Categorie

Attualità » Primo piano Ex Piselli: il lockdown ferma la pasticceria ma aumenta la richiesta del settore biscotti. I sindacati chiedono programmazione virtuosa

Si tratta di una delle realtà alimentari più significative dell'Umbria, La ex Piselli di Pierantonio, oggi Tedesco Group, con oltre 180 dipendenti, non si è mai fermata nell’emergenza coronavirus. Il lockdown, con la chiusura di bar e mense scolastiche, ha comunque determinato il ricorso alla cassa integrazione per il settore della pasticceria e dei salati. Una maggiore richeista della Gdo è stata invece registrata dal settore dei biscotti. Proprio il settore dei biscotti era al centro di importanti investimenti come spiegato da Luca Turcheria, della Flai Cgil Umbria: «Negli incontri che abbiamo avuto con l’azienda erano stati prospettati importanti investimenti proprio nel settore dei biscotti, con la realizzazione di una nuova linea produttiva che avrebbe permesso di diversificare ed ampliare la gamma delle produzioni, consentendo di occupare un numero maggiore di lavoratori e quindi di evitare il ricorso alla cassa Integrazione». «Ad oggi, però – continua Turcheria – per questioni legate a rapporti con alcuni fornitori, questi investimenti sono fermi e l’azienda ci comunica che potrà procedere solo quando saranno risolti, in altre sedi, questi problemi. Senza voler entrare nel merito delle criticità che hanno determinato questa situazione, auspichiamo che l’azienda si adoperi quanto prima per risolverle e che si creino le condizioni per poter attuare quanto concordato.  È necessaria una programmazione virtuosa, al fine di farsi trovare pronti per la riapertura della pasticceria e dei salati freschi, così come è indispensabile risolvere queste criticità e attuare gli investimenti concordati nel settore dei biscotti per incrementare le produzioni e la forza lavoro».

20/05/2020 11:09:48 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Città di Castello, Bacchetta: “Un positivo ma in buone condizioni. Torna il mercato in centro”

Ancora un positivo, ma in buone condizioni di salute a Città di Castello. Queste le dichiarazioni del Sindaco Bacchetta: “L’aggiornamento di oggi registra un nuovo positivo, non voglio tranquillizzare ma si tratta di positività asintomatiche e la situazione di questa persona è sotto controllo. Facciamo gli auguri di pronta garigione, Il contesto continua ad essere buono e questa nuova fase di riaperture sarà un test significativo per capire quanto è ancora forte la presenza del virus tra le persone e sarà importante testare la situazione per poi eventualmente prendere provvedimenti. Per ora mi sembra che le cose stanno procedendo in maniera positiva. E’ tornato in piazza il mercato biologico, giovedì e sabato tornerà anche il mercato settimanale. E’ stato riaperto il tennis con una partecipazione e un entusiasmo notevole degli sportivi. Stiamo lavorando a proposte alternative per l’Estate in città insieme alla Regione. Voglio segnalare un bel gesto da parte degli abbonati della stagione teatrale che hanno rinunciato al rimborso per destinarlo alla valorizzazione della cultura. Nelle persone c’è molto amore per la cultura e per la città e c’è la volontà di ripartire il prima possibile nella massima sicurezza. I comportamenti individuali sono in capo alle persone e mi sembra che i cittadini siano rispettosi. Questa fase in cui c’è un allentamento delle prescrivzioni e un rischio inevitabile di contagio mi sembra che sia iniziato sotto auspici buoni, ma il Covid ancora c’è ed è in agguato, potrebbe essere tramsesso da persone asintomatiche. Voglio terminare con la tabella dell’Istituto superiore di Sanità che attenzionava l’Umbria, insiema Lobardia  e Molise. E’ una valutazione di valore scientifico matematico astratto. Il messaggio è abbastanza fuorviante perché l’Umbria ha risposto in maniera eccellente all’epidemia e i numeri dell’Umbria sono in realtà molto buoni. L’Umbria non rischia più di altre regioni. C’è poi l’ultima polemica per l’apertura ai comuni limitrofi: la Regione dell’Umbria non lo prevede per motivi prudenziali, le aperture tra regioni ci saranno tra una decina di giorni ma è importante mantenere sempre la collaborazione e il coordinamento tra enti per non neutralizzare l’efficacia delle misure. Speriamo di archiviare presto la vicenda Covid 19”.

19/05/2020 15:45:50 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano La piattaforma logistica dell'Alto Tevere verso l'apertura. Sopralluogo questa mattina per Bacchetta e Melasecche

Si va verso l’apertura della piattaforma logistica dell’Alto Tevere al confine tra Città di Castello e San Giustino. Nel sopralluogo di stamattina il sindaco Luciano Bacchetta e l’assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti Enrico Melasecche hanno condiviso la volontà di lavorare in sinergia per garantire la piena operatività dell’area per la movimentazione e lo stoccaggio delle merci, in modo da metterla a disposizione della comunità dell’Alta Valle del Tevere.   “Vogliamo che questa piattaforma logistica diventi un cantiere di sviluppo e di ripresa economica per il tutto il comprensorio dell’Altotevere”, ha dichiarato l’assessore Melasecche, nel sottolineare la determinazione della Regione, proprietaria dell’infrastruttura, a operare insieme al Comune di Città di Castello, al Comune di San Giustino e alla Provincia di Perugia per l’obiettivo della definitiva entrata in funzione dell’area. “Stiamo lavorando con il sindaco all’attivazione di un’opera ideata in maniera molto opportuna a ridosso della E45, con uno svincolo a servizio, che sarà importante per supportare le aziende del territorio”, ha puntualizzato Melasecche. Il sopralluogo di stamattina, al quale hanno preso parte il vice sindaco di Città di Castello Luca Secondi e l’assessore Massimo Massetti, il consigliere regionale Valerio Mancini e i tecnici della Regione e del Comune tifernate, ha permesso di constatare il completamento delle opere previste dal progetto, che sono già state collaudate e che verranno perfezionate con gli interventi di finitura dei percorsi stradali interni all’atto della entrata in funzione della piattaforma.   “La conclusione di questo progetto è fondamentale per lo sviluppo economico del territorio e presto avremo risultati significativi”, ha osservato il sindaco Bacchetta, nel ringraziare la Regione, “che si sta impegnando moltissimo per arrivare a fare in modo che questa infrastruttura possa essere un’opportunità di crescita per l’intera Alta Valle del Tevere”. “Vogliamo completare la piattaforma, affidarla e farla gestire nel mondo migliore possibile”, ha rimarcato Bacchetta, che ha concluso: “quello di oggi è un segnale di grande attenzione da parte della Regione per il nostro territorio”.

19/05/2020 15:33:54 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Pietralunga: Fase 2, il Comune consegna mascherine pediatriche

E’ iniziata la distribuzione delle mascherine pediatriche da parte dell’Amministrazione comunale di Pietralunga.   Nello scorso week-end i consiglieri di maggioranza hanno consegnato personalmente i dispositivi di protezione ai giovani concittadini pietralunghesi. Tale iniziativa continuerà durante tutta la settimana. Un gesto importante quello dell'Amministrazione che ha voluto restare vicino alle famiglie sopperendo, ancora una volta, alle esigenze dettate dall'emergenza Covid-19; il tutto senza intaccare le casse comunali, ma a proprie spese personali. "Indossare la mascherina è un gesto ancora nuovo per tutti, ma ci stiamo abituando e confidiamo nella responsabilità e pazienza dei più giovani, la stessa dimostrata nei mesi di quarantena – spiega Federica Radicchi, assessore alle politiche sociali e alla scuola -. Ci rendiamo perfettamente conto che si chiede un grosso sforzo ancora, ma siamo altresì sicuri che i più giovani stiano imparando quale sia l'importanza di proteggere la propria e l'altrui salute. Questa emergenza li ha catapultati in un mondo totalmente sconosciuto e il repentino cambio di abitudini li ha portati sicuramente a compiere profonde riflessioni, sia intime che condivise in famiglia. Sono stati mesi fatti di rinunce, ma anche di crescita personale e sociale. Sicuramente i giovani stanno interiorizzando i concetti di salute, libertà e responsabilità civica, un processo non semplice e affatto scontato”. Le mascherine scelte sono 100% made in Italy (interamente ideate, realizzate e personalizzate da aziende del territorio), lavabili e riutilizzabili. Una scelta ecologica che vuole sensibilizzare ulteriormente i ragazzi sulla tutela e il rispetto dell'ambiente.

18/05/2020 15:16:32 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Gubbio: usl 1 avvia screening della popolazione a rischio. 500 test sierologici a disposizione

Oltre 500 test sierologici saranno messi a disposizione dell'Usl Umbria 1 per avviare la prima fase delle screening della popolazione che si è esposta a rischio partecipando, il 15 maggio, a assembramenti e manifestazioni spontanee nelle vie della Città di Gubbio: lo comunica l'assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, rendendo noto che "l'Usl 1, tenuto conto dei comportamenti non rispettosi delle regole in vigore in questo momento a causa della pandemia, ha chiesto al sindaco di Gubbio di trasmettere ai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica l'elenco delle persone individuate dalla Polizia Municipale". "Sulla base dell'elenco – spiega l'assessore – si procederà a chiamare le persone interessate per fare una valutazione della situazione e per effettuare il test sierologico. In caso di risultato positivo, verrà effettuato il tampone e sarà individuata la rete dei contatti a partire dai familiari. Nel frattempo, altri test saranno effettuati al Pronto soccorso e in Ospedale per accertare che non ci sia circolazione del virus e per monitorare al meglio la situazione".  Inoltre, l'Usl Umbria 1 invita ad un atto di responsabilità e chiede ai cittadini che il 15 maggio a Gubbio si siano trovati all'interno degli assembramenti, a limitare tutti i rapporti diretti con altre persone  e  contattare il Nus al numero 800 63 63 63, inviare un'email al servizio prevenzione della Usl Umbria 1 all'indirizzo prevenzione@uslumbria1.it oppure a contattare il servizio Igiene e sanità pubblica del distretto Alto Chiascio al numero 075 9239506 /620 fornendo il proprio nominativo per avviare le procedure per i necessari test.      

18/05/2020 11:51:23 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy