Categorie

Attualità » Primo piano Furti ad Umbertide. Arrestati due giovani

Due giovani, un ragazzo ed una ragazza, questa notte sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Città di Castello. L’accusa è di furto aggravato. Gli arrestati, insieme ad almeno un altro complice, in corso di identificazione, avrebbero messo in atto un vero e proprio raid riuscendo, in pochissimo tempo, a commettere diversi furti in danno di negozi ed autovetture in sosta. Verso le 04.30 una guardia giurata della “Vigilanza Umbra” ha sorpreso tre giovani i quali, dopo aver distrutto la vetrata di una gelateria, stavano asportando prodotti alimentari. I tre si sono dati alla fuga a piedi per le strade limitrofe. Sul posto sono immediatamente arrivate due pattuglie dell’Arma che stavano perlustrando proprio il territorio Umbertidese. I militari dell’Aliquota Radiomobile sono riusciti in pochi minuti a rintracciare ed arrestare due dei tre malviventi. Si tratta di una ragazza e di un ragazzo del posto, appena maggiorenni, ma già con qualche precedente di Polizia alle spalle. Le indagini hanno consentito di stabilire che gli arrestati, poco prima di essere bloccati, avevano verosimilmente commesso altri furti in danno di un’altra attività commerciale e di un’autovettura parcheggiata in strada, da cui era stato rubato un computer portatile, che è stato rinvenuto e restituito al legittimo proprietario. Dopo aver formalizzato l’arresto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, ed in ossequio alle vigenti normative, i due sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari. Il ragazzo ha però pensato bene di evadere dopo pochi minuti. La stessa pattuglia che lo aveva accompagnato a casa, nel proseguire il pattugliamento di Umbertide, lo ha notato, inseguito e bloccato. Il giovane è stato quindi nuovamente arrestato con l’accusa di evasione e tradotto in camera di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida.

09/05/2014 14:06:48

Attualità » Primo piano Non rispettano le misure restrittive. Denunciate quattro persone fra Umbertide e C. di Castello

Durante l’ultimo fine settimana, gli uomini del Commissariato di Polizia di Città di Castello hanno svolto un’intensa attività di controllo nei confronti di soggetti sottoposti a misure restrittive quali arresti domiciliari e sorveglianza speciale. Le verifiche riguardanti il rispetto della vigente normativa e degli obblighi imposti dalla legge, hanno interessato una ventina di soggetti e tutto il territorio di competenza del Commissariato. Due nordafricani rispettivamente di 28 e 37 anni posti agli arresti domiciliari, residenti a Città di Castello, sono stati trovati in compagnia di altri connazionali, violando le prescrizioni imposte. Per tale ingiustificato motivo, sono stati deferiti alla competente A.G., chiedendo la revoca del beneficio ottenuto. Un cittadino italiano, di origine campana, dimorante in Umbertide, sottoposto agli obblighi della sorveglianza speciale, in conseguenza della quale avrebbe dovuto rincasare entro le ore 22.00, è stato trovato all’interno di un locale pubblico. Riaccompagnato presso il proprio domicilio, è stato anch’egli denunciato alla A.G. per la menzionata violazione. Gli agenti della Squadra Volante – Ufficio Prevenzione Generale, hanno denunciato a piede libero alla competente A.G., un cittadino tunisino T.H. di anni 54, per non aver ottemperato all’obbligo di lasciare il territorio nazionale entro 30 giorni.

05/05/2014 20:50:08

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy