Categorie

Sport Prosegue il momento positivo del Volley Umbertide, vittoria al tie break contro Foligno

Prosegue il momento positivo del Volley Umbertide, che vince al tie break ed in rimonta un combattutissimo scontro diretto contro il Foligno Volley I due punti consentono ad Umbertide di riportarsi al quarto posto della classifica della stagione regolare, mantenendosi al passo delle dirette avversarie di Raffaello Agea Foligno – Nonostante l’assenza di coach Gabriele Violini, più che giustificata per un impegno di lavoro a New York, il Volley Umbertide, affidatosi per l’occasione alla guida dalla panchina dell’esperta Maddalena Rosi, non ha deluso le aspettative. Le umbertidesi partono molto forte: grazie anche ad una difesa molto attenta ed al muro delle centrali Chiara Moretti e Livia Bianchini che tocca spesso e volentieri, l’attacco gira a mille, soprattutto con l’opposta Greta Ottaviani e con la banda Matilde Ercolani. L’allungo, con un vantaggio massimo di 9 punti (11 – 2), sembra essere di quelli decisivi. Ma le folignati, forse più per demeriti delle ospiti che grazie al loro gioco, rosicchiano qualche punto capitalizzando qualche banale errore dall’altra parte della rete.  Nonostante cominci a mettere a segno attacchi vincenti anche la schiacciatrice Giada Palazzetti, peraltro anche da seconda linea, dalla parte di Umbertide gli errori continuano a superare i punti ed al mulino delle padrone di casa arriva anche qualche ace, che sul finale del set le porta in vantaggio.  Completata la rimonta ed il sorpasso è proprio un altro errore in difesa di Umbertide che consegna il primo set (25 – 20) a Foligno. Anche il secondo set, malgrado il morale per il recupero subito avrebbe potuto essere sotto i tacchi, si apre con le umbertidesi in vantaggio, che anzi ritrovano incisività in attacco. La distribuzione della regista Martina Ubaldi, che quando capita attacca anche di seconda intenzione, è abbastanza varia e fluida, ma inspiegabilmente l’attacco smette di funzionare a metà del secondo parziale, prorio quando il vantaggio accumulato (14 – 9) consentirebbe di controllare senza dover strafare.  Con il secondo set incamerato da Foligno (25 – 22), la rimonta si profila difficile, ma il Volley Umbertide non ci sta a mollare ed è proprio nel terzo set, soprattutto con gli attacchi di Ottaviani e Palazzetti, che le ospiti dimezzano lo svantaggio nel conto dei set, aggiudicandosi il terzo per 25 a 19. Il quarto parziale ricalca quasi esattamente quello precedente, con l’attacco delle umbertidesi sugli scudi, tra l’altro coadiuvato dal ritorno del muro e da un’eccellente Althea Giulietti in seconda linea. Finisce con ampio margine (25 – 15) in favore di Umbertide; punteggio e gioco che fanno ben sperare per il tie break, quando si sa che sbagliare è vietato. Nel game decisivo le squadre prendono alla lettera questa regola, tanto che in pratica si va punto a punto fino al cambio campo, quando Foligno mette a segno un primo strappo, arrivando ad un vantaggio massimo di + 4 (11 – 7). Ma sono solo due episodi sfortunati, prima con una palla difesa egregiamente che sfiora il soffitto e poi con un ace veramente beffardo (la palla danza sul nastro e muore imprendibile a filo rete), a regalare a Foligno 2 match point sul 14 a 12. Le due palle match vengono annullate da una coraggiosa Greta Ottaviani, la cui mano non trema in questi momenti. Ai vantaggi è ancora l’opposta di Umbertide a mettere palla a terra per due volte consecutive, consegnando il set (17 – 15) e l’incontro alla sua squadra. Nelle rotazioni con le attaccanti di banda e con l’opposto in seconda linea, c’è spazio anche per Elisa Governatori e Stefania Nicoletti, che danno il loro contributo dalla linea dei nove metri, consentendo alle prime di rifiatare un po’.  Dopo una partita dalla fasi così alterne, caratterizzata sempre da ampi vantaggi del Volley Umbertide all’inizio dei parziali, verrebbe quasi da dire … un punto perso. In realtà, però, non è così, perché al netto degli errori che hanno propiziato le rimonte di Foligno nei primi due set, ciò che va sottolineato è la voglia di stare sempre dentro la partita, insomma di non mollare di un centimetro. Vale la pena di aggiungere ancora che questo è lo spirito giusto per affrontare le prossime partite, che quasi sempre, con una classifica sempre molto corta, saranno scontri diretti. Il tabellino Foligno Volley – Volley Umbertide 2 – 3 Parziali: 25 – 20, 25 – 22, 19 – 25, 15 – 25, 15 – 17 Volley Umbertide: Ubaldi (C) 12, Ottaviani 26, Palazzetti 12, Ercolani 11, Moretti 6, Bianchini, Governatori, Nicoletti, Giuletti A. (L1). N.e.: Giulietti M. (L2), Ceccagnoli, Beacci, Rosi. B.s. 5, 10 ace, 38 errori. Foligno Volley: Pagnini, Mariucci, Benincasa, Adriani, Pesciaioli, Pacilio, Bruno, Mancinelli, Gaudenzi, Lucidi, Falcinelli, Formica (L1), Trabalza (L2). Allenatore Loreti (dati relativi agli scores individuali ed altro non disponibili) Arbitro: Salinaro Angela

06/03/2018 11:28:19 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Sport AGAPE PROPONE “SOCCER ENGLISH”

  Agape, società di settore giovanile di Umbertide, propone anche quest’anno “Soccer English”. Il corso, organizzato da Massimo Pazzaglia, responsabile tecnico della società umbertidese, e tenuto dal Prof. Pietro Gianfrancesco, docente del settore Tecnico di Coverciano, la scorsa stagione rivolto ai ragazzi, quest’anno ha come studenti gli allenatori. Tra gli iscritti tecnici del Perugia (Roberto Breda, Davide Ciampelli, Filippo Sdringola), del Gubbio settore giovanile (Lucio Bove, Enea Corsi), dell’Avellino (Walter Novellino, Alessandro Scaia, che seguono via Skype), dell’Agape (Massimo Pazzaglia, Federico Scaia). L’inglese, anche tecnico, è infatti oggi una competenza sempre più richiesta agli allenatori, non solo profesionisti. Il motivo ce lo spiega lo stesso Pietro Gianfancesco, docente di Soccer English - Settore Tecnico Coverciano: Corsi UEFA A, UEFA PRO, dal 2006 al 2013 e docente di inglese in un istituto liceale. Perché parlare di calcio in inglese? Il calcio comunica attraverso la lingua inglese in maniera pressoché perfetta. Il soccer English appartiene a un registro linguistico specifico, che riesce a rendere al meglio il significato di un’azione di gioco, di un gesto tecnico individuale e di squadra. L’inglese è storicamente una lingua semplificata nell’aspetto morfosintattico e predilige il modello comunicativo rispetto a quello meramente formale. Oggi, all’interno del calcio, l’inglese svolge una funzione regolativa e identificativa, instaurando uno speciale rapporto con tutte le generazioni che ormai da più di un secolo hanno eletto il soccer sport di tutti. Perché un corso di SOCCER ENGLISH a Umbertide? Abito a Umbertide due/tre mesi l’anno per motivi familiari, qui mio figlio si sottopone periodicamente ad un ciclo di riabilitazione motoria presso la clinica Prosperius. Lo scorso anno ho avuto il piacere di conoscere Massimo Pazzaglia ed è stato lui ad avere l’idea di un corso simile, intuendone l’importanza per ragazzi e tecnici ed inserendolo quindi nel contesto della programmazione della Società Agape. Quest’anno è dunque rivolto ad allenatori. Ad allenatori e preparatori atletici. Ci sarebbe stato spazio anche per preparatori dei portieri, ma non abbiamo trovato nessuno interessato a uno studio specifico simile. Tra le mie competenze ho infatti approfondito in particolare proprio questi tre aspetti del Soccer English: TECHNIQUES & TACTICS, FITNESS METHODOLOGY, GOALKEEPING. I sussidi didattici usati sono il mio: “TAKOURAGE”   - ed. Calzetti e Mariucci PG – dispense scritte da me su Fitness methodology, transitions, filmati dell’Academy del Manchester United e canzoni, che uso come warm up linguistico all’inizio di ogni lezione.   

05/03/2018 15:55:21 Scritto da: Eva Giacchè

Sport Basket A2/F: PF Umbertide sette meraviglie, conquistata Forlì

Settima vittoria stagionale per la Pallacanestro Femminile Umbertide che conquista il parquet di Forlì con il punteggio di 69-65. Partita vietata ai deboli di cuore, con le squadre ad inseguirsi fino all’ultimo minuto, quando la tripla di Dettori a 19 secondi dal termine ha portato le bianco-azzurre a più quattro. MVP del match proprio Angela Dettori, con 19 punti, 10 rimbalzi e 21 di valutazione. In doppia- doppia anche Jovana Mandic con 13 punti e 10 rimbalzi. In doppia cifra Federica Giudice (13), Chiara Fusco (11) e Giorgia Paolocci con 10 punti. Le ragazze di coach Contu volano a quota 14 punti in classifica, inseguite dal San Raffaele Roma a quota 12. La squadra ha compiuto notevoli progressi dall’inizio della stagione, nonostante il cambio della giocatrice straniera (Mandic per Iiskola) e l’abbandono della ex capitana Landi, approdata a Palermo. La salvezza è sempre più vicina, ma non ancora matematica. Prossima partita domenica 11 marzo alle 18, in casa contro Civitanova Marche.   23-24 (23-24), 38-34 (15-10), 49-53 (11-19), 65-69 (16-16)   Tigers Rosa Forlì: Zampiga 8, Zavalloni 13, Vespignani, Ragazzini, Pieraccini 6, Melandri 2, Patera 6, Gramaccioni 10, Balestra ne, Missanelli 17, Oaljide 3. Allenatore: Castelli.   Pall. Femm. Umbertide: Giudice 13, Mandic 13, Fusco 11, Conti ne, Dettori 19, Morelli ne, Paolocci 10, Meschi 3, Cutrupi, Catalino. Allenatore: Alessandro Contu.   Francesco Cucchiarini  

04/03/2018 10:28:21 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Sport Riscatto del Volley Umbertide nella sfida casalinga contro la Sir Erredue Rivotorto, nettamente superata con il punteggio di 3 a 0

La conquista dell’intera posta in gioco consente alle umbertidesi di risalire di una posizione in classifica (al sesto posto), ma con lo stesso punteggio della terza e delle altre due squadre al quarto ed al quinto posto di Raffaello Agea Umbertide – Che la squadra di Gabriele Violini, dopo alcune battute d’arresto che l’avevano fatta scivolare nelle zone più basse della zona play off, avesse recuperato gioco e convinzione, si era visto fin dalla partita disputata sabato scorso contro Colleluna Volley Terni, quando aveva ceduto solo al tie break. Ma in quella partita, più che altro, si erano intravisti i segni del possibile riscatto. Riscatto che c’è stato nella partita disputata contro Rivotorto tra le mura amiche. Il match, tra l’altro, aveva una chiave di lettura non solo in relazione alla classifica (con le ospiti a – 3 al fischio di inizio), ma anche il sapore di rivincita rispetto all’andata, quando le umbertidesi avevano ceduto con il punteggio di 3 a 1, con una prestazione tutto sommato incolore, oltre che sotto tono. Il match si apre in modo molto combattuto: si va punto a punto fino all’8 pari. Poi, con la centrale Livia Bianchini autrice di una buona serie al servizio, le padrone di casa mettono a segno il primo break, portandosi sul 12 a 10 in loro favore. Ma Rivotorto non molla, riagguantando il pareggio (14 – 14) dopo un errore in attacco dell’opposta Greta Ottaviani, che però si riscatta prontamente con un pallonetto che supera il muro avversario e cade a terra, nonché con un paio di conclusioni travolgenti, che riportano le biancorosse di sul 18 a 16. Umbertide allunga ancora con alcune buone chiusure del martello Matilde Ercolani e conquista il primo set con il punteggio di 25 a 19. Già nella prima frazione, malgrado i postumi di un infortunio alla spalla destra che continuano a perseguitarla, la centrale Chiara Moretti aveva messo a segno 3 muri vincenti; nel secondo game conferma di essere particolarmente ispirata in questo fondamentale, mettendone a segno altri 3. Anche l’attacco, attivato con varietà dalla palleggiatrice Martina Ubaldi, comincia a girare regolarmente, anche con qualche primo tempo oltre che con alcuni colpi dell’altra schiacciatrice Giada Palazzetti. Il punteggio finale del game è ancora più eloquente a favore delle padrone di casa: 25 a 17. La conquista dei primi due parziali poteva far pensare ad un terzo set agevole, ma Rivotorto concentra i suoi sforzi, tanto che si porta in vantaggio: prima sul 7 a 5 e poi sul 15 a 13. Ma è ancora il muro di Umbertide, questa volta con l’altra centrale Livia Bianchini, a ridare vigore e continuità al gioco delle padrone di casa. E’ ancora Bianchini a riportare in vantaggio Umbertide sul 17 a 16 e a dare il la al break decisivo, coronato dagli attacchi di Ottaviani ed Ercolani, con la chiusura in attacco di Moretti (25 – 21). C’è spazio anche per Emma Antonini per dare respiro alle titolari, mentre in seconda linea, come ormai avviene da qualche settimana a questa parte, si alternano nel ruolo di libero Althea Giulietti (in ricezione) e Martina Giulietti(in difesa), che svolgono con puntualità e (quando possibile) con precisione il loro lavoro. Serviva una vittoria convincente, ma soprattutto servivano i 3 punti per non allontanarsi troppo dalla zona calda della classifica. Una classifica che raggruppa ben 4 squadre a quota 30 e con il Volley Umbertide che è in sesta posizione solo per una differenza set leggermente sfavorevole rispetto alle altre.  Ma forse questo è anche il bello di questo campionato, che ad ogni giornata propone scontri diretti, a partire dalla prossima giornata, quando Umbertide sarà impegnata a Foligno, che sempre con 30 punti, occupa la quarta piazza della classifica. Se però Umbertide saprà esprimere il livello di gioco messo in campo contro Rivotorto, grazie anche al ritrovato reparto delle centrali (decisive soprattutto a muro) c’è da sperare che possa ripetere la prestazione vittoriosa dell’andata. Il tabellino Volley Umbertide – Sir Erredue Rivotorto 3 – 0 Parziali: 25 – 19, 25 – 17, 25 – 21 Volley Umbertide: Ubaldi M. (C) 3, Ottaviani 16, Palazzetti 4, Ercolani 13, Bianchini 5, Moretti 9, Antonini, Giuletti A. (L1), Giulietti M. (L2). N.e.: Ceccagnoli, Pannacci, Rosi, Nicoletti, Governatori. B.s. 8, 5 ace, 23 errori. Allenatore: Gabriele Violini Sir Erredue Rivotorto: Ronchetti, Agostinelli, Gambacorta, Gaudenzi, Andreoli, Balducci, Massimi, Shahvandi, Ercolani, Carbone, Pammellati (L). N.e.: Viola. Allenatore: F. Guerrini (dati relativi agli scores individuali ed altro non disponibili) Arbitro: Salinaro Angela

27/02/2018 09:23:43

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy