Notizie » Politica Umbertide Partecipa: "L'ospedale cittadino deve essere una priorità"

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Partecipa Uno dei punti programmatici di primaria  importanza per Umbertide Partecipa è la Sanità  ed in particolare la situazione del nostro ospedale cittadino, il quale è stato oggetto di numerosi interventi, alcuni ancora in corso,  finalizzati a migliorarne le funzionalità e a riqualificare  sia in termini tecnici sia infrastrutturali  interi reparti. Sono stati completati i lavori a Radiologia, ne sono previsti altri  per l'adeguamento impiantistico alla normativa antincendio. Ce ne aspettiamo di ulteriori come la sistemazione del pronto Soccorso e una nuova camera mortuaria.  Interventi significativi di ammodernamento  che devono essere accompagnati da una crescita dei servizi offerti attraverso l'introduzione di ulteriori figure mediche, infermieristiche ed OSS. E' nota a tutti la necessità del potenziamento del pronto soccorso attraverso l'inserimento  di figure specialistiche  H24. E' altresì indispensabile procedere ad un incremento del personale in medicina ed in chirurgia soprattutto per garantire, attraverso la reperibilità, una copertura H24 del reparto. Una chirurgia che è diventata il fiore all'occhiello del nostro ospedale con interventi che crescono di anno in anno  e che, a nostro avviso, non solo non può correre il rischio di essere  depotenziata ma che invece deve poter operare ad un ritmo anche maggiore attraverso l'introduzione  di ulteriore personale medico ed infermieristico in grado di assicurare il servizio H24 al reparto. Non vorremmo entrare nella discussione "Città di Castello-Umbertide", ma non vorremmo neanche assistere ad un lento, ma inesorabile depotenziamento dei servizi presenti a discapito dell'intera comunità umbertidese, dei comuni vicini e della zona a nord di Perugia. Chediamo pertanto alla Presidente Marini, all'assessore Barberini e al Direttore Casciari  di  garantire il rispetto di tali condizioni ritenute  di primaria importanza e indispensabili   per il nostro ospedale. Sosteniamo l'Amministrazione comunale rispetto ad  azioni di  potenziamento  della struttura invitandola  nel contempo a non abbassare mai la guardia.

31/08/2018 15:00:50

Notizie » Gusto Fratta dell'Ottocento, il menù dell'Osteria del Mattatoio per la serata del 30 agosto

Giovedì 30 agosto   Antipasti de ‘na volta Minestra di ceci Coratella d’agnello   Torta mischia cu’ l’aringa e l’erba Torta bianca cu’ le salsicce Torta bianca cu’ l’ prosciutto Torta bianca cu’ le salsicce e l’erba Grgliata mista de carne Dalle ore 21.30 frittelle   E’ possibile prenotare tavoli per menù completi per le ore 19,30 e 21 chiamando il numero 328.1654823. Se si arriva 15 minuti dopo l’orario stabilito si perde la prenotazione.   Specialità della Taverna: -Birra Caduta tutte le sere (La birra per caduta consente di godere appieno del suo gusto originale. Un tempo si sfruttava la forza di gravità per spillarla dalle botti xchè non esisteva l’aggiunta di anidride carbonica) -Aperitivo del Mattatoio dalle 19:00 in poi (esempio: lo spriz nasce nei primi dell’800 quanto i soldati dell’esercito austriaco al confine con l’italia iniziarono a bere i vini veneti che risultavano troppo forti per i loro palati così addolcirono con una spruzzata di acqua frizzante “acqua selz” e nacque il nome Spriz che appunto in tedesco vuol dire spruzzare. All’inizio del 900 nacque l’Aperol e l’unione dei due crea lo Spriz come lo conosciamo) -Arvoltolo (frittella salata) dalle 21:30 fino all’esaurimento (sia delle cuoche che del materiale) -Giochi di un tempo (anfila il salame, anfila il chiodo, chiappa ntol buco, la Stroliga e tanti altri) -Venerdi del Mattatoio con la musica live di “Fuori giri Band” dalle 23:00 in poi.

30/08/2018 17:09:21

Notizie » Politica Festa de "L'Unità", il Pd di Umbertide traccia il bilancio dell'edizione 2018

Riceviamo e pubblichiamo dal Partito Democratico di Umbertide Si è conclusa la Festa de l’Unità del Partito Democratico di Umbertide che anche quest’anno ha riscosso uno straordinario successo di pubblico. Migliaia di persone, sfidando qualche volta anche la pioggia e il freddo, nei dieci giorni di durata della festa hanno frequentato il Parco, potendo gustare buona cucina, ascoltare musica di qualità, giocare al bingo, partecipare ai dibattiti o acquistare libri.   All’inizio eravamo indecisi se fare o meno la festa, dopo il risultato elettorale negativo, ma ci siamo convinti che sarebbe stato un errore doppiamente grave non rimarcare la presenza del PD, della Festa de l’Unità che è oramai divenuta un appuntamento fisso della nostra città e soprattutto non provare a riannodare da subito un contatto reale con la comunità umbertidese.   Non poche sono state le difficoltà, alcune create artatamente, ma il risultato è davvero positivo sotto ogni punto di vista. Il PD ha il dovere di riannodare i fili di un dialogo spezzato con la nostra comunità, sapendo ascoltare di più le esigenze dei cittadini con umiltà e attenzione. Dall'opposizione ma anche dai ruoli istituzionali ai livelli provinciali e regionali ci dobbiamo impegnare per far crescere Umbertide e per costruire un futuro migliore per gli umbertidesi.   Ringraziamo tutti quelli che hanno partecipato ai dibattiti. Dalla Presidente Marini, agli assessori regionali Barberini e Cecchini, dal vice-presidente del Consiglio regionale Marco Vinicio Guasticchi, alla Presidente del PD di Umbertide Paola Avorio; dai membri della direzione nazionale Giuseppe Berretta e Giampiero Giulietti al giornalista Pierpaolo Burattini, al Vicepresidente del Consiglio comunale Giovanni Codovini (e capogruppo di UC) fino alla capolista di Progetto Umbertide Barbara Mischianti e ai consiglieri comunali del PD Filippo Corbucci (capogruppo) e Matteo Ventanni. Ma un ringraziamento vero e sentito va agli oltre cento volontari che hanno animato la festa e a tutti quanti vi hanno partecipato. Grazie davvero a tutti. Arrivederci, al prossimo anno per l'edizione della Festa de l'Unità 2019.

29/08/2018 14:51:46

Notizie » Politica Politiche scolastiche, le dichiarazioni di Umbertide Cambia

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia  “Sulla gestione delle politiche scolastiche c’è da parte della Giunta Carizia-Locchi ambiguità, continuità netta col passato e scarsa progettazione” - ricorda Gianni Codovini, consigliere di Umbertide cambia. “Entriamo nel merito delle cose: incominciamo con la questione del trasporto scolastico. La Giunta è dovuta ricorrere alla proroga del servizio fino al 31.12.2018 perché non è riuscita a fare il dovuto bando di gara d’appalto, violando il contratto che prevedeva una proroga fino ai tre anni, già però esercitata e non aderendo al bando di gara regionale che contiene i costi. Dunque anche questa Giunta incomincia a fare le proroghe, così come per i rifiuti ha fatto la Giunta passata. Nel nuovo bando, comunque, l’Amministrazione dovrà valorizzare, nel rispetto della legge, l'esperienza pluriennale finora sperimentata attraverso il consorzio degli artigiani locali”.  Umbertide cambia, inoltre, individua altre incoerenze riguardo il servizio mensa: “la delibera di Giunta, fotocopia di quella dell'amministrazione Locchi, continua a fare una netta discriminazione per le tariffe applicate della quota mensile del nido di Infanzia tra nuclei familiari con lavoro dipendente e con lavoro autonomo, penalizzando quest'ultimi. Una famiglia con reddito da lavoro autonomo di 7.747 euro paga la stessa cifra di 380 euro mensili di una famiglia con reddito da lavoro dipendente di 36.152 euro!”. Da ultimo Umbertide cambia mette in evidenza “la totale mancanza di una politica scolastica. Non c’è nelle linee programmatiche della Giunta e altrove una parola sull’offerta formativa, sul sostegno alla disabilità, sulla gestione dell’integrazione, sulle reti territoriali, sull’alternanza scuola lavoro e sulle politiche di avviamento al lavoro giovanile. Mancanza di idee o continuità col passato?  Nell’uno e altro caso non si vede cambiamento. E il 1 settembre si torna a scuola”.  

29/08/2018 14:23:22

Notizie » Società Civile Lettera di un cittadino residente nella frazione di Pierantonio

Riceviamo e integralmente pubblichiamo la lettera inviata alla nostra redazione da un cittadino residente nella frazione di Pierantonio   Egregio Dott. Luca Carizia Sindaco di Umbertide,   dobbiamo considerare Pierantonio come un lontano paese? Lontano da che? Dalla civiltà. Bastano poche gocce di pioggia e siamo al buio. È un normalissimo fine Agosto. I temporali si stanno sostituendo al grande caldo e piove. Piove come tutti gli anni. Come in tutti i cambi di stagione. Sarebbe normale se non fossimo costretti ad ascoltare la pioggia al buio. Già perché ogni volta che piove, a Pierantonio salta la luce. Oggi (25 agosto 2018, 2018 e non 1918) è iniziato a piovere alle 16:51 e la corrente elettrica è saltata alle 16:52. In realtà non è solo saltata ha continuato per almeno un’ora a interrompersi e tornare. Tutto questo crea danni e disagi. Danni perché le apparecchiature elettroniche di cui tutti noi siamo dotati si danneggiano con questo sbalzi di tensione. A me si è rotto il frigorifero e ora sarò costretto a chiedere i danni, danni che, come è normale, non mi saranno mai risarciti perché in questo paese la colpa non mai di nessuno. Disagi perché, per esempio, ormai tutti noi abbiamo caldaie a gas che senza corrente non funzionano e cosi siamo senza acqua calda.   Eppure noi il servizio elettrico lo paghiamo regolarmente. Anche perché se non pagassimo ci staccherebbero tutto. Ma loro il servizio non lo forniscono con regolarità. Lo forniscono solo quando non piove. Sia ben chiaro che non si tratta di un caso, ma di una cosa che avviene con regolarità. Abbiamo provato a segnalare il guasto al servizio nazionale e ci siamo sentiti rispondere “è stato segnalato un guasto generale su Umbertide ci stanno lavorando i tecnici”. A me non sembra credibile. Giusto 3 giorni fa è successa la stessa cosa durante un temporale (alcuni organi di stampa ne hanno dato notizia, www.informazionelocale.it).   Anche in quel caso si trattava di un guasto generale? E se cosi fosse, perché non lo hanno risolto impedendo che riaccadesse a distanza di 3 giorni? La verità purtroppo è che probabilmente la rete elettrica di Pierantonio è rimasta quella del 1918. Ma in un paese in cui non si fanno le manutenzioni e i ponti crollano sterminando intere famiglie tutto questo è considerato normale. La mia lettera è per chiedere a Lei, Sindaco di Umbertide, un interessamento su un problema che riguarda i cittadini. Non possiamo affrontare il prossimo inverno con il rischio che ad ogni minimo acquazzone la corrente venga interrotta, con il rischio che si creino problemi ben più seri di un semplice frigorifero rotto. Comprendo che non sia di diretta competenza del Sindaco ma credo che un interessamento del Primo Cittadino possa almeno accendere i riflettori su un vergognoso disservizio che riporta il “paesello” ai primi anni del secolo scorso.   In attesa di un Suo cortese riscontro La saluto cordialmente (anche se non la posso vedere con questo buio).   Cesare Aragno

26/08/2018 16:23:24

Notizie » Società Civile Umbertide, grande festa in piazza Michelangelo con "Il Piazzarello"

La Cooperativa Asad e il Centro estivo Ciccibù organizzano l’iniziativa “Piazzarello: il mercato dei bambini”, che si terrà il giorno venerdì 24 agosto presso piazza Michelangelo di Umbertide a partire dalle 20.00 fino alle 22,30. All’iniziativa parteciperanno circa 30 bambini che sono iscritti al centro estivo.  Programma dell’iniziativa: Dalle ore 20,00 sarà allestito “il mercato” dei bambini,ogni partecipante avrà a disposizione uno scatolone e una sedia a misura di bambini per allestire il proprio banchetto. Il mercatino Piazzarello è riservato ai  bambini che hanno riconsegnato la propria scheda d’iscrizione al centro estivo Ciccibù e a coloro che si iscrivono in serata fino ad esaurimento delle 30 piazzole. L’iscrizione come partecipante del mercatino deve essere effettuata  da un genitore del bambino interessato o da chi ne fa le veci. La partecipazione è completamente gratuita. È consentita la vendita di oggetti legati all’infanzia o comunque usati (del tipo: giocattoli, fumetti, libri, figurine, peluche, oggettistica per la casa, abbigliamento per bambini, anche realizzati artigianalmente). La cifra richiesta nella vendita non deve superare 25 monete piazzarello (equivalenti a 5,00 euro), oppure effettuare la stessa con un’offerta libera. L’organizzazione si riserva di vietare l’esposizione e la vendita di oggetti ritenuti non idonei e non conformi allo spirito della manifestazione. Lo spirito di questa manifestazione è basato essenzialmente sull’amicizia,  sul gioco e sulla socializzazione. È incoraggiata ogni forma di contrattazione, scambio e baratto, che devono essere insindacabilmente eseguite dai ragazzi partecipanti (i genitori o chi ne fa le veci possono assistere alla contrattazione ma non possono intervenire); gli educatori in servizio vigileranno ed interverranno solo nei casi in cui si viola il rispetto del Regolamento che viene sottoscritto da tutti i genitori dei bambini partecipanti. È vietata la vendita di generi alimentari. Dalle ore 20,30 alle ore 21,30 sarà attivo il mercato dei bambini. Dalle ore 21,30 alle 22,30 saranno organizzati giochi di gruppo per bambini e attività di animazione rallegreranno la serata. La manifestazione è organizzata con il patrocinio del Comune di Umbertide ,con la collaborazione dell’Associazione Gruppo Volontari Umbertide e i commercianti di Piazza Michelangelo che, per l’occasione, saranno aperti fino alle 23.

23/08/2018 11:54:01

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy