Di Vittorio” https://meet.google.com/iae-zptc-rzt - Scuola primaria Niccone https://meet.google.com/adp-ybkk-pvq - Scuola primaria “Anna Frank” di Verna https://meet.google.com/tua-caxb-tkj - Scuola primaria di Lisciano Niccone https://meet.google.com/hhd-ghkk-ouc - Scuola dell'infanzia “Marcella Monini” https://meet.google.com/ggg-uoko-xjo - Scuola dell'infanzia Calzolaro https://meet.google.com/pfn-idvv-cqy - Scuola dell'infanzia Molino Vitelli https://meet.google.com/qmg-tkbf-hwa - Scuola dell'infanzia Montecastelli https://meet.google.com/qdh-bjpt-hdy - Scuola dell'infanzia di Lisciano Niccone https://meet.google.com/bam-cubt-kfz

08/12/2020 10:14:56 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Ventanni (Pd Umbertide): “La Lega boccia la proposta di riduzione della Tari, il Governo stanzia altri 8 miliardi”

“La Lega gioisce per l’approvazione del bilancio consolidato. Ci mancherebbe che la situazione andasse diversamente, dopo le scadenze fiscali che i cittadini hanno visto recapitarsi nelle ultime settimane". Ad esprimersi è il capogruppo Pd Umbertide Matteo Ventanni che torna sulla questione TARI: "Il 2020 è stato un anno difficile e complicato, gli effetti della pandemia si ripercuoteranno purtroppo ancora nei mesi successivi. Detto questo a livello comunale si poteva intraprendere scelte diverse con i quasi 2 milioni di euro stanziati dal governo dall’inizio pandemia. Il Consiglio comunale ha vagliato stamattina un ordine del giorno a firma del Gruppo PD con il quale chiedevamo di ridurre una quota della TARI per le famiglie umbertidesi dopo che la Lega aveva voluto rinviarne la discussione tramite l’assenza dei suoi consiglieri nel penultimo consiglio. L’ordine del giorno è stato oggi bocciato pregiudizialmente dalla maggioranza. Con giustificazioni scarsamente consistenti le quali fanno emergere quanto questa amministrazione sia lontana dai problemi socio-economici della città. Infatti con la conversione in Legge del Decreto 104 di agosto, sono stati stanziati ulteriori 364 mila euro per Umbertide che potevano essere impegnati per ridurre la pressione fiscale alle famiglie umbertidesi che invece si sono visti aumentare non di poco conto la TARI 2020. E questo senza alcun potenziamento di servizi come la giunta va sbandierando. Altri Comuni a noi vicini hanno provveduto al rinvio delle scadenze, dopo l'aumento generale del 3,2 % previsto da AURI che ricordiamo è a guida centrodestra. Siamo al paradosso. Il governo, dopo i provvedimenti sulla TOSAP, approva il rinvio delle scadenze e stanzia ulteriori 8 miliardi per affrontare le difficoltà di imprese e famiglie mentre a Umbertide non si prendono quelle scelte coraggiose determinanti per alleviare le criticità del periodo. Si danno giustificazioni sulla salvaguardia della solidità del bilancio quando non viene chiarito cosa questa giunta abbia intenzione di fare con gli stanziamenti governativi. Si fanno comunicati su questioni avviate molto prima dell’insediamento di questa giunta. Ultimo è il caso della riapertura del servizio postale di Preggio, un servizio importantissimo per la comunità il cui recupero va ricordato che è partito dalla firma di un esposto nel 2012 e continuata poi successivamente. Insomma, molte chiacchiere e tante corse per accaparrarsi e sfoggiare meriti a destra e a manca con la totale assenza di provvedimenti concreti e attuali. Anzi, la maggioranza vota perfino contro il potenziamento dell’Ospedale di Umbertide. Quelli che si presentavano come paladini di Umbertide nel 2018 oggi prendono scelte in netto contrasto con gli impegni presi.”                

04/12/2020 17:52:34 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Slow food: a Natale dei Presìdi per aiutare i piccoli produttori

Nasce dall’idea di 3 donne Chiara, dell’azienda agricola biologica Chiara Filippi e Chef presso ristorante la Miniera di Galparino, Lucia, portavoce della comunità del Vinosanto affumicato dell’Alta Valle del Tevere, e Roberta, fiduciaria condotta Slow Food Alta Umbria, di dare solidarietà e supporto alla produzione agricola locale. In questo momento di grave difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria quindi la Condotta Slow Food Alta Umbria ha pensato di contribuire alla commercializzazione della produzione agricola più fragile, soprattutto nelle filiere locali, realizzando delle box con tutti e 10 i Presìdi Slow Food dell’Umbria.  Tre diverse Box, da 5 a 9 Presìdi, a seconda della box che si sceglie si può trovare Arcigola: Mazzafegato dell’Alta Valle del Tevere, Fagiolina del lago Trasimeno,                   Roveja di Civita di Cascia, Grano Saraceno della Valnerina. Arca del gusto: Cicotto di Grutti, Fava cottòra dell’Amerino, Sedano Nero di Trevi, Fagiolo secondo del Piano                         di     Orvieto, Vinosanto Affumicato dell’Alta Valle del Tevere. Terra Madre: Cicotto di Grutti, Fava cottòra dell’Amerino, Fagiolina del lago Trasimeno,                          Sedano Nero     di Trevi, Vinosanto Affumicato dell’Alta Valle del Tevere,                           Mazzafegato dell’Alta Valle del Tevere, Roveja di Civita di Cascia, Grano Saraceno                           della Valnerina, Fagiolo secondo del Piano di Orvieto.   Dentro la Box si trovano una o più ricette da realizzare con i Presìdi offerte da Chiara Filippi chef del ristorante La Miniera di Galparino. Inoltre si possono leggere tutte le informazioni sulle aziende agricole che producono i Presìdi stessi. Il ricavato della vendita andrà a sostegno dei piccoli produttori dei presìdi e come raccolta fondi per la Condotta Slow Food Alta Umbria. Le prenotazioni dovranno pervenire entro il giovedì pomeriggio di ogni settimana così da poter preparare i pacchi per il ritiro al Mercato della Terra di Umbertide sabato mattina  del 12 Dicembre 2020 e del 19 Dicembre 2020.  Possiamo anche spedire tramite corriere. Per ordinare Contatta i numeri ( Roberta ) 3920601226  o (Chiara ) 3476140798. Diamo supporto e solidarietà   alla produzione agricola locale, sosteniamo la biodiversità e tuteliamo il nostro territorio.       

02/12/2020 18:51:40 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile A Natale compra Locale: una campagna per promuovere l'economia del territorio

"Locale" è uno degli aggettivi che contraddistingue il nome che abbiamo scelto per il nostro giornale, proprio per sottolineare l'attaccamento al territorio, alla sua comunità, al suo tessuto sociale ed economico. Questa la breve premessa che accompagna l'idea di lanciare una campagna di comunicazione, promossa da Informazione Locale e Digital Editor, a sostegno di tutte le attività del territorio, che in questo momento di difficoltà legato all'emergenza epidemiologica da Covid-19, sono state e sono tutt'ora chiamate a grandi sacrifici.  Nel nostro piccolo abbiamo quindi pensato di sensibilizzare i cittadini ad acquistare negli esercenti del territorio al fine di rilanciare l'economia locale: chiedendo a tutti di concentrare il proprio shopping natalizio nei negozi umbertidesi. #ANATALECOMPRALOCALE è la campagna che quindi da oggi lanciamo con forza, sulle nostre pagine ma anche attraverso i nostri canali social (facebook e instagram), perchè siamo convinti che acquistare nei negozi di quartiere, nei centri storici, nel nostro paese sia un gesto d'amore verso  il nostro territorio.  Le bontà dei nostri produttori, la capacità ricettiva dei commercianti, l’arte e l’ingegno dei nostri artigiani, sono un punto di forza che dobbiamo e vogliamo difendere. I bar e i nostri negozi, i supermercati sono il nostro motore commerciale, le nostre aziende un orgoglio da mostrare, l’artigianato una risorsa sempre più preziosa nella nostra Umbertide. In questo periodo critico, determinato dalla crisi economica causata dalla pandemia, acquistare locale è sicuramente un segnale decisivo per il futuro e la sopravvivenza economica e sociale del territorio.  Ricordandoci che dietro le attività ci sono persone, famiglie, sacrifici che durano da decenni. Vogliamo stringerci attorno a loro, attorno al nostro territorio. Se una cosa questa pandemia ci ha insegnato è forse proprio che ognuno di noi è fortemente legato alla forza e alla salute degli altri. Siamo un sistema e in quanto tale solo attraverso la collaborazione di ogni sua parte si possono superare i momenti di crisi e guardare con fiducia verso il futuro. #ANatalecompraLocale sarà l'hashtag diffuso sui social ma nei prossimi giorni le attività commerciali riceveranno dei materiali promozionali con questo messaggio per diffondere con forza questa campagna.  Ognuno può fare la propria parte.

02/12/2020 12:53:14 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide, tuona il Pd: “Ritardi colpevoli sull'edilizia scolastica a partire dal nido comunale”

“Amministrare un paese significa curarne l’andamento in modo da garantire l’efficienza e il rendimento; significa, inoltre, gestire le risorse (di qualunque natura) affinchè vengano promosse azioni positive per la collettività”. E’ questo l’inizio della nota stampa a firma Pd Umbertide in riferimento a quanto dichiarato i scorsi giorni da amministratori e maggioranza. “Infatti - si legge - ogni volta la stessa storia, ogni volta lo stesso film: a volte triste, troppo spesso comico. Apriamo i Social e troviamo aggiornamenti in termini di edilizia scolastica pari a 80mila euro. Leggiamo con attenzione, ma non troviamo nominato il servizio “asilo nido” che ci risulta essere uno dei luoghi che avrebbe bisogno di maggiori investimenti. Tutto ciò – rimarca il Pd - inizia ad essere veramente imbarazzante, come risulta essere imbarazzante la continua propaganda politica in termini di investimento. Va precisato che le pochissime azioni realizzate per le scuole, soprattutto in un periodo storico in cui le distanze fisiche aumentano i bisogni delle strutture educative, sono riferite soltanto per manutenzioni ordinarie obbligatorie che sono sempre avvenute dal dopoguerra in avanti, e che sono state  sempre considerate come normale amministrazione. Oggi assistiamo ad uno spettacolo in cui, per alcuni personaggi inseriti nel vuoto creativo più totale, cambiare una caldaia non funzionante diventa una straordinaria opera pubblica. Ecco perché ribadiamo che amministrare non è proprio per tutti e che ci sono servizi che richiedono impegno e orizzonti, visto che ospitano al loro interno bambini da 0 a 3 anni. Amministrare è soprattutto questo, migliorare le condizioni di tutte le strutture senza dimenticare le fasce più preziose della nostra realtà. La primissima infanzia ha bisogno di azioni concrete e di risposte specifiche perché non è possibile pensare che il nostro “asilo nido comunale” debba aspettare ancora tempo per essere preso in considerazione”.   "Nel frattempo – conclude la nota - le opposizioni accompagnate dai funzionari (amministrazione anche questa volta assente) hanno fatto un sopralluogo per prendere atto della attuale precaria situazione. Il personale sta facendo miracoli, ma agli amministratori spetta l'obbligo di guardare in avanti e invece sembrano sembrano davvero disinteressarsi ai servizi per l'infanzia".  

02/12/2020 11:19:47 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy