Categorie

Attualità » Primo piano Il Pd di Umbertide dice si alle Primarie di coalizione

Riceviamo e pubblichiamo dal Partito Democratico di Umbertide. "E’ tornata a riunirsi ieri sera presso la sede di via Pomarancio l’assemblea comunale del Pd. L’assemblea è stata molto partecipata e caratterizzata da una discussione ampia e costruttiva che ha portato alla definizione dei prossimi appuntamenti in vista delle elezioni amministrative che si terranno a primavera. In primo luogo è stata definita la nuova Segreteria Comunale guidata dal neo segretario Cinzia Montanucci; oltre ai membri di diritto, sono stati chiamati a farne parte Raffaella Violini, Piergiacomo Tosti, Gianluca Palazzoli, Federico Rondoni, Mauro Mancini, Sonia Galmacci, Mirco Chiucchiù, Paolo Leonardi e Fabrizio Capaccioni. A seguire l’assemblea ha deliberato all’unanimità l’ampliamento del Coordinamento Comunale attraverso la cooptazione di nuovi componenti che non appartengono già ad organismi del PD, con l’obbiettivo di valorizzare il risultato di partecipazione delle primarie dell’8 dicembre che hanno eletto Matteo Renzi segretario nazionale del partito. Sempre all’unanimità è stato inoltre stabilito di ricorrere alle primarie di coalizione di centro sinistra aperte, come previsto dal Regolamento e dallo Statuto del PD, per la scelta del candidato a sindaco. L’intera assemblea ha poi valutato positivamente l’operato dell’Amministrazione Comunale uscente con un giudizio positivo unanime sull’importante lavoro svolto dal sindaco facente funzione Marco Locchi.   Infine è stata definita l’organizzazione delle Convenzioni – che si terranno giovedì 6 febbraio per i Circoli di Pierantonio e Fontanelle-Petrelle e venerdì 7 febbraio per i circoli CU1, CU2, CU3, Niccone, Montecastelli, Verna e Calzolaro - e delle primarie per l’elezione del segretario regionale che si terranno il 16 febbraio prossimo, ed è stato stilato un programma di iniziative pubbliche coordinate dal Segretario comunale insieme ai Segretari di circolo da mettere in campo nelle prossime settimane. « Il PD vuole continuare ad essere punto di riferimento per la città – ha dichiarato il segretario Cinzia Montanucci - ed è fondamentale che si esca dalla discussione interna e si avvii la fase di interlocuzione con gli umbertidesi per discutere di come superare la crisi e delle azioni da mettere in atto a garanzia delle nostre famiglie»."

04/02/2014 13:05:38

Attualità » Primo piano Primarie ad Umbertide. Si candida Sergio Bargelli

E' il professor Sergio Bargelli il primo candidato alle primarie del centrosinistra per il Partito Democratico. Bargelli, classe 1950, laureato Scienze biologiche, ha svolto la professione di insegnate di matematica e scienze presso la scuola media "Mavarelli- Pascoli" di Umbertide ed è stato anche dirigente scolastico. Attualmente ricopre la carica di presidente del Centro Socio- culturale San Francesco e in passato è stato presidente dell'II. RR. B e assessore e vice-sindaco della nostra città. Il professore ha fatto questa scelta dopo aver visto quest'ultima legislatura chiudersi in cattivo modo per il Pd sia locale che nazionale, che come si sa, è spaccato al proprio interno. "Iscritti e simpatizzanti del Pd ed elettori del centrosinistra- dichiara Bargelli- mi hanno chiesto di candidarmi: spero di dare un contributo al partito per ottenere una più ampia partecipazione alla scelta del candidato a sindaco. Sarebbe auspicabile, anzi, che si presentassero altri candidati alle primarie, per consentire una scelta davvero democratica".  "La legislatura che si chiude- prosegue il professore- ha vissuto situazioni particolari che non sempre sono state ben viste dai cittadini. Capisco le difficoltà economiche e il momento non felice per la politica in generale, ma i cittadini umbertidesi sono giustamente attenti ed esigenti ed abituati a partecipare attivamente alla vita della città e pretendono sempre il meglio. C'è bisogno di un momento di riflessione, occorre un sindaco che rappresenti al meglio tutti i cittadini, nel quale la maggior parte si possa riconoscere, che sappia motivare una giovane Giunta ad impegnarsi  nell'amministrazione della città. Umbertide ha bisogno che gli abitanti possano riappropriarsi dei suoi spazi, che li vivano, realizzando attività culturali e momenti di incontro e di scambio che favoriscano una maggiore socializzazione".  

02/02/2014 11:58:36

Attualità » Primo piano La situazione delle piogge nel territorio

Un’ondata di pioggia eccezionale per il periodo invernale, tradizionalmente freddo e secco, che sta facendo registrare anche nei nostri territori disagi e allerta, ma fortunatamente tutto sotto controllo, grazie anche al lavoro incessante delle forze istituzionali impegnate in queste ore. L’assessore provinciale Domenico Caprini con delega alla viabilità difesa e gestione idraulica, ha tenuto a sottolineare l’impegno dell’istituzione nonostante che da due anni non ottiene più trasferimenti statali. “Per il momento la situazione è sotto controllo, le strade sono tutte percorribili eccezion fatta per alcune secondarie. Siamo all’opera con tutti gli uomini e mezzi – ha precisato l’assessore – sia sul versante idraulico che sulle strade. Nonostante il destino incerto di questo Ente – puntualizza l’assessore – noi continueremo a garantire servizi fino all’ultimo giorno di esistenza della Provincia. In questa situazione mi preme sottolineare l’impegno e la professionalità dei dipendenti impiegati in queste ore che stanno svolgendo al meglio il proprio lavoro”. Sul versante idraulico, la Provincia di Perugia Servizio Difesa e Gestione Idraulica comunica che “il servizio di piena, che normalmente si attiva per monitorare il lago Trasimeno, i fiumi Tevere e Chiascio è terminato alle due di questa mattina proseguendo con la reperibilità. Il tutto si sta svolgendo in stretta collaborazione con la Polizia provinciale ed il Centro funzionale della Regione Umbria. Mentre per il lago Trasimeno – ha proseguito – tutti i suoi canali artificiali sono stati impegnati fino al massimo livello consentito, impedendo in questo modo di inviare acqua al lago di Chiusi. Questa operazione ha comportato un innalzamento del livello del lago Trasimeno particolarmente significativo, per la quota fino ad allora registrata che, ricordiamo si attestava intorno ai – 17 cm rispetto allo zero idrometrico (posto a 257.33 s.l.m.) e ad oggi è a quota –5 cm.

01/02/2014 15:23:41

Attualità » Primo piano E45. Il consigliere regionale Dottorini: proporremo un referendum consultivo

In un comunicato, il consigliere regionale Oliviero Dottorini, presidente di Umbria Migliore, propone un referendum consultivo per far decidere i cittadini sulla trasformazione della E45 in autostrada.   "La vicenda della E45 autostrada non può essere risolta nel chiuso di qualche palazzo. E' giusto che i cittadini vengano messi a conoscenza dei rischi a cui va incontro la nostra regione e possano esprimersi su un'opera che non porterebbe alcun vantaggio all'Umbria, ma solo danni ambientali e pedaggio anche a carico dei residenti. Per questo stiamo valutando i contenuti di un quesito referendario da sottoporre al Consiglio regionale per chiedere agli umbri cosa ne pensano del progetto promosso da Bonsignore e dal governo Berlusconi". Con queste parole Oliviero Dottorini, presidente di Umbria Migliore, annuncia la predisposizione di un quesito referendario che sottoporrà ai colleghi del Consiglio regionale per chiedere agli umbri se sono favorevoli o meno alla trasformazione in autostrada della E45 Orte-Mestre.  "Non ci nascondiamo la difficoltà a raccogliere le sei firme necessarie a proporre l'atto in aula e non è per nulla scontato che dall'assemblea legislativa escano i 16 voti necessari a consentire il referendum consultivo. Tuttavia - spiega Dottorini - confidiamo nello spirito democratico delle forze consiliari che non avranno certo timore di interpellare i cittadini su un'opera infrastrutturale di questa portata. Si tratta di una realizzazione che cambierà i connotati paesaggistici e ambientali della regione e condizionerà le abitudini consolidate dei tanti utenti che rischiano di vedersi sottoposti a un pedaggio che a noi appare inopportuno. L'Umbria - aggiunge Dottorini - ha bisogno di mettere in sicurezza una E45 che ormai versa in condizioni pietose e di terminare le mille opere incompiute che divorano risorse pubbliche senza dare frutti. Occorre, questo sì, potenziare e modernizzare la nostra rete ferroviaria, rendendola degna di una regione e di un paese civile. Ma tutto questo non figura tra i progetti del governo che preferisce invece, con il colpevole avallo del nostro Consiglio regionale, intraprendere un progetto faraonico e anacronistico mettendolo a carico dei contribuenti attraverso il pedaggio. A farne le spese saranno i tanti pendolari che ogni giorno sono costretti a spostarsi per andare al lavoro e in generale tutti coloro che hanno puntato sull'immagine del 'cuore verde d'Italia' per dare impulso alle proprie prospettive turistiche e imprenditoriali". "Il fatto che martedì scorso si sia confermata, con qualche positiva defezione, l'intesa trasversale di otto anni fa - aggiunge Dottorini - la dice lunga su quale sia la visione che cementa destra e sinistra in questa regione. Quello che è successo in Consiglio regionale è l'ennesimo grave errore di valutazione in tema di infrastrutture. La nostra regione ha perduto una straordinaria occasione per sfilarsi da un progetto che non aveva senso dieci anni fa, ma che oggi assume i connotati di un'assurdità colossale che lascerà all'Umbria soltanto devastazione ambientale e pedaggio a carico dei cittadini". 

01/02/2014 14:45:25

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy