Categorie

Sport Acqua&Sapone Umbertide: la stagione regolare si chiude col derby

Dopo una cavalcata di sei mesi fatta di momenti esaltanti e di qualche delusione, di vittorie epiche e di alcune sconfitte rocambolesche, la stagione regolare del campionato 2014/15 di serie A1 femminile si appresta ad andare in archivio con l’ultima giornata di campionato che si disputerà oggi alle ore 18. Diversi sono i verdetti che l’aritmetica tiene ancora aperti, anche se in alcuni casi gli esiti sembrano abbastanza scontati. In palio c’è ancora la prima posizione della generale, Schio deve infatti battere Napoli per avere la certezza di tenersi alle spalle Ragusa impegnata in casa con Trieste (una vittoria delle giuliane in Sicilia in teoria riaprirebbe completamente anche il discorso salvezza portando le ultime 4 ai play-out, ma con tutto il rispetto possibile per la formazione triestina pare una possibilità davvero remota). La questione più aperta è quella relativa all’ottava posizione, ultima valida per accedere ai play-off, al momento occupata da Battipaglia, che però deve riposare. La palla quindi è completamente nelle mani di Cagliari che vincendo la non facile partita di Vigarano supererebbe le campane in virtù degli scontri diretti. Anche per Acqua&Sapone Umbertide ancora ci sono degli obiettivi da inseguire. La quinta piazza attualmente occupata dalla formazione umbra, infatti, non può peggiorare ma potrebbe ancora essere migliorata. Non tutto è nelle mani delle ragazze di coach Serventi però. Occorrerà fare il proprio dovere portando a casa i due punti e poi aspettare notizie da Venezia e Parma, dove in caso di un successo contro pronostico delle ducali, San Martino rischierebbe addirittura di scivolare dal terzo al quinto posto. Bisogna altresì sottolineare che contando i punti effettivamente conquistati sul campo, compresi quelli contro La Spezia, Umbertide sarebbe già quarta, ma il regolamento è questo quindi inutile piangere sul latte versato e meglio guardare al futuro. E il futuro più prossimo, in attesa di conoscere l’avversaria ai play-off, vede Acqua&Sapone Umbertide impegnata nel derby umbro contro la Ceprini Orvieto sul parquet di Porano. La formazione di Paolo Egidi è reduce da una stagione abbastanza sottotono, con 5 vittorie e 18 sconfitte che valgono il dodicesimo posto in classifica, il minimo indispensabile per ottenere la salvezza, sempre dando per scontata la sconfitta di Trieste a Ragusa. Le migliori giocatrici sono state sicuramente le due straniere rimaste per tutta la stagione, il pivot Renata Brezinova, giocatrice abbastanza mobile e soprattutto dotata di una mano molto dolce anche dai 6,75 metri, e la statunitense Kirby Burkholder, top scorer della squadra con 14 punti, anche se ancora, nonostante l’innegabile talento, troppo dipendente dalle sue percentuali al tiro. A gennaio invece la seconda giocatrice Usa è stata cambiata: al posto di Sidney Crafton, tagliata proprio dopo la partita dell’andata al PalaMorandi, è arrivata dal campionato islandese Joanna Harden. play/guardia dalla Florida che però non ha sostanzialmente mutato gli equilibri, attestandosi su un rendimento simile a quello di chi l’aveva preceduta. Qualcosa in più casomai sarebbe stato lecito attendersi dal nucleo delle italiane. Baldelli non ha ripetuto la splendida passata stagione e il suo talento si è visto solo a sprazzi, stesso discorso che può valere anche per Granzotto, Sarni, Gaglio e Bove, tutte ragazze che hanno le qualità non solo per giocare in A1 ma anche per farlo ad alti livelli. Comunque l’obiettivo stagionale era la salvezza e la formazione di coach Romano (subentrato dopo 4 giornate a Tony Valentinetti) l’ha centrato. All’andata finì 72-59 per Umbertide. Era la partita prima della sosta natalizia, si giocava anche allora di sabato e i tifosi dettero vita, unici nella serie A1 femminile, al Teddy Bear Toss in favore dei bambini costretti a trascorrere le feste nei reparti di pediatria degli ospedali dell’Altotevere. Sul campo Acqua&Sapone fu trascinata dai 15 punti di Swords, dai 14 di Gemelos e Consolini e dai 10 di una Pegoraro al massimo in carriera, ma il successo arrivò solo nel finale, dopo un primo tempo dominato anche in virtù delle grandi percentuali al tiro pesanti e un calo evidente (come altre volte sarebbe poi successo) nel terzo periodo che permise alle ospiti di recuperare ben 16 punti. Un chiaro promemoria del fatto che nonostante i 18 punti di differenza in classifica i due punti sono tutti da conquistare. Bisognerà ripartire dalla prestazione di mercoledì contro Lucca, dall’intensità e dalla qualità di gioco e di scelte espressa sui due lati del campo, con in più l’incognita di come il fisico reagirà alla terza partita in sei giorni in una squadra che fino a qui non è certo stata risparmiata dagli infortuni, con Milazzo e Santucci che hanno già finito il campionato e molti acciacchi per le altre giocatrici, con Robbins quella in condizioni più precarie. Palla a due alle ore 18. Arbitri Gabriele Gagno (TV), Leonardo Solfanelli (LI) e Christian Mottola (TA). Diretta streaming su www.legabasketfemminile.it e diretta radio su Rgm Hit Radio.

28/03/2015 14:27:53

Sport Ultimo impegno casalingo della regular season per Acqua&Sapone Umbertide

Dopo la débâcle di Schio, il cammino del campionato riprende subito con il turno infrasettimanale valido per la 25^ giornata di campionato. Sarà l’ultima uscita di fronte al pubblico amico per quanto concerne la regular season per Acqua&Sapone Umbertide e l’avversaria che scenderà al PalaMorandi non sarà certo delle più semplici. Con Gesam Gas Lucca sarà infatti un vero e proprio spareggio determinare le posizioni tra la 5^ e la 7^ della griglia play-off. Le toscane, che al momento seguono Umbertide di 2 punti in classifica ma hanno il vantaggio dello scontro diretto in virtù del 63-57 dell’andata, sono una squadra ostica e molto difficile da affrontare, che fa della difesa e dell’intensità nella propria metà campo il suo marchio di fabbrica. Il capitano Martina Crippa è stata anche fin qui la trascinatrice della squadra, autrice di una stagione di altissimo livello, tra le migliori se non la migliore italiana del campionato fin qui. Le tre straniere sono la lunga statunitense Kayla Pedersen, mano morbida, anche se nelle ultime stagioni ha subito un’evoluzione che l’ha portata a diventare sempre più interna nel suo gioco, il pivot bosniaco Nikolina Milic, classe 1994, che è cresciuta notevolmente nel corso della stagione aggiungendo solidità al suo talento, e la slovena Eva Komplet, giocatrice che spesso passa sotto traccia ma è sempre autrice di molte giocate utili per la squadra. In cabina di regia si alternano la giovane Erica Reggiani ed Elisa Templari, cui si aggiunge Veronica Perini, arrivata a gennaio da La Spezia. Nel settore lunghe dalla panchina escono l’umbra Elisa Ercoli, a pochi chilometri dalla sua natia Gualdo, e Alice Richter. Per Umbertide sarà importantissimo riuscire a far girare bene palla, ad avere pazienza nell’attaccare la difesa lucchese, che spesso si schiererà anche a zona, senza perdere palle banali, e al contrario cercare di mettere quanta più intensità possibile nella propria metà campo, per riuscire a sfruttare le poche occasioni di correre che i ritmi lenti di Lucca possono concedere. La palla a due sarà alzata alle ore 20,30 al PalaMorandi. Arbitri Gianluca Gagliari di Frosinone, Giampaolo Marota di Ascoli Piceno e Silvia Marziali.

25/03/2015 11:24:42

Sport Vittoria del Real Pitulum Tiberis contro il Lama

REAL PITULUM TIBERIS ( 3-5-2): Savignani 8, Tondini  6.5, Magrini 6.5, Tomarelli 6, Tempobuono 7, Tiezzi 7, Ceccarelli 6 ( 18' st Lisetti 6), Mariani 6, Leba 6.5, Bragetti 6 ( 20' st Arcelli 6.5), Berradi Moa 6. A disp. : Cesarini, Patrizi, Rossi, Giulietti, Savignani. All. Argentina Leonardo 7 LAMA CALCIO ( 4-3-1-2 ): Mancini 6, Capacci 6, Simoni 6(45' st Tadi s.v.), Bastianoni 5.5, Schiattelli 6 ( 38' st Grilli), Cappellacci 6, Martinelli 6.5, Passeri 6, Bartolucci 6, Podrini 6.5( 30'st Bartolini Stef. 6), Volpi. A disp. : Becci, Bartolini Mic. , Falcinelli, Panichi. All. Del Bene 6 ARBITRO: Fabbri di Gubbio 6 ( Assistenti: Gaudiano e Quaglietti di Perugia) NOTE: spettatori 70 circa. Ammoniti: Martinelli e Bartolucci per il Lama; Ceccarelli, Mariani per l Real Pitulum Tiberis. Espulsi: Bastianoni del Lama per doppia ammonizione al 42'. Recupero: 2' pt e 4' st . Angoli: 4-9   UMBERTIDE – Le squadre scendono in campo al Morandi per la giornata numero ventisei . Il Lama vuole dare per certa la sua presenza ai play off e la Real Tiberis, invece, vorrebbe chiudere il discorso salvezza e magari iniziare a pensare in grande. I giallo blu del presidente Peruzzi tornano al comunale con due pareggi, entrambi per 1-1, dalle trasferte con Pievese e San Lorenzo Lerchi.  LA CRONACA Primo tempo di sofferenze per la squadra locale. Occasione al 24' per Martinelli che spara alto sopra la traversa da venti metri. Savignani in veste divina toglie dalla porta un colpo di testa di Schiattelli, servito dall'angolo di Podrini. Tiberis che non riesce a concretizzare nulla in attacco e quindi la prima frazione di gioco termina così. Ripresa comunque più animata. Bragetti della Real Pitulum al 10' corre con palla al piede verso la porta del giovane Mancini inseguito dai difensori bianconeri. L'azione si conclude con un tiro che termina sulle braccia del portiere. Il Lama risponde con Podrini che lancia Passeri e Tempobuono salva la sua porta sulla linea. Zero a zero fino al 75' , quando Tiezzi fa esultare il pubblico con la rete del vantaggio. Una palla in mezzo all'area riceve la zampata del difensore finendo in gol. La partita finisce 1-0.   Filippo Corbucci

23/03/2015 11:27:55

Sport G.S.D. LA PINETA: calcio e non solo dal 1983

Sono passati ormai più di trent'anni dalla sua fondazione, ma il G.S.D. La Pineta continua ad essere una presenza fissa all'interno dei campionati regionali UISP di calcio a 11. Era il 1983 quando la società prese vita per volere ed iniziativa di Oriano Caracchini e Stefano Cartucci, rispettivamente dirigenti di due distinti gruppi sportivi del territorio, l' ARCI di Umbertide e l'A.S. Molino Popolare Alto-tiberino partecipanti allora ai campionati invernali organizzati dall'A.R.C.I.-UISP dell'Alta Valle del Tevere. La società deve il suo nome al locale all'interno del quale i due amici e fondatori maturarono la convinzione di formare il nuovo gruppo sportivo. “Il nostro scopo principale- afferma l'attuale presidente Stefano Cartucci- è permettere di praticare l'attività sportivo-agonistica anche a quanti impegnati dal lavoro, dallo studio o da questioni personali non hanno molto tempo da dedicare allo sport offrendo loro la possibilità di divertirsi senza però perdere di vista i risultati sul campo”. Nella sua storia il G.S.D. La Pineta non ha rivolto le proprie attenzioni soltanto al calcio, bensì in passato ha dimostrato interesse per sport cosiddetti minori come il lancio della ruzzola, il lancio della boccetta alla lunga ma anche alla pesca sportiva facendosi promotore di importanti eventi nel territorio umbertidese al fine di favorire la diffusione di queste attività. Da segnalare come il gruppo sportivo sia attivo anche in campo benefico, attraverso la donazione annuale di parte dei disavanzi di gestione a varie associazioni, in particolare Telethon. Per quanto riguarda i risultati sportivi, La Pineta ha raggiunto numerosi successi nell'arco di questi oltre trent'anni; tra questi spicca la vittoria del Campionato Regionale nel 1993, che ha visto la squadra umbertidese trionfare nella finale di Spello e prendere parte alle fasi Nazionali ad Arta Terme. Altri successi da non dimenticare sono la conquista della Coppa Altotevere nel 1996 e del Campionato Provinciale nel 2002 con lo straordinario bottino di 22 vittorie e 8 pareggi in 30 gare. Oltre al calcio a 11, La Pineta ha militato fino al 2011 anche nei campionati di calcio a 7 e in particolare ha contribuito a formare  insieme ad altre società quali il Monte Acuto e il G.S. Orsini una nuova squadra protagonista nel 2010 di una promozione nel massimo campionato di calcio a 7 UISP e il mantenimento della categoria l'anno successivo. Venendo alle ultime stagioni La Pineta è riuscita a conquistare, dopo anni di tentativi non andati a buon fine solo per pochi punti, la promozione nel campionato UISP di Eccellenza di calcio a 11 che vede competere dalla stagione 2012-13 la compagine umbertidese con le migliori formazioni altotiberine. Dopo due salvezze consecutive ottenute con largo anticipo, anche nella stagione in corso grazie ad un rinnovato spirito di gruppo e all'innesto di nuovi validi elementi la squadra del presidente Cartucci e guidata da mister Fabio Anniboletti può coltivare legittime ambizioni di raggiungere quantomeno la permanenza nel massimo campionato regionale per il quarto anno consecutivo. Al di là dei risultati, che se positivi non possono far altro che dare soddisfazione a tutti, il presidente Cartucci ricorda come “la gioia più grande è quella che nella nostra società nessuno ha mai lasciato l'attività nel corso dell'anno perchè insoddisfatto; quello che per tutti noi è realmente gratificante  è iniziare a settembre e finire a maggio con lo stesso gruppo”. Lo spirito è indubbiamente quello giusto.    

13/03/2015 18:42:00

Sport Acqua&Sapone, al Pala Morandi arriva Napoli

Come già all’andata, per la seconda volta in stagione la sfida con Napoli assume un valore ancora più importante di quanto le conferirebbe già di per sé il valore della formazione partenopea. Non solo la brutta sconfitta con Venezia, ma anche i quattro punti improvvisamente spariti come per magia dalla classifica dopo il ritiro di La Spezia e anche i vari acciacchi fisici che attanagliano il gruppo di coach Serventi rendono questo incontro davvero delicato. Anche perché Napoli non è più la squadra battuta per 58-72 all’andata, in quella che comunque è stata una grande vittoria, perché al PalaVesuvio, a partire da Schio e Venezia, sono cadute quasi tutte, Dopo essere partita con un record di 1-5, infatti, la Saces Mapei Coconuda, complice anche l’arrivo in panchina del c.t. della Nazionale Roberto Ricchini (maturato proprio dopo il k.o. dell’andata) ha vinto 8 delle successive 10 sfide, cadendo solo a Vigarano e nell’ultima partita, in maniera anche rocambolesca, contro San Martino. Oltre al cambio in panchina, anche dal mercato sono arrivate novità, con gli addii di Tognalini e Mitongu ma soprattutto con l’arrivo di una ex indimenticata a Umbertide come Ashleigh Fontenette, che la passata stagione ha regalato alla tifoseria bianco-azzurra uno dei momenti più belli della sua storia con il canestro della vittoria in gara-1 di semifinale contro Ragusa, culmine di un campionato disputato decisamente ad alto livello. Oltre alla guardia texana, che ancora sta completando il suo processo di inserimento negli schemi partenopei, la formazione allestita dal d.s. Protani presenta molti altri punti di forza, specialmente sotto canestro, dove con Macaulay e Dacic vanta un settore lunghi di qualità notevole, per sfruttare il quale Napoli pratica un gioco a ritmo estremamente controllato (è la squadra con il numero di possessi medio più basso del campionato). Occorrerà quindi riuscire a difendere molto bene, soprattutto nel pitturato, cercando quanto più possibile di forzare recuperi e contropiedi, di correre tenendo alto il ritmo e sarebbe importante dopo l’1/17 di Venezia anche ritrovare percentuali importanti nel tiro da fuori, per costringere la difesa ospite ad allargarsi. Nel roster di Napoli troviamo poi una veterana di esperienza pari alla classe come la sempiterna Mery Andrade, giocatrici nel giro della nazionale come Martina Fassina, Sara Bocchetti, spesso decisiva quest’anno nelle vittorie napoletane, e Chiara Pastore, play di esperienza e qualità, affiancata nel ruolo da Erika Striulli, con la quale condivide spesso i minuti in campo in un quintetto dal doppio regista. Jacki Gemelos presenta così le insidie di questo match: “Napoli è una formazione atletica, specialmente sotto canestro. Hanno una giocatrice che ha giocato qua a Umbertide la passata stagione facendo molto bene (Ashleigh Fontenette – ndr). Ma se entriamo in campo giocando come sappiamo, possiamo vincere. Se riusciamo a esprimere le nostre qualità possiamo giocarcela con tutti. Dobbiamo però restare concentrate e giocare duro“. Umbertide arriva all’incontro con tutte le giocatrici a disposizione, tranne ovviamente Ilaria Milazzo, anche se molte non al meglio della condizione. Servirà una partita di grande concentrazione, intensità e qualità per portare a casa una piccola impresa che sarebbe importantissima, specie considerando il calendario tremendo che attenderà la formazione di coach Serventi fino alla Final Four. Servirà anche un grande sostegno da parte del pubblico, cosa che, siamo certi, comunque vada la partita non verrà certo a mancare. Appuntamento quindi al PalaMorandi alle ore 18 per la palla a 2 che sarà alzata dagli arbitri Chiara Maschietto di Treviso, Luca Bonfante di Vicenza e William Raimondi di Roma.

24/01/2015 16:52:29

Sport Trasferta a Venezia per Acqua&Sapone Umbertide

Dopo una domenica di sosta forzata che in fin dei conti ha portato alla perdita di due punti in classifica e di una posizione in classifica rispetto a sette giorni or sono, riparte il cammino in campionato di Acqua&Sapone Umbertide con una delle partite in assoluto più difficili della stagione. Ad attendere la truppa di coach Serventi è infatti la trasferta di Venezia contro l’Umana Reyer sullo storico parquet del PalaTaliercio. La formazione allenata da Andrea Liberalotto vanta un roster di livello ben superiore a quanto dica la sesta posizione attualmente occupata nella graduatoria. Si tratta di un organico sterminato, che nonostante la cessione in prestito di Pertile a Trieste e il grave infortunio di Sandri, mantiene ancora una panchina lunghissima, con una qualità media molto elevata anche alle estremità delle rotazioni. Le principali bocche da fuoco veneziane sono le tre giocatrici straniere, tutte in doppia cifra abbondante, la slovacca Maya Ruzickova, il capitano Andra Mandache, due lunghe dal raggio di tiro molto esteso, e l’esterna statunitense Shannon McCallum, la cui potenza fisica si accompagna a delle percentuali al tiro piuttosto altalenanti. Tra le italiane la più in forma probabilmente in questo momento è Alessandra Formica, 14 di media nel 2015, mentre nel settore play c’è qualità e quantità con Francesca Dotto, all’ennesima sfida in famiglia con la sorella Caterina, Debora Carangelo e Francesca Melchiorri. Tra le guardie spicca l’ex di giornata Benedetta Bagnara, mentre tra le alti c’è una giovane di talento assoluto come Elisa Penna. Completano il roster altri due prospetti come Pan e Porcu, che saranno sicuramente tra le protagoniste del domani del basket italiano. Per Acqua&Sapone Umbertide il primo imperativo sarà senza dubbio non ripetere la gara dell’andata, quando arrivò la prima sconfitta stagionale con il punteggio di 65-71, arrivata al termine di una prestazione piuttosto negativa soprattutto a livello difensivo. Venezia è reduce da uno stop di misura sul campo di San Martino di Lupari, uscita battuta da una delle squadre più calde del campionato dopo un match giocato sempre alla pari e dal quale avrebbe potuto uscire anche con altro risultato, e poi dalla sconfitta casalinga in Adriatic League contro la formazione montenegrina del Buducnost che si è imposta per 58-51. Nonostante il problema al ginocchio rimediato a Trieste, stringendo i denti, Jillian Robbins dovrebbe essere della partita. Per il resto tutta la squadra è a disposizione, tranne Ilaria Milazzo che sta proseguendo con il lavoro di riabilitazione dopo la lesione del crociato. La palla a 2 sarà alzata alle ore 18 dagli arbitri Gabriele Gagno di Treviso, Valerio Grigioni di Roma e Leonardo Furlan di Padova. Diretta streaming sul sito www.legabasketfemminile.it e aggiornamenti radio live da Venezia su Rgm Hit Radio.

17/01/2015 16:17:38

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy