Cultura Saggio di fine anno per il Centro Studi Danza di Umbertide

Mercoledì 25 giugno, alle ore 21,15 all’anfiteatro del Parco Ranieri, si terrà il saggio-spettacolo dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Centro Studi Danza di Umbertide, da anni impegnata nel territorio nella promozione di attività di formazione inerenti la danza. Lo spettacolo, sotto la direzione artistica di Maria Paola Fiorucci - laureata all'Accademia Nazionale di Danza in Roma - e l'organizzazione di Gloria Caprini, Elisa Conigli e Giulia Gagliardini, porterà sul palco bambini e ragazzi dai 4 ai 25 anni. Nella prima parte gli allievi dei corsi di educazione al movimento, propedeutica alla danza e tecnica accademica, si esibiranno in La fille mal gardée, balletto di repertorio classico su musiche di Hérold e Hertel, in due atti con coreografie riviste e liberamente riadattate da Maria Paola Fiorucci. Vedremo interpretare i ruoli di Lise, dell’amato Colas e del fidanzato pretendente Alain da Valentina Pierini, Luca Pannacci e Raffaele Scicchitano, ballerini professionisti diplomati alla Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma e ad oggi danzatori della compagnia di danza Balletto di Roma. La seconda parte sarà invece dedicata alle altre discipline insegnate nella scuola - danza contemporanea, modern, hip hop e breakdance. Gli insegnanti Sara Sguotti,  Francesco Mariottini, Jenny Mattaioli e Mattia Maiotti porteranno in palcoscenico “Il mago di Oz”, dove il connubio di stili darà vita a una perfomance da non perdere. 

12/06/2014 23:46:59

Cultura L’artista inglese Robbie Duff-Scott a Umbertide

La mostra sarà visitabile alla Rocca di Umbertide fino al 13 luglio Il sindaco Locchi insieme alla curatrice della mostra Mariella Tubito E’ stata inaugurata sabato 7 giugno la mostra personale dell’artista inglese Robbie Duff-Scott, allestita presso la Rocca - Centro per l’arte contemporanea e visitabile fino al 13 luglio. Al taglio del nastro ha partecipato anche il sindaco Marco Locchi che ha sottolineato l’importanza del Centro per l’arte contemporanea di Umbertide che negli anni ha saputo ospitare mostre di grande rilievo diventando un punto di riferimento per la vita culturale cittadina. Robbie Duff- Scott, nato a Bristol, in Inghilterra, nel 1959 ma oramai umbro d’adozione, dopo la mostra del 2012, è tornato di nuovo alla Rocca di Umbertide con una selezione di opere in cui emerge tutta la sua straordinaria abilità disegnativa, acquisita in molti anni di studio, in grado di rendere leggibili anche i dettagli più minuti. Presentata dalla docente di storia dell’arte Mariella Tubito, la personale di Robbie Duff-Scott è un viaggio tra figure che traducono un’emozione, un ricordo personalmente vissuto, evocando atmosfere legate a sensazioni che l’artista traspone in oggetti quotidiani, i quali a loro volta rimandano metaforicamente a forti coinvolgimenti.   “La balena che inghiotte la luna” è il titolo dell’opera più rappresentativa che dà il nome all’intera mostra; qui l’Universo si coniuga con l’Uomo e la Terra in tutte le sue sfaccettature, in cui il bne e il male diventano facce di un’unica moneta in quanto il bene rappresenta l’armonia della vita sia in generale sia dei particolari momenti e il male è solo la mancanza di tale armonia con il disorientamento ad essa legato. “Duff-Scott non si limita ad osservare la natura nei suoi molteplici aspetti, - ha affermato la prof.ssa Tubito, - vuole contemplarla per penetrarne il senso della vita e scoprire, così, che la bellezza è la vita stessa nella sua eterna sacralità e l’Uomo è l’eternità. E’ questa l’ottica in cui occorre entrare per relazionarsi alle opere di Robbie Duff-Scott e percepire l’empatia creatasi fra l’Universo e l’Uomo, fra il Cosmo e la realtà umana dove la quotidianità, con i suoi dettagli concreti indispensabili alla vita, non è meno importante o significativa del singolo oggetto così caro ad ogni individuo e così rappresentativo della vita terrena”.  

10/06/2014 21:40:54

Cultura Sabato appuntamento con la XII Rassegna Corale Città di Umbertide

Sabato 7 giugno alle ore 18,15 presso la Chiesa di San Francesco avrà luogo la XII edizione della rassegna nazionale corale “Città di Umbertide” promossa dal Chorus Fractae Ebe Igi con il patrocinio del Comune di Umbertide. Dopo aver portato con successo sulle scene lo scorso inverno lo spettacolo “Il lupo, l’aquila e la luna”, per il quale sono previste ulteriori repliche in Umbria e Toscana a fine estate, il Chorus Fractae Ebe Igi si presenta per l’appuntamento annuale della “Rassegna corale nazionale”, che tradizionalmente si svolge nel primo weekend di giugno. La manifestazione, che ha il pregio di far conoscere la città di Umbertide a gruppi provenienti da diverse regioni d’Italia, è giunta alla dodicesima edizione e vanta nel tempo la partecipazione di cori prestigiosi. Quest’anno interverranno il gruppo “Sardos in su coro” di Colle Val d’Elsa (SI), costituito da coristi che vivono in Toscana ma provengono da diverse aree della Sardegna, diretti dal maestro Eugenio Dalla Noce, e il coro “Amici del bel canto” de L’Aquila, diretti dal maestro Paolo Crisante. Parteciperanno anche i bambini del Piccolo Coro Ebe Igi, reduci dal successo della rassegna di cori giovanili dello scorso aprile, e già pronti per una stagione 2014/2015 densa di impegni. E’ previsto il saluto ai partecipanti da parte dell’Amministrazione Comunale che sente viva l’esigenza di promuovere la cultura e l’aggregazione e sarà presente anche l’Associazione Regionale dei Cori dell’Umbria. 

07/06/2014 15:59:13

Cultura Umbertide: personale di Silvano D’Orsi, artista eclettico

E’ stata inaugurata sabato 17 maggio alla Rocca – Centro per l’arte contemporanea la personale di Silvano D’Orsi, artista eclettico, pittore, scultore e ceramista, esponente del Movimento degli Arcani, caratterizzato da opere suggetsive e misteriose che, anche se leggibili al primo sguardo, racchiudono un significato più nascosto, arcano, sospeso tra sogno e realtà. Ad Umbertide D’Orsi ha portato in anteprima la serie di automobili realizzate a mosaico con pezzi di tela recuperati da precedenti lavori, coloratissime opere tratte dal ciclo metafisico “Idoli”, sculture in bronzo che rappresentano figure femminili o indumenti privi del loro corpo, dove la forma e la plasticità vengono prima della sostanza. D’Orsi, che dal 1978 vive a Deruta, è curioso sperimentatore di tecniche e materiali diversi; dipinge con smalti ceramiche dal carattere prettamente contemporaneo e tele con acrilico che richiamano la stessa forza, rappresentando figure di ispirazione metafisica e surreale, che richiamano artisti come De Chirico e Dalì. Abile scultore, realizza opere con materiali differenti a seconda delle esigenze espressive ed estetiche; importanti sono i cicli delle sculture in bronzo, attraverso cui si connota la sua vera natura di artista curioso ed esperto. Alla Rocca di Umbertide, accanto alle opere di D’Orsi trovano spazio anche le tele di una sua allieva e collaboratrice, Miréla. La mostra è visitabile fino al 3 giugno tutti i giorni, dal martedì alla domenica, dalle ore 10,30 alle ore 12,30 e dalle ore 16,30 alle ore 18,30.

20/05/2014 23:40:37

Cultura Umbertide. Iniziativa in ricordo di Olita Franceschini

Venerdì 23 maggio alle ore 16.30 presso la Fabbrica Moderna si terrà l’iniziativa “In ricordo di Olita Franceschini a dieci anni dalla sua morte (23 maggio 2004 - 23 maggio 2014)”, promossa dalla Soprintendenza archivistica dell’Umbria. Olita era nata a Perugia ma ha vissuto sempre ad Umbertide. Era dipendente di ruolo del Ministero per i beni e le attività culturali in servizio presso la Soprintendenza archivistica per l'Umbria con il profilo professionale di bibliotecario. Nel 1976 aveva conseguito la Laurea in lettere presso l'Università degli studi di Perugia e nel 1979 il diploma di archivistica, paleografia e diplomatica presso la Scuola annessa all'Archivio di Stato della medesima città. Nel suo lavoro presso la Soprintendenza ha svolto una costante attività di vigilanza sugli archivi degli enti pubblici, ha effettuato censimenti archivistici, ha svolto numerosi lavori di schedatura e inventariazione di archivi. La sua attività si è incentrata soprattutto nel territorio dell'Alta Valle del Tevere; in particolare un lungo periodo di tempo lo ha dedicato al riordinamento e all'inventariazione dell'archivio storico comunale di Umbertide e dei fondi archivistici a questo aggregati, lavoro purtroppo interrotto a causa dalla sua morte prematura. All’iniziativa interverranno Mario Squadroni, soprintendente archivistico per l’Umbria ed Alvaro Tacchini, ispettore archivistico onorario. Saranno presenti i familiari.  

18/05/2014 17:09:28

Cultura Cala il sipario sulla stagione del Teatro dei Riuniti. Chiusura con Paola Quattrini

Eccezionale spettacolo di chiusura della stagione teatrale 2013/2014 promossa dall’Accademia dei Riuniti. Mercoledì 20 maggio alle ore 21 salirà sul palco del Teatro dei Riuniti la nota attrice Paola Quattrini che presenterà l’esilarante commedia “Oggi è già domani” di Willy Russel per l’adattamento di Jaia Fiastri e la regia di Pietro Garinei. Una casalinga con un marito distratto e quasi sempre assente, due figli egoisti che si ricordano di avere una madre soltanto quando hanno bisogno di aiuto; quella di Dora sembrerebbe un’esistenza grigia ma, invece non è così perché Dora è una donna dotata di eccezionali risorse e riesce a vincere la solitudine sfogandosi con un amico che sa ascoltare, il muro della cucina. Al muro, Dora confida sogni, desideri e felici ricordi, racconta gli accadimenti delle sue giornate ed alcuni divertenti incontri: con un’antipatica vicina di casa, una sorprendente compagna di scuola, un cane forzatamente vegetariano e con Pia, la sua unica amica femminista.   Se un muro potesse ridere e commuoversi, non c’è dubbio che il “suo” muro lo farebbe perché il monologo di Dora esprime tenerezza, fantasia ed un irresistibile umorismo. Grazie a queste doti, Dora riesce ad evadere dalla prigione domestica e non solo metaforicamente perché un bel giorno ritrova tutto il suo coraggio, pianta la famiglia ingrata e si tuffa in un’esotica avventura partendo per la Grecia insieme con l’amica Pia. E non importa se anche l’amica si rivela un’egoista e la lascia sola per godersi un’avventuretta amorosa; uno scoglio in riva al mare diventa il nuovo confidente di Dora. Allo scoglio, come prima al muro della cucina, Dora parla con la sincerità e la libertà di linguaggio, senza mai perdere la fiducia nella gente e nella vita ed è così che riuscirà a trasformare il suo oggi in un bellissimo domani. Lo spettacolo sarà ad ingresso gratuito per gli abbonati: in questo modo l’Accademia dei Riuniti vuole ringraziare tutti coloro che hanno seguito la stagione teatrale che quest’anno si è rivelata particolarmente ricca e partecipata. Per prenotazioni ed informazioni è possibile rivolgersi al botteghino del teatro nei giorni precedenti lo spettacolo dalle ore 17 alle ore 19 o contattare il numero 075 9412697.  

15/05/2014 11:17:48

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy