Cultura Umbertide: concerti di Natale al Museo di Santa Croce

E' stata l’Orchestra da Camera di Perugia ad aprire il ricco calendario di concerti natalizi in programma al Museo di Santa Croce. Ieri, in occasione della ricorrenza dell'8 dicembre, è andato in scena il Concerto dell’Immacolata “Omaggio a Mozart”, iniziativa promossa da Sistema Museo e Comune di Umbertide in collaborazione con la Sagra Musicale Umbra. Ai piedi della preziosa “Deposizione dalla Croce” del Signorelli si sono esibiti i giovani musicisti umbri della nuova Orchestra da Camera di Perugia che, insieme al mezzosoprano Kremena Dilcheva, al violino Paolo Franceschini e alla viola Mizuho Ueyama, hanno proposto musiche di Mozart. Al concerto dell’8 dicembre seguiranno altri quattro appuntamenti musicali al Museo Santa Croce: sabato 20 dicembre alle ore 21 sarà la volta del concerto “Natale incanto” con i Cantori di San Francesco e il Coro della Filarmonica Braccio Fortebraccio di Montone diretti da Stefania Cruciani e Rolando Tironzelli mentre venerdì 26 dicembre alle ore 17 si terrà il “Concerto di Natale” del Chorus Fractae e del Piccolo Coro Ebe Igi diretti dal maestro Paolo Fiorucci e accompagnati dall'organista Lorenzo Tosi. Sabato 27 dicembre alle ore 17,30 toccherà invece agli Amici del Centro socio culturale San Francesco con il concerto dei pianisti Matteo Gubbini e Diego Pucci e del soprano italocoreano Myungjae Kho per terminare domenica 4 gennaio alle ore 17 con il concerto gospel del Coro Cantori Umbri, promosso da Sistema Museo e Terre & Musei. L’ingresso ai concerti è gratuito. 

09/12/2014 16:09:46

Cultura Montone: primi passi per il ritorno di Braccio Fortebraccio

Una serie di eventi, convegni, studi che vedono insieme i Comuni di Perugia e Montone e l’Università degli Studi di Perugia per far conoscere la figura di Braccio da Montone con “il ritorno in patria” della restaurata teca e delle ossa. Nei giorni scorsi, nella prestigiosa sede del Rettorato dell’Università degli Studi di Perugia, si è svolto un incontro tra i soggetti coinvolti per la stesura dell’articolato progetto. Presenti il Magnifico Rettore Franco Moriconi, la professoressa Erminia Irace dell’Università di Perugia, il sindaco di Perugia Andrea Romizi, l’assessore alla Cultura Maria Teresa Severini, il sindaco di Montone Mirco Rinaldi, e Chiara Montagnini in rappresentanza del consiglio comunale di Montone. Non è la prima volta che le due amministrazioni dialogano sulla figura del Capitano ed è intenzione di entrambe, valorizzarne la figura. Il colloquio, estremamente costruttivo, si è rivolto alla comune elaborazione e realizzazione di un importante progetto di conoscenza della figura di Braccio da Montone, sul quale si è operata per anni la “damnatio memoriae” a motivo del timore di una possibile emulazione, da parte di qualcuno, delle sue gesta. La stesura del progetto si avvarrà della consulenza scientifica di Erminia Irace, docente di Storia dell’ateneo perugino e curatrice insieme ad altri docenti universitari perugini della mostra di Palazzo Baldeschi a Perugia, “Machiavelli e il mestiere delle armi” «Guerra, arti e potere nell’Umbria del rinascimento».

05/12/2014 15:48:44

Cultura Le Ceramiche Rometti lanciano l'edizione 2015 del Premio Rometti

Sabato 13 dicembre, nella suggestiva ambientazione della Casina delle Civette, in Villa Torlonia a Roma, verrà presentato il Premio Rometti 2015. Il concorso, alla sua terza edizione, è promosso dalle Ceramiche Rometti e dal Comune di Umbertide ed è rivolto agli studenti delle Accademie artistiche e degli Istituti di Design italiani ed esteri. La Rometti realizza ceramiche artistiche a Umbertide dal 1927 ed è una delle poche Manifatture storiche tuttora attive nel campo. Durante la sua ininterrotta attività, ha sempre privilegiato la ricerca e l’innovazione, collaborando con designer di prestigio internazionale e instaurando uno scambio proficuo di idee, valori e know-how con giovani artisti. Negli anni Trenta la Rometti ha prodotto capolavori dell’arte ceramica ideati da Corrado Cagli, Dante Baldelli e Mario di Giacomo, allora studenti dell’Accademia romana di Belle Arti. Nel solco di quest’illustre tradizione, il Premio Rometti intende premiare i giovani artisti, italiani e stranieri, i cui progetti offrano un contributo originale all’arte ceramica. Oltre ai consistenti premi in palio, il concorso offre ai sei studenti finalisti uno stage formativo di 15 giorni presso la Manifattura, da svolgersi in periodo estivo, durante il quale potranno realizzare i loro progetti sotto la guida del direttore artistico e delle collaudate maestranze Rometti. Sono previste attività di laboratorio dentro e fuori la Manifattura, seguendo il percorso della ceramica: dalla cava di argilla, alla foggiatura a mano e con stampi, ai vari tipi di decorazione, fino alla cottura finale. Gli studenti respireranno il genius loci: dalla prima produzione Rometti d’ispirazione futurista e déco, fino alle enigmatiche Veneri e Presenze disegnate da Ambrogio Pozzi. Le opere premiate saranno esposte in modo permanente nella sezione contemporanea della Galleria Rometti, il museo storico della Manifattura allestito dal Comune di Umbertide. Gli autori manterranno comunque la proprietà intellettuale delle loro creazioni. Il Premio Rometti costituisce per i giovani un reale incentivo, sotto il profilo professionale e artistico. Ogni opera eseguita durante lo stage potrebbe entrare in produzione, previo un contratto di royalty pari al 5% del fatturato. Con il concorso, la Rometti scommette ancora una volta sui giovani e ribadisce l’importanza dell’innovazione anche nel contesto di un’attività produttiva a carattere artigianale.  La presentazione del 13 dicembre avrà luogo dalle ore 16,30 alle ore 19,30.  Saranno presenti gli studenti finalisti delle precedenti edizioni del concorso, che esporranno le loro creazioni, illustrandone la genesi e la prassi esecutiva. Interverranno anche gli allievi della RUFA (Rome University of Fine Arts) e degli Istituti di Design di Milano, Perugia e Roma, in visita alla mostra “Una Storia Italiana. Le Ceramiche Rometti rendono omaggio al designer Ambrogio Pozzi. 1931-2012”, esposta alla Casina delle Civette fino al 4 gennaio 2015. La manifestazione è aperta anche al pubblico dei visitatori del museo. Ai giornalisti la Rometti ha riservato un omaggio particolare: l’elegante vaso Domino creato dalla designer Angelika Mörlein. Per ulteriori informazioni: segreteria Rometti  tel. 075 9413266 rometti@rometti.it.

28/11/2014 14:28:01

Cultura Si apre la stagione teatrale ad Umbertide

Molte le novità della stagione teatrale umbertidese, a partire dai corsi di teatro. Ma veniamo al cartellone. Dodici spettacoli teatrali, tre tributi musicali, un veglione anni Sessanta e, novità di quest’anno, un corso teatrale per bambini e adultiÈ quanto propone il ricco programma della stagione 2014/2015 del Teatro dei Riuniti presentata dal direttore artistico Achille Roselletti e dal presidente dell’Accademia dei Riuniti Luciano Bettucci insieme al sindaco Marco Locchi e all’assessore alla Cultura Raffaela Violini. Nonostante le poche risorse a disposizione per il settore della cultura, dovute al continuo taglio ai trasferimenti statali, la preziosa collaborazione tra Amministrazione Comunale e Accademia dei Riuniti ha permesso non solo di proporre anche per la stagione 2014/2015 un ricco e variegato cartellone ma addirittura di incrementare il numero degli spettacoli. “Abbiamo cercato di combattere la crisi mettendo in scena più spettacoli – ha affermato il direttore artistico Roselletti – quest’anno il teatro resterà aperto, tra prove e spettacoli, almeno tre giorni alla settimana, proponendo un cartellone quanto mai variegato che saprà rispondere a tutti i gusti e a tutte le età”. “Per realtà piccole come la nostra – ha affermato l’assessore Violini - avere a disposizione un teatro è una grandissima opportunità che l’Accademia dei Riuniti sa sfruttare al meglio, proponendo un cartellone che riesce sempre ad incontrare il gradimento del pubblico”. “Il teatro è una risorsa unica che dovremo cercare di tenere aperto sempre più spesso – ha aggiunto il sindaco Locchi – ogni anno inoltre l’Accademia dei Riuniti sa proporre qualcosa di nuovo, come i corsi di teatro che sono convinto sapranno portare una ventata di freschezza nella compagnia e magari permetteranno anche di scoprire nuovi talenti”.   La rassegna “Teatro aperto” prenderà il via sabato 15 novembre con la riproposizione di Un palco all’opera, il concerto proposto dal Chorsu Fractae Ebe Igi in occasione della Fratta dell’800 che vedrà salire sul palco 4 solisti e 60 coristi che riproporranno le più belle arie del melodramma e dell’operetta mentre, in attesa del Natale, domenica 14 e lunedì 15 dicembre l’Accademia dei Riuniti metterà in scena il suo spettacolo di successo Il letto ovale per la regia di Achille Roselletti. Sabato 10 gennaio appuntamento con Varietà di varie…età, spettacolo a cura della compagnia “Quelli che passa il convento” di Lama per celebrare i sessant’anni della Rai tv mentre sabato 17 gennaio sarà la volta del “Teatro delle lune” di Montebelluna con lo spettacolo Il marito di mia figlia. Sabato 24 gennaio il “Teatro del sorriso” di Ancona proporrà Zizò de Palumbela, mentre sabato 7 febbraio sarà la volta di “Trasimenoteatro” con Il mistero dell’assassino misterioso. Sabato 14 febbraio il teatro lascerà il posto all’oramai tradizionale Veglione Anni Sessanta per proseguire con la stagione di “Teatro Aperto” il 21 febbraio con Il cappello di carta della “Compagnia ad hoc” di Roma che ricorda l’eccidio delle Fosse Ardeatine, e il 28 febbraio con 3 cuori, 2 capanne e… dell’Associazione “Lidabù” di Narni.  Quattro gli appuntamenti anche nel mese di marzo, il 7 con la prima assoluta italiana della compagnia teatrale “I pinguini” di Firenze A come Adolf, il 14 con L’anatra all’arancia messa in scena dal Gad di Trento, il 21 con Napoli milionaria, tributo al grande Eduardo De Filippo a trent’anni dalla sua morte che vedrà salire sul palco ben 28 attori del “Teatro club” di Torre del Greco, il 28 con Il padre della sposa del “Teatro 13” di Norcia. Nel mese di aprile torneranno inoltre i Tributi, tre appuntamenti a cavallo tra concerto e spettacolo dedicati ai grandi della musica. Come sempre, la stagione 2014/2015 si concluderà, in date ancora da definire, con la nuova produzione del l’Accademia dei Riuniti, dal titolo Questione d’affari. Ma tutta la stagione sarà accompagnata dalla novità dell’anno, i corsi di teatro per bambini e per adulti, promossi in collaborazione con Fonte Maggiore di Perugia, che prederanno il via giovedì 27 novembre. L’appuntamento è ogni giovedì, dalle ore 17 alle ore 19 per i bambini dai 6 ai 10 anni, e dalle ore 20 alle ore 22 per gli adulti. La prima lezione è gratuita; per informazioni e iscrizioni è possibile contattare i numeri 075 5286651 – 075 5289555.   

05/11/2014 18:57:45

Cultura Le Ceramiche Rometti di Umbertide omaggiano Ambrogio Pozzi

E’ stata inaugurata martedì pomeriggio presso la Casina delle Civette di Villa Torlonia a Roma la mostra ““Una storia italiana. Le Ceramiche Rometti rendono omaggio al designer Ambrogio Pozzi. 1931-2012”, promossa da Roma Capitale (Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali), con il patrocinio del Comune di Umbertide e visitabile fino al 4 gennaio. Alla cerimonia di inaugurazione sono intervenuti anche il sindaco Marco Locchi e l’assessore alla Cultura Raffaela Violini, oltre al titolare delle Ceramiche Rometti Massimo Monini, alla direttrice del Museo della Casina delle Civette Maria Grazia Massafra ed a Maria Antonietta Pozzi, vedova del grande designer italiano a cui la manifattura umbertidese ha voluto rendere omaggio. “L’omaggio delle Rometti ad un maestro del design come Ambrogio Pozzi si inserisce perfettamente nella location della Casina delle Civette, risultato essa stessa di un progetto integrato di design – ha detto la direttrice Massafra – nella Casina sono esposte le opere che Pozzi ha disegnato per la Rometti, dalla “Venere” alle “Presenze”, passando per i “Profili” e la serie “Jazz”, mentre nella dependance sono raccolte le opere messe a disposizione dalla famiglia Pozzi”. “Tornare ad esporre a Roma, in questa suggestiva location, è una grande emozione, anche perché per me tornare qui significa tornare a casa”, ha aggiunto Monini, che nel suo intervento ha ringraziato tutti coloro che hanno reso possibile l’organizzazione della mostra. “Questa esposizione romana è la dimostrazione dell’ottimo lavoro svolto dalle Ceramiche Rometti che con l’arrivo di Massimo Monini hanno ricevuto un nuovo impulso. – ha affermato il sindaco Locchi – Grazie a Rometti la tradizione ceramica umbertidese viene portata in giro per l’Italia e per il mondo e con essa anche la sua capacità di rinnovarsi continuamente”. Al professore Amedeo Sacco, intimo amico di Pozzi, è stato affidato il compito di illustrare la mostra, “una mostra a cavallo tra due anime, – ha detto – tra il design e l’art design. Di solito nel design la forma asseconda sempre la funzione mentre con Pozzi il design asseconda l’emozione, dando vita ad opere a metà strada tra design e scultura. Pozzi è stato il gentiluomo del design italiano, colui che è riuscito a portarlo in tutto il mondo ed oggi è straordinario che una manifattura che ha fatto la storia della ceramica italiana come le Ceramiche Rometti lo abbia omaggiato con questa mostra”. La collaborazione di Pozzi con le Ceramiche Rometti è iniziata negli anni ’90 e si è protratta fino alla scomparsa dell’artista. Il maestro ha disegnato per la Rometti eleganti oggetti d’uso quotidiano e figure plastiche di forte impatto visivo, enigmatiche o sottilmente allusive. Malgrado la grave malattia che l’ha colpito, Pozzi si è dedicato alla manifattura fino all’ultimo, come provano i numerosi disegni preparatori che sua moglie Maria Antonietta ha voluto consegnare alla Rometti. La mostra allestita alla Casina delle Civette rappresenta un gesto di gratitudine verso il maestro che ha svolto un ruolo fondamentale nel rinnovamento artistico della manifattura. Curatori della mostra sono Nicoletta Giannoni e Massimo Monini mentre i testi del catalogo sono di Vittorio Amedeo Sacco, Giampiero Giulietti, Maria Grazia Massafra, Massimo Monini, Dino Finocchi e Lorenzo Fiorucci. L'allestimento è firmato da Fortunato Pititto. La mostra si snoda all’esterno e all’interno del Museo della Casina delle Civette e della Dipendenza e comprende 17 opere, dalla Venere etrusca, la Venere bianca e la Venere nera, vasi-scultura di grandi dimensioni in argilla affrescata, agli esemplari realizzati sui disegni originali di Pozzi dopo la sua scomparsa come la Presenza sciamana, la Presenza pugnace e la Presenza equestre; sono inoltre esposte le serie colorate Venere e Profili e quelle monocrome Jazz, insieme alla Composizione floreale di vasi e petali. Nella Dipendenza trovano posto le opere messe a disposizione da Maria Antonietta Pozzi: dipinti eseguiti dall’artista e disegni a lui dedicati da Gio Ponti, Pierre Cardin, Tapio Wirkkala, Enrico Baj e Raymond Peynet. Sono inoltre esposti il plateau completo da pasto disegnato da Pozzi in collaborazione con Joe Colombo per la prima classe dei voli Alitalia (1970) e il servizio da tavola piramidale, scomponibile in 13 pezzi, ideato a metà degli anni ‘60 per Pierre Cardin, di cui restano pochissimi pezzi, molto ambiti dai collezionisti.

16/10/2014 10:53:49

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy